Pure “The Economist” se n’è accorto: la sinistra rischia di diventare illiberale

(Enrico Franceschini – la Repubblica) – Un fantasma si aggira per l’Occidente: lo spettro della «sinistra illiberale ». A lanciare l’allarme è l’Economist , bibbia del liberalismo anglosassone e anche di quello mondiale, in quanto da almeno vent’ anni settimanale non più soltanto britannico bensì globale.

In un servizio apparso in copertina, il giornale che per i suoi conflitti d’interesse definì Silvio Berlusconi «indegno di governare» avverte che il liberalismo occidentale si trova ad affrontare una doppia minaccia: all’estero le superpotenze autocratiche quali Cina e Russia, che lo deridono come fonte di egoismo, decadenza e instabilità; in patria il populismo di destra e di sinistra, che lo contesta come presunto simbolo di elitismo. Le critiche di Xi e Putin sono un ipocrita riflesso del rifiuto a creare una società veramente libera e democratica in casa propria.

L’offensiva della destra populista in America e in Europa rimane la più pericolosa per la democrazia liberale, ma dopo avere raggiunto l’apice durante la presidenza di Donald Trump si sta screditando di fronte alla crisi del Covid con il suo ostinato rifiuto dell’evidenza scientifica.

«L’attacco da sinistra è più difficile da comprendere », ammonisce tuttavia l’autorevole pubblicazione londinese, in parte perché, particolarmente negli Stati Uniti, il termine “liberal” ha finito per includere una “sinistra illiberale”. La terminologia inglese può suscitare confusione nel lettore italiano, perché “liberal” negli Usa è l’equivalente di “progressista”, spesso utilizzato addirittura come un insulto dalla destra trumpiana, dunque differente dal nostro “liberale”, che ha un significato decisamente più conservatore.

A confondere ulteriormente le idee ha provveduto il termine “neo-liberal”, traducibile come neo-liberale o neo-liberista, l’etichetta delle politiche di destra introdotte da Ronald Reagan e Margaret Thatcher negli anni Ottanta del secolo scorso.

Infine c’è da considerare il liberalsocialismo, che in Italia ha ispirato i fratelli Rosselli e Gobetti, il Partito d’Azione e alcune delle menti migliori del dopoguerra, dal Mondo di Pannunzio al partito radicale.

Per chiarire ogni equivoco, quello che intende l’Economist (posseduto al 43% da Exor, che controlla anche Repubblica ) con «sinistra illiberale» è l’atteggiamento dogmatico, intollerante, scettico nei confronti del mercato, votato alla purezza ideologica, incapace di riconoscere che anche la controparte può avere in determinate circostanze qualche ragione.

È un cocktail di opinioni da cui sbocciano fenomeni come la cancel culture, dove la legittima esigenza di condannare gli errori e gli orrori del passato rischia di riscrivere la storia dal punto di vista del presente, e gli eccessi del politicamente corretto.

Nel suo editoriale il settimanale non fa nomi specifici, ma traspare il riferimento alla svolta impressa da Jeremy Corbyn al partito laburista nel Regno Unito o alla rigidità talvolta manifestata dall’ala del partito democratico americano che fa riferimento alla deputata Alexandria Ocasio- Cortez (andata al Met Ball, il gran ballo annuale di beneficenza a New York, con un vestito con la scritta “tax the rich”, tassare i ricchi, sebbene in questo non ci sia nulla di illiberale).

«La società che mette l’eguaglianza prima della libertà finirà per non avere né l’una né l’altra» è il motto citato dall’Economist per chiarire dove sta il problema: parole di Milton Friedman, economista premio Nobel e padre del laissez- faire ovvero dell’antistatalismo, non proprio un riferimento della sinistra.

Ma il dibattito sulla sinistra “illiberale” esiste da tempo: sull’altra sponda dell’oceano la denunciava già cinque anni fa il mensile Atlantic , ammonendo che il partito democratico, non opponendosi a chi vuole togliere diritto di parola agli avversari, cederà il controllo ai suoi elementi più estremi.

Richard Dawkins, biologo evoluzionista di Oxford e autore di bestseller in difesa dell’ateismo, la chiama «sinistra regressiva », accusandola per esempio di astenersi dal criticare anche le peggiori aberrazioni dell’Islam in nome del rispetto per la cultura di quella religione («e allora io rispondo, al diavolo la cultura», dice il professore).

La definizione è entrata perfino nel linguaggio di una star di Hollywood come l’attore premio Oscar Matthew McConaughey, secondo il quale «la sinistra illiberale ha completamente abbandonato il tradizionale pensiero liberale, diventando condiscendente o arrogante verso il 50 per cento della popolazione che non ne condivide il progetto».

Qualcuno annovera nella sinistra illiberale anche la malaugurata dichiarazione che contribuì a fare perdere le elezioni del 2016 a Hillary Clinton, quando durante la campagna presidenziale la candidata democratica alla Casa Bianca definì dispregiativamente i sostenitori di Trump come appartenenti a un «basket of deplorables », un cestino dei deplorevoli, insomma tutti gentaglia, che a quel punto non avrebbero certo cambiato casacca votando per lei.

Nella discussione, beninteso, c’è chi dice che a denunciare la presunta sinistra “illiberale” sono i difensori dello status quo e dei propri interessi: insomma la destra, cui farebbe gioco dipingere la sinistra come estremista e poco democratica.

L’Economist riconosce che pure i “liberal” (nell’accezione conservatrice o progressista) sbagliano: dopo il collasso del comunismo in Unione Sovietica e in Europa orientale hanno creduto che la storia fosse finita, come sentenziò il celebre saggio del sociologo Francis Fukuyama; dopo la crisi finanziaria del 2008 non hanno trattato la classe operaia con la dignità che meritava; e troppo spesso usano la meritocrazia come un alibi per mantenere i propri privilegi.

La conclusione della cover-story è che oggi troppi liberal di destra sono inclini a scegliere uno spudorato matrimonio di convenienza con i populisti e troppi liberal di sinistra minimizzano la presenza di un’ala intollerante nelle proprie file. Se invece di unire le forze si dividono, è il monito finale, le due correnti del pensiero liberale lasceranno prosperare gli estremisti.

8 replies

  1. Signor Enniooooo!
    Sotto questo articolo il tuo commento ci sta.
    Ti reintegro io: EGO TE ABSOLVO IN NOMINE MEO!

    Di’ 3 ave maria, 3 gloria al padre e torna tra noi.

    "Mi piace"

  2. Quanta ipocrisia ! I giornali della finanza organizzata, dopo averla promossa e portata in palmo di mano, si accorgono che nessuno crede più nella ” pseudosinistra” collusa. Pertanto, per rifarsi una verginità ( ce ne vuole…) la attacca. Però, poiché non è chic appoggiare apertamente Trump ( anche se ha fatto volare la Borsa), fanno le facce degli orfani. Tra un po’ inventeranno un m5s nè di dx ne di sx. L’ esempio italiano vale : dopo un po’ diventano tutti più malleabili.
    Abbiano gagliardi esempi di traditori della Patria, venduti allo straniero.

    "Mi piace"

  3. Diciamo che sentire ogni giorno ripetere, da parte di un Generale che ha in mano la situazione sanitaria – quindi i dati più sensibili in assoluto del Paese – parole come “stanarli”, “cercarli ad uno ad uno” , “obbligo sanitario (nei fatti TSO)” e vedere, ubiqua, la demonizzazione di qualsivoglia pensiero differente, fa venire in mente tristissimi ricordi mai completamente sopiti.
    Purtroppo queste parole sono scritte in rosso e non in nero, quindi per la maggioranza dei cittadini, abituati ormai a non entrare nel merito ma ad accontentarsi – come per la moda – delle etichette, delle Firme, va tutto bene. Anzi, guai a non pensarla così.

    "Mi piace"

  4. Quindi, scacciati i populisti e gli estremisti, rimangono i liberali, i difensori della democrazia delle banche e della finanza, dell’economia della globaizzazione e delle delocalizzazioni, dei concetti di crescita e consumo. Insomma, la Exor… Grazie, mi avete convinto! Soprattutto la citazione di Friedman.

    "Mi piace"

  5. Come non ricordare i bei tempi in cui WonderLaura Boldrini, era la politica più desiderata dai camionisti?

    Non c’entra niente ma c’entra ugualmente.

    "Mi piace"