Allarme anziani, 200mila pensioni pignorate. Costi dell’energia insostenibili

Aumenta il numero di persone in difficoltà. In molti, disperati, si rivolgono ai vicini ma non tutti sono onesti nei prestiti: rischio usura

(affaritaliani.it) – La crisi energetica sta mettendo in difficoltà famiglie imprese in Italia. Ma la categoria più colpita dall’aumento dei costi di luce e gas sono gli anziani. Le bollette da pagare, l’affitto oppure il mutuo, e poi la spesa. Ma i soldi della pensione per molti anziani – si legge sul Messaggero – non bastano più. E così, il rischio di perdere la casa, o di finire in mano a qualche usuraio è dietro l’angolo. Tra i primi ad accorgersi che la situazione in molte famiglie sta diventando insostenibile, sono i volontari che ogni giorno si ritrovano file lunghissime per la distribuzione dei pacchi alimentari. Il direttore della Caritas di Roma, Giustino Trincia, lo ha denunciato senza giri di parole qualche giorno fa: ormai si sta diffondendo la cosiddetta usura di prossimità“.

“Chi ha bisogno – spiega Trincia al Messaggero – chiede «alla persona vicina, magari che abita nel tuo condominio, nel tuo quartiere. Magari inizia col darti 100 euro per pagare un pezzo di bolletta e per pagare una parte di spesa alimentare. Non te lo aspetti e poi ti ritrovi che ti chiede degli interessi». Secondo i dati dell’associazione Favor debitoris, che si impegna contro il debito e la conseguente usura, sono circa 200mila i pensionati che si ritrovano già con le pensioni pignorate. Da poco è stato approvato un emendamento al decreto legge aiuti bis che introduce modifiche al limite di impignorabilità delle pensioni. Si passa cioè da 700 a mille euro come soglia sotto la quale le pensioni non si possono pignorare.

3 replies

  1. Ma allora non avete capito! La priorità è abolire il RDC. Poi con questi che si dicono in difficoltà si vedrà, ci si inventerà qualcosa. Non prima di aver capito se è gente che finge, fannulloni, gente che se ne sta sul divano. Intanto però via subito il RDC che è uno spreco

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...