Il Festival di San Lecco

(Il Festival di San Lecco – di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Non so, voi, ma io non sto più nella pelle perché il sermone di Sergio Bis ha avuto 55 applausi (di cui 19 standing ovation) in 37 minuti, manco fosse Dimartedì, con 18 citazioni di “dignità”, 16 di “Italia”, 11 di “Paese”, 10 di “istituzioni”, 9 di “Repubblica”, nessuna di “vitalizio” ma era sottinteso. Del […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

77 replies

  1. Il Festival di San Lecco

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Non so, voi, ma io non sto più nella pelle perché il sermone di Sergio Bis ha avuto 55 applausi (di cui 19 standing ovation) in 37 minuti, manco fosse Dimartedì, con 18 citazioni di “dignità”, 16 di “Italia”, 11 di “Paese”, 10 di “istituzioni”, 9 di “Repubblica”, nessuna di “vitalizio” ma era sottinteso. Del resto, come dice Mario(lina) Sattanino, l’Italia tutta sognava il Bis come dimostrano le ola preventive della Scala di Milano e del San Carlo di Napoli, noti specchi del Paese reale insieme al Circolo della Caccia e al Club del Polo. Insomma, per dirla con Beppesergio Severgnini, “Mattarella è una rockstar”. Infatti, pur in assenza, era l’ospite d’onore della terza serata di Sanremo, dove Amadeus gli ha fatto suonare Grande grande grande perché “abbiamo saputo che lei nel 1978 fu tra i fortunati spettatori dell’ultimo concerto di Mina e vogliamo dedicarle una canzone che rappresenta bene quello che pensiamo di lei”. La canzone, per la cronaca, dice “Sei peggio di un bambino capriccioso, la vuoi sempre vinta tu. Sei l’uomo più egoista e prepotente che abbia conosciuto mai”, e parrebbe più consona a SuperMario trombato sulla via del Colle che al rieletto SuperSergio. Ma per fortuna nessuno l’ha cantata e son rimaste le note, insieme alla gratitudine per la diva che disse “mi ritiro dalle scene” e poi lo fece per davvero e, quando qualcuno provò a farle cambiare idea, lo rispedì al mittente, anziché rimangiarsi tutto per il nostro bene. Ma Mina, quando dice una cosa, la fa: è una cantante, mica uno statista.
    Ieri Sergio Rockstar ha chiamato commosso Amadeus per complimentarsi dei complimenti a sé medesimo e Amadeus s’è commosso per i complimenti ai suoi complimenti, ma anche per il prefisso telefonico: “Quando ho visto lo 06 prefisso di Roma non volevo crederci” (pensava che il Quirinale fosse sulle Isole Andamane). Le lacrime del complimentante e del complimentato si mescolano alle salive della libera stampa, in un Festival di San Lecco più sfrenato di un rave party (anzi, di un bave-party). Come se Sergio Rockstar fosse una promessa di Sanremo Giovani e non lo stesso che già tutti leccano da sette anni. “L’agenda Mattarella”, “Il memorandum” (Corriere). “Mattarella incoronato”, “Decalogo etico di un Presidente”, “Napolitano-Mattarella, il bis è diverso” (La Stampa, che peraltro trovò divino anche il bis di Re Giorgio). “L’Italia della dignità”, “Dal Colle la spinta a Draghi” che “potrebbe inaugurare un nuovo format” (Rep), magari per il Dopofestival. “Mattarella fa giustizia” (Giornale). Intanto la Lagarde manda lo spread alle stelle, ma niente paura: è Drusilla Foer. Peccato solo per quei guastafeste dei 433 morti di Covid, che non si fanno mai i fatti loro.

    Piace a 6 people

      • Credo che la maggioranza dei cittadini italiani che tirano sul serio la carretta, muoiono sul lavoro, non arrivano a fine mese, non riescono ad andare una volta ogni sette anni dal dentista, devono curare le loro famiglie, non solo con le medicine, quelli che non fanno applausi e richieste di bis nei lussuosi teatri dello stivale et. etc.. siano d’accordo con Marco Travaglio, coscienza nazionale del BUON GOVERNO e del MAL GOVERNO, possano sottoscrivere ogni parola di questa nitida fotografia dell’ITALIA NOSTRA.

        "Mi piace"

    • I venerabili vengono venerati. La marmaglia di filibustieri con la servitù fatta di nani ballerine e scribacchini si è ricompattata arruolando gli ex nemici battuti ma collaborazionisti del movimento (ormai fermo perchè morto). Mai na gioia !

      "Mi piace"

  2. Chapeau! Mt sempre al massimo massacro di questi peones ! E con giusta ragione ! Un vergognoso spettacolo di asservimento! Continuate a pagare il canone nella bolletta della luce ( senno ve la tagliamo !!) Anche e nonostante la eu la abbia bocciata ! I cadeaux di Renzi lo sceicco che non paga il riscaldamento della sua villa a piazzale Michelangelo gliela paga il suo amico ( hanno scavato un tunnel che arriva direttamente passando dal Gran Sasso insieme ai neurini della Gelmini !senza dimenticare un passaggio in Svizzera ) quando nella vita contano le buone relazioni che a volte passano dagli autogrill!!! E da due Babbi e una raclette !

    Piace a 5 people

  3. Manco fosse Dimartedi, 😂
    Speriamo la capisca Floris i finirla con quelle sequele di applausi farlocchi che ridicolizzano la sua trasmissione.

    Un velo pietoso, poi, per tutta quella rappresentazione patetica di Parlamento e Bispresidente.

    Piace a 2 people

  4. Nemmeno durante il ventennio si usavano per il duce simili torrenti di saliva, e persino Starace forse avrebbe avuto il buon gusto di limitarli. Ma possibile che , aparte MT ed i 4 gatti che deambuliamo nei suo intorno, nessuno dà segni di insofferenza ,sia pur timidi, per comportamenti di viscida ammirazione per come uno dei momenti salienti della vita della Repubblica è stato convertito in una squallida pantomima?

    Piace a 3 people

  5. Il discorso sull’unicità di Drusilla è stato per me come un canto di vittoria che celebrava tutti i miei diritti di essere quella che sono. Il suo discorso è stato molto più ampio di una mera rivendicazione sessuale. Per me che da tutta una vita mi sento diversa mentalmente da tanti, che sono costretta a non parlare delle mie visioni per non essere presa per pazza e che soprattutto sono vista come una aliena da mia figlia che non mi capisce e non mi sopporta per cui non posso parlarle di niente, la mia diversità mentale è stata una sofferenza continua e il discorso di Drusilla mi ha dato una spinta nuova, mi ha fatto essere fiera di me stessa e nel diritto di essere come sono. Per me è stata una rivendicazione fortissima della mia unicità per cui le sono enormemente grata di quello che detto con forza, passione e autoironia, la cosa più forte e bella mai sentita in tv da sempre, una cosa tanto bella che la metterei in Costituzione.
    Vi ricordate i gigli di Van Gogh, tutti viola meno uno bianco, ripresi da Jodie Foster nel suo film ‘Il mio piccolo genio’? Il diritto di essere diversi senza per questo essere derisi, messi in dubbio, penalizzati… vorrei tanto farlo capire a mia figlia che dice sempre che io mento solo perché sono diversa da lei e lei non ha avuto le esperienze che ho avuto io. L’unicità distrugge ogni discorso sulla diversità, ma la diversità non è solo un discorso psicologico, è un discorso di potere.
    Il potere tende a distruggere l’unicità per renderci una massa di uguali per poterci dominare meglio. Se tutti la pensiamo allo stesso modo, saremo come un gregge di pecore. Ma se ognuno penserà con la propria testa ed esprimerà se stesso per come è, aprirà una nuova via di libertà. Gianroberto lo aveva detto che uno vale uno, non nel senso che ogni elettore esprime un voto ma nel senso che dovrebbe essere il libero pensiero di ognuno a creare la democrazia, ma il dirigismo dittatoriale di Grillo e il conformismo debole di Conte hanno disperso il messaggio primitivo e hanno sparire la democrazia diretta come partecipazione dal basso, trasformandola in ubbidienza a ciò che sta in alto. Il mondo è così diviso tra servi e liberi. I servi sono coloro che hanno bisogno di appoggiarsi a qualcuno perché hanno paura di pensare in proprio, possono essere indifferenti o fanatici, in entrambi i casi si rifiutano di avere un pensiero critico e soggettivo. I liberi sono coloro che tentano di vivere nel mondo come creatori di qualcosa di nuovo e onorano la propria diversità. Non fanno una cosa perché tutti la fanno, non pensano qualcosa perché tutti la pensano. Non si omologano, non si massificano.
    Citazioni: La nostra unicità è il dono più prezioso che abbiamo.
    Ogni persona è un essere unico e di fatto, preso di per se stesso, la più grande opera d’arte di tutti i tempi.
    Se Dio avesse voluto la massificazione ci avrebbe fatti tutti uguali, come le formiche, o le api. Non ci avrebbe dato il pensiero né il libro arbitrio. Per cui fare come fan tutti ed essere come il potere ci vuole è la massima offesa che potremmo fare a noi stessi.
    Tutti nascono unici, solo alcuni continuano ad esserlo. Sii dunque te stesso. Un originale vale più di una copia.

    Viviana Vivarelli

    Piace a 3 people

    • Non sentito il discorso di Drusilla, in genere Sanremo non lo guardo perchè mi pare la fiera delle vanità. Però varrà la pena ascoltarla, questa Drusilla se anche tu ne fai l’elogio.
      Quello che mi stupisce della tua “diversità” è che affermi di sentirti diversa “mentalmente” e questo fatto mi pare normale, nel senso che ognuno di noi si sente diverso da un altro nel modo di pensare e di vivere le esperienze. Se poi hai delle “visioni”, intese come premonizioni, potresti essere dotata di poteri che non tutti possiedono, ma che alcuni hanno e usano (medium o sensitivi). Insomma, bisogna fare attenzione a mio avviso a non fare un motivo di vanto della propria diversità altrimenti si rischia la megalomania.

      "Mi piace"

  6. Allora: ieri il tg1 era tutto pimpante perché i contagi sono sotto 100 mila, segnatamente 99mila.
    Peccato che ci fossero 250 mila tamponi in meno.
    Peccato che le file davanti alle farmacie sono ancora interminabili.
    Peccato che a ‘sto giro si sono infettate persone (di mia conoscenza) attentissime.

    P.s. I morti li hanno spiegati: sono 433 perché sono mal contati. Si ostinano a contare pure che ne so? Chi muore di cancro: ma se tanto doveva morire non è mica covid. Sotto il governo Conte era covid, oggi è cancro.

    "Mi piace"

    • E il bello, cara Paola (scusa la confidenzialità bonobesca) è che questi discorsi x 2 anni li hanno fatti pesare come teorie novax e negazioniste del COVID.

      Adesso li vedi che dicono che hanno sbagliato a conteggiare i morti.

      EPPURE, nel 2020 l’Italia ha avuto 75.000 morti COVID e eccesso di mortalità di 100.000, quindi sono errori che portano al 25% in meno di casi.

      Chissà se li avessero conteggiati correttamente.

      Clint direbbe: Clyde, gira a destra!

      "Mi piace"

    • Purtroppo sono stati contati in qualche modo anche sotto Conte. So di morti in incidente d’auto catalogati come morti Covid, ad esempio. Il mio sospetto è che Conte abbia avallato questo gonfiamento di dati per ottenere più soldi dall’UE. Il suo grosso errore è stato pensare che li avrebbero fatti gestire a lui.

      "Mi piace"

      • Come quando nel settembre 2020 aggiunse dieci decine di migliaia alla cifra dei morti già pompata per i motivi da te esposti? Poi scusa, fammi capire: se i picci li avessero fatti gestire a lui, il mezzo avrebbe giustificato il fine? Cioè: l’errore da lui commesso sarebbe, per come è finita, peccare di “ingenuità”?

        No, dico, ma stiamo scherzando?

        "Mi piace"

      • Pirgo, onestamente non credo che quel genere di morti incida molto sul totale, credo invece che sia compensato da quanti muoiono a casa non diagnosticati.
        Viceversa se uno che ha un cancro o il diabete si prende il covid e muore un giorno prima di quello che il decorso della sua malattia prevedeva, ebbene per me è morto di covid.
        Stavolta però a differenza di quanto stanno facendo e dicendo per rassicurarci trovo molto molto difficile riuscire a proteggere me per poi proteggere altri. Si sono contagiati davvero tutti. E queste rassicurazioni amplificate da tg e giornaloni stanno solo peggiorando la situazione.

        "Mi piace"

  7. Parlare di Istituzioni senza parlare di “restituzioni”. Ma capisco che Mattarella non dira’ mai ” A ladriiii!”

    "Mi piace"

  8. L’articolo di Travaglio è spassoso, non c’è dubbio. Però continuo a non vedere l’alternativa che il medesimo T. vorrebbe proporre. Si tratta di Conte e di una parte del fu M5S? Un po’ debole, mi pare, visti anche i sondaggi (se vogliamo dargli credito). Aggiungo che la fantomatica base di cui ha parlato T. a “Otto e mezzo” probabilmente non esiste affatto e ci sono solo cani sciolti che la pensano in modo diverso su tutto. Non solo, al momento il Pd ha riguadagnato consensi ed era, a mio modesto avviso, uno dei nemici da battere. Quindi quella di T. è un’adesione sentimentale a ciò che fu e non esiste più. Lo inviterei a prendere atto della realtà e formulare ipotesi alternative a quelle offerte finora.

    "Mi piace"

    • Non ha riguadagnato consensi, e’ semplicemente aumentata la percentuale perché diminuisce il numero di coloro che espromo il loro voto. In termini assoluti le intenzioni di voto favorevoli al PD sono sempre uguali questo è successo a Roma. Gualtieri ha preso meno voti di quanto prese Giachetti nel 2016, però Lettino ha parlato di trionfo pur essendosi presentati alle urne 200 mila elettori in meno rispetto al 2016.

      Piace a 1 persona

  9. anche il virus è unico con le sue mutazioni mai uguali a se stesse, ma non puo vivere per conto proprio ha bisogno di essere ospitato e qui riprodursi per poi distruggere la casa di chi lo ospita..in natura nessun originale vale piu di una copia nell’uomo come nel virus.. i replicanti sono sempre piu adattati a vivere dell’originale .Ecco perche Mattarela bis non è lo stesso del primo Mattarella cosi come il governo Draghi non è uguale al post governo Draghi del Mattarella bis.. cos’è cambiato? .. semplice non sono copie di se stesso ma varianti politiche adattate alle scelte di un parlamento sempre piu appiattito sul “cicero pro domo mea” e sulle lobby ..e sull’ipocrisia del politically correct dei vari sermoni che vengono propinati via etere, via cavo e mezzo stampa. Sul discorso sull’unicità di Drusilla (signora Viviana)che non ho ne ascoltato ne letto lascio l’ ultima parola alla TOLLERANZA quella non di Voltaire ma di John Locke che nella celeberrima “Lettera sulla tolleranza” condannava tutte quelle” Chiese” che tentano di imporre il proprio culto agli altri..In natura darwinianamente parlando cio non avverrebbe se non per selezione naturale di nuove copie sempre piu adatte al cambiamento

    Piace a 1 persona

    • “i replicanti sono sempre più adattati a vivere dell’originale”

      veramente questa è una balla spacciata per verità ad inizio del 900, ma già smentita
      basta vedere l’ultima mutazione dell’ADIS
      dove bisogna prendere le persone infettate sin da subito altrimenti, se un poco dopo,
      non hanno neppure più la possibilità di sopravvivenza data dai farmaci che avevano
      quelli con la mutazione precedente.

      "Mi piace"

      • Egr. sig Bo mi spiace contradirla da biologo evoluzionista le faccio notare che non tutte le mutazioni sono letali, moltissime sono indifferenti poche epigeneticamente vantaggiose.. se la variabilità si stabilizzata indica che la mutazione e vantaggiosa ..qui non siamo “al collo di Bottiglia” esempi di mutazioni letali sono infinite la malaria uccide ma selezione anche varianti cromosomiche sane eterozigote da carenza g6pd non solo ma chi è affetto da G6pd ha microciti resiste al plasmodio.. cosi giusto per portarle un esempio. infine oltre alla genetica molecolare genetica , citogenetica ,genetica di popolazione genetica umana esiste anche una nuova branca detta epigenetica per avere una idea di come avviene evoluzione

        "Mi piace"

      • Grazie Pierluigi, non so che hai scritto ma mi fido ciecamente!

        P.s.
        Ahia!
        Il bolognese oggi le prende e le porta a casa!

        "Mi piace"

  10. Cara la ns VV quando viene il momento di votare chi decide la maggioranza o la minoranza?
    O decidono solo i visionari come te?

    "Mi piace"

  11. Non so…..
    Non guardo sanremo dal 1985.
    Credo che se ( ovviamente solo costretto con le spalle al muro e una pistola puntata in faccia) dovessi scegliere tra guardare il festival o 48 ore consecutive di grande fratello sceglierei sicuramente la seconda possibilità.
    E ho detto tutto.

    "Mi piace"

  12. Non credo che Mattarella si meriti le legnate di Travaglio. Non credo che Mattarella volesse essere rieletto. Come non credo che Draghi, come ripete ovunque Travaglio, sia lo sconfitto delle elezioni presidenziali.

    Piace a 1 persona

  13. Non ricordo di aver mai visto il Festival di san Remo, neppure durante la mia giovinezza (già allora coltivavo altri interessi) ma, dal momento che è diventato impossibile ignorare il “fenomeno Drusilla”, ho dedicato undici minuti del mio tempo per ascoltare la sua ultima “Lectio Magistralis”. Il soggetto, un signore piuttosto anziano che indossa abiti femminili, dimostra di possedere una buona conoscenza della lingua italiana (cosa decisamente inusuale) grazie alla quale ha reiterato un unico concetto “dal momento che siamo diversi gli uni dagli altri dovremmo confrontarci in modo pacifico”. Mi riesce difficile immaginare un’affermazione più banale di questa e trovo assolutamente incomprensibili i fragorosi applausi che hanno intercalato ogni reiterazione del medesimo concetto.
    Per quanto riguarda le signore che si ritengono talmente “diverse” da non dover neppure sottostare alle Leggi che regolano il mondo, Leggi certamente soggette ad essere riformulate e modificate ma esclusivamente da parte di quella “comunità scientifica” che le sottopone ad una rigorosa analisi e ad una “verifica sperimentale”. Questa è l’unica differenza tra le “vuote speculazioni” di un filosofo e le “verificabili ipotesi” di uno scienziato.
    Il meme comunemente identificato con il vocabolo “dio”, non rientra evidentemente tra queste “verificabili ipotesi”, siamo stati noi a crearlo e non viceversa! Il “pensiero” del quale andiamo tanto fieri è un semplice “sottoprodotto” di quel cervello che l’Evoluzione ha sviluppato al fine di permettere un più rapido adattamento alle condizioni ambientali, incomparabilmente più veloce di quello genetico. Noi non siamo neppure il “vertice” del processo evolutivo ma solo uno dei tanti rami casualmente sviluppatisi, se “riavvolgessimo il film dell’evoluzione” è assolutamente certo che noi non esisteremmo neppure! Siamo il risultato di un tale numero di “eventi casuali” che potremmo anche essere effettivamente “unici” nell’intero Universo ma questa non è la dimostrazione della nostra “grandezza” ma, al contrario, della nostra “insignificanza”, dal momento che ogni altro “ramo” è “unico”!
    Bisogna avere sempre una mente aperta, ma non così aperta che il cervello caschi per terra. Aforisma citato da molti autori ed attribuibile, forse, a James Randi.

    "Mi piace"

    • “Siamo il risultato di un tale numero di ‘eventi casuali’…”:

      con il che, il “Principio di ragion sufficiente” che le “vuote speculazioni (poveraccio, ndr.)” filosofiche hanno sempre sostenuto, va in vacanza per lasciar posto alla scienza con l’H!

      Non pretendiamo che lo scienziato, lamarckiano, darwiniano, marktwainiano che sia, e le sue “verificabili ipotesi” ne capisca la portata, sarebbe pretendere l’impossibile, ma in questo modo non si può più parlare seriamente di nulla, nemmeno del presunto “evoluzionismo”. Non si vede infatti come “casualmente” ci possa essere necessariamente, in un dato lasso di tempo, solo un miglioramento e non, che so, un peggioramento, come il Secondo Principio della Termodinamica, sommessamente, parrebbe suggerire.

      Ma si sa, quando le “verificabili ipotesi” non collimano col proprio sentimento e pregiudizio, non le si vuole proprio verificare e si passa a cose più “serie”…

      "Mi piace"

  14. Da Rep:

    Quirinale, l’agente immobiliare di Mattarella: “Ho affittato io la casa al presidente. Caparra incassata, per me uno vale uno”

    Ah ah ah!

    "Mi piace"

  15. Cara Adriana
    se la mia diversità mentale si limitasse alle opinioni non avrei scritto il mio post, non credi? O avrei detto delle banalità.
    Tu non hai la più pallida idea di come il funzionamento di certe menti possa essere diverso da quello dei più. Ma se cercassi di spiegartelo divideresti il mondo tra sani e folli o evocheresti roghi e esorcisti e mi andrebbe anche bene se tu non cercassi di lobotomizzarmi come faceva la cara Rosy Bindi quando era Ministro della salute e appoggiava l’elettroshock. Io con quelli come te neanche mi ci metto.A lavare la testa all’asino si perde il tempo l’acqua e il sapone.

    "Mi piace"

    • Viviana, sinceramente non capisco perchè ti offendi. Non sono certo io che evoco esorcisti o roghi , nè divido il mondo in sani e folli. Forse non ho proprio capito che cosa tu volessi dire. Quanto all’elettroshock, dovresti sapere che talvolta ha funzionato (per es. ne fece uso la Marta Marzotto). Se il tuo problema è la depressione perchè non dirlo a voce alta? Ne soffro anch’io e non mi vergogno più. Ma, come vedi, tu che sei di mente tanto aperta mi consideri un asino … Ma ti ringrazio lo stesso perché anche gli animali, che noi ignoranti consideriamo tutti uguali, in realtà sono diversi gli uni dagli altri a seconda del carattere.

      "Mi piace"

  16. Caro Seve
    la storia dovrebbe insegnarti che spesso non sono state le maggioranze a segnare i tempi ma visionari come Gandhi. Budda, Maometto, Einstein, Pasteur, Kant, Locke, Jung… che videro qualcosa che nessuno vedeva e poi lo trasformarono in conoscenza per tutti.
    Ci sono molti modi per intendere le visioni. Furono una visione anche il modello dell’atomo di Bohr o l’intuizione di Fleming sulla penicillina o gli algoritmi matematici di Ramanujan.
    Ma che te lo dico a fare?
    C’è una storiellina che mi viene sempre in mente: il calabrone ha una struttura talmente negata al volo che non potrebbe nemmeno sollevarsi da terra. Ma lui non lo sa e vola.
    Si dice che solo il 10% del nostro cervello viene usato e questo quando va bene.
    Io ho avuto un ictus che mi ha distrutto quasi tutto il cervello sinistro, che presiede principalmente al lavoro razionale e deduttivo. Secondo i medici, con una lesione neuronale così grande, non dovrei nemmeno pensare o parlare, dovrei essere un vegetale. Ma come vedi, io non lo so, e volo. 🙂

    Piace a 1 persona

  17. Se la selezione naturale conservasse solo i più adattabili, la storia dell’uomo intesa come continuo progresso nemmeno esisterebbe, tenderemmo al mondo della formiche. Per nostra fortuna sono le personalità anomale ad essere spesso emergenti e a influenzare le sorti dell’umanità. I momenti più bui nella storia dell’umanità sono quelli di più alta massificazione. E’ quando dalla massa si staccano pensieri alternativi che c’è speranza di un balzo in avanti.

    "Mi piace"

    • Nella scienza, come nella vita, vige il metodo dell’apprendimento per prove ed errori, cioè di apprendimento dagli errori. L’ameba ed Einstein procedono allo stesso modo:per tentativi ed errori e la sola differenza rilevabile nella logica che guida le loro azioni è data dal fatto che i loro atteggiamenti nei confronti dell’errore sono profondamente diversi.Einstein, infatti, diversamente dall’ameba cerca consapevolmente di fare di tutto,ogni qualvolta gli capiti una nuova soluzione, per coglierla in fallo e di scoprire in essa un errore:
      egli tratta o si avvicina alle proprie soluzioni criticamente. Egli cioè assume un atteggiamento consapevolmente critico nei confronti delle proprie idee, cosicchè mentre l’ameba morirà a causa dei suoi errori, Einstein soppravviverà proprio grazie ai suoi errori.”
      Karl Raimund Popper, da Epistemologia, razionalità e libertà, 1972.Cio che Popper non dice è credo non sappia e che Einstein e l’ameba entrambi sono in balia degli errori casuali e che le loro mutazioni non avvengono seguendo la logica umana ma sono semplici tentativi di sopravvivenza a volte inutili(letali) a volte puntiformi ed indifferenti, a volte vantaggiosi .Sono tentativi dell’apprendista stregone (la natura) che grazie al suo un continuo errore cresce e si perfezione(adattamento) . parafrasado Einstein E’ il caso di dire che Dio non gioca a dadi con la logica ma randomizza l’ evoluzione

      "Mi piace"

      • “…cosicchè mentre l’ameba morirà a CAUSA dei suoi errori”:

        ma come, non era tutto un CASO?

        Ma allora le “vuote speculazioni” (cit.) sul “Pricipio di ragion sufficiente” dei poveri filosofi, non sono poi così vuote come si vuole far credere, né così “speculazioni” come parrebbe, se confrontate con le “verificabili ipotesi” degli scienziati con l’H!

        Insomma, mi non vorrà mica dire che, per CASO, tutto questo cancan evoluzionistico non si riduce infine che a una pura e semplice Petizione di principio, vero?

        Mi risulta infatti che la Teoria (si fa per dire) evoluzionistica, nella fattispecie Trasformistica, sia una di quelle non falsificabili, quindi: come la mettiamo?

        "Mi piace"

  18. Caro Mark Twain
    immagino che tu andrai d’accordo con una certa Levi Montalcini che asseriva che il pensiero era un epifenomeno (cioè un prodotto secondario) del cervello così come il sudore lo è della pelle. Per me questa credenza è una bestemmia. Molte persone ti possono affermare che è vero esattamente il contrario, che la materia cerebrale è usata dal pensiero così come un telefono può essere usato dal suo proprietario e che il pensiero può esistere benissimo e anche meglio fuori dal corpo o in assenza di esso così come l’energia di un farmaco può accrescersi con la diminuzione della sostanza materiale che ne fa da portatore. Ma il modo con cui alcuni sono stati immediatamente ‘urtati’ da un accenno a una modalità diversa del mentale fa prova di quanto i nostri pregiudizi ci imprigionino e ci rendano difficili il capire impostazioni diverse. Questo rende ancora più valido e forte il messaggio di Drusilla che per alcuni è una apertura di coscienza, per altri una blaterazione insignificante.

    "Mi piace"

    • Cara Viviana,
      Conosco la posizione della Levi Montalcini, una tra le tante proposte che ho preso in considerazione. Volendo rimanere su di un piano abbastanza “sicuro” è solo possibile affermare che l’evoluzione ha “utilizzato” il cervello al fine di garantire una risposta migliore alle mutazioni ambientali. Il colossale salto evolutivo rappresentato dalla transizione tra una comunicazione “gestuale” ad una “verbale” ha sicuramente influito sull’evoluzione del nostro cervello, per non parlare della “trasposizione” del linguaggio su “supporti esterni” (scrittura). Non è ancora noto “quando” sia comparsa la coscienza, in effetti “cosa” sia la coscienza è forse il più grande problema irrisolto (il “problema difficile” di David Chalmers) e quale sia il “reale” vantaggio evolutivo che fornisce. Per alcuni si tratta di una semplice “simulazione” prodotta dal cervello stesso. Personalmente sono convinto della stretta correlazione tra pensiero e linguaggio ma non ho ancora escluso l’ipotesi di un pensiero disgiunto da un cervello pensante, anche se questa ipotesi richiederebbe un “cambio di paradigma” radicale. Se si abbandona il metodo scientifico il rischio, anzi la certezza, che si corre è quella di perdersi in “vuote parole”, il medesimo dubbio che tormentava Faust (le “vuote parole” di Drusilla).
      Comunque mi sembra strano che i neurologi che ti hanno seguita ignorassero il fatto che un solo emisfero può essere sufficiente a condurre una vita “quasi” normale, oltre alla residua plasticità del tessuto cerebrale (molto dipende sicuramente dall’età che avevi al momento dell’ictus).

      Piace a 3 people

      • “Non è ancora noto “quando” sia comparsa la coscienza, in effetti “cosa” sia la coscienza è forse il più grande problema irrisolto…”: sarà un CASO?

        Ah ah ah!

        E rimarrà tale, ne puoi star certo…

        "Mi piace"

  19. Quando si parla di coscienza e pensiero individuale, del valore/diritto alla unicità e diversità di ogni individuo, bisognerebbe considerare il contesto sociale e” culturale” in cui questo indiscutibile valore è inserito e se tale contesto lo abbia incentivato o soffocato fino alla sua eliminazione. Da due secoli è iniziata” l’ era delle folle ” ed i meccanismi di influenza , manipolazione e controllo per un progressivo ” annullarsi della personalità cosciente e l’ orientarsi dei sentimenti e dei pensieri verso una medesima direzione. I signori del mondo, i fondatori di religioni. ..gli uomini di Stato possiedono una conoscenza istintiva dell’ anima delle folle, e di questa sono diventati facilmente i padroni. La psicologia delle folle dimostra come queste siano incapaci di avere un’ opinione qualsiasi al di fuori di quelle suggerite da altri. …..in determinate circostanze un agglomerato di uomini possiede caratteristiche nuove ben diverse da quelle dei singoli individui che lo compongono…e sotto l’ influenza di certe emozioni, possono acquistare le caratteristiche di una folla psicologica. …dove gli individui che la compongono, indipendentemente dal tipo di vita, dalle occupazioni, dal temperamento o dall’ intelligenza, acquistano una sorta di anima collettiva e tale anima li fa sentire, pensare ed agire in un modo del tutto diverso da come ciascuno di loro, isolatamente, sentirebbe, penserebbe ed agirebbe.” (G.Le Bon Psicologia delle folle)
    Chi ha il controllo/potere dei meccanismi di influenza e manipolazione delle folle, controlla anche l’ individuo e la diversità risulta un’ impresa quasi impossibile, se non eroica!

    Piace a 1 persona

  20. Sanremo è una specie di leopolda della canzone, e non da ora, da circa mezzo secolo.
    Celebra un mondo che non esiste, con finto entusiasmo.
    Non serve a lanciare belle canzoni nuove, ma solo a tagliare le gambe a chi partecipa, che si ritrova con un bel po’ di soldi più di prima, ma perde il suo eventuale lato artistico, trasformandosi in un prodotto.
    Prodotto che dura finchè dura la pressione mediatica che per una settimana non parla d’altro, e poi torna nel nulla.

    Ho letto che ha avuto ascolti record, ma mi ricorda tanto le % del pd a Roma nelle ultime elezioni, aumentate solo perchè è diminuito il numero assoluto di elettori.
    La TV è sul viale del tramonto e perde ascolti da anni. Ogni minuto che passa qualcuno l’abbandona per passare ad altri media meno passivi, e con contenuti vivi, non sempre la stessa recita melensa ripetuta all’infinito.

    Non credo che una sola persona in Italia abbia iniziato ora a seguire il festival, è solo un rito televisivo che ha un pubblico abbastanza fedele, per cui mentre gli altri programmi perdono più ascolti sanremo ne perde meno e cresce in proporzione. Il suo 50-60% di share testimonia che a guardare la tv c’è sempre meno gente. come il 50-60% di elettori del pd a Roma alle ultime elezioni.

    Sanremo è la vecchia gloria della TV, che ci investe un sacco di soldi, che è un po’ come ingaggiare rockstar per suonare sul Titanic.

    Chiunque riesce a salirci sopra si becca un secchio di monete d’oro o di visibilità, per cui c’è chi è disposto a tutto per accaparrarselo, e una volta dentro è rassegnato a dover leccare gli stivali ai potenti di turno, che presenziano come ad una parata militare, per ingraziarseli e sperare che li gradiscano anche per l’anno dopo.

    Non ho visto un minuto di sanremo, e credo di non essermi perso assolutamente niente, come sempre.

    "Mi piace"

  21. Sig.ra Viviana le valuta sempre il suo piccolo mondo filosofico-poetico trasgressivo ect ect– come il centro dell’universo continua a credere che l’ adattamento sia la condizione migliore in assoluto.Nulla di piu falso. l’adattamento è cio che consente all’individuo di qualsiasi specie uomo incluso di sopravvivere non perche è piu forte ne perche è piu intelligente ne perche conosce le lingue o la matematica ma semplicemente perchè in quell’ambiente necessitano dei cambiamenti tali in grado di farlo sopravvivere..questi cambiamenti posso essere strutturali ovvero d modificare la fisiologia e anatomia la biochimica in altre parole in genoma dell’organismo
    “Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia”.William Shakespeare

    "Mi piace"

    • E’ questo che mi piace di Infosannio:

      il proluvio di citazioni dotte che non c’azzeccano niente con l’articolo ma con qualche guerricciola al post sgradito lasciato da qualcun altro.

      Tanto per sostenere il proprio egocentrismo in maniera più compiuta che restare sull’articolo, il quale viene presto dimenticato da questi voli tra filosofia, scienza e religione.

      E ovviamente, notevoli le dichiarazioni snob di premessa (non ho mai guardato Sanremo: Sieeeeeeeee).

      "Mi piace"

    • “…credere che l’adattamento sia la condizione migliore in assoluto. Nulla di piu (sic) falso. l’adattamento è cio (sic) che consente all’individuo di qualsiasi specie uomo incluso di sopravvivere non perche (sic) è piu (sic) forte ne (sic) perche (sic) è piu (sic) intelligente ne (sic) perche (sic) conosce le lingue (non si direbbe, ndr.) o la matematica ma semplicemente perchè (sic) in quell’ambiente NECESSITANO dei cambiamenti tali in grado di farlo sopravvivere…” ;

      ma come: e il CASO? Ecco quindi che fa capolino quel Principio di ragion sufficiente di quel “piccolo mondo filosofico-poetico trasgressivo ect ect” (cit.) che più sopra avete fatto andare in vacanza a Cortina, per far spazio alla gente seria che lavora, produce, scopre, insegna.

      Sareste veramente uno spasso per avere ridotto il mondo a una comica, se non fosse che la tragedia da voi prodotta è di gran lunga la faccenda più imminente…

      "Mi piace"

  22. “Peccato solo per quei guastafeste dei 433 morti di Covid, che non si fanno mai i fatti loro.”

    Sì ma se si calcola l’orbita di Saturno e la si incrocia con quella di Nettuno si scoprirà con tutta evidenza che i 433 morti di ieri sono molti meno dei 433 morti di un anno fa.

    "Mi piace"

    • Sig. Gatto se lei non estrapolasse frasi da un concetti piu estesi forse capirebbe cio che scrivo… le consiglio di leggere un vecchio testo del premio nobel J. Monod “.il caso e la necessità .Monod ” che offre una teoria generale degli esseri viventi dall’ampio respiro culturale, nella quale un ruolo decisivo ha il «caso», l’evento fortuito che dà origine a una forma di vita, ma anche la «necessità» che traduce in miliardi di copie quel carattere, replicato secondo le ferree leggi della duplicazione genetica il resto lo fa la selezione naturale all’adattamento .la biologia è una scienza sperimentale non è una legge universale quindi soggetta a correzioni ed errori.
      NB i miei post sono riferiti a chi affermava che il cambiamento è legato al genio o alla trasgressività o i Drusilla vari ,fenomeni mass mediarti da Baraccone .. tutto il resto è classico gioco delle parti in un pubblico luogo virtuale

      "Mi piace"

      • Prima di tutto lei ha risposto a @ale; dopo di che io estrapolo quello che mi pare e piace (cit.).

        Consiglio per consiglio, gliene do uno anch’io: legga il libro “Gli stati molteplici dell’Essere” del bidello francese René Guenon…

        "Mi piace"

  23. M.Travaglio contro Draghi (partecipa anche la Guercioni) ridotto a Minimario:

    Travaglio contro Di Maio:

    Pure Scanzie scarica mini-Luigi:

    "Mi piace"

    • ”Fanno tutti finta di niente e fischiettano. Per un mese abbiamo visto un referendum, che era su Draghi, il referendum l’ha perso. E’ un premier umiliato, sconfitto, ed è Supermario, adesso diventato Minimario”

      ”Da quando c’é il governo Draghi ogni partito è infiltrato da draghiani, Di Maio, i giorgettiani, i lettiani, i forzisti, i lettiani del PD, Draghi ha utilizzato gli infiltrati per diventare presidente, ma ha fallito miseramente.”

      Travaglio contro Guerz(c)ioni:
      ”Di Maio ha impallinato sul più bello la Belloni… questa è la versione che dai tu (alla Guercioni che diceva che Di Ma voleva difendere la Belloni)… io dò la versione che ho visto… di Maio si è scatenato in vicinanza dell’accordo, i giornalisti cercano di cambiare quello che è successo, quello che è successo è che la Belloni è stata sul tavolo per un mese… senza alcun veto in tutti i partiti”

      ”a casa mia, dove vale la parola data, Letta, Meloni, Salvini e Conte si erano messi d’accordo, poi il giorno dopo si sono scatenati Di Maio, Renzi e Guerini… tutti gli appelli sul presidente Donna, quando era a portata di mano l’hanno impallinata”

      ”il PD ha anche messo una chat ‘domani votiamo Belloni’ (Guercioni smerxata)”

      ”a quel punto l’accordo è stato fatto ma è stato annullato in diretta”

      ”Di Maio è il partito draghiano nei 5S”

      ”quando tu accoltelli il tuo leader, facendo uscire sui giornaloni quel che il leader ha deciso, quando vedi Di Ma elogiato dai giornaloni, da Debeneddti, da Cassese, è evidente che è funzionale all’establishment, cosa che fa un pò ridere per un partito antisistema”

      ”i messaggi sono tutti autentici, Monica, non sono fake, io ho ricevuto 300 lettere tutte autentiche contro di Maio”

      "Mi piace"

  24. SM, io ieri sera ho guardato fino alla fine il festival di Sanremo e mi è pure piaciuto….mi avvalgo del mio sano egocentrismo per decidere di fare quello che mi piace, con buona pace del giudizio altrui! Questo vale anche per i commenti su un blog…..leggo quelli che mi interessano, senza o con citazioni dotte…

    "Mi piace"

    • Mica dicevo a te. Sopra sembra la partita tra Filosofi Greci e filosofi tedeschi (Viviana, ma non potevi postare qualche messaggio sui tuoi gattini? Almeno non spremevano così le meningi per risponderti sciorinando tutti i loro studi classici).

      "Mi piace"

  25. M.Travaglio (sul primo video), più o meno:

    ”Fanno tutti finta di niente e fischiettano. Per un mese abbiamo visto un referendum, che era su Draghi, il referendum l’ha perso. E’ un premier umiliato, sconfitto, ed è Supermario, adesso diventato Minimario”

    ”Da quando c’é il governo Draghi ogni partito è infiltrato da draghiani, Di Maio, i giorgettiani, i lettiani, i forzisti, i lettiani del PD, Draghi ha utilizzato gli infiltrati per diventare presidente, ma ha fallito miseramente.”

    Travaglio contro Guerz(c)ioni:
    ”Di Maio ha impallinato sul più bello la Belloni… questa è la versione che dai tu (alla Guercioni che diceva che Di Ma voleva difendere la Belloni)… io dò la versione che ho visto… di Maio si è scatenato in vicinanza dell’accordo, i giornalisti cercano di cambiare quello che è successo, quello che è successo è che la Belloni è stata sul tavolo per un mese… senza alcun veto in tutti i partiti”

    ”a casa mia, dove vale la parola data, Letta, Meloni, Salvini e Conte si erano messi d’accordo, poi il giorno dopo si
    sono scatenati Di Maio, Renzi e Guerini… tutti gli appelli sul presidente Donna, quando era a portata di mano l’hanno impallinata”

    ”il PD ha anche messo una chat ‘domani votiamo Belloni’ (Guercioni smerxata)”

    ”a quel punto l’accordo è stato fatto ma è stato annullato in diretta”
    ”Di Maio è il partito draghiano nei 5S”

    ”quando tu accoltelli il tuo leader, facendo uscire sui giornaloni quel che il leader ha deciso, quando vedi Di Ma elogiato dai giornaloni, da Debeneddti, da Cassese, è evidente che è funzionale all’establishment, cosa che fa un pò ridere per un partito antisistema”
    ”i messaggi sono tutti autentici, Monica, non sono fake, io ho ricevuto 300 lettere tutte autentiche contro di Maio”

    "Mi piace"

  26. SM, lo so che non dicevi a me! Io sono leggera come una mongolfiera! In effetti mi è venuto un po’ di mal di testa per le meningi sofferenti!

    "Mi piace"