La società delle api

(Pietrangelo Buttafuoco) – Siamo tutti contagiati, siamo tutti sequenziati, siamo tutti intercettati, siamo tutti sorvegliati – nel linguaggio, perfino nello sguardo – e siamo tutti destinati al compimento della democrazia. Tutti collocati in quella batteria d’allevamento dove però, in luogo del mangime – coi bisogni primari generalmente soddisfatti – ci viene somministrata la solitudine. È la società delle api, nell’apnea mielosa del pensiero unico. E chi s’assembra da sé, peste lo colga!

8 replies

  1. “… È la società delle api, nell’apeTnea mielosa del pensiero unico. E chi s’assembra da sé, peste lo colga!.. ”

    ma Pedro, Pure,
    oltre a essere (3S)figato
    ‘gnurant-disoccupat-senzacas.
    Se mi avesse
    conosciuto la piccola fiammiferaia,
    dal dispiacere,
    mi avrebbe fatto un assegno cabriolet!

    "Mi piace"

    • @unoerre.

      Il tempo questo grande scultore e guastatore.

      Costruire bombe e ordigni da guerra non è un passa tempo, ma uno dei lavori più lucrosi che passa il convento.

      Al ché mi dico , soprapensiero, che ho una voce, un cuore e un agnoletto sullo stipite del letto che ride e si prende gioco della mia malinconia .

      Ah, se sapesse le macerie che ci hanno diviso, non di bombe ma di filigrana dorata!

      Ecco che a parer mio posso anche essere sovrana, se non fosse per il recinto in cui sono calata!

      Belve, bestie e rumori dal profondo mare che portano incensi di privazioni grame

      Ed io che su di un albero ho costruito un castello, aspetto solo il boscaiolo che faccia delle mie mura un sol fastello.

      Mi attardo nella notte silenziosa quando anche gli ordigni riposano sui banchi di lavoro, mentre qualcuno li pensa , li pesa e li consegna.
      Le api dormono e il miele non è il loro.

      "Mi piace"

  2. Francesca lei per me non è mia troppo impegnativa,
    vorrei avere il tempo di conoscerla
    per guardarla oltre le sue pupille
    e cadere in un sovrappensiero che va oltre
    voce cuore… e agnolotti.
    Per cortesia la prenda 3 volte al dì,
    doppia dose per la 1°terzina

    Nun è overo ca è fernuta tu stai cca’
    Dint’arraggia e chi nun sape cchiu’ allucca’
    Comme cagnano ‘e ghiurnate
    Quanno tu nu vuo’ cagna’
    Quanno ‘o friddo ‘ncuoll
    Accire ‘a liberta’
    Pe te n’ora è sempe n’ora un po’ di più
    Quanno è notte stai scetata pure tu
    Questa guerra mente cuore
    Quanto tempo durerà
    Io l’ho persa
    E forse tu l’hai vinta già
    Se stanotte me metto paura
    Chiuro l’uocchie e me metto a aspettà
    E m’addormo sunnanno
    Sunnanno ca’ stai cca’
    Hai ragione ca song’ nu’ scemo
    Ma cull’ate che tengo a vede’
    Tu si sempe tu
    E nisciuno è meglio e te
    Te lo giuro su chi sai che cambierei
    Con il tuo perdono io ce la farei
    Io non so più cancellarti
    Nei miei occhi ci sei tu
    E nei miei domani
    Ancora e sempre tu
    Se stanotte me metto paura
    Chiuro l’uocchie e me metto a aspettà
    E m’addormo sunnanno
    Sunnanno ca’ stai cca’
    Hai ragione ca song’ nu’ scemo
    Ma cull’ate che tengo a vede’
    Tu si’ sempe tu
    E nisciuno è meglio e te
    È meglio e te
    Nisciuno è meglio e te
    Hai ragione ca song’ nu’ scemo
    Ma cull’ate che tengo a vede’
    Tu si’ sempe tu
    E nisciuno è meglio e te

    "Mi piace"

  3. Ordigno velenoso.

    (Peccato che con tutti i campani che ce stanno ancora non parlo in napoletano e quindi, mi dispiace, ma la mia risposta non sarà a o’mare per lei caro cumpare)

    Tu sembri di cuore e ho capito che hai e cerchi amore, come tutti dentro a questo mondo triste e misterioso, che una perla fa brillare anche dentro un fango ombroso.

    Tu sei bello e mi cingi col mantello, mentre guardo l’orizzonte e piango per noi lagrimeee d’ammore..

    Ma non ti attardare che il fruscio dell’autunno sale e cale.

    O dorato impero che nulla valse il sangue mio versato, alla polvere dei fossi il mio cuore si è immolato!
    Guerra guerra e guerra sia ! dentro un ferreo patto d’amore che ci lega a questa terra che piange di dolore!

    Alle nostre genti tolgono pure i denti!
    Oltre al pane, la speranza di un domani felici e pur contenti.

    La giornata è lunga e triste senza te, senza te che non mi aspetti e non ti affretti verso me.

    Patria dorata vestita di grano e ai Colli boschivi la luna ed un ramo!

    5 corvi avean cantato mentre il caprone passava nel cielo inamidato!

    Oracoli spenti, oracoli accesi.
    Amanti carnivori amanti sospesi!

    MI INSEGNI IL DIALETTO NAPOLETANO?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...