Enrico Montesano: “L’Italia è preoccupante, non si può parlare, muoversi e ora nemmeno vestirsi”

(Da repubblica.it) – Enrico Montesano dice la sua su tutta la questione che ormai da domenica tiene banco e che gli è costata l’esclusione dallo show Ballando con le stelle.

Prima pubblica un post su Facebook provocatorio poi all’Adnkronos dice: “Adesso avrei fatto addirittura il saluto romano? Ora basta. Tu mi puoi offendere in tutti i modi ma l’etichetta di ‘nostalgico’ no, non la accetto. Così tu distruggi la reputazione di una persona. Questa etichetta la restituisco al mittente, non la tollero e mi incavolo di brutto. È offensivo, denigratorio, mi devono chiedere scusa per questo danno. Mi devono riabilitare. Sono loro che offendono me”.

Secondo Montesano “il video delle prove mostra chiaramente che la coreografia finisce a pugno chiuso. Io scherzavo durante le prove, era un passo di danza che terminava con il braccio alzato, ma io ho detto ad Alessandra, la ballerina, ‘no, questo meglio che non lo facciamo, potrebbe essere equivocato’, ed ho chiuso il pugno. L’Italia è preoccupante, non si può parlare, muoversi e ora nemmeno vestirsi. Indossare la maglia della X Mas non è vietato, è in vendita in tutta Italia”. L’attore evidentemente non intende buttare acqua sul fuoco della polemica per la maglietta della Decima Mas (che gli è costata l’esclusione da Ballando con le stelle) e il gesto da saluto romano nelle prove dello show di Milly Carlucci e anzi sui social sceglie di provocare.

Questa mattina sulla sua pagina Facebook aveva pubblicato una foto della sua commedia del 1984 I due carabinieri di e con Carlo Verdone, insieme a Massimo Boldi, dove si vede il suo personaggio con la mano ingessata nella posa del saluto romano. Tra i commenti sotto il suo post chi inneggia alla Decima Mas e chi lo difende dalle accuse e loda la sua ironia.

C’è chi scrive: “Un film bellissimo è molto comico… quando ancora si era liberi di parlare e di scherzare senza la paura di essere catalogati! Continui a conservare la sua integrità… non essere come certe persone è un grande pregio e valore… se ne deve rallegrare… hanno fatto proprio pena con lei. Ma d’altronde ognuno si distingua per quello che è. Tanti siamo dalla sua parte.. .e ci prendiamo anche noi offese ed ingiurie per questo”.

Categorie:Cronaca, Interno, Media, Politica

Tagged as: , , ,

17 replies

  1. Attorucolo a fine pista che con la pandemia si è reso conto che avrebbe potuto brillare ancora un pó (aiutato dai social che fanno da cassa di risonanza agli imbecilli). È in buona compagnia, vedi Pippo Franco, Red Ronnie, la Brigliadori ecc.

    "Mi piace"

  2. Ha ragione, c’è un clima di intimidazione generale, non puoi essere critico sulle politiche sanitarie che sei no vax, non puoi ragionare sulle ragioni della guerra che sei filoputiniano, non puoi obiettare sulla politica migratorio che sei razzista, non puoi alzare il braccio che sei fascista… questo clima di caccia alle streghe è diventato nauseabondo, è il vero fascismo in salsa perbenista, impone qual è il modo giusto di pensare, e se non ti adegui ma non possono mandarti al rogo quindi ti distruggono la reputazione, col discredito. Spero che Montesano, attore brillante di cinema e teatro e comico solo di circostanza, militante attivo nella politica di sinistra quando ancora era simil-sinistra, spero vada avanti con azioni legali almeno per farsi valere sull’azienda culturale di stato che si qualifica appresso a una giornalista che ha fatto carriera sulla cattiveria gratuita

    Piace a 2 people

  3. Una maglietta con il volto di Che Guevara (un sanguinario delinquente comune che i comunisti italiani hanno cercato di spacciarci per combattente per la libertà) non avrebbe certo suscitato la fatwa isterica a cui abbiamo dovuto assistere per una maglietta con un motto dannunziano. In Italia è in atto da anni una caccia alle streghe degna dell’Inquisizione Spagnola o del regime coranico dei Talebani. Adesso che il PD e compagnia cantante hanno perso le elezioni, l’intolleranza isterica è salita a livelli di tossicità sociale inaccettabili.

    Piace a 1 persona

    • Per te i combattenti per la libertà erano i Batista, i Pinochet e Videla o gli squadristi in camicia nera di Mussolini?

      "Mi piace"

  4. Oramai fare apologia del fascismo è diventata libertà di espressione.
    Quanta IGNORANZA e decadenza.
    Montesano è sempre stato una banderuola che si muove a favore di vento.
    Ha bisogno di visibilità diversamente artistica, perché la sua stella è tramontata da un pezzo.
    Colpisce la sua senile mancanza di freni inibitori sui provocatori atteggiamenti assunti. Una totale assenza di senso critico ed empatia, convintamente individualista e menefreghista.

    Io faccio sempre più fatica ad accettare questa diffusa anarchia fascistoide, un ossimoro visto che si partirebbe dal sistema oppressivo basato su “Legge & Ordine”.
    Il fascismo è stato una dittatura che negava qualsiasi voce di dissenso.
    È stato razzismo e deportazioni nei campi di sterminio.
    È stato guerre di aggressioni per un imperialismo straccione e senza reali obiettivi se non un presunto prestigio internazionale, tipo Berlusconi che si accodò alla guerra costruita sulle bugie verso Iraq e Afghanistan.
    Il fascismo è stato l’innesco per far deflagrare un conflitto planetario, per l’ascendente del pelato sull’isterico pazzo tedesco.
    Il fascismo è stato persecuzione e processi sommari, guerra civile con 500.000 morti di cui 150.000 civili, oltre a dispersi e prigionieri.
    Il fascismo è stato distruzione di un paese lasciato in macerie, fame, carestia, lutti che hanno lasciato soli vedove e orfani.
    Con la democrazia nel dopoguerra, pur con tanti difetti, il paese si è ripreso ed ha prosperato fino all’avvento del fascista del secondo millennio, il piduista mafioso.

    Lo chiedo a voi nostalgici, ma con questo tragico bilancio voi del fascismo cosa rimpiangereste di preciso?

    La chicca finale non poteva essere che il vilipendio idiota alla figura di Ernesto Che Guevara, nonostante le tante pubblicazioni e film che raccontano la sua storia, il suo incontro scontro con la povertà, lo sfruttamento, la miseria, il razzismo in contrasto con la ricchezza degli sfruttatori statunitensi e britannici verso tutte le restanti Americhe.
    Ma questo è il fascismo odierno che si nutre e rilancia slogan provocatori che restino impressi, rifiutando qualsiasi approfondimento.

    Piace a 1 persona

  5. Quanta ipocrisia ! Alcuni di quelli che si indignano, giustamente, per ogni apologia di un regime pur morto e sepolto, non battono ciglio di fronte all’esistenza ed alle dell’attuale battaglione ucraino Azov NEONAZISTA. Per certi versi sembra che la 2nda Guerra mondiale l’abbia vinta Hitler.
    P.S.
    Mi aspetto che adesso gli stessi tireranno fuori per opposizione, la ” compagnia Wagner” ( mercenari al soldo della Russia), come se non esistessero
    la Legione Straniera il Tercio spagnolo, i ” contractors” USA.

    "Mi piace"

    • Benaltrismo di stacippa.
      Ma tenetevelo il vostro “Puzzone”, sul comodino di fianco al letto per assicurarvi protezione contro i vostri incubi.
      Soggetti così non si sono fatti scrupoli a votare per il decadente piduista e oggi si esaltano per le politiche criminogene della sua erede.
      Mi mancava, con la crisi socioeconomica sempre più pervasiva assistere al remake del rientro dei capitali illecitamente generati e nascosti all’estero, con pagamento di un irrisorio tributo e scudo penale per garantire l’immunità.
      È questo che ti esalta del fascismo?
      Il malaffare ostentato e la persecuzione e il disprezzo per chi dissente?

      "Mi piace"

      • Egregio signore, la invito a mantenere la calma, a leggere bene e a contare fino a 10 prima di insultare. Mi chiedo quali scuole abbia frequentato.

        "Mi piace"

  6. Come sempre esiste il moralismo di sinistra costruito dalla ‘sinistra’ che ha governato imponendo il volere del capitalismo neoliberale. Le nuove forze progressive hanno mantenuto la sembianza, ma in sostanza sono state il cavallo di troia per imporre un pensiero che cataloga tutto il dissenso come fascismo. Non esiste una analisi ma tutto è riportato in modo semplicistico come nero o bianco, l’esempio più eclatante è stato il banchiere che ha dato un’accelerazione alle politiche predatorie verso i ceti più deboli. Chi dissente viene etichettato come fascista, novax, omofobo, razzista ecc.. Ho sei per la pace ho sei putiniano, il ragionamento viene visto come un esercizio inutile, ciò che conta è allinearsi e consumare, il pensare è dannoso non è minimamente richiesto. La cultura viene relegata ai film televisivi intrinsi di melassa e di buoni sentimenti dove esistono solo i cattivi e i buoni.

    "Mi piace"

    • O, non ho. Credevo in un refuso autonomo della tua tastiera ma vedo che hai perseverato.
      Sta voglia di demolire la sinistra, con tutto quello che ha rappresentato nella storia italiana del dopoguerra, è un atteggiamento da vigliacchi smemorati. La voglia di partecipazione che si era impossessata del Pd, da estendere a tutta la società civile, fu quello si un cavallo di Troia per permettere ad un arrivista privo di scrupoli come il “Bomba” di infiltrare e impossessarsi del partito.
      Non è un caso che oggi lui si schieri a destra, confermando il suo ruolo di figlio del padre di Arcore per sputtanare definitivamente quel partito con i suoi uomini ancora presenti, e con la sua amorale e spregiudicata condotta finalizzata alla conquista bulimica del potere.
      Il miglior governo che ho visto all’opera era stato il Prodi, che era riuscito a coniugare sviluppo e rientro dal debito. Poi venne il massimalismo di Bertinotti, diventato osppite fisso nelle tv berlusconiane, in aggiunta alla vergognosa cmpagna calunnatoria di un imbroglione nullafcente che si spacciava per il conte Igor. Lui finì arrestato mentre scaricava casse di ortaggi ai Mercati Generali di Milano, nel frattempo la destraccia criminogena e mafiosa aveva addirittura allestito una commissione parlamentare d’inchiesta che si concluse nel nulla.
      Oggi a pari merito pongo il Conte II, che ha dovuto fronteggiare primo in Occidente la pandemia da covid, trovandosi a rimediare ai disastri delle sanità regionali, ricche e coorrottem in primis quella lombarda. Ha saputo coniugare i presidi sanitari con lo sviluppo attraverso misure come il Superbonus e ottenuto fondi europei a condizioni utravantaggiosi, compresi quelli a fondo perduto. E òo ha fatto in un connubio, direi naturale, con l’ala sinistra del Pd e con Leu, mentre i renziani lo hanno buttato già con mille pretesti, compreso la richiesta del MES.
      Ma prendo atto che, per proprietà trnsitiva, quel governo vi faccia schifo.
      E tenetevi sti ladroni ritornati al potere che vi stordiscono con false flag, Rave, immigrazione via mare invernale, Genitori 1 e 2, mentre portano avanti gli interessi dei criminali, tetto al contante innalzato, rientro scudato di capitali illecitamente nascosti all’estero, Flat tax, Ponte sullo Stretto e tanto altro schifo.

      "Mi piace"

  7. Jolly ma chi ti credi di essere? Dopo 2 righe di ciò che scrivi passala voglia di continuare a leggere. Scrivi delle banalità, se l’Italia si trova nella m… è grazie ai tuoi eroi incominciando da Prodi. Siete la ‘sinistra’ che lecca il cul0 ai potenti, al capitalismo (scusa se uso questa parola), alle grandi multinazionali, alla finanza speculativa. In Italia gli stipendi iniziano a diminuire dal 1990, guarda caso oltre a Berlusconi chi ha governato da allora ad oggi? Informati prima di scriverà caz…..

    "Mi piace"

    • Se l’Italia è precipitata nelle fogne lo devi a Berlusconi.
      Le sue leggi criminogene hanno conquassato il codice penale.
      La finanza creativa di Tremonti, fatta di condoni fiscali, edilizi, tombali, i tagli lineari a Sanità e istruzione per avere meno tasse e più evasione, hanno condotto il paese sull’orlo del fallimento già nel 2011.
      La vostra fortuna è nell’enciclopedica ignoranza macroeconomica unità all’assenza di autonomo spirito critico che vi ha fatto accettare tutte le scemenze propagandistiche di un pregiudicato mafioso, corruttore, massone e depravato pedofilo.
      La sua insistenza calunnia verso i comunisti ha fatto presa sugli imbecilli.
      Lui, compare di Craxi e dei ladrocinii del pentapartito, portati platealmente alla luce dall’inchiesta di “Mani Pulite”, passato nella parte della vittima perseguitata dai giudici, accusando il partito dei lavoratori, dei diritti civili e che aveva fatto della “Questione Morale” la propria linea di condotta di essere colpevole.
      Un ribaltamento totale della Verità e della Storia ripetuto ossessivamente dalle decadenti e pornografiche TV, attraverso le quali ha plagiato e rimbambito una larghissima massa di ignoranti, furbi miopi e straccioni.
      Parlarne qua è tempo perso vista l’ottusità della massa. Alla fine il tutto si riduce ad un mio sfogo, che celebrò con distacco.
      Oggi non si pensa e non si studia, non si approfondisce, si preferiscono gli slogan ruttati dalla pancia, delegando a delle emerite nullità le teste vuote e depensanti.
      E in questo le destre sono imbattibili.

      "Mi piace"

  8. Berlusconi si trovò ad amministrare il passaggio dalla Lira all’Euro e come la risolse?
    Ingraziandosi il popolo delle partite iva che lo avevano votato in massa nel 2001, consentendo loro l’applicazione di un cambio alla pari, 1.000£ per un €uro invece delle 1936,27.
    In pratica permise un raddoppio dei prezzi a favore di artigiani, commercianti, professionisti a danno dei percettori di reddito fisso, cioè lavoratori dipendenti e pensionati.
    Non mosse un dito per obbligare la doppia esposizione dei prezzi, prevista originariamente da conservare per due anni.
    Entrammo nell’euro abbandonando la svalutatissima L’ira per una moneta forte e con bassissimo tasso d’interesse.
    Si generò un avanzo primario che, in una gestione economica prudente, avrebbe permesso un rientro del debito pubblico.
    Invece no, si favori’ l’evasione, si cominciò a procedere per condoni e s’imbarcò in una costosissima e sanguinosa guerra di aggressione.
    Alla fine dell’avventura, dopo 10 anni di berlusconismo spinto, tranne una breve parentesi del Prodi II, fatto cadere tramite compravendita di senatori come Razzi, Scilipoti e il reo confesso Di Gregorio, l’Italia si ritrovò con le pezze sul sedere.
    Oggi, non paghi di quell’esperienza distruttiva, sono ritornati al potere con al vertice la ministra dei Giovani di allora, colei che acconsentì a riconoscere come nipote del presidente egiziano Mubarak una prostituta minorenne marocchina.
    Ma di che parliamo?
    È la memoria da pesci rossi che vi frega. A voi, non a me.

    "Mi piace"

    • Sottoscrivo Jolly,
      ma non basta prendersela con “l’ottusità della massa” per leggere tutto ciò che ha prodotto il mondo attuale.

      La competizione tra capitalismo (rappresentato dall’occidente a guida statunitense) e socialismo – parlo di sistemi economici – rappresentato dell’Urss) che è stata alla base di ogni avvenimento del ‘900, è stata micidiale e… Ha cambiato tutti quanti nel mondo intero.

      Nel senso che tutti quanti sono finiti per ridisegnare su se stessi le sembianze di chi ha vinto quella disfida: l’America.

      Ho visto operai e pensionati che passavano da anni di letture dell’Unità a quelle del Sole 24ore per vedere l’andamento delle azioni
      che avevano sottoscritto.
      Dal picchettaggio allo yuppismo…
      Vuoi che non arrivasse, prima o poi, un Renzie a rappresentare quella Sinistra che cambiava connotati? E vuoi che non si trasformassero in ferventi servitori della Nato fior di dirigenti del PCI che passavano per stalinisti?

      Tutti siamo cambiati perché la sconfitta del sistema socialista è stata totale. Nell’immaginario collettivo (ben coltivato da strategie comunicative di cui gli americani sono maestri e di cui Berlusconi è il più bravo degli allievi) quel sistema è diventato per tutto il mondo il peggio che il genere umano abbia mai prodotto.

      Eppure…
      Eppure il capitalismo, per vincere, ha dovuto dotarsi di un volto umano che il capitalismo per sua natura non ha.

      Pensiamo alle condizioni di vita (da schiavi) degli operai delle prime fabbriche inglesi del ‘700, ma anche, semplicemente, a quelle del boom economico dell’ultimo dopoguerra.
      Chiediamoci se sarebbe stato possibile vedere oggi operai abbastanza benestanti se non fosse esistita l’Unione Sovietica?
      Oppure se sarebbe stato possibile vedere il raggiungimento di una parità tra uomo e donna.
      La risposta è certamente no.

      Perché quel riferimento sociale nuovo per tutto il mondo del lavoro, ha obbligato il capitalismo a darsi un volto presentabile. Che non era nel suo DNA, ma che gli serviva per reggere la competizione. Che poi ha vinto asfaltando letteralmente l’avversario.

      Dopo di che, fatalmente, siamo, diventati un po’ tutti americani.
      Da quelli della nave Vlora che arrivavano in Italia sognando l’america fino al metalmeccanico che sognava di diventare americano giocando in borsa o coi gratta e vinci.

      Ma non è passato molto tempo per capire che il capitalismo della competizione al socialismo sovietico era anche dotato di un bel mascherone fatto di tanta fuffa mediatica alle quali c’hanno creduto un po’ tutti.
      Mascherone che non ha tardato togliersi.

      Non la faccio lunga: guerre, povertà, nazionalismi, ricchezze e caste inattaccabili, muri (altro che quelli di Berlino, notizia di oggi i “democratici: finlandesi ne vogliono costruire uno di 200km), sfruttamento, caporalato, criminalità, licenziamenti di massa, morti sul lavoro…
      Ed ora anche nazisti ucraini che dettano legge in Europa e una fascista al comando in Italia.

      Quindi ora che vuoi fare?
      Constatata la morte con ignominia (sancita nientepopodimeno dal “libro nero del comunismo” edito dal berlusca 😁) del comunismo sovietico che vedi all’orizzonte?
      Io niente di buono perche la Sinistra è diventata un fantasma e allora, oggi, bisogna sognare in piccolo.
      Per esempio facendo qualcosa per far chiudere la guerra infame che abbiamo nel cuore dell’Europa.

      Guerra che, al contrario di te, però, ritengo un ennesimo frutto avvelenato del capitalismo americano (o, almeno dei suoi guerrafondai), che, in questo caso, s’insinua abilmente (per i suoi interessi) in una guerra civile tra simili che si contendono un’eredità territoriale mai definita a dovere quando si doveva fare.

      "Mi piace"