Canone Rai resta in bolletta, Vespa e Baudo: “Decisione governo molto saggia. Giusto così”

Canone Rai resta in bolletta, Vespa: “Decisione governo molto saggia”

(adnkronos.com) – “Il canone Rai è sacrosanto ed è giusto che vada nella bolletta della luce visto che era una tra le imposte più evase”. Così il giornalista e conduttore di ‘Porta a Porta’, Bruno Vespa, conversando con l’Adnkronos, approva la decisione del ministero dell’Economia e delle Finanze che ieri in una nota ha smentito le voci di un’esclusione del canone Rai dalla bolletta elettrica. “Se guardiamo ai canoni degli altri servizi pubblici europei – sottolinea Vespa – ci accorgiamo che la cifra di 90 euro per la Rai è la più bassa. E’ il minimo sindacale. Quindi – conclude – la decisione del governo è molto saggia”.

Canone Rai resta in bolletta, Baudo: “Se si fa servizio pubblico è giusto così”

(adnkronos.com) – “Se un servizio pubblico fa servizio pubblico, allora è giusto che si paghi il canone e che vada nella bolletta. Ma di fronte a questo grande mandato del pubblico, che dà alla Rai una potenza enorme dovuta a un incasso certo, l’Azienda ha un grande peso specifico culturale da assolvere”. Pippo Baudo, conversando con l’Adnkronos, commenta così la decisione del governo di lasciare il canone nella bolletta elettrica. Ieri infatti il Mise in una nota ha smentito le voci di un’esclusione del canone Rai dalla bolletta elettrica.

Baudo loda l'”altissima qualità” della serie ‘Esterno Notte’ di Marco Bellocchio che ha debuttato ieri sera su Rai1: “Un prodotto bellissimo, ma che non ha avuto il successo sperato perché il pubblico non è più abituato a questo livello qualitativo. Quando conducevo ‘Domenica In’ – ricorda il conduttore – cercavo di parlare di libri, portavo grandi scrittori per affrontare temi importanti. All’inizio non ha avuto grande successo, ma poi sì. Il pubblico è come un bambino cui devi insegnare a camminare, se non lo fai, quando poi gli dai un prodotto di altissima qualità come ‘Esterno Notte’, non ottieni i risultati sperati”, conclude Baudo.

Categorie:Cronaca, Interno, Media, Politica, Rai

Tagged as: , , , ,

7 replies

  1. Il pubblico è come un bambino cui devi insegnare a camminare

    Chi non riesce a cogliere l’elevato tasso di presunzione (eufemismo) in questa dichiarazione è un bambino che deve imparare a camminare: si lasci guidare fiducioso.

    Per quanto riguarda vespa, ce lo ritroveremo tra 50 anni, impagliato, con voce riprodotta a computer e intento a rimboccare le meningi agli italiani, sempre sul tardi.

    "Mi piace"

  2. Di tutte le tasse è già la più fastidiosa, devo pagare per un servizio che non uso perchè lo considero infimo; e adesso, pur non avendo neanche la tv, devo pagare comunque

    Piace a 1 persona

  3. Per l’insetto era solo l’imposta più evasa, evita di dire che era ed è la gabella più odiosa, che serve in buona parte per far crescere il suo conto in banca e quello di altri parassiti come lui.

    Piace a 1 persona

  4. Ma la vergogna di questi paraculi parassiti non riesce a trovare altra forma per celebrare i loro stipendi milionari ? Un po di decenza e giustizia non li sfiora nei loro aulici pensieri ? ( cosa ci inventiamo oggi per rubare un po di soldi per aumentare i terreni dei nostri vigneti ? Apriremo un nuovo vigneto e stiamo pensando di chiamarlo “canone inverso 2023” by Pippo y Vespa

    "Mi piace"

  5. Non ottieni risultati sperati o invece si??? Tipo confermare tutta la parte falsa della storia senza nessun accenno alle nuove rivelazioni???Pippo almeno ha intrattenuto divertendo o no,Pippa pungente invece ha fatto e continua a fare il lavaggio del cervello,Da che pulpito arriva il giudizio positivo sul canone?? da morire dal ridere se non ci fosse da schiattare dalla rabbia.

    "Mi piace"