Beppe Grillo indagato a Milano per traffico di influenze illecite: nel mirino i contratti pubblicitari con la Moby

(Maria Elena Marsico – tpi.it) – Beppe Grillo è indagato dalla Procura di Milano per traffico di influenze illecite per alcuni contratti pubblicitari sottoscritti tra il 2018 e il 2019 dalla compagnia di navigazione Moby con il blog Beppegrillo.it. A dare la notizia è stato il Corriere della Sera.

Nel mirino vi sarebbero, quindi, una serie di contratti tra il sito del comico e la srl marittima che fa capo all’armatore Vincenzo Onorato.

L’Unità antiricilaggio di Bankitalia (Uif) aveva notato “operazioni sospette” e “prive di giustificazione economica” che hanno fatto poi scattare un’indagine. Tra le uscite economiche sotto la lente di ingrandimento, i circa 240mila in due anni alla srl gestita da Beppe Grillo in cambio di uno spot al mese, oltre a contenuti pubblicitari, e i 200mila alla Fondazione Open di Matteo Renzi.

L’armatore aveva sottoscritto un accordo anche con la Casaleggio Associati. Ci sono finanziamenti erogati anche alla fondazione Change di Giovanni Toti, Fratelli d’Italia e Partito Democratico. Tutti ora al centro di alcune verifiche.

Il pubblico ministero Cristina Roveda e il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli stanno controllando i contratti firmati dalle società, mentre nella mattinata di martedì 18 gennaio la Guardia di Finanza ha effettuato perquisizioni sia negli uffici della Beppe Grillo srl, che nella sede della Moby, il cui patron, Vincenzo Onorato, risulta anche egli indagato.

6 replies

    • Non può, perché l’inchiesta si è allargata partendo dalle porcate attorno alla sua fondazione Open.
      Temo più una sua chiamata in correo verso Grillo.
      Perché così fan tutti.

      "Mi piace"

  1. Ecco, di questo ho parlato in numerosi post, delle “donazioni” milionarie ricevute da un (uno?) Prenditore un affari con lo Stato.
    Tutti a minimizzare, a giustificare, a ritenerlo normale, salvo fare le boccucce schifate per 2×1000, donazione volontaria, piccola, disinteressata.
    Tutti a ignorarmi, “non sono questi i problemi”, andate a rileggervi le vostre repliche.

    Adesso nessuno ha niente da dire?

    Il fallimento del M5S è stato determinato dalla mentalità da lacchè, quindi molto partitocratica, della base, dei militanti, che si sono bevuti tutte le cazzate del genovese pur di non essere presi da lui, l’elevato, a calci in culo.

    Ma la vita ti insegna che tutti i nodi prima o poi vengono al pettine.

    "Mi piace"

    • oh, ben arrivato!

      T’eri abbioccato, che hai mancato di commentare ‘sta notizia di cui tu effettivamente sei stato alfiere in tempi non sospetti?

      O stavi a fare la marcetta dell’Oca su e giù per Roma con un siringone sulla spalla?

      "Mi piace"