Vogliono controllare l’informazione per nascondere i loro errori sul Covid

Per Mario Monti «bisogna trovare un sistema che dosi dall’alto la comunicazione, con metodi meno democratici». Tradotto: tappare la bocca alle poche voci libere rimaste. I giornalisti presenti alla proposta non si oppongono, anzi. Tira una certa arietta di regime…

(Maurizio Belpietro – laverita.info) – Qualcuno di voi crede che l’epidemia di Covid si curi somministrando ai contagiati un farmaco in grado di guarirli? Beh, questo qualcuno si sbaglia, perché per vincere la guerra contro il virus bisogna trovare delle modalità meno democratiche nella somministrazione non dei farmaci, ma dell’informazione. Sì, il problema non è la pandemia, ma sono giornali, tv e siti web a cui non è stata tappata la bocca. Parola di Mario Monti, senatore a vita ed ex presidente del Consiglio, ossia dell’uomo che ha fatto i compiti per conto di Angela Merkel e di Nicolas Sarkozy e al quale dobbiamo dire grazie se dopo dieci anni l’Italia non si è ancora risollevata dopo il suo passaggio. Il fondatore di Scelta civica, partito che per nostra fortuna si è sciolto civilmente in pochi mesi, questo convincimento, cioè che l’informazione andrebbe silenziata, lo ha espresso l’altra sera in tv, durante l’appuntamento condotto da David Parenzo e Concita De Gregorio su La 7. Leggere la trascrizione per credere: «Da due anni con lo scoppio della pandemia abbiamo visto che il modo con cui è organizzato il nostro mondo è desueto, non serve più». E quale organizzazione del nostro mondo non è più necessaria secondo il senatore a vita nominato da Giorgio Napolitano per tassarci? La comunicazione, ovvio no? «Subito, quando è comparso il virus, abbiamo usato il termine guerra, ma non abbiamo usato una politica di comunicazione adatta alla guerra». Durante i conflitti i governi impongono la censura ai giornali, impedendo ai cronisti di fare il loro mestiere, con la scusa che non si deve agevolare il nemico. Le notizie potrebbero favorire le spie e far sapere all’invasore le contromisure prese per sconfiggerlo. Dunque, l’informazione deve passare al vaglio del ministero della Difesa, come ai tempi del Minculpop. In questo caso non si capisce bene se la lettura dei quotidiani o l’ascolto dei dibattiti in tv allertino il virus, mettendolo in guardia sulle terapie allo studio. Sta di fatto che per Monti il problema non sono le molte balle che politici e virologi hanno raccontato agli italiani, convincendoli che non c’è da fidarsi, ma il problema siamo noi, umili addetti dell’informazione che non ci rassegniamo a smettere di raccontare i fatti e raccogliere opinioni.

A dire il vero, tre quarti della stampa e della tv, anzi diremmo nove decimi visto che ormai esiste una specie di quotidiano unico nazionale sia in edicola che sul piccolo schermo, si sono già adeguati alla censura, imponendosela da soli senza attendere nemmeno che qualcuno la ordinasse. Sta di fatto che pure la comunicazione diffusa con il contagocce da poche trasmissioni e da ancor meno giornali a Monti dà fastidio. «Io credo che bisognerà trovare un sistema che dosi dall’alto l’informazione, con metodi meno democratici». E chi dovrà assumersi il compito di stabilire quale dose di notizie sia giustificata? chiede la conduttrice del programma tv. La risposta è scontata: «Il governo, ispirato, nutrito e istruito dalle autorità sanitarie». Sì, per il senatore a vita bisogna istituire un regime controllato dai virologi, che oltre a rinchiudere i dissidenti in casa e, eventualmente, in carcere, dovrà prendersi cura anche dei giornalisti, impedendogli se del caso di parlare e scrivere. Immaginiamo noi che le estreme conseguenze saranno la chiusura dei giornali e lo spegnimento delle televisioni. Del resto, secondo Monti «noi ci siamo abituati alla possibilità incondizionata di dire qualsiasi verità o qualsiasi sciocchezza sui media», ma si capisce che è ora di farla finita con questa possibilità, che pur essendo garantita dalla Costituzione, articolo 21, a parere dell’ex rettore della Bocconi è considerata una cosa desueta, che non serve più.

Che Monti non sia il solo a pensarla così lo si capisce anche da ciò che ha detto prima di lui, sempre su La 7, Beppe Severgnini e di cui abbiamo scritto ieri. Ad Andrea Crisanti, professore che si è dimostrato cauto sulla vaccinazione ai bambini, il giornalista del Corriere della Sera ha rimproverato di parlare in tv e in prima serata, quasi che le notizie debbano essere trasmesse in fascia protetta o, ancor meglio, come ha detto lo stesso Severgnini, solo nei congressi, altrimenti l’opinione pubblica può farsi un’idea. Certo, il problema è non far sapere come stanno le cose, limitando l’informazione. Infatti, via Twitter c’è chi sollecita la cacciata dal social di chiunque critichi le decisioni governative.
Perché per curare il Covid non c’è nulla di meglio del bavaglio.

Noi non siamo soliti parlare di regime, ma in giro si respira una certa arietta di dittatura sanitaria che comincia a preoccuparci, perché se perfino l’articolo 21 della Costituzione è «un’abitudine», figuratevi il resto. Il Tso impartito ai dissidenti è dietro l’angolo.

12 replies

  1. Altro assist ai no vax o free vax, chiamateli/vi come volete. I giornalisti di Lituania Botswana per un altro anno possono stare tranquilli

    "Mi piace"

  2. Quali assist ai no vax, datti un colpo di martello sulle palle. Se non hai capito un cazzo come vanno i fatti, dattene qualcuno in più.

    "Mi piace"

    • Caro Pino, pare che tu non abbia minimamente capito il mio commento. Anzi. Senza il pare. Nella prima parte ero ironico, nella seconda amaramente serio, ma probabilmente dall’alto della tua superficialità non saprai neanche a cosa mi stavo riferendo.

      "Mi piace"

      • Scusa Pino, ma per par condicio, con MARTELLO non ti devi scusare per aver interpretato male (può succedere), ma perché sei stato offensivo.

        Mi sorge un dubbio: non sarai per caso anche tu un cicisbeo, vero? Parità di diritti, parità di insulti, e nel caso, parita di scuse.

        "Mi piace"

      • Gatto ma infatti io non volevo nessuna scusa, volevo solo farmi capire che era pura ironia,visto che nella classifica della libertà di stampa siamo un gradino sotto Lituania e Botswana. Insultarmi pure, non mi offendo dal vivo, figuriamoci dal web 😅😁

        "Mi piace"

      • Anch’io ero ironico, era solo per segnalare a Pino in modo benevolo l’incoerenza per cui con le fascistoidi si era scusato per il metodo (insulto) a prescindere dal merito, con te per il merito (argomento frainteso) a prescinere dal metodo: non so se mi sono capito…

        "Mi piace"

  3. Inutile negare che il sogno di Confindustria , proprietari di giornali e TV sarebbe quello di un governo che facesse gli interessi di quella parte del paese che ritiene se stessa una oligarchia più o meno illuminata.

    Questo avviene già nei fatti.

    Purtroppo l’oligarchia che ci governa è tutto fuorché Illuminata..

    Il problema è che in Italia non si vedono all’orizzonte personaggi come Traiano o Maria Teresa e”Austria e ancora meno DeGasperi.

    Gianni

    "Mi piace"

  4. «Il governo, ispirato, nutrito e istruito dalle autorità sanitarie»

    Quindi, a parte che a questo punto il governo, ovvero Draghi (!) ha TUTTO il potere nelle sue mani (giudiziario, esecutivo, legislativo), avrebbe anche il controllo totale delle informazioni (quarto potere). E i due sguatteri Parenzo e Cheeta De Gregorio niente da obiettare, eh?

    Ma nel CTS ci stanno ‘scienziati’ nominati dallo stesso GOVERNO!

    Come Donato Greco, il negazionista dei morti da inquinamento nel Triangolo di Acerra, perché secondo lui sono dovuti al fumo di sigaretta!

    O Palù, che l’anno scorso tranquillizzava tutti parlando di ‘infodemia’.

    Ma ci rendiamo conto o no dove stiamo finendo?

    Ah, dimenticavo: c’é chi dice che non siamo in dittatura perché possiamo dirlo senza essere imprigionati subito dopo.

    "Mi piace"