Bombe su Torino

(Massimo Gramellini – corriere.it) – Confesso di avere un debole per i russi che si affacciano alle nostre tv. Mentre i pacifisti a senso unico mi mettono ansia, loro mi rilassano. Non fanno paura. Fanno ridere, che è il miglior antidoto alla paura.

Finora il mio preferito era quel Popov che si ostinava a spiegare a un allibito Formigli come la distruzione di Mariupol fosse stata opera degli abitanti di Mariupol. Ma adesso il mio cuore è tutto per la giornalista Yuliya Vityazeva, le cui esplosive lezioni di democrazia hanno indotto l’insensibile Del Debbio a mandarla a quel paese. L’altra sera, seccata per la vittoria ucraina all’Eurofestival, Vityazeva ha scritto un tweet — ironico? minaccioso? minacciosamente ironico? — in cui reclamava il lancio di un missile su Torino, sede della manifestazione canora.

(Nota per i pacifisti a senso unico: ci avete fatto caso che giornalisti e politici russi inzeppano i loro discorsi di svagate e quasi festose allusioni atomiche, mentre nessun occidentale lo fa?).

Inviterei quella buontempona della collega russa a calmarsi, prima di schiacciare il bottone: era prevedibile che gli europei di buon cuore, ma orecchio così così, avrebbero plebiscitato qualsiasi canzonetta colorata di gialloblù, anche se a cantarla fosse stato un bambino delle medie. E non c’è dubbio che Zelensky faccia miglior figura quando all’Europa chiede aiuti invece che televoti.

Però una reazione a suon di bombe continua a sembrarmi lievemente esagerata. Come l’invasione dell’Ucraina, del resto.

17 replies

  1. Gli mostrerei il video con saluto nazista dei “vincitori”(🙄) … E le frasi pronunciate, senza la minima ironia, dalle varie Timoschenko, o come cavolo si scrive, secondo cui della Russia dovevano restare solo campi bruciati.
    E detto non certo in tempo di guerra, di QUESTA GUERRA, ma della LORO contro il Donbass, se non prima.
    Sempre più idiota e a senso unico, ‘sto elemento gramo. È deprimente che un simile minus habens possa diffondere i suoi sproloqui fuori dal bar.

    Piace a 6 people

  2. Si’, ho capito, tutti virologi e virologhe. Ma la signora Vityazeva fa come scrive Gramellini o no?

    "Mi piace"

  3. In tre mesi abbiamo imparato che ci sono signore e signorine russe che hanno conquistato la parità di genere (sono più stronze dei maschi russi il che è tutto dire), roba da far rimpiangere la Minetti del berlusca…..

    "Mi piace"

  4. Come per i “no Vax” in tv selezionano i peggiori….la nostra tv è specchio della nostra politica: volutamente al ribasso.

    Per mantenere invece il clima di festa:

    https://www.nuovaresistenza.org/2022/05/eurovision-romania-lancia-accuse-di-brogli-scoppia-lo-scandalo-conferme-dellebu-su-irregolarita-kulturjam/

    Chissà…..magari il notaio era parente dell’arbitro Moreno……

    In ogni caso, avete iniziato a esercitarvi a distendere il braccio destro?

    Piace a 1 persona

  5. Sentendo gli sdilinquimenti di Malgioglio per “l’alto tasso di virilità” di questa edizione… e vedendo diffondersi come un miasmo la retorica con cui si apprestavano a votare i “ciechi di Sanremo” (cit), la voglia di bombardare l’incolpevole Torino è venuta anche a me!

    Piace a 2 people

  6. A zappare la terra… con i lombrichi! Se scrive sto tale sui giornali, allora è carta straccia e potrebbe scrivere chiunque non sia analfabeta.

    Piace a 1 persona

  7. Italia, mai il gas russo in rubli,
    Italia, prima ad accedere al pagamento in rubli.
    La coerenza non fa parte dei pagliacci che ci governano.

    Piace a 1 persona

  8. Basta vedere le giravolte del nuovo Bassetti della geopolitica. Dario Fabbri, che ormai ha esaurito il Devoto con gli aggettivi con cui “connotare” Putin.
    Da “pazzo” in poi in un crescendo rossiniano.
    Ha funzionato: da pressoché sconosciuto a PIN up. Esattamente come Bassetti. Ed esattamente come Bassetti non ci prende mai.
    I virologi hanno aperto una lucrosa strada: ma solo per chi non esprime dubbi e si allinea, ovviamente. E perché esprimerli se non conviene?

    Piace a 1 persona