Quei cento centimetri che separano l’esistere dal vivere

(Maurizio De Giovanni – la Stampa) – È sperabile che tra qualche anno sarà divertente parlare del metro che venne meno all’inizio di ottobre del Ventuno. Cento centimetri che con il passare del tempo a noi distanziati sono sembrati mille, diecimila. Certo, bisognerà che sia un addio e non un arrivederci; e che come sempre dovrebbe accadere, a partire da oggi ogni giorno sia migliore del precedente e peggiore del successivo. Bisognerà aver dimenticato molte cose, immergendosi in una ripresa che avrà il colore e il sapore di un dopoguerra, come quando agli inizi degli anni Sessanta del Novecento si divenne finalmente consapevoli che la guerra era finita, che le macerie erano state rimosse e che si poteva solo migliorare. 

Bisognerà che, come nel terzo atto di Napoli Milionaria, nessuno abbia più voglia di sentire incombente il pericolo e che la malattia e la morte siano definitivamente dietro le spalle; e che i reparti di terapia intensiva siano ormai vuoti, con i letti liberati per le ordinarie emergenze. Dovrà insomma essere dimenticato il rischio della vita, e la lotta a questo invisibile terribile nemico dovrà essersi ridotta a una punturina da fare a inizio della brutta stagione, magari comprensiva di quella per l’influenza generica, quella non legata a oscuri laboratori orientali e a pipistrelli infetti venduti in mercati cinesi (che poi, ci chiediamo con un brivido a chi venga mai voglia di comprare un pipistrello a fini alimentari). 

E dovremo, per parlarne con leggerezza, aver dimenticato curve e grafici e virologi divenuti divi del piccolo schermo, dai gravi accenti e dalle nere previsioni. Le scuole dovranno essere pienamente popolate, come negozi e uffici; e il mondo dovrà essere di nuovo un luogo sicuro, in cui saranno visibili i sorrisi e ci si potrà salutare con un cenno del capo, consapevoli dell’altrui gradimento verso il nostro cenno. E non si dovrà più avere l’impressione straniante di essere diventati sordi, per le parole attutite da barriere FFp2 e l’impossibilità di integrare i suoni percepiti con un minimo di lettura delle labbra. Al sottoscritto, in particolare, il Covid ha portato un’ulteriore brutta notizia: la certezza di un’ipoacusia galoppante. 

Di tante, troppe cose brutte accadute negli ultimi anni, la peggiore è sicuramente stata il cosiddetto distanziamento sociale. Certo, le perdite subite e le immagini dei camion carichi di bare in fila nelle strade deserte sono una ferita impossibile a rimarginarsi; e nessuno potrà dimenticare i pomeriggi passati a fissare dalle finestre il silenzio di città abbandonate. Ma il non potersi abbracciare, il non potersi stringere ha inciso non poco nel venir meno del coraggio e nell’incremento della paura. È per questo che oggi la notizia dell’abolizione del metro di distanza necessario in ogni luogo aperto e chiuso come misura preventiva del contagio riveste un’importanza molto maggiore di quella che potrebbe apparire, nelle pieghe del susseguirsi di intese e malintesi interni ed esterni a maggioranze e minoranze, di estimi e di catasti, di piani e di resilienze. 

Ci spingeremmo quasi ad affermare che, sotto l’aspetto simbolico, è la prima vera buona notizia da molti mesi; e che per molti versi potrebbe segnare l’inizio della vera ripresa, quella sperabilmente senza ritorno. Ci pensate? Basta col criterio del congiunto, del convivente, del confinante e del limitrofo. Ci si potrà urtare casualmente, si potrà capitare seduti vicini al cinema o al teatro e perfino scambiarsi opinioni sul film o sullo spettacolo. Si potranno fare file senza guardarsi in cagnesco nel momento in cui inavvertitamente si arriva a novanta centimetri di distanza, e si potrà forse anche starnutire al chiuso, se proprio scappa, senza essere fissati con riprovazione come terroristi. 

Dietro semplice esibizione di una schermata del telefonino o di un foglio stampato a casa ci si potrà stringere la mano e parlarsi confidenzialmente avvicinandosi a distanza d’orecchio. Si potrà fare amicizia. Si potranno fare nuovi incontri, stringere conoscenza con persone che non abitano nello stesso appartamento senza sentirsi in colpa. Si potrà recarsi a uno spettacolo, a un incontro culturale o a un evento sportivo decidendolo anche all’ultimo minuto, senza prenotare a pioggia sulla rete, nella speranza di rientrare nel ristrettissimo numero degli ammessi al venticinque per cento. Si potrà sedere sotto lo stesso sole e davanti allo stesso mare, o sulla stessa terrazza di fronte al panorama. 

Si potrà salire su un aereo o su un treno senza rintanarsi sulla parete del veicolo, lanciando occhiatacce acciocché nessuno osi avvicinarsi troppo. Un metro è un metro, in fondo. Meno di un passo, un po’ più della maggior parte delle braccia. Ma è diventata in quest’ epoca buia una distanza siderale, perché quel metro ha diviso me da te, e noi da loro. Ha imposto paura, incertezza, pessimismo e soprattutto solitudine. Per questo, tra tante cose, sarà proprio questo metro che non dovremo dimenticare. Perché quel metro per due anni ha separato l’esistere dal vivere; e ora che non c’è più, la sua assenza dovrà accompagnare la voglia di rinascere.

Categorie:Cronaca, Editoriali, Interno

Tagged as: , ,

6 replies

  1. Poveraccio, che vita di … cioccolata se tutto sta in un metro di distanziamento.
    Sarà meglio tenerlo presente quel metro. A parte il fatto che potrebbe tornare utile, servirebbe anche a rivedere il nostro rapporto con gli altri: meno odio, più rispetto e più riservatezza. Che di questi tempi non guasta.

    "Mi piace"

  2. ci hanno atomizzato. sinceramente mi trovo meglio. conosco oggi i miei limiti e gli altrui, per cui non sento nessuna necessità di contatti umani come un tempo. anche perchè l’aspettativa sul concetto di umano è definitivamente scemata. per me un uomo vale quanto un cane e spesso anche meno. se poi è uno in cima allo società, vale niente. i concetti, i discorsi, valgon giusto in quanto chiacchiere, passatempo. anche se qualcuno dice qualcosa di credibile, non mi serve o smuove più di tanto. nulla tornerà come prima, per fortuna.

    "Mi piace"

  3. quante storie. son sempre bastati 10 cm per vivere.15, venti i più dotati e vieni al mondo, vivi.
    adesso fan tante rogne per prender fiato e boccheggiare.

    "Mi piace"