Campania, 5S di oggi contro quelli di ieri

In parte è stato un calcolo, certo, ma ha pesato pure il caso, prim’attore nel risiko delle candidature. Di sicuro, in Campania, 5Stelle di oggi e grillini di ieri si sfideranno nei collegi uninominali, in duelli che raccontano quanto il Movimento sia stato lacerato da addii e faide anche personali […]

(di Luca De Carolis – ilfattoquotidiano.it) – In parte è stato un calcolo, certo, ma ha pesato pure il caso, prim’attore nel risiko delle candidature. Di sicuro, in Campania, 5Stelle di oggi e grillini di ieri si sfideranno nei collegi uninominali, in duelli che raccontano quanto il Movimento sia stato lacerato da addii e faide anche personali. Nel giorno in cui il M5S presenta i suoi candidati nella regione, colpisce notare che l’ex capo politico Luigi Di Maio, l’uomo della scissione, dovrà sudarsi la rielezione nel collegio per la Camera di Napoli-Fuorigrotta, contro l’ex forzista Mara Carfagna ma soprattutto contro l’ancora 5Stelle Sergio Costa, il generale dei carabinieri che proprio Di Maio volle come ministro dell’Ambiente nel Conte 1 e 2. Lo aveva già indicato per quel ruolo in un ipotetico governo Di Maio, quel monocolore presentato prima delle elezioni del 2018. Poi andò diversamente. Ma è sfiziosa anche la contesa tra l’ancora capogruppo in Senato del M5S, Mariolina Castellone, e il suo ex omologo a Montecitorio, Davide Crippa, uscito dal M5S subito dopo la crisi del governo Draghi. Si sfideranno nel collegio per Palazzo Madama di Giugliano, dove il piemontese Crippa è stato paracadutato come indipendente dal centrosinistra. Un altro ex, in lotta col suo freschissimo passato.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

1 reply

  1. Caro De Carolis …deve dira a Dimario che c’è da …
    SPOSTARE UNA CARRIOLAAAAAAAA… se c’è da sudare deve sudare per spostarla!
    Grazie!

    "Mi piace"