Chi l’ha visto?

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Qualcuno ha notizie di SuperMario, il Migliore che aveva ereditato dalla Merkel lo scettro dell’Europa e doveva guidare l’Italia fino al 2023, anzi al 2028 (senza neppure il fastidio di candidarsi alle elezioni), anzi finché era vivo e forse pure da morto? Sul fronte interno – da quando l’hanno trombato al Quirinale, che è un […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

38 replies

  1. Chi l’ha visto?

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Qualcuno ha notizie di SuperMario, il Migliore che aveva ereditato dalla Merkel lo scettro dell’Europa e doveva guidare l’Italia fino al 2023, anzi al 2028 (senza neppure il fastidio di candidarsi alle elezioni), anzi finché era vivo e forse pure da morto? Sul fronte interno – da quando l’hanno trombato al Quirinale, che è un po’ il suo Papeete – è passato dal “tutti pro” al “tutti contro”: i magistrati annunciano lo sciopero contro la schiforma del Csm (così imparano a trattar meglio Bonafede, il miglior ministro della Giustizia dalla notte dei tempi); i sindacati sono sul piede di guerra; Confindustria, che ce l’aveva regalato issandolo sulle lingue dei suoi giornaloni, l’accusa di dimenticare le imprese; persino il sindaco-aedo Sala si sente tradito; cittadini e imprenditori alle prese con le bollette raddoppiate, così come il mondo della scuola e della sanità, si chiedono dove pensasse di trovare i 15 miliardi in più per le spese militari visto che a loro riserva spiccioli se va bene e tagli se va male; lo sbraco sulle regole anti-Covid ci regala 150 morti al dì; e la maggioranza più ampia mai vista (col consenso più basso mai visto) lo costringe a continue fiducie, più del Prodi-2 e del Conte-2 (che si reggevano su un pugno di voti). A parte gli evasori, grati per il condono e l’abolizione del cashback, gli è rimasto solo il Pd, che però deve spiegare agli eventuali elettori l’asservimento alla Nato.
    Sul fronte estero, se possibile, ancora peggio. Draghi annuncia che andrà alla cena di lavoro all’Eliseo con Macron, Scholz e Ursula, poi che parteciperà via Zoom (a una cena!), infine che non potrà collegarsi per “problemi tecnici”. Sapete quali? Che nessuno l’ha invitato. Manda armi all’Ucraina fregandosene della Costituzione (che lo vieta). Impiega 40 giorni per telefonare a Putin e poi racconta che ci ha parlato un’oretta, ma non è sicuro di aver capito ciò che quello gli ha detto su un dettaglio come i pagamenti del gas in euro o in rubli (e domandarglielo?). Su quell’altra cosuccia dell’embargo al gas russo, dice che “deciderà l’Europa” (come se l’Italia non c’entrasse) e noi dobbiamo scegliere “fra pace e condizionatori” (come se le due cose fossero incompatibili). Biden manda in vacca i negoziati annunciando un golpe a Mosca e accusando Putin di genocidio: viene scaricato da Macron e Scholz, smentito dal suo portavoce e dal segretario di Stato, criticato persino da Letta e Calenda, ma Draghi tace come Fantozzi col Megadirettore galattico. Tanto contiamo un po’ meno di Malta. Anche i suoi lecchini preferiti sono rassegnati a salutarlo dopo il voto del 2023. Ma un anno è un’eternità: sicuri di poterci permettere altri 12 mesi di agonia? Non è meglio congedarlo subito? Chi non vuol farlo per noi lo faccia per lui.

    Piace a 15 people

  2. Si vede che è pure vendicativo! Voleva il quirinale e adesso ce la farà vedere lui chi è il boss! Andrà direttamente alla Nato e ci toglierà gas e ricche prebende.. perche lui è il marchese del Grillo e noi non siamo un beato c..abbandoniamo l idea di avere riscaldamento e aria condizionata ! Così moriremo tutti di stenti !!

    Piace a 2 people

  3. 🎶ci vorrebbe un partitoo
    per poterti dimenticare 🎶
    🎶ci vorrebbe un partitoo

    Al momento nessuna forza politica mi rappresenta. Borbottano ma sono tutti appiattiti come tappetini. E credo anche che abbiano ben poca voglia di buttarsi nella mischia visto l’andazzo generale.

    Piace a 5 people

  4. E a che serve, metterlo a fare il segretario generale della Nato? Rimettetelo a capo della BCE, ha già dimostrato di saperci fare nel radere al suolo un bel po’ di Paesi, anche senza bombe, magari almeno si evitano i morti

    Piace a 1 persona

    • Forse a fare un dispetto a Renzi che tanto ci teneva ? ( poi si è rivolto ad altre sponde) d altronde il dispendioso viaggio a Obama city con le eccellenze sportive italiane era un tentativo di benevolenza personale , qualcuno ha mai pensato che questo non facesse altro che promuovere se stesso e non l Italia ! Adesso quasi tutte le leggi puttanate che ha fatto vengono lentamente ( troppo) smantellate !

      Piace a 1 persona

  5. De Luca, duole dirlo, è uno statista di livello eccezionale rispetto ai nostri politicanti parlamentari e al draghetto.

    Qui fa un’analisi e non è l’unica volta che la fa:

    1- la differenza negli ultimi tempi è stata la richiesta dell’Ucraina di far parte della NATO

    2- di fronte alle rimostranze russe la risposta dell’Occidente è che ogni stato si autodetermina e che la NATO comunque è un’organizzazione difensiva.

    3- due balle in una frase perché la NATO ha bombardato la SERBIA, perché altre nazioni come Libia, A-stan e Irak sono state bombardate dagli americani (e spesso anche con la NATO coinvolta) al di fuori di ogni diritto internazionale

    4- si dice che la guerra è delle democrazie liberali contro le dittature, ma questa è una balla, perché i 2/3 del mondo sono di fatto o di diritto dittature. Poco tempo fa l’Arabia ha ammazzato 81 persone in un giorno: che facciamo, smettiamo di parlarci? No, perché il diritto internazionale dice che bisogna rapportarsi agli stati indipendentemente dal loro sistema politico, altrimenti dovremmo smettere di parlare alla maggior parte dei paesi e degli abitanti del mondo, inclusa Cina e pure l’India.

    E così via. De Luca un gigante. Ma gli altri, nostri ‘rappresentanti’ dove caxxo sono finiti?

    Piace a 3 people

    • E ancora:

      non mi pare che ci sia molto interesse per la popolazione ucraina.

      Hanno detto che Abramovich era stato avvelenato dai servizi segreti russi, invece era in Turchia a fare le trattative.

      In questi 2 anni un fiume di armi moderne è arrivato in Ucraina, altrimenti non avrebbe potuto resistere.

      Tutta la fascia dei paesi al confine della Russia è entrata nella NATO. Non si può fare una guerra pensando di far entrare l’Ucraina nella NATO.

      L’impressione (dice De Luca) è che gli Stati Uniti siano interessati a distruggere la Russia. Non credo che possiamo pensare ad un mondo unipolare. Gli americani hanno dei toni orientati a prolungare l’azione di guerra. Ricordatevi, il popolo ucraino sta pagando un prezzo di sangue.

      Ieri, Stoltemberg ha detto che la Finlandia, se vuole entrare nella NATO, farà un percorso accelerato. O questo SToltemberg ha problemi di vario tipo, oppure sta lavorando ad un obiettivo di un altro tipo, che è l’allungamento del conflitto.

      L’Europa ha altri interessi: vivere in pace e con le risorse necessarie. GLi USA NO, hanno due oceani e nessun nemico.

      Nessuno deve vincere questa guerra, ci vuole un compromesso. 6 mesi fa era possibile fare molto meglio, dopo l’inizio della guerra le probabilità di pacificare sono calate della metà.

      Per i prossimi 30 anni l’Italia dovrà rapportarsi con la Russia se vuole mandare avanti il tessuto produttivo.

      Invece la Germania spenderà 100 mld di euro per armamenti. SE non è volta ad entrare in un esercito europeo, questa non è una buona notizia.

      La Russia ha detto che vuole i rubli, l’Italia al massimo può pagare con le figurine Panini.

      Una delle cose che non mi tornano sono i dati ucraini: 1.600 morti civili, 16.000 morti russi. Sinceramente mi pare impossibile che i militari russi abbiano perso 10 volte i numeri ucraini, direi che gli ucraini dovrebbero anche tenere attenzione ai soldati russi sparati alle gambe.

      Ecc ecc ecc.

      Piace a 1 persona

  6. Che dire ? Il prezzo sarà alto ! Tranne per la Nato e Biden ,quando quelli vogliono risollevare le loro economie fanno guerre ovunque tranne vicino al loro c .. lo fanno da sempre!

    "Mi piace"

    • Dopo 11 anni vi sentite di dire qualcosa contro il novello Hitler Putin?

      Non aveva ragione quando parlava della LIBIA, o era fin troppo moderato rispetto allo sfascio che ne è derivato?

      Ma non solo.

      Per chi è convinto che gli USA siano nel giusto sempre e comunque, ecco a voi la storia di JULIAN ASSANGE.

      La volete vedere? Eccovela.

      Piace a 3 people

    • @SM

      Mia nonna direbbe: “questo qui predica bene e razzola male”.
      D’accordo con Putin su Gheddafi e la guerra in Libia.
      Ma sentirlo OGGI dire frasi come: “mi sembra che dobbiamo agire nell’ambito della legge internazionale… con la preoccupazione per i civili pacifici…”, fa davvero rivoltare lo stomaco.

      "Mi piace"

  7. Ucraina e neo-Nazisti.La svolta ideologica sarebbe il minor problema se neo-Nazisti in carne e ossa venissero non solo tollerati ma addirittura utilizzati, finanziati, premiati con cariche parlamentari, ministeriali e non solo. E’ quel che accade in Ucraina come, a un anno dalla cosiddetta “rivolta di Maidan” e in coincidenza col voto all’ONU, documentano svariati post (diversi sul sito canadese Global Research).

    E’ accaduto del resto fin dall’inizio, quando fazioni di estrema destra ultranazionalista, con bandiere e chiari simboli neo-Nazi, hanno giocato un ruolo decisivo nel “colpo di Stato” che ha rovesciato il presidente Viktor Yanukovich (corrotto quanto si vuole ma regolarmente eletto) e dato vita al governo di Arseniy Yatseniuk. Un copione scritto da tempo dal Dipartimento di Stato americano, è stato ampiamente provato, contro la volontà degli europei che col presidente uscente avevano siglato un accordo, rinnegato il giorno seguente dopo i furiosi, oscuri scontri di piazza nella notte tra polizia e dimostranti fra i quali spiccavano le milizie del Settore Destro (Pravy Sektor) e misteriosi cecchini, disordini che misero in fuga Yanukovich (Underblog qui e qui con link vari, e ancora qui, autorevole e decisivo)

    Neo-Nazi in Ucraina al governo… Sono tanti, a dispetto della scarsissima affermazione del loro partito. Farne un elenco è inevitabile (qui e qui).

    Andry Parubiy. Segretario del Consiglio Ucraino di Difesa e Sicurezza Nazionale. Parubiy aveva fondato il Partito Nazional Socialista dell’ Ucraina, formazione di estrema destra ultranazionalista e neo-Nazista nata nel 1991 che, malgrado il nome cambiato in Svoboda(=libertà) siede in parlamento(con soli 6 eletti invero) continuando a usare tranquillamente simboli e bandiere naziste e a richiamarsi a a Stepan Bandera, il collaborazionista ucraino dell’Ovest schierato dalla parte di Hitler, che era invece combattuto dagli Ucraini dell’Est alleati con l’Unione Sovietica di Stalin. Di qui, e da ancor più antiche ostilità, l’odio feroce che oppone le due parti dell’Ucraina. Sarebbe utile approfondire per meglio capire le posizioni.

    Oleh Tyahnybok,leader di Svoboda, partito che siede in parlamento (Tyahnybok fotografato un anno fa col futuro premier Yatseniuk insieme al senatore US John McCain e a Victoria Nuland, assistente di John Kerry per Europa e Eurasia, falco Neocon nonché moglie di Robert Kagan, la vera architetta del piano ucraino costato $5 miliardi, dichiarò lei stessa, di cui venne resa nota la telefonata in cui mandava esplicitamente a farsi fottere gli europei.

    Dmytro Yarosh, vice Segretario per la Sicurezza Nazionale. Leader di Pravy Sektor, sovrintende le forze armate con Parubiy. Pravy Sektor include il gruppo di estrema destra Patrioti dell’Ucraina e i paramilitari di UNA-UNSO (ne parliamo più avanti). Nelle loro insegne ci sono rune naziste, svastiche e altri simboli nazi.

    Oleksandr Sych, vice Primo Ministro. Sych è membro del partito Svoboda

    Ihor Shvaika,ministro dell’Agricoltura, idem

    Andriy Mokhnyk, ministro dell’Ecologia. Mokhnyk di Svoboda è vice leader.

    …e in parlamento,capi dei battaglioni di milizie che seminano terrore nell’Est. Squadre di volontari/mercenari che affiancano/surrogano esercito regolare di Kiev e Guardia Nazionale nella guerra etnica contro i cosiddetti “separatisti filo-Russi “. Sarebbero 34 o 50 e conterebbero varie migliaia di militi, 7000 solo il Dniepr secondo AFP.

    Oleg Lyashko, capo del Radical Party che porta anche il suo nome, nonché del battaglione “Shaktar”. Human Right Watch e Amnesty International ne hanno condannato le azioni nell’Est Ucraina, ma pure sequestri di persona e torture nei confronti di suoi concorrenti (video qui). Global Researchaggiunge accuse di stupri e di giovani volontari costretti a prostituirsi (video), sebbene Lyashko, che era un candidato alla presidenza, sia considerato un politico in ascesa.

    Sergey Melnichuk, comandante del battaglione “Aydar”dalle incerte sorti, deputato scelto da Lyashko.

    Andrij Teteruk, neo senatore e comandante del battaglione “Myotvorets” (=che porta la pace), milizia di polizia che “restaura l’ordine negli insediamenti liberati, li ripulisce dai criminali e dalle armi”, a suo dire. Tradotto: milizie punitive.

    Semen Semenchenko, nuovo senatore anche lui, il suo battaglione “Donbass” è responsabile di molti orrori contro i civili delll’Est.

    Yuri Bereza, neo senatore, comanda il battaglione“Dniepr1” finanziato da Ihor Kolomoysky, il potente oligarca banchiere 2° o 3° più ricco del paese, da poco nominato governatore di Dniepropetrovsk. Kolomoysky, passaporto ucraino, cipriota e israeliano, avrebbe pianificato e finanziato il massacro di Odessa in cui sono stati torturati, mutilati e infine bruciati 37 civili, 19 dei quali ebrei. Il battaglione pullula di svastiche e mercenari Neo-Nazi. “Animali neonazisti”, li ha bollati l’assistente dell’oligarca.

    Andrij Biletsky, capo dei gruppi neo-Nazisti Assemblea Social-Nazionale e Patrioti dell’Ucraina è il fondatore e comandante del battaglione “Azov”, il più tristemente noto. Responsabile di rapimenti, stupri, torture e assassini di civili nella regione del Donbass ma anche a Mariupol dove è basato, fra i suoi emblemi oltre a rune e svastiche (viste in tv pare abbiano impressionato molto i tedeschi, per il WashingtonPost sono romanticherie giovanili) c’è il simbolo occulto del Sole Nero usato dalle SS naziste.

    Circa 500 uomini, “apertamente neo-Nazisti” li definì Foreign Policy in un pezzo di agosto dedicato al battaglione (ma forse sono be di più), alla pari degli oltre 50 “battaglioni punitivi”, unità paramilitari che combattono nell’Est. L’”identità europea” propugnata dall’ideologo Odnorozhenko è molto diversa dal liberalismo americano ed europeo, osserva FP. Biletsky propugna apertamente la superiorità Ariana. “La storica missione della nostra nazione in questo momento critico e guidare le Razze Bianche del mondo in una crociata finale per la loro sopravvivenza” ha detto alTelegraph (ripreso qui da Consortiumnews in un post che linka i grandi media come NYTimes ecc, che finalmente a settembre si accorgono dei neo-Nazi in Ucraina.

    articolo di La Stampa, 30-11-14

    Piace a 1 persona

  8. De Luca in Campania è un Padre Padrone, che ha creato un Sistema di Potere molto efficace e…discutibile ( Sanità in primis). È arrogante e spietato verso chi gli mette i bastoni fra le ruote. Ma…l’ho votato 2 volte. E non ne sono pentito. Per 2 motivi. È capace, sa far funzionare la macchina amministrativa regionale, è un decisionista quindi non rinvia le cose alle calende greche. Fa. E non male. Poi, secondo, è un uomo libero. Proprio per il suo Ego smisurato, non è alle dipendenze di nessuno. Ed infatti se parla di Guerra in Ucraina parla da politico libero, razionale, e contesta la vulgata imbarazzante dei cialtroni guerrafondai da “tutto il Bene di qua tutto il Male di là”. Io stimo Travaglio, e sono convinto sia il miglior giornalista italiano. Ma da sempre sono in dissenso con lui su 2 suoi giudizi su uomini politici. Su Craxi, che non può essere liquidato come un Brigante ( in parte lo fu, ma c’è molto altro) e su De Luca.

    "Mi piace"

  9. “che però deve spiegare agli eventuali elettori l’asservimento alla Nato.”

    Leggasi “eventuali” con l’intonazione di Troisi mentre dettava la lettera: “scusate le volgarità… Eventuaaal”

    Piace a 1 persona

  10. •The Dive with Jackson Hinkle
    •Patrick Lancaster

    Sono due canali YouTube che offrono contenuti di alto livello riguardo la guerra in Ucraina, entrambi con sottotitoli in italiano. Gli ultimi video di Patrick Lancaster da Mariupol offrono elementi interessanti, con testimonianze strazianti. Evito di postarli perché ci sono anche (brevi) inserti 18+. Una cosa è certa: la quasi totalità dell’informazione italiana ci vuole con l’anello al naso.

    "Mi piace"

  11. Mi piacerebbe trovare almeno una cosa buona che il draghetto abbia fatto per noi in un anno di governo.
    Niente.
    Per quanto mi sforzi vedo solo il NULLA più assoluto.
    Per favore smentitemi e fatemi notare se ho scordato qualcosa.
    Se invece parliamo di minchiate la lista è lunga e il draghetto si contende lo scettro di peggior premierino nostrano insieme a prodi e monti.
    Domanda…..
    Ma se non se ne va da solo non c’è un modo per licenziato in tronco????

    Piace a 1 persona

  12. per chi vuole riflettere sulla nostra democrazia,
    in cui una persona è chiamata a decidere
    PER TUTTI
    senza esserne “veramente” investito dalla volontà popolare.

    "Mi piace"

  13. A Kiev si danno la zappa sui piedi.Ma quando mai un esercito criminale russo in 45 giorni di invasione subisce 20.000 perdite di soldati e solo poche migliaia di vittime civili ucraine perdono la vita??? O si sparano tra di loro e gli ucraini sono fantasmi oppure gli ucraini sono solo pallisti frottolai.Non si può credere a nessuna notizia, ci prendono tutti per il culo,giornali televisioni e capi della comunità”cristiana”, quindi” pacifica” , Ucraina in Italia, belli grassi e in carne alla faccia dei morenti di fame in Ucraina.

    "Mi piace"

  14. Il presunto massacro di civili dell’esercito russo a Bucha è stato effettivamente un evento sotto falsa bandiera organizzato da nazisti ucraini?
    Di Evan Reif- 6 aprile 2022 30

    Evan Reif è nato in una piccola città mineraria nel South Dakota occidentale, figlio di un minatore e di un bibliotecario.

    Le lotte di suo padre come organizzatore sindacale e le lotte della comunità contro la deindustrializzazione hanno alimentato il profondo interesse di Evan per la politica di sinistra. Questo, insieme al suo amore per la storia, lo rese un convinto antifascista.

    Articolo lunghissimo, da leggere
    https://covertactionmagazine.com/2022/04/06/was-alleged-russian-army-massacre-of-civilians-at-bucha-actually-a-false-flag-event-staged-by-ukrainian-nazis/

    "Mi piace"

  15. L’Italia mi ricorda quella giovane orfana che avendo ereditato un grosso patrimonio si è ritrovata previti come incaricato dal tutore della vendita di villa San Martino, che la vendette a berlusconi, a un prezzo pari circa a un trentesimo del suo valore reale.

    Noi, orfani, impotenti e inconsapevoli, ci ritroviamo a gestire le ricchezze del paese, il ragionier draghi, che prende ordini e stipendio da personaggi nascosti, e che ha il solo scopo di svendere tutto a loro per poco più di nulla

    Piace a 1 persona