C’è solo il silenzio

(Vittorio Macioce – ilgiornale.it) – Scene di un mondiale che sarebbe stato meglio non giocare, perché gli emiri si comprano pezzi di mondo, ma rispediscono al mittente quella scocciatura dei diritti umani. È la legge non scritta dei petrodollari. Il pallone però scivola e lascia tracce, perché il calcio non è mai stato solo un passatempo di massa. È specchio involontario e così le cose accadono. Sono le due del pomeriggio, ora italiana, e al Khalifa International Stadium di Doha undici iraniani vestiti di rosso si preparano a sfidare chi il football lo ha inventato, anche se non sempre capito. È il momento degli inni, sacra formalità. Gli inglesi in bianco si portano la mano al cuore e mezzo stadio canta God Save the King. Si è già capito invece da che parte stanno i ragazzi iraniani. Lo ha detto il giorno prima Ehsan Hajsafi, il loro capitano. Stanno con le donne che si tolgono il velo, contro il tempo immobile degli Ayatollah e piangono per tutti quelli che il regime teocratico di Teheran sta cercando di piegare, con una mattanza che non risparmia neppure i bambini. «Siamo con voi». Ci sono gesti che non sembrano rivoluzionari, come quello di chiudersi a cerchio e stringersi le mani. Neppure il silenzio lo sarebbe. Questa volta lo è. Non cantano, perché non c’è nulla di cui essere orgogliosi. L’orgoglio adesso è altrove. È nelle piazze che dicono basta. È baciarsi appoggiati a una macchina con i capelli nudi e sciolti. È di chi canta in persiano Zan, Zendegi, Azadi. Donne, vita e libertà. Sugli spalti c’è chi fischia, indignato, e ci sono ragazze che piangono, per dire grazie.

Sul braccio di Harry Kane, capitano dell’Inghilterra, non c’è la fascia con il cuore arcobaleno. Avrebbe dovuto esserci. Era la promessa di sette nazionali. Le altre sei sono Galles, Belgio, Danimarca, Germania, Olanda e Svizzera. Un simbolo per dire che nessun amore può essere discriminato, che due donne o due uomini o qualsiasi combinazione possibile di individui possono baciarsi senza vergogna, e soprattutto senza subire punizioni, in ogni angolo del Qatar. La fascia arcobaleno invece non è mai scesa in campo. La Fifa non vuole. Quella scritta «One Love» non è opportuna. È contro le regole asettiche del calcio globale, dove i soldi non hanno odore, come se questo spettacolo di varia umanità non fosse anche l’incarnazione popolare, certo ludica, ma non solo, di una civiltà. La Fifa ha quindi fatto sapere che se un capitano mostra la fascia fuori ordinanza si becca al minuto zero un cartellino giallo. Ottusi padroni del football, ma deludente la reazione di chi era pronto a sfidare la morale del Qatar. Tutti, alla fine, hanno rinunciato alla fascia. È bastato un cartellino a spegnere la protesta. Un cartellino giallo ha spento la rivendicazione universale dei diritti umani. Come se ci fosse davvero da aver paura di un’ammonizione. Sarebbe stato bello vedere i capitani, tutti i capitani, prendersi in faccia un giallo, perfino un rosso, senza abbassare lo sguardo, un prezzo quasi inesistente per una rivoluzione. In Iran la sfida contro gli Ayatollah la stanno pagando con carne e sangue. Il cartellino giallo per loro è la morte.

10 replies

  1. I calciatori Iraniani si dimostrano prima di tutto Uomini, mentre gli altri si presentano pavidi agli occhi del mondo e dinanzi un miserabile cartellino giallo. Che figura di m…a

    Piace a 1 persona

  2. Perché tutto questo piagnisteo? I calciatori giocano per SOLDI non per la morale, il nazionalismo, l’onore, la verità e la giustizia.
    Ogni tanto escono fuori persone con le p..le, ma sono eccezioni, gente che non ha capito da che parte è il vantaggio come avevano ben capito gli atleti del blocco sovietico tanti anni fa. Che poi vengano a farci racconti strappalacrime giornalisti del ” Il Giornale” che, spesso, sembrano piegati a ogni bizzarria o volere del padrone, è assolutamente ridicolo e improvvido.

    "Mi piace"

  3. Giuseppe Conte

    “La protesta dei calciatori iraniani, che ieri non hanno cantato l’inno nazionale per sostenere la protesta delle donne nel proprio Paese, ci riguarda tutti.
    Il loro esempio di fermezza e di coraggio ci ricorda che quella per i diritti è la partita più importante, che deve essere giocata e vinta da tutta la comunità sportiva e dalla società civile in tutto il mondo. Non si può rimanere indifferenti davanti a centinaia di persone rimaste uccise durante le proteste degli ultimi mesi.
    Così come non si può tacere davanti alla decisione assunta dalla FIFA, che ha impedito ai calciatori di indossare la fascia arcobaleno a sostegno dei diritti della comunità LGBTQI+ – minacciando sanzioni e squalifiche.
    È una presa di posizione che lascia sbigottiti. Il business non può venire prima della libertà di espressione e della rivendicazione dei diritti. Mai, tantomeno nel mondo dello sport.”

    Ps In questi gg, Conte sta commentando su tutto, nella sua pagina Facebook… 😃🤗

    "Mi piace"

  4. Cmq le rivoluzioni colorate hanno sempre qualche nuovo cliente, o sbaglio?

    Quanto gli piacerebbe agli USA trasformare l’Iran in una nuova Ucraina.

    "Mi piace"

  5. Da quanti anni si saveva che i Mondiali si sarebbero giocati in Doha? “Sarebbe stato meglio non giocarli!”.
    Ma dai!! Adesso? Affari sì e Mondiali no?
    Eppure mai come ora sono “utili” per spalleggiare la “primavera” in corso in Iran. Col sangue degli iraniani, ovvio… E con un tempismo perfetto.

    Tutto calcolato, indignazione tardiva compresa.
    Che si attizza soprattutto nel nostro Paese.
    Sarebbe stata la medesima se giocasse anche l’ Italia, magari con buone possibilità di vittoria?

    Ma noi siamo “buoni” e, dribblando le figure di m…a che continuano a fare i nostri milionari in mutande, ci concentreremo a fare le pulci a “chi dice cosa” e alle fasce “arcobaleno”.
    Spettacolo e gossip assicurato: quando manca la sostanza, il piatto diviene” creativo”, colorato e “etico”.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...