“Il crocifisso a scuola non è discriminatorio”: la sentenza della Cassazione

(Lara Tomasetta – tpi.it) – L’affissione del crocifisso nell’aula scolastica non rappresenta un “atto discriminatorio”. Il docente contrario non ha potere di veto sulla decisione, ma sta alla scuola trovare una soluzione che tenga conto anche del suo punto di vista. È quanto deciso dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione con una sentenza depositata oggi sull’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche. Non è stata quindi accolta la richiesta di risarcimento danni formulata dal docente, in quanto non si è ritenuto che sia stata condizionata o compressa la sua libertà di espressione e di insegnamento.

La questione esaminata riguardava la compatibilità tra l’ordine di esposizione del crocifisso, impartito dal dirigente scolastico di un istituto professionale statale sulla base di una delibera assunta a maggioranza dall’assemblea di classe degli studenti, e la libertà di coscienza in materia religiosa del docente che desiderava fare le sue lezioni senza il simbolo religioso appeso alla parete.

“L’affissione del crocifisso, al quale si legano, in un Paese come l’Italia, l’esperienza vissuta di una comunità e la tradizione culturale di un popolo, non costituisce un atto di discriminazione del docente dissenziente per causa di religione”, spiega la Cassazione.

Per i giudici dunque “il docente dissenziente non ha un potere di veto o di interdizione assoluta rispetto all`affissione del crocifisso, ma deve essere ricercata, da parte della scuola, una soluzione che tenga conto del suo punto di vista e che rispetti la sua libertà negativa di religione”.

Categorie:Cronaca, Giustizia, Interno

Tagged as: , ,

9 replies

  1. il crocifisso a scuola, non è discriminatorio. è provocatorio. domani, i pakistani metteranno un budda ed alcuni si sentiranno irritati. dopodomani i sikk porranno una statua della dea kaly.la settimana prossima gli atei porranno una ciambella di marmo col buco. due settimane dopo, la scuola sarà vuota, il cimitero pieno… inutili galline che si azzuffano per niente, diceva battiato ed almeno questa, non era una citazione o crittografia massonica.

    "Mi piace"

  2. Capisco che non sia dimiscrinatorio, resta il fatto che l’Italia è (dovrebbe essere) un paese laico, che non esiste religione di stato e quindi la croce col crocifisso non ha motivo di presenza nelle scuole e negli ospedali statali.

    Piace a 1 persona

  3. Il crocifisso in una scuola laica ha lo stesso senso della foto del presidente della repubblica sull’altare di una chiesa.
    Non è discriminatorio, è inopportuno.

    "Mi piace"

  4. Laico o religioso, non si dovrebbe proprio esporre l’immagine del sacro rappresentante di una religione, fra l’altro definito figlio di Dio, inchiodato morente ad una croce. I poveri bambini, appena affacciatisi alla vita, vengono traumatizzati da questa sofferenza trasmessa in modo intimidatorio, quando invece sarebbe più saggio mostrare un immagine della Sacra Famiglia.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...