Telefonata Draghi-Grillo: oggi a chi parla ancora di “democrazia italiana” bisogna solo serenamente ridere in faccia

(Andrea Zhok) – La dichiarazione di Conte ai giornali toglie di mezzo ogni residuo dubbio.

Il premier Draghi ha davvero telefonato a Grillo affinché a Conte venisse tolta la benedizione e l’investitura alla guida del M5S.

Oltre allo stile feudale dell’operazione, ciò che è di particolare interesse in questo scenario è quanto segue.

Rispetto ai diktat del viceré Nato che governa l’Italia, l’opposizione prodotta da Conte e dai M5S è consistita in occasionali rari gemiti di disagio, prontamente seguiti dal sostegno spalmato a qualunque immonda porcata prodotta da questo esecutivo.

Ciononostante, e questo merita una riflessione, anche quegli occasionali lamenti sono stati ritenuti dalla catena di comando Nato eccessivi e intollerabili, al punto da spingere per l’epurazione del democristianissimo Conte, dopo aver arruolato in “Stay Behind” Di Maio and friends.

E’ da questi dettagli che si capisce come mai il tasso di dibattito democratico tollerato in questo paese sia divenuto senza resti quello del Führerprinzip.

In un paese dove regnano senza soluzione di continuità censura e dossieraggi, ricatti e rappresaglie, calunnie e minacce, a chi parla ancora di “democrazia italiana” bisogna solo serenamente ridere in faccia.

7 replies

  1. Che altro aspettarsi da una debole e farlocca opposizione ! Volevano una poltrona e uno stipendio ! Gli altri seduti in parlamento da milioni di anni , lo fanno per i cittadini!!🤣

    "Mi piace"

  2. Cosa non si fa per poltrone e quattrini…parafrasando è più facile per un parlamentare per la cruna d’un ago passare che l’allegra mangiatoia lasciare e le stelle lascian fare senz’alla dignità stare a guardare e restano a banchettare

    Piace a 3 people

  3. Cosa deve ancora accadere ? Quale altro segnale deve arrivare ?
    Ditemi cosa succede se Giuseppe Conte dichiara di ritirare la fiducia al governo.
    Vediamo :

    I suoi parlamentari non lo seguiranno perchè non avranno diritto alla specifica pensione oppure perchè certi di non essere reimmessi nelle liste eventuali del 2023 ? Quelli saranno subito additabili come ingrati, incollati all’interesse personale, traditori degli ideali del Movimento. Insomma finiranno da altre parti e insultati come meritano.

    Altro ancora, i parlamentari seguono Conte ma il PD di Letta escluderebbe qualsiasi intesa futura col suo partito. Bene, e allora ? la politica segue strade tortuose e incerte e le persone oneste giudicherebbero positivamente la rinuncia a posti e poltrone in nome di ideali di vicinanza al popolo. E di questi ideali i 5 stelle possono vantarsi, si ancora lo possono fare.

    Perchè continuare a farsi umiliare da un uomo come Draghi, voluto dai circoli finanziari assetati di guadagni e oppressori della dignità dei popoli e delle nazioni ?

    Perchè continuare a dare fiducia a un uomo, Draghi, che tiene in ostaggio un paese, il nostro paese, per seguire direttive e strategie ancora una volta estranee alla nostra storia e tradizione, un uomo che umilia il nostro popolo e i suoi rappresentanti legittimi ?
    Conte ! Esci dal governo, salta sulla torretta del carrarmato e racconta la tua verità alla gente in carne e ossa !

    Piace a 2 people

    • Ahimè è che da oggi il Movimento più non c’è dal momento che a rinnegare gli astrali ideali ci han pensato “i Principali”…sia Beppe che Giuseppe si son mostrati pippe e trovandosi alle strette han deciso di fare le servette e mettersi le ghette e stare sull’attenti innanzi a quei cotanti potenti armati fino ai denti tutti pronti a non far sconti a quanti avessero intenzione d’abbandonare la plurale missione di portare a compimento con il massimo ardimento il piano stabilito dall’alleato a capo della NATO che in passato ci ha salvato e ch’è meglio non venga infastidito…povero movimento..R.I.P. a men cosi non sia e magari se ripja ma mi pare ardua impresa…la coerenza troppo pesa e par sia stata scelta la resa.

      Piace a 2 people

  4. E meno male che nel paese dei “dossieraggi e ricatti”non hanno trovato neppure una ex studentessa di Conte che possa testimoniare che il tal giorno dell’anno 19xx il Prof Conte le abbia sorriso o stretto la mano per più di 3 secondi!
    Comunque mi gioco le ….orecchie che ci abbiano provato a cercarle .Senza trovarle.

    Piace a 1 persona