Berlusconi e i soldi del Pnrr, Conte: “Non lo ricordo con me a Bruxelles”

L’ex presidente del Consiglio ironizza sull’affermazione del Cavaliere che in un video si è attribuito il merito per aver ottenuto i fondi europei

(adnkronos.com) – “Forse la memoria mi inganna, ma non ricordo Berlusconi con me a Bruxelles a trattare fino all’alba per ottenere i 209 miliardi che ho portato dall’Europa in Italia nel 2020″. Giuseppe Conte sui social replica con ironia a quanto affermato nei giorni scorsi dal leader di Forza Italia in un video elettorale, nel quale Berlusconi sosteneva che gli investimenti futuri saranno possibili grazie a “quei soldi che io ho ottenuto in Europa per il nostro Piano di ripresa e di resilienza per ricostruire la nostra economia dopo i danni della pandemia”.

Elezioni 2022, Berlusconi: “Io ho ottenuto soldi Pnrr” – Video

Un’affermazione che non poteva non scatenare una reazione dell’ex presidente del Consiglio che quei fondi ha portato a casa. “Ricordo invece Forza Italia, come altri – è infatti la stoccata di Conte – chiedere il Mes, la troika e altre misure lacrime e sangue”.

M5S, telefonata Conte-Di Battista: ma candidatura in stand-by

A quanto apprende l’Adnkronos, ci sarebbe stata nel pomeriggio di ieri una telefonata -la prima dopo settimane di silenzio- tra il leader del M5S Giuseppe Conte e Alessandro Di Battista. Sul tavolo, l’eventuale candidatura dell’ex deputato e membro del direttorio M5S, tra i volti più amati del Movimento della prima ora. Di Battista avrebbe chiesto a Conte delle garanzie politiche per tornare in campo.

Ieri sera, in un’intervista al Tg5, l’ex premier ha definito Di Battista una “persona seria e generosa”, del “suo rientro nel M5S ne discuteremo”. La telefonata tra i due sarebbe stata franca e cordiale. Ma nulla al momento sarebbe stato deciso su un eventuale ritorno di Di Battista.

Di Battista è rientrato lunedì dal suo viaggio in Russia, dove è stato per realizzare una serie di reportage per il Fatto Quotidiano. Ieri la telefonata con Conte. Già nelle settimane scorse, l’ex deputato romano aveva dato disponibilità per tornare a sedersi a un tavolo vista la caduta del governo Draghi, ma con richieste ‘politiche’ che non vuole vengano ignorate – questo il focus della telefonata con l’ex premier – per tornare a ragionare su un suo ritorno. Che tuttavia non è affatto scontato.

Da una parte infatti le richieste di Di Battista vanno vagliate per tirare le somme su un eventuale ‘secondo matrimonio’, dall’altra poi ci sono anche i dubbi dei vertici e di molti degli uomini più vicini a Giuseppe Conte. L’ex pupillo di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio non è visto da tutti di buon occhio: “Tirerà elettoralmente, ma ci mettiamo un guaio in casa per 5 anni”, il timore che rimbalza. Anche per questo, non è detto che il nome di Di Battista figurerà nelle liste del Movimento.

Elezioni 2022, Raggi di traverso su deroghe M5s: “No capilista blindati”

Si mette di traverso Virginia Raggi nella stesura delle regole M5S sulle candidature alle prossime elezioni politiche. E’ lei, raccontano fonti autorevoli all’Adnkronos, il ‘bastian contrario’ del comitato di garanzia, composto, oltre che dall’ex sindaca di Roma, da Roberto Fico e Laura Bottici. ‘Saltati’ tutti e tre per la mancata deroga alla regola aurea dei due mandati – irremovibile Beppe Grillo – Raggi si sta battendo per tenere in piedi anche gli altri paletti che hanno contraddistinto le precedenti politiche, dunque principio di territorialità – candidatura legata alla residenza – no capilista bloccati, altolà alle pluricandidature in più collegi. In sintesi, “vuole le parlamentarie di un tempo, come fossimo all’anno zero del Movimento”, spiega una fonte beninformata.

Non solo. Raggi avrebbe chiesto anche di inserire un paletto aggiuntivo, ovvero l’iscrizione da almeno sei mesi al M5S per potersi candidare alle parlamentarie, così da fermare i ‘furbetti’ dell’ultima ora. Una norma che metterebbe fuori gioco Alessandro Di Battista, disiscritto dal Movimento in dissenso con la decisione di appoggiare ed entrare nel governo Draghi. Le stesse fonti, però, spiegano all’Adnkronos che Raggi sarebbe in ‘minoranza’, in quanto la più rigida dei tre membri del Comitato: molto più morbidi su un allargamento delle maglie sia Bottici che Fico.

Lo stesso Grillo, del resto, si sarebbe convinto che qualche concessione vada fatta, mentre Giuseppe Conte spinge per avere voce in capitolo sui capilista -in quanto capo politico- e per una deroga al vincolo di residenza, così da agevolare la corsa di alcuni dei pochi big rimasti dopo la tagliola dei due mandati, leggi Stefano Patuanelli e Chiara Appendino. Intanto nel primo pomeriggio ci sarà una riunione dei coordinatori regionali del M5S proprio per fare il punto sulle regole, ormai in dirittura d’arrivo: dovrebbero essere rese noto a brevissimo.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

25 replies

  1. Certo bisogna avere una faccia di culo di plastica per continuare a prendere in giro i menomati psichici che continuano a credergli.

    "Mi piace"

    • Salvo la cosa che hai detto non esclude l’altra mi pare😅
      Allo stato, tra circa 500 conoscenti con i quali ho parlato di politica, conosco una sola persona vhe voterà Giggino, giusto perché ha lavorato nello staff di Spadafora. Pensa tu….

      "Mi piace"

  2. Ci si può correggere se onestamente convinti di aver commessi degli errori. La rchiamata del “guerrigliero” non deve essere assolutamente un atto opportunistico ma un’ammissione di colpa. Conte è persona credibile ma lo sia con lui tutto m5s compreso chi ci ha sputtan to mandandoci a logorare in quella mostruosa porcheria che è stato il governo Draghi-Mattarella-pd.

    Piace a 4 people

  3. A Cesare quel che è di Cesare e Conte quel che è di (anche se non è un’aquila).

    Barabba è davvero patetico con le sue millantature.

    "Mi piace"

  4. A Cesare quel che è di Cesare e a Conte quel che è di Conte (anche se non è un’aquila).

    Barabba è davvero patetico con le sue millantature.

    "Mi piace"

  5. Barbara Lezzi
    23 min ·
    Non sono facili tutti i no. Molti sarebbero doverosi e dovrebbero essere sganciati dalla disciplina di partito dalle ragioni di opportunità.
    Ho appena votato no all’ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato. Ho ponderato con molta attenzione questa decisione. È sacrosanto il diritto delle nazioni di scegliere da che parte stare ma questo Occidente che spende parole, articoli, convenzioni e patti sui diritti umani e sacrifica il popolo curdo sull’altare del braccio di ferro geopolitico, non mi convince.
    Non posso approvare questa strategia perché subisco, malgrado non sia affatto conveniente, la dittatura della coscienza e no, non me la sono sentita di riconoscere un diritto a due nazioni che ha come costo il sangue di un popolo, quello curdo appunto.
    Saranno in molti in questa campagna elettorale a pontificare sulla cultura di governo, sulla supremazia del compromesso, sulla saggezza della mediazione ma in fondo tutti nascondono dietro questi cattedratici concetti la mancanza di audacia e il mero interesse personale.
    Posso dirlo? Sono fiera dei miei no. Quello in consiglio dei ministri contro il ripristino dell’immunità penale e amministrativa agli amministratori ex-Ilva, quello al Draghi grillino, quello alla Cartabia, al semplificazioni e al Concorrenza. Quello contro l’invio di armi e questo di oggi.
    So bene quanto ognuno di questi no mi sia costato ma nessun riconoscimento avrebbe mai potuto darmi sollievo di fronte a quella coscienza che sarebbe stata per sempre gravata da un peso insopportabile.

    Piace a 2 people

    • Il fidanzamarito di Marta deve sistemarsi la dentiera. Sibila.
      Vuole dire che se li sente già suoi .
      Del resto, i lapsus “rivelatori” non sono pochi…
      Ad esempio ,questo, al secondo 1:04 :

      Piace a 1 persona

      • 🤣😆😂Non ci creeeedoooo…
        Già prima di dire “sono stato sempre………assolto” si notava la menzogna in arrivo.
        Poi non ce l’ha fatta più e il suo subconscio ha parlato!!!!

        "Mi piace"

  6. Grazie Anail, se non l’avessi sentito con le mie orecchie non avrei potuto valutare adeguatamente (per l’ennesima volta) la capacita’ e la naturalezza che questo Pregiudicato dimostra nel mentire…
    Dopo 30 anni riesce ancora a sorprendermi…
    Pazzesco….

    A questo punto segue un meritatissimo:

    Piace a 3 people

  7. Grazie Anail, se non l’avessi sentito con le mie orecchie non avrei potuto valutare adeguatamente (per l’ennesima volta) la capacita’ e la naturalezza che questo Pregiudicato dimostra nel mentire…
    Dopo 30 anni riesce ancora a sorprendermi…
    Pazzesco….

    A questo punto segue un meritatissimo:

    Piace a 2 people

  8. Comunque una dichiarazione così è da querela!! Conte dovrebbe muoversi in questo senso, almeno una volta!! Dopo tutte le infamie gettate su di lui ed il movimento!! Come si dice:”emmò basta!!!!

    "Mi piace"

  9. Conte fai il botto del voti, perché non vai con Bonelli e Frantoianni ed incrociarti con la sociologia di Trieste?
    Ti dichiari in politica ma dici che non sei un politico, allora?!? Cosa ci stai a fare?!?
    Se entri in ambito politico per NON FARE POLITICA, e quindi non ascoltare la base perché Velleitaria?
    Con che coraggio crede di fermare il pandemonio o PAN DEL DEMONIO con i pop corn di Renzi e Letta e Calenda!?!?
    I can bastioni dell’ Orione all’arrovescia?!?
    Lei dovrebbe ringraziare la CITTÀ di Firenze se è divenuto professore emerito secondo la migliore tradizione baronale di stronzi…

    Auguri al suo popolo italiota di tutto di più, Vero, verissimo, Power Romina e Albano Chiaro, con i Banfi e i Landi Buzzanca a fare da bastioni alla gamba rotta e alla donna scimmia.

    "Mi piace"

    • Mi dovrei vergognare ad avere una figlia grassa, mi dovrei vergognare se non ha le gambe lunghe.
      Un po’ scema e squilibrata quel giusto frizzantino, di vederle in sbordellata sulle soglie del cammino..
      Caliti yunca Ca’ passa la china
      Caliti iunca da sera a matina.

      Buongiorno e Buonasera,
      Calimera e Calispera. !

      Se ci riflettesse un minuto cosa potrebbe essere?! Se non l’oblio di se stessi dentro alla propria memoria, così, per renderci incapaci di vedere la vita che si muove attorno se non nel rapporto civile di civico di un uomo/un auto?!?

      Lei è una maleducata! Lei è una sprovveduta! Si dovrebbe inchinare alla mia maestà! Lei è pazza!si curi!
      O vada a Lourdes (a Bilbao no!? ) ..
      Ma lo sa che Firenze è piena di Fiorentini e la Toscana anche di toscani? sinceramente questo Razzi/pensiero, fa paura proprio per la sua incoscienza alle leggi del dominio delle MASSE UMANE, di cui quella italiota in balia di orde pubblicitarie, prezzolate e spudorate senza nessun tipo di vergogna da oltre 25 anni.
      Lei dov’era, 25anni fa,al cinema o a teatro, ad un concerto o per le vie di un centro illuminato?!
      La prigione metafisica non è un inganno è una prostrazione di un SISTEMA DI PENSIERO verso un altro SISTEMA, in questo caso il vostro.

      "Mi piace"