Il circo tv, fossa di vecchi leoni

Capitava una volta, in qualche circo di periferia, di vedere un anziano domatore di leoni alle prese con leoni più anziani di lui; balzi faticosi sopra gli sgabelli, ruggiti di stanca esperienza, zampate a mezz’asta […]

(Nanni Delbecchi – Il Fatto Quotidiano) – Capitava una volta, in qualche circo di periferia, di vedere un anziano domatore di leoni alle prese con leoni più anziani di lui; balzi faticosi sopra gli sgabelli, ruggiti di stanca esperienza, zampate a mezz’asta. Il ricordo lontano bussava alla memoria di fronte alla visione dello scontro in verità più mimico che fisico tra Giampiero Mughini e Vittorio Sgarbi, debitamente pubblicizzato quale pezzo pregiato del Maurizio Costanzo Show. Quelle sportellate caustiche del giornalista, quel capitombolo barocco del critico sembravano una rievocazione storica, un antico calcio fiorentino in costume; cose da teche Mediaset se non fosse per l’età avanzata dei due feroci saladini, figurine più da brocantage che da repertorio. Parodia della guerra, innanzitutto, essendo il pretesto da che parte stare, Al Bano il pomo della discordia, ma poteva essere qualsiasi cosa bastante a riportare in tv il teatro dei pupi, glorioso cavallo di battaglia di Costanzo (ma sappiamo che la malattia senile del teatro è proprio il circo).

Mughini e Sgarbi sono due numeri uno, per chi ama il teatro dei pupi siciliani; due intellettuali da combattimento (e da compatimento) stesso modello di serie, distinguibili solo negli optional e nell’allestimento. In origine fu Mughini, il primo intellettuale da salotto televisivo, in fuga dai salotti radical-chic (questo va detto a suo onore), terrore degli ospiti di Ieri, Goggi e domani (1987): “Ora ti farò una domanda cattiva”. Poi è arrivato Sgarbi, ha succhiato la ruota, ha fatto saltare il banco e lo tiene tuttora, come appare tutti si chiedono quando comincerà a ruggire, e i bambini battono le mani. Oggi i vecchi leoni perseverano nei loro numeri, ognuno si appoggia all’altro a costo di buttarlo giù dalla sedia, se ci sono o ci fanno non lo sanno più nemmeno loro. Fa impressione vederli alzare le mani; ma fa ancora più impressione vederli ricomporsi e tornare in silenzio ognuno sul suo sgabello, come nulla fosse, e forse non è stato proprio nulla.

Categorie:Cronaca, Interno, Media

Tagged as: , ,

5 replies

  1. Per questo si chiamano talk show.
    lo show di questi dinosauri obsoleti della parola, che nascondono la loro dipendenza da qualche droga energetica, è semplicemente grottesco.
    Il livello di volgarità che attraversa la nostra TV, sia privata che pubblica è indicibile, la sguaiataggine e trivialità sono arrivati ad un punto di non ritorno. I due contendenti della parola, si sfidano a suon di finezze scurrili come tacchini in un’arena, ci manca solo il pollice verso!
    Più volte ho accennato al fatto che i nostri media e la nostra politica stanno entrando in un medioevo di ritorno, siamo al periodo dei vandali che devastano e distruggono il pensiero razionale per inculcare il pensiero unico adeguato allo story-telling del momento.

    "Mi piace"

  2. oramai sono show da CASA SERENA
    Costanzo ha 83 anni, l’ho visto l’ultima volta dopo tantissimo tempo (credo da Bontà Loro anni 70) disquisire dopo una partita degli europei,
    mi sono fermato incuriosito di cosa c’entrasse lui
    non si capiva una beata m… bisciacava
    fraintendeva quello che gli veniva chiesto
    c’era qualcuno vicino che osservava apprensivo,
    credo fosse la sua badante
    spegnete la tv
    se volete vivere sereni
    e non andare a CASA SERENA
    lasciate perdere questi rimasugli

    "Mi piace"

  3. I vecchi “normali” sono carne da Covid, i “grandi vecchi” sono immortali.In fatti per quanto malmessi prendono il Covid ma, miracolo, se la cavano sempre. Che siano le preghiere al loro Santo: san Raffaele?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...