Le aziende che si sono ingrassate a causa della corruzione e della crudeltà nazista

(https://www.dailymail.co.uk/news/article-10787685/New-book-exposes-Germanys-biggest-firms-colluded-Nazis-writes-TOM-LEONARD.html) – Al volante di una Volkswagen, BMW o Porsche, quando stipuli una polizza assicurativa con Allianz o anche solo assapori una pizza surgelata Dr Oetker o un biscotto Bahlsen Choco Leibniz, sappi che sei direttamente connesso a una azienda che si è ingrassata a causa della corruzione e della crudeltà nazista. 

I proprietari di tali aziende facevano parte di un gruppo di industriali che sostenevano il regime di Adolf Hitler. Nel febbraio 1933, subito dopo essere stato nominato cancelliere, Hitler convocò una riunione segreta dei più potenti industriali tedeschi , chiedendo loro di accumulare tre milioni di Reichsmark per la campagna elettorale del suo partito.

Le due dozzine di uomini d’affari presenti non esitarono a tirare fuori i loro libretti degli assegni. Molti sarebbero diventati i principali sostenitori del Terzo Reich, non solo tedeschi patriottici, ma membri impegnati del partito nazista e persino delle SS. Tipini che decorarono le loro dimore con dipinti rubati a ricchi ebrei inviati nei campi di concentramento. 

La narrativa convenzionale è che non erano in realtà nazisti, ma stavano semplicemente facendo il loro dovere di tedeschi. È anche generalmente accettato che, insieme al resto del paese, abbiano espiato la loro parte in uno dei capitoli più oscuri della storia. Incredibilmente, nessuno dei due presupposti – rivela un nuovo libro – è vero. 

Alcune delle famiglie più ricche della Germania oggi rimangono beneficiarie dell’attività di mostruosi collaboratori nazisti che non furono mai puniti e la cui orribile eredità continua a essere taciuta.  L’intera portata di questa terribile e persistente macchia sulla storia aziendale tedesca è esposta in Nazi Billionaires – The Dark History Of Germany’s Wealthest Dynasties. 

Il suo autore, il giornalista finanziario olandese David de Jong, si concentra su alcuni dei peggiori trasgressori, cinque dinastie i cui prodotti sono ancora famosi in tutto il mondo: i Quandt della BMW; i Flick che un tempo controllavano la Daimler-Benz (ora Mercedes-Benz); la famiglia Porsche-Piech che controlla il colosso automobilistico Volkswagen; i von Fincks, finanziatori che hanno co-fondato Allianz, la più grande compagnia assicurativa del mondo; e gli Oetkers, il cui impero commerciale si estende dalla pizza surgelata del Dr Oetker alle torte. 

L’uomo che gestiva l’impero Oetker durante la seconda guerra mondiale era un ufficiale delle Waffen SS che si addestrava nel campo di concentramento di Dachau e riforniva le forze naziste di budino istantaneo. Non lo troverai scritto sull’etichetta di un vasetto di Fairy Sprinkles del dottor Oetker. 

De Jong scrive: ‘I loro nomi adornano edifici, fondamenta e premi. In un paese che è così spesso elogiato per la sua cultura del ricordo e della contrizione, un riconoscimento onesto e trasparente delle attività in tempo di guerra di alcune delle famiglie più ricche della Germania rimane, nella migliore delle ipotesi, un ripensamento». 

Gran Bretagna, Stati Uniti e Francia meritano parte della colpa, dice. Per motivi di “opportunità politica” e per contrastare la “minaccia incombente del comunismo”, gli alleati vittoriosi hanno restituito la libertà alla maggior parte dei magnati tedeschi, il che ha permesso alla maggior parte di loro di camminare liberi. 

Anche i pochi che hanno trascorso alcuni anni in prigione sono tornati presto a gestire le loro attività. Ferdinand Porsche è ricordato come il designer dell’iconico Maggiolino Volkswagen e il nome di alcune delle più belle auto sportive. 

Fino a quando non è stato rivelato in un documentario televisivo nel 2019, la società da lui fondata ha taciuto sul fatto che avesse avuto un partner e co-fondatore ebreo, il pilota da corsa Adolf Rosenberger. L’omissione non era difficile da capire. 

Rosenberger aveva lasciato l’azienda nel 1935, costretto a vendere la sua partecipazione per una frazione del suo vero valore a Porsche e al co-fondatore Anton Piech, in base a una spietata politica nazista nota come “arianizzazione”, progettata per impedire agli ebrei di possedere imprese. 

Quando Rosenberger è stato portato in un campo di concentramento, Porsche non ha fatto nulla per farlo rilasciare anche se, per fortuna, un altro dirigente della società lo ha fatto ed è fuggito senza un soldo negli Stati Uniti  

Dopo la seconda guerra mondiale, la società rifiutò di risarcirlo, contestando la sua richiesta in tribunale. (Porsche ha anche rifiutato di alzare un dito per un altro collega ebreo che ha chiesto il suo aiuto ma è finito per morire nel campo di sterminio di Bergen-Belsen). 

Ferdinand Porsche divenne l’ingegnere preferito di Hitler e si unì al partito nazista. La sua azienda è passata dalla produzione di auto civili alla progettazione di armi e carri armati. Hanno utilizzato circa 20.000 lavoratori forzati o schiavi, portati dai paesi occupati o dai campi di concentramento.

La maggior parte erano donne, comprese le madri che hanno dovuto lasciare i loro figli in un asilo nido dove le condizioni, ha detto un pubblico ministero britannico, “sfuggono a ogni immaginazione”. 

Il figlio e successore di Ferdinando, Ferry Porsche, divenne un ufficiale delle SS (in seguito affermando falsamente di essere stato costretto a unirsi a lui da Himmler) e, dopo la guerra, istituì una politica di reclutamento attivo di altri ex ufficiali delle SS nella compagnia. 

Uno è diventato il suo capo delle PR globali, mentre un altro – un comandante di carri armati delle SS che aveva massacrato 84 prigionieri di guerra statunitensi nel famigerato massacro di Malmedy – è stato nominato capo della promozione delle vendite. In una memoria del 1976, Ferry fece osservazioni antisemite su Rosenberger. 

Le famiglie Porsche e Piech ora valgono insieme $ 20 miliardi e controllano il gruppo Volkswagen, che comprende Bentley, Audi, Lamborghini, Seat e Skoda. 

Non hanno mai affrontato pubblicamente le attività dei loro antenati sotto i nazisti il che, data l’intensa pressione su aziende e individui nel Regno Unito e negli Stati Uniti per scusarsi per peccati storici molto più antichi e tenui, è uno stato di cose sorprendente. 

Invece, nel 2018 hanno creato la Ferry Porsche Foundation per rafforzare l’impegno dell’azienda nei confronti della responsabilità sociale. 

Sotto la pressione dell’opinione pubblica, ha finanziato uno studio dell’Università di Stoccarda sul periodo nazista dell’azienda che, sospettosamente, ha minimizzato i maltrattamenti di Rosenberger. 

Anche adesso, il sito web della Ferry Porsche Foundation non contiene alcuna biografia dell’uomo delle SS da cui prende il nome. 

Poi ci sono i Quandt, ancora più ricchi delle Porsche grazie a una partecipazione di controllo in BMW, Mini e Rolls-Royce, oltre a cospicui interessi chimici e tecnologici. 

Due degli eredi, Stefan Quandt e Susanne Klatten, fino a poco tempo fa erano la famiglia più ricca della Germania e hanno il controllo quasi maggioritario (47%) della BMW. (Un altro ramo della famiglia vale altri $ 18 miliardi. 

I fratelli sono nipoti dell’industriale Gunther Quandt la cui seconda moglie, Magda, era una “groupie” nazista che attirò l’attenzione di Hitler ma in seguito sposò il principale propagandista di Hitler Joseph Goebbels. 

Sia Gunther che suo figlio maggiore Herbert erano membri del partito nazista e molto più entusiasti della sua politica ripugnante di quanto non avessero mai ammesso, dice de Jong. Gunther si è affrettato a cacciare gli ebrei dai consigli delle sue compagnie non appena i nazisti hanno introdotto politiche antisemite.

Quandt sfruttò anche “viziosamente” la politica di arianizzazione del regime, acquisendo varie società di proprietà di ebrei e altre sequestrate dai tedeschi nei paesi occupati per prezzi stracciati. 

Come i Porsche-Piech, la famiglia fece un uso massiccio di sfruttamento del lavoro: circa 57.000 lavorarono in condizioni spaventose nelle loro fabbriche. 

I Quandt costruirono anche il loro piccolo campo di concentramento in loco in modo da poter ospitare più lavoratori.

Categorie:Cronaca, Inchieste, Mondo

Tagged as: , ,

4 replies

  1. L’articolo – davvero molto interessante – è la sintesi della versione in inglese che può essere letta inserendo la traduzione di Google (molto, ma molto fedele all’originale).

    "Mi piace"

  2. Se dovessimo fare la conta di tutte le aziende che si sono arricchite con (tutte) le guerre…
    E con i soldi dei “buoni” che pur sapendole coinvolte ci facevano ( e fanno) grandi affari… Ci vorrebbe l’ elenco anche dei “clienti” delle stesse, per lo più Oltreoceano e nel resto dell’ Europa: nessuno si arricchisce senza cliuenti…
    Ma basta che ci mostrino il dito e ci accontentiamo: mica cerchiamo la luna… Se poi al dito appiccichiamo la parola nazista…(Fascista mai, noi lo eravamo a nostra insaputa, come il 99% di quello che ci succede…)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...