Dante, il poeta della luce

(Marcello Veneziani) – E venne infine il giorno fatidico di Dante. Dopo un anno di rievocazioni d’ogni tipo, arriva quel 13 settembre, o meglio quella notte di sette secoli fa, in cui Dante andò davvero nell’Aldilà. Non possiamo dire che il suo anniversario sia passato inosservato. Nel sesto centenario, il 1921, Gabriele d’Annunzio si rifiutò di parlare a una celebrazione dantesca dicendo: “Oggi in Italia non può parlar di Dante che un ministro, un professore, o un imbecille. Ed io, grazie a Dio, non appartengo a nessuna di queste tre importanti categorie”. Non appartenendo alle prime due, non vorrei appartenere alla terza, avendo scritto un libro su Dante nostro padre, che sto portando nei luoghi danteschi…Dante, il più italiano dei poeti, il più poeta degli italiani, eppure così universale. Ora che l’anno dantesco volge alla conclusione proviamo a fare un bilancio in poche righe dell’immenso lascito dantesco e poi del suo punto focale.

Qual è la lezione umana, civile, morale che Dante lascia in particolare ai potenti, ai dotti e ai sacerdoti? Dante insegna ai potenti e ai regnanti, con l’esempio oltre che con le parole, la fierezza, la coerenza, l’onore, categorie calpestate nel nostro tempo ma a essere onesti anche nel suo, considerando la veemenza con cui li attaccò, pagando un prezzo altissimo. Dante insegna l’importanza di essere all’altezza di una tradizione e dell’auctoritas che si incarna; non c’è per lui potere senza carisma, né dominazione benefica senza legittimazione sacra. Imperativi incomprensibili nel nostro tempo.

Ai dotti, o chierici, che nel nostro tempo chiamiamo intellettuali, Dante – che era uno dei loro – insegna che il coraggio delle proprie idee vale almeno quanto le stesse idee. Quel che si è disposti a rischiare per le proprie idee mostra la grandezza di chi le professa come la sostanza delle stesse idee. Fu dantesco Ezra Pound quando coniò quel motto che è il blasone della migliore militanza ideale: “chi non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla o non vale niente lui”. A volte, aggiungo, entrambe le cose. Dante insegna che l’impegno civile grandeggia se è posto al servizio di una visione del mondo, di un orizzonte trascendente e spirituale oltre l’umano, lo storico e il personale.

Infine agli uomini della Chiesa Dante ricorda che religioso non coincide con clericale, la fede non è sottomissione a un potere, sia esso sacerdotale, cardinalizio o papale; e la legittimazione spirituale della potestas politica, nella forma più alta dell’Impero, non deriva dalla Chiesa ma direttamente da Dio. Prima di Machiavelli Dante rivendica l’autonomia spirituale della politica; non da Dio o dalla morale, ma dal potere clericale.

La lezione di Dante ai potenti, ai dotti e ai sacerdoti si estende per gradi a tutta la società e a tutti i tempi. Una lezione di dignità tramite la bellezza dei versi, la profezia delle visioni, l’ordine simbolico nelle sue figurazioni.

Ma qual è, dicevo, il punto focale di Dante e della sua opera? Dante è il poeta della Luce. Tutto il suo cammino nella scrittura e nell’aldilà è un itinerario della mente verso la luce. Da luce deriva, in ultima istanza, lo stesso etimo di Dio. Beatrice è luce, il Paradiso è luce, gli angeli, i santi, la Madonna e infine lo Spirito divino sono luce; la visione profetica è luce; e il purgatorio è ricerca di luce, come l’inferno è luce nera, di fuoco e fiamma, casa di Lucifero. Il cielo è la luce e la terra è l’opaco, gli insegnò San Bonaventura e la luce è “inter omnes…sensibiles affectus spritualior” gli ricordò San Tommaso. La luce è perfezione e le tenebre sono l’errore. Dante capovolge la nostra cupa visione del medioevo come oscurantista; in lui rifulge “la luce del medioevo” per citare un’opera di Régine Pernoud.

La sua visione è pittorica e il gioco di luce e ombra ne è la chiave; “pintura in tenebrosa parte, non si può mostrare né dar diletto di color né d’arte” scrive nelle Rime. Dante dipinge i regni dell’oltretomba, dal fuoco dell’inferno, al lume del purgatorio fino alla luce divina del paradiso. Ottimo commento al Paradiso “approdo all’ultima luce” ha pubblicato di recente Franco Ricordi da Mimesis (è il terzo volume della sua Filosofia della Commedia di Dante): il paradiso è il luogo dantesco per eccellenza e non l’inferno come avevano insegnato da De Sanctis in poi.

L’inferno è “l’aere sanza stelle”, “quell’aere grosso e scuro”, “d’ogni luce muto”, “’l più basso loco e ‘l più oscuro”: è il regno delle ombre, e l’ombra – sentenzierà poi Leonardo – “è di maggior potenzia che il lume”. “Così sen vanno giù per l’onda bruna”, la riva dell’Acheronte avvolta nella caligine, l’abisso. Anche le anime dannate, sono definite “l’anime più nere” perché la loro dannazione è la distanza abissale dalla luce. E i diavoli sono “neri cherubini”, negatori della luce. “lo fondo è cupo”, “noi fummo giù nel pozzo scuro”. L’uscita dall’inferno è la riconquista della luce: “lo duca e io per quel cammino ascoso/ intrammo a ritornar nel chiaro mondo”. Il purgatorio è contrassegnato dalla luce terrestre e solare, “dolce color d’oriental zaffiro” “tosto ch’io uscì fuor de l’aura morta che m’aveva contristati gli occhi e ‘l petto”. Catone gli appare in purgatorio tra “li raggi de le quattro luci sante” che “fregiavan si la sua faccia di lume” al punto da abbagliare Dante. Qui il sole sorge e fiammeggia.

Poi il Paradiso, il trionfo della luce, “l’aere luminoso”, la visione di Beatrice “luceano li occhi suoi più che la stella”; lucerne e lumi divini sono le anime beate, “con tanto lucore… m’apparvero splendor dentro a due raggi”. Gerarchie di luce denotano il paradiso, la vita spirituale sorge “con la luce”; il fiore che sboccia in paradiso è luce che piove dall’alto. Anche in paradiso ci sono fiamme ma sono ali d’oro, splendore e fulgore in paesaggi di luce. “O eterna luce che sola in te sidi, sola t’intendi”. Dante è sete di Luce, ascesa alla Luce. Dal nostro tempo dista anni luce.

La Verità

10 replies

  1. Dante . Non saprei come raccontare il mio amore infinito per quell’ uomo meraviglioso. Modernissimo, fulmineo nelle sue immagini, impressionista ante litteram. Fin da subito ho imparato a memoria lunghi passi, dell’Inferno soprattutto. Da piccola , obbligata a recitare le preghiere, sono scesa a patti con mia madre: niente Ave Maria ma il “Vergine e madre, figlia del tuo figlio”. Fulmineo, colto, impressionista, vuoi mettere? Se proprio si deve pregare almeno so faccia con … stile ( sono nata scettica).
    È un grande amore; in una ipotetica classifica con Shakespeare, un amico inglese mi faceva notare che nel Bardo alla tragedia più profonda si contrappone sempre la leggerezza della repentina allegria: insomma, Shakespeare ha più frecce al proprio arco. Non so, sono sempre molto perplessa riguardo queste classifiche. Ci metterei comunque un terzo incomodo, il Faust dell’altrettanto immenso, coltissimo Goethe.
    Ma siccome è tedesco da noi non è gettonato.

    "Mi piace"

    • “Se proprio si deve pregare almeno so (sic) faccia con … stile ( sono nata scettica).”: il sentimentalismo e l’estetica hanno pienamente sostituito l’essenza. E’ la confusione e il primato dello psichico sullo spirituale, altro errore, anzi il primo e più pernicioso errore del dualismo castesiano. Questo la condanna, nonostante le sue più buone intenzioni, a non capire nulla di Dante, ma anzi, a sminuirlo e ridurlo a qualcosa di insignificante.

      D’altronde: “E per questo puote essere manifesto a chi dubita in alcuna parte di questo mio libello. E acciò che non ne pigli alcuna baldanza persona grossa, dico che né li poete parlavano così sanza ragione, né quelli che rìmano dèono parlare così, non avendo alcuno ragionamento in loro di quello che dicono; però che grande vergogna sarebbe a colui che rimasse cose sotto vesta di figura o di colore rettorico, e poscia, domandato, non sapesse denudare le sue parole da cotale vesta, in guisa che avessero verace intendimento. E questo mio primo amico e io ne sapemo bene di quelli che così rìmano stoltamente.”

      Mi permetta Carolina: lei non è nata scettica, non è mai veramente “nata”…

      "Mi piace"

  2. Parlare di dante a questa classe politica non ti risulta ridicolo?Se poi ti rivolgi a un eventuale pubblico ricordati che al 96% degli italiani di Dante non frega nulla.Per capirsi, macello.C’è ben altro in gioco.Libertà o tirannide.Monarchia o repubblica?Fateci sapere “fremiamo”.

    "Mi piace"

  3. “Dante è sete di Luce, ascesa alla Luce. Dal nostro tempo dista anni luce.”

    Dal tuo un po’ meno: dai che ce l’hai quasi fatta e a breve (se il tuo dio vuole) vedrai la luce.

    "Mi piace"

  4. Gentile Gatto, se uno non crede , non crede, non c’è niente da fare. Se proprio si deve pregare ( a casa mia da piccoli di ubbidiva), almeno che si reciti qualcosa che esteticamente valga la pena.
    Le dirò che più grandina sono riuscita a sostituire la lettera del Vangelo alla preghiera serale. Alla fine lo sapevo quasi a memoria. Almeno imparavo qualcosa e non era tempo perso.
    A me Dante è sempre sembrato poco religioso, non a caso il suo lavoro più bello sono i canti dell’inferno, dove si toglie un sacco di sassolini…
    Era un genio nato, quello era .
    Ma dati i tempi … E l’opera andava pur “venduta”. Era il suo mestiere.

    "Mi piace"

    • “A me Dante è sempre sembrato poco religioso…”: se è per questo non era nemmeno TANTO ghibellino, come è sembrato a qualcun altro. Dante era non religioso (il che non è vero nemmeno questo, ché era contro i rappresentanti della gerarchia secolarizzata del tempo), nel senso che era meta-religioso, non a-religioso.
      Inoltre, era tutto fuorché un genio, inteso come lo si intende oggi; Dante era semplicemente un realizzato, tale per cui non era nemmeno più un individuo strettamente parlando.

      “…se uno non crede , non crede, non c’è niente da fare…”

      “O superbi cristian, miseri lassi, che, de la vista de la mente infermi, fidanza avete nei retrosi passi, non v’accorgete voi che noi siam vermi nati a formar l’angelica farfalla, che vola a la giustizia sanza schermi? Di che l’animo vostro in alto galla, poi siete quasi ENTOMATA IN DIFETTO, sì come vermo in cui formazion falla?”

      "Mi piace"

  5. Eh, e meno male, anche quest’anniversario ce lo siamo tolti dalle palle (dopo Leonardo nel 2019).

    Adesso siamo apposto, per l’ottavo centenario chissà chi scriverà di questo nasone toscano che scrisse una ‘commedia’ a cui venne appiccicato il termine ‘divina’ successivamente.

    Ma non sarà comunque un problema nostro.

    Il prossimo anniversario da celebrare? Il cinquantennario di Matteo Renzi nel 2026, a proposito di geni toscani.

    "Mi piace"

  6. Da qualche parte ci sarà il cattolicissimo, sponsorizzatissimo Manzoni col suo altrettanto pubblicizzato cattolicissimo Giuseppe Verdi.
    Che venivano a fagiolo per la propaganda codina in un tempo in cui l’ odiato Mazzini (pressochè sconosciuto dai libri di scuola; anzi, senza pressochè…) faceva paura.
    Non saranno dei centenari, ma il 3 e il 5 qualcosa si farà. Con tanto di benedizione Bergogliana, questa volta. Vuoi mettere le donne sempre preganti e morenti per amore del pio Giuseppe? Mica ha scritto Carmen!
    Dante è stato ben poco ricordato. Ed ha pure avuto il solito trattamento Benigni.
    Si sarà rivoltato nell’ urna, in quel di Ravenna…

    "Mi piace"