Berlusconi vuole il Quirinale e nel centrodestra gli lasciano credere di potercela fare

(Marco Antonellis – tpi.it) – Da anni ormai la vicenda politica e giudiziaria di Berlusconi si intreccia con quella dei problemi fisici e delle malattie, con periodi più o meno lunghi di convalescenza e guarigioni. Ovviamente spunta sempre il sospetto che usi il suo corpo come “pretesto” per un “legittimo impedimento” a non presentarsi nelle aule giudiziarie. C’è chi parla persino di ‘virus processuale’, facendo notare che i malanni del Cavaliere coinciderebbero con le udienze processuali. L’entourage dell’ex premier però smentisce ogni volta.

Ad ogni modo, soprattutto nelle ultime settimane, Silvio Berlusconi è riuscito sempre a mantenere i contatti con gli “aficionados” e non sono pochi quelli che sono riusciti ad incontrarlo e a parlarci durante le vacanze agostane nel buen retiro di Villa Certosa. Tutti hanno tratto la convinzione che il Cavaliere viva una specie di fissazione: quella di essere il candidato unico del centrodestra per l’elezione del Capo dello Stato. Ogni discorso che fa prima o poi finisce lì (e lo sa bene Matteo Salvini; infatti è questo l’unico vero motivo per il quale gli sta dando il via libera, almeno per il momento, sulla “federazione” del centrodestra di governo).

Lui pensa sinceramente di potercela fare e in tanti glielo lasciano credere, anche ben sapendo che in verità è molto ma molto difficile, per non dire impossibile. È vero infatti che al centrodestra unito, dalla quarta votazione bastano solo 52 voti , ma questi potrebbero arrivare solo dagli uomini di Renzi o Di Maio (molto più difficilmente dal Pd di Enrico Letta) che li potrebbero anche dare ad un candidato vicino al centrodestra (Gianni Letta? Marcello Pera? lo stesso Casini) ma mai direttamente a Silvio Berlusconi.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

9 replies

  1. Che sia impossibile per un pluricondannato,per uno in combutta con la mafia,per un corrotto corruttore,per un evasore fiscale e altre cosette del genere diventare Presidente della Repubblica ,oggi,non direi. Per la vaiassa , il cazzaro verde ,il bomba traditore,esportatore di risorgimento in Arabia dietro favolosi compensi i reati sopraddetti sono meriti,solo meriti.
    Quindi il peggio non è da escludere…

    "Mi piace"

  2. ma davvero fa finta di non sapere che un condannato non può fare il presidente della repubblica ? lei è un asino

    "Mi piace"

    • Berlusconi è stato riabilitato, per cui temo non ci si alcun impedimento tecnico (ammesso che qualcuno abbia intenzione di farlo valere, nel caso)

      "Mi piace"

    • Gli asini in una ipotetica scala zoologica del regno animale si trovano senza dubbio molto in alto,sig. De Grandi,per cui il suo insulto (visto che tale voleva essere) denuncia la pochezza di un ominicchio supponente e molto,molto ignorante. Cerchi di usare il suo tempo per aggiornarsi,studiare e leggere sentenze,condanne,ecc., in silenzio e in umiltà.
      Sarà impossibile per lei risalire fino agli asini nella suddetta immaginaria scala ma fare qualche
      gradino potrebbe riuscire..

      "Mi piace"

  3. Ma tecnicamente, e dico solo tecnicamente, lui non è più interdetto dai pubblici uffici. Durava 5 anni. Quindi poiché ha di nuovo di suoi diritti civili la condanna non sarebbe più un ostacolo.
    Poi ha già detto che ci vuole andare solo per un annetto: tempo di organizzare un capodanno dei suoi e si dimette.

    "Mi piace"

  4. I voti a Berlusca potrebbero arrivare da Renzi e dai suoi, non credo dai 5S. Più facile da qualche centrista filorenziano residuo del PD

    "Mi piace"