Bersani: “Renzi? Raccoglieva soldi per la sua corrente”

(EMILIANO FITTIPALDI E YOUSSEF HASSAN HOLGADO – editorialedomani.it) – Nuovi dettagli emergono dai verbali di assunzione di informazioni della Procura di Firenze sull’inchiesta che riguarda la fondazione Open e l’ascesa politica di Matteo Renzi. Sono stati interrogati, tra gli altri, Rosy Bindi, Pierluigi Bersani, Matteo Orfini, Dario Nardella.

Per i pm Luca Turco e Antonino Nastasi Open avrebbe agito come l’articolazione di un partito ricevendo una somma di denaro milionaria negli anni in netta violazione della normativa sul finanziamento dei partiti.

Secondo Bersani quasi tutti erano a conoscenza di quello che accadeva: «Nel partito era chiaro a tutti che Renzi in contemporanea, ricopriva il ruolo di segretario ma aveva anche una propria struttura che si occupava di relazioni e raccolta fondi» […]

18 replies

  1. LA LISTA DELLA SPESA – I conti correnti – 2,6 milioni in 2 anni al senatore IV. Nelle carte Open, soldi da un ministero saudita, banche e un giornale coreano. La fondazione rimborsava hotel e cene (anche con giornalisti)

    Arabia, banche e Benetton: chi paga Renzi conferenziere

    Tutti i conti del leader Iv. In due anni il senatore ha incassato 2,6 milioni: a retribuire gli “speech”, dal “principale giornale coreano” al ministero delle Finanze saudita

    (DI VALERIA PACELLI – Il Fatto Quotidiano) – C’è una società di consulenza del Regno Unito e anche un quotidiano coreano. E ancora: due società italiane di cui una fondata da Alessandro Benetton e persino il ministero delle Finanze dell’Arabia Saudita. Ecco chi paga gli speech di Matteo Renzi. In totale, dal 2018 al 2020, il senatore oggi leader di Italia Viva, ha guadagnato (non solo con gli speech) oltre 2,6 milioni di euro in totale.
    Il dettaglio degli incassi (legittimi) dell’ex premier, sia per le conferenze ma anche per altro, ad esempio per i libri, sono finiti agli atti dell’indagine della Procura di Firenze.
    Qui Renzi è accusato di concorso in finanziamento illecito assieme agli ex ministri Luca Lotti e Maria Elena Boschi. Al centro dell’indagine ci sono i contributi volontari finiti nelle casse della Open, che i magistrati ritengono essere stata un’articolazione politico-organizzativa della corrente renziana del Pd. Sono migliaia gli atti depositati dai pm. Tra questi c’è anche un’informativa del 10 giugno 2020 della Guardia di Finanza che contiene anche gli estratti del conto corrente intestato a Renzi.
    Gli incassi dell’ex premier non sono oggetto di indagine: non è per questo che Renzi è finito sotto inchiesta. Leggendo l’informativa della Finanza però si scoprono i dettagli (alcuni finora inediti) dell’attività di speaker del senatore. “Svolgo attività previste dalla legge ricevendo un compenso sul quale pago le tasse in Italia – ha ribadito più volte in passato il leader di Italia Viva –. La mia dichiarazione dei redditi è pubblica. Tutto è perfettamente legale e legittimo”.
    Nell’informativa della Finanza dunque è scritto: “Tra gli allegati alla segnalazione per operazioni sospette, risulta accluso l’estratto, dal 14 giugno 2018 al 13 marzo 2020, del conto corrente (…) Bnl – filiale Senato Roma, intestato a Matteo Renzi”. La lista dei bonifici in entrata è lunga: “Dalla disamina dell’estratto conto – scrivono le Fiamme Gialle –, si rilevano: in avere per complessivi 2.644.142,48 euro”.
    E poi aggiungono: “In dare, uscite per 2.543.735,66 euro, di cui 1.221.009 sono bonificati verso altro rapporto intestato allo stesso Renzi”. Vediamo dunque i dettagli degli incassi del premier dal 2018 al 2020.
    Presta&Serra 653mila euro dalla Arcobaleno tre stl
    ——————————————————————–
    Oltre 653mila euro arrivano in totale in questi due anni dalla Arcobaleno Tre srl, società di cui è amministratore unico Niccolò Presta, figlio di Lucio, l’agente dei più noti volti della televisione. Tra Renzi e la Arcobaleno Tre, come già raccontato dal Fatto, ci sono sei scritture private: quattro per il documentario Firenze secondo me, una per conferire alla Arcobaleno Tre “mandato esclusivo” a rappresentarlo e una per la realizzazione di “opere dell’ingegno”.
    I rapporti tra la società e l’ex premier non sono oggetto dell’indagine fiorentina, bensì di un’altra Procura, quella di Roma dove Renzi è indagato per finanziamento illecito perché i pm capitolini ritengono che quelli con la Arcobaleno Tre siano stati “rapporti contrattuali fittizi” dietro i quali si celerebbe un presunto finanziamento alla politica. Ma questa è un’altra storia.
    Torniamo a Firenze. Nell’elenco dei soldi finiti sul conto corrente di Renzi ci sono 507mila euro circa dalla Celebrity Speakers Ltd, “società global speaker del Regno Unito”. La somma di oltre mezzo milione sarebbe il totale di più pagamenti: comprende più speech svolti dall’ex premier per l’agenzia internazionale che promuove relatori famosi per le conferenze. “Questa è la società con la quale Renzi lavora di più – spiegano fonti vicine all’ex premier –. I suoi speech vanno da un minimo di 20 a un massimo di circa 50mila euro”.
    147.300 euro invece arrivano da Algebris, “società di gestione del risparmio – la descrivono gli investigatori ma in un’altra informativa, quella del 17 febbraio 2021 – con sede a Londra (…) riconducibile a Davide Serra”, in passato finanziatore della Open (mai indagato). “La cifra pagata è la somma totale di almeno cinque o sei speech”, aggiungono le nostre fonti. Con Serra, Renzi figura tra i consiglieri dell’Algebris Policy & Research Forum.
    Stanford e Usa L’ateneo e l’istituto di credito
    ———————————————————–
    E non è finita. Dal 2018 al 2020 sul conto dell’ex premier sono arrivati in totale 83.679 euro dalla This is spoken Ltd, “società consulenza amm-gest. Regno Unito”. Altri 64mila euro arrivano dalla “Banca Usa” “Interaudi bank”.
    La “società global speaker Regno Unito” Vbq Limited, ha pagato l’ex premier poco più di 44mila euro, sempre per alcuni speech. E poi c’è l’Arabia Saudita, la “culla del nuovo Rinascimento” secondo Matteo Renzi, come disse davanti a Mohammad bin Salman, il principe ereditario indicato in un rapporto della Cia come il mandante del rapimento o dell’omicidio di Jamal Khashoggi, il reporter ucciso nel consolato di Ryad in Turchia nel 2018.
    Era già nota la partecipazione (pagata 80mila dollari l’anno lordi) di Renzi nel board del Future Initiative Investment, la fondazione saudita creata nel 2020 per decreto dal Re Salman. Ora si scopre che dal 2018 al 2020 sul conto di Renzi sono arrivati pagamenti direttamente dal “Ministry of Finance Arabia Saudita” per un totale di 43.807 euro, mentre altri 39.930 euro provengono dal “Saudi commission For Tourism Arabia Saudita”: “Anche questi sono i pagamenti degli speech”, spiegano sempre fonti vicine all’ex premier.
    E la partecipazione a una conferenza sarebbe anche quella pagata da Chosun Ilbo, “il principale quotidiano coreano”, che versa 29mila euro circa.
    E ancora. Nel periodo 2018-2020 arrivano sul conto corrente di Renzi in totale 26mila euro dal “Luxembourg Forum”. La “banca svizzera” Julius Baer International invece versa per gli speech 25.385 euro. Altri 25mila euro vengono sborsati da “Stanford University in Italy”. Dell’Università di Stanford Renzi parlava in una sua enews del 1º ottobre 2018: “Oggi riprendo l’attività di professore a contratto presso la sede fiorentina dell’Università di Stanford”.
    I committenti Italiani E la causa contro Piero Pelù
    ——————————————————————
    Nei conti di Renzi ci sono anche i 33.140 da parte della “Carlo Torino&associati srl”. Proprio per il pagamento di una sua partecipazione a una conferenza ad Abu Dhabi, Renzi è finito indagato sempre a Firenze ma nell’ambito di un’altra inchiesta – diversa da quella Open – che vede Renzi accusato di emissione di fatture per operazioni inesistenti, in concorso con Carlo Torino, titolare della società di Portici che avrebbe fatto da tramite per la ricezione del compenso dell’ex premier.
    La società – spiegavano in passato al Fatto fonti vicine all’ex premier – avrebbe fatto partecipare il leader di Italia Viva anche ad altre conferenze, oltre a quella di Abu Dhabi del dicembre 2019.
    Tornando al conto di Renzi si trovano dunque altri 25.552 euro dalla Invest Industrial “private equity di Andrea Bonomi”, finanziere nato a New York. Anche in questo il pagamento, secondo quanto ricostruito dal Fatto, è per gli speech. Come pure lo sarebbero i 19mila euro dalla 21 Investimenti Sgr, società fondata da Alessandro Benetton.
    Nei conti in entrata ci sono poi anche i soldi che non riguardano il suo ruolo di conferenziere. Come i 20 mila euro per un contenzioso civile pagati da Piero Pelù. Scrive la Finanza in un’informativa del 17 febbraio 2021: “È plausibile ritenere che il pagamento sia stato disposto quale composizione di una lite, dopo una querela per diffamazione presentata dal Senatore nei confronti del cantante”.
    Il volo per Johannesburg Stavolta rimborsa il Pd
    —————————————————————-
    Sul conto di Renzi arrivano anche 8.363 euro dal “Gruppo parlamentare Pd” per il “viaggio Johannesburg 15-17 luglio 2018”. Quella volta Renzi volò in Sudafrica per partecipare alle celebrazioni del centenario della nascita di Nelson Mandela. Era presente anche Barack Obama.
    Per questa partecipazione Renzi non fu pagato, ma il biglietto del viaggio finì in capo al gruppo parlamentare del Partito democratico, quando l’attuale senatore ancora ne faceva parte.

    "Mi piace"

    • che sia troppo presto far circolare il nome della Bindi ?rischia di essere bruciato? e se si facesse un vero e proprio gruppo di sostegno in facebook col quale chi deve decidere, deve sia pur non apertamente, deve in qualche maniera fare i conti ??

      "Mi piace"

      • Giuseppe del Zotto,
        Questo è il mio sogno, che Letta lo abbia in serbo e lo faccia dalla quarta votazione. Ti giuro che se ci penso mi vengono le lacrime.

        Mio marito sostiene che talvolta la mia fantasia galoppa aldilà di ogni principio di realtà.

        "Mi piace"

  2. ” Secondo Bersani quasi tutti erano a conoscenza di quello che accadeva: «Nel partito era chiaro a tutti che Renzi in contemporanea, ricopriva il ruolo di segretario ma aveva anche una propria struttura che si occupava di relazioni e raccolta fondi» ”
    QUASI TUTTI SAPEVANO . LA MAFIA IN FATTO DI OMERTA’ E’ NIENTE . ALMENO GLI OMERTOSI DI MAFIA HANNO UN TORNACONTO (VANTAGGI O NON SUBIRE VIOLENZE). QUI INVECE ADDIRITTURA CHI SAPEVA SUBIVA UNA CONCORRENZA SLEALE. QUINDI GIUDIZIO POLITICO PER TUTTI !!!!

    Piace a 1 persona

  3. Tra le tante cose umilianti che ha detto e fatto Renzi su di lei , Rosy Bindi deve ricordarsi anche:

    Leopolda, Renzi: “Bindi imbarazzata? Non faremo del Pd un partito di reduci”
    “Se uno si imbarazza perché dopo 25 anni che è in Parlamento, trova un altro che riesce a portare la gente a fare politica, forse gli abbiamo fatto un favore” ha detto Matteo Renzi replicando a quanto detto ieri da Rosy Bindi che ha definito “imbarazzante” la Leopolda. “Non consentiremo a quella classe dirigente di riprendersi il Pd” ha aggiunto.

    Commissione Antimafia, il ribaltone progettato da Renzi: via la Bindi arriva il fedelissimo Emanuele Fiano

    Io invece mi ricordo questo
    Rosy Bindi: ‘Il Pd deve essere sciolto’ 11/05/2018
    L’ex esponente dem torna a criticare il partito e la gestione di Matteo Renzi

    "Mi piace"

    • Tracia,
      umilianti per lui, non certo per la cara Rosy.
      Peraltro il filone era stato inaugurato dal puttaniere anni e anni or sono a Vespa a Vespa.

      P.s. vorrei far notare che alcuni tizi qui sul blog quando non sanno che rispondere si avvalgono degli stessi argomenti. E chi li supporta o non ne è disgustato è complice.

      "Mi piace"

  4. “Speech” di qua… “speech di là”… insomma 2milioni e mezzo di eurozzi non mi paion proprio “spicci”..

    L’omuncolo di Rignano si dava ben da fare eh!

    Ha proprio imparato bene dal suo “papi” putativo…

    "Mi piace"

    • Drammatico che gentaglia del genere sia in Parlamento.
      Tragedia assoluta se si pensa che e’ stato ELETTO segretario del partito erede (in parte) del partito di Berlinguer…

      "Mi piace"

    • Peccato che parli inglese come una mucca svedese ! É evidente e chiaro che non abbia una beata mazza di cui parlare nei suoi ” spech” ma solo la copertura per altri e futuri sviluppi del suo vero lavoro di lobbismo ! Ma deve andare fuori dal parlamento! Io non intendo pagare lo stipendio e nemmeno la luce a questo senatore !

      "Mi piace"