Pronti al governo peggiore

Dal programma di un governo di destra, e in particolare di questa accozzaglia di destra che abbiamo, non c’era molto da aspettarsi.

CAMERA, DICHIARAZIONI PROGRAMMATICHE, DIBATTITO E VOTO DI FIDUCIA AL GOVERNO MELONI

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Dal programma di un governo di destra, e in particolare di questa accozzaglia di destra che abbiamo, non c’era molto da aspettarsi. La Meloni però è riuscita a fare peggio delle peggiori previsioni, e ieri in un diluvio di frasi fatte e ovvietà ha confermato in Parlamento di aver preso per i fondelli chi l’ha votata perché faceva (diceva di fare) l’opposizione a Draghi, chi si aspetta un aiuto per pagare le bollette, chi voleva semplicemente capire come e quando realizzerà le fantasmagoriche riforme promesse.

Con un compitino, pure fatto male, la premier ci ha elencato la lista della spesa, senza dare mai una cifra, mettere qualche data, farci vedere che è pronta sul serio a governare. Nel frattempo, all’Università La Sapienza la polizia caricava gli studenti che non volevano un comizio nelle loro aule, e ripartiva il blocco delle navi con i migranti salvati in mare.

Unica certezza: si toglierà il Reddito di cittadinanza, anche in questo caso senza sapere se sostituito da qualcos’altro o lasciando milioni di persone in povertà. Persone che però potranno consolarsi con le dotte citazioni sui benefici dello sviluppo economico, che malauguratamente arriverà quando saranno morte di fame.

La stessa presa in giro sentita sulla lotta alla corruzione e alle mafie, che detto dalla leader di un partito zeppo di arrestati e indagati rivela di non saper affrontare il problema nemmeno in casa propria. Gli impegni con chi sa solo armare l’Ucraina, però, sono stati presi bene. Anche qui, un tipico caso di sovranismo con le decisioni degli altri.

14 replies

  1. Le cicale e la formica
    25 Ottobre 2022 11:00
    Ancora aiuti per le imprese. E a noi proletari chi ci pensa?

    Non so se l’avete notato, ma da Confindustria a Salvini è tutto un coro per dare soldi, per il caro energia, alle aziende.

    Domenica il sito de Il Sole scriveva di un primo pacchetto del nuovo governo di 5 miliardi a favore delle imprese. Ieri Bonomi ribadiva che bisognava dare risposte al caro energia “senza scassare i conti pubblici”.

    Come se avesse detto: nel caso ci sono pochi soldi, dateli a Noi! (senza eufemismo). Ieri Salvini parlava di moratoria delle bollette per le “aziende”. Ora, uno dice, bisogna salvare l’apparato produttivo, ma in questi mesi, dal turismo all’industria, ho dimostrato, dati Istat alla mano, che non se la passano affatto male, almeno fino ad agosto, e dunque avrebbero soldi in cascina per affrontare la tempesta. Quello che non hanno le famiglie italiane, specie i 10,6 milioni di poveri assoluti e relativi.

    Ora, mi chiedo: è vero che c’è stato un travaso di voti da FI e Lega a FDI, ma esattamente i proletari che votano questi, un cacchio di conto interessi se lo fanno ogni tanto? Chessò, fare i conti della serva: c’è il carobollette, chi mi garantisce un aiuto pubblico? I miei salari sono bassi. Chi mi garantisce il salario almeno minimo a 10 euro? C’è da pagare i libri per i miei figli. Chi mi garantisce per la gratuità? E così sanità, istruzione, assistenza sociale ecc. Insomma sta gente i conti della serva se li fa? Capisco che il centrosinistra è molto peggio, ma organizzarsi no?

    "Mi piace"

  2. *Gatto 16,25,
    Per quanto ti possa sembrare agghiacciante, sono arrivata alla lettera Z!
    Per le tabelline ho ancora bisogno di tempo .
    Di me sai che ho 6 felini, e niente altro .
    Quindi non sai se io sia di sinistra , destra, alto, basso,sudovestest.
    Ti lascio perdere sul resto, per questa volta.
    Ma solo perché sei omonimo dei mici che tanto amo.

    "Mi piace"

    • E sì che mi davi tanto l’impressione di una Brezza 2.0, virante a manca… Ma magari me sbajo… Però, quel prendersela col ditino della Gioggia, eh, un po’ tradisce, dai: non ci si deve vergognare ad essere di sinistra.
      Guarda sempre Brezza come ne va orgogliosa e fiera: coraggio un bel outing!

      "Mi piace"