Facce d’agosto nel circo che brucia

Le immagini di Kabul sono una pietra sul cuore e si cerca di scovare barlumi di umanità sotto le barbe incolte dei talebani, le stesse di un secolo fa, nelle pose appagate intorno al tavolo del palazzo desertificato, come di sguatteri diventati di colpo padroni.

(pressreader.com) – di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano – Le immagini di Kabul sono una pietra sul cuore e si cerca di scovare barlumi di umanità sotto le barbe incolte dei talebani, le stesse di un secolo fa, nelle pose appagate intorno al tavolo del palazzo desertificato, come di sguatteri diventati di colpo padroni. Nelle promesse di perdono ai vinti sottomessi si vorrebbe intravedere un barlume di misericordia, una parola di tolleranza, una scintilla d’amore. Soprattutto per le donne dell’Afghanistan il cui destino peserà sulla coscienza di noi tutti, ottusamente indifferenti fino a un’ora fa. Poi il tg (qualunque tg) volta pagina e si torna a sguazzare nell’Italia ferragostana con le “reazioni dei partiti”, inevitabili come una tassa priva di causale, insensate come la sfilata delle maschere nel circo che brucia. No, non è la solita, facile invettiva contro la politica delle anime morte perché, al contrario, ci si chiede se esista ancora una politica delle anime vive. Che di fronte alla catastrofe occidentale dell’ignavia abbia il pudore di respingere gentilmente la profferta televisiva: scusi, ma oggi preferirei non dichiarare nulla anche perché non saprei cosa dire. E invece, niente, leader di partito e comprimari non si resiste alla tentazione di balbettare qualcosa pur di tirare l’acqua al mulino che macina il nulla. Da destra accusando la viltà di Biden (omettendo che il ritiro fu deciso da Trump), e da sinistra accusando la protervia di Trump (non un cenno al disastroso disimpegno di Biden). Poi, c’è sempre quello che non sapendo che cavolo farfugliare (magari con la grigliata che preme) chiede “al ministro degli Esteri Di Maio di riferire alle Camere quanto prima” (purché non tanto prima da rovinargli le ferie). Ministro Di Maio che sorpreso in braghette sulla spiaggia desta il finto scandalo nell’imbecille collettivo desideroso di saperlo, ugualmente impotente, però murato alla Farnesina. Semmai gli si dovrebbe chiedere conto della promessa “non lasceremo soli gli afghani”, perché con le persone in fuga che cadono dagli aerei, davvero non si capisce come. Una prece, infine, per la tristissima sfilata di figurine di terza e quarta fila, videotessere imbambolate dalla calura che recitano (male) il messaggino dell’ufficio stampa del partito. Ma non hanno una famiglia, una casa?

17 replies

  1. “Ministro Di Maio che sorpreso in braghette sulla spiaggia desta il finto scandalo nell’imbecille collettivo desideroso di saperlo, ugualmente impotente, però murato alla Farnesina.”

    Esatto, come se potesse prendere e recarsi sul posto, viaggiando contromano…
    E come se fosse una colpa essere stato sorpreso, unico al mondo, e non essere invece stato lì, a fermare i talebani da solo, a mani nude…

    Piace a 3 people

    • quindi lasciamolo pure in spiaggia con la morosa a costruire castelli di sabbia. Mica si possono avere i talebani proprio a ferragosto.

      "Mi piace"

      • ma tu capisci che lui ha detto ‘non lascereno soli gli afgani, poi se ne sta in spiaggia mentre piovono civili dal cielo o non ci arrivi proprio a comprendere questo problema? Di maio certo non è l’unico responsabile, ma questa frase che ha detto è credibile quanto ‘abbiamo sconfitto la povertà’.

        "Mi piace"

  2. Sono decenni che laggiù ci sono caos e morte e a nessuno è mai importato. Praticamente zero notizie e nessun “caso umano”.
    Adesso tutti a strapparsi i capelli, “opinionisti” scatenati, tutti pontificano e “casi umani,” ovunque.
    Evidentemente fino ad ora il “popolo” non doveva occuparsene, ora non più.
    Per quale ragione?
    Farsi la domanda e darsi la risposta.

    "Mi piace"

  3. Anail:Un ministro degli “esteri” che non sa quello che stava accadendo non si può definire tale.Specialmente se lo sapeva anche la casalinga di Voghera.Organizzare i rimpatri era il minimo. Altro che spiaggia.

    "Mi piace"

    • Ah, tu sai che NON lo sapeva?
      Pensa che non lo SAPEVANO neanche gli americani… si erano dati 3 mesi di tempo… invece tutto è precipitato.
      O questo lo so solo io che non faccio la casalinga a Voghera?
      Di Maio però, mica doveva stare in spiaggia!
      Come minimo doveva essere al Papeete a dichiarare di non VOLERE PROFUGHI AFGHANI
      Così sì che sarebbe stato sul pezzo.

      "Mi piace"

      • Anail ! Ma che ti metti a discutere con i suddetti …. ! Per ragionare con loro devi scendere di gradino e abbassare il tuo livello culturale e adeguarlo al loro e …non so se vale la pena ! Qualcuno potrebbe confondersi e pensare che…!

        Piace a 1 persona

      • Ma infatti, l’hanno addirittura proposto espressamente! 😆
        Dovremmo essere noi ad adattare il nostro livello culturale di ÉLITE(!!!), al loro!

        “revanscista
        18 agosto 2021 alle 11:06
        Anail
        non metto in dubbio nè l’INVALSI nè economisti e linguisti e tanto meno Tullio De Mauro.
        Dato per assodato quello che affermano, non è che VOI élite non siete capaci di farvi capire?
        Oppure vi crogiolate della vostra sapienza e parlate solo tra di voi?
        Se la maggior parte ha una conoscenza appena basica, perchè non adattate la vostra comunicazione?
        o è troppo difficile e complicato oppure avete la ritrosia propria dei razzismo nascosto.”

        Ti rendi conto? Tutto ciò in risposta al report che dava conto della percentuale di analfabetismo funzionale in Italia, a sua volta in risposta alle sue mappe colorate (giusto così le ha capite), che indicavano la superiorità della dx sulla sx, in base al nr di regioni governate da loro.
        Così funzionano le interazioni, con certi elementi: a colpi di chi ce l’ha più lungo.
        Se poi gli spieghi come mai, mica capisce il rapporto causa/effetto.
        Nooo, si lamenta perché noi siamo razzisti a non parlare coi RUTTI, per farci capire da loro.

        "Mi piace"

    • Leggiti Travaglio di oggi, così scopri di essere tu a non sapere che Di Maio ha organizzato i rimpatri per 3 gg, riuscendoci egregiamente.
      Ma prima bisogna sparargli addosso, tanto è l’odio che gli si porta e l’abitudine al ragionamento di pancia.
      Ovviamente, che in vacanza ci fossero anche Draghi e tutti gli altri capi dello stato esteri è ininfluente.
      Perché, comunque, Ha stato Di Maio.

      "Mi piace"

      • odio assolutamente meritato.

        Penso che i rimpatri di cui parla MT siano un pelino scarsi se la gente cade pure dai carrelli degli aerei.

        "Mi piace"

      • Eh, certo… DI Maio avrebbe dovuto costruire, nottetempo, aerei da migliaia di posti… Ma che dico migliaia… Milioni!!

        "Mi piace"

  4. Che fretta c’era maledetta primavera….,bei tempi quelli.
    Consoliamoci con il “pronto intervento” del parlamento (fa pure rima),convocato d’urgenza (e te credo)….per fine mese,mi sembra il 31 agosto…Reazione rapida cribbio. 🙂

    "Mi piace"

  5. Nel frattempo avremo orde di monopattini assassini che imperversano in città…. Gabbiani killer che attaccano i poveri bambini con il gelato… Probabilmente urge anche una seria discussione sul possibile arrivo del “abominevole vespa africana” a causa del cambiamento climatico…
    Questi sono i veri problemi degli Italiani che attendono una costruttiva e seria discussione parlamentare per indirizzare il governo sulla pronta risoluzione….

    "Mi piace"

  6. Prospettiva complementare a quella offerta da Saviano:

    Il Governo dei Talibani controlla le vie di scorrimento di beni attraverso il Paese e controlla i suoi passi montani, autostrade, strade, ponti, eccetera. La “tassa di passaggio” che questi beni in transito debbono pagare supera annualmente le “donazioni” dall’estero “militante”.

    "Mi piace"

  7. Penso che proprio tutti (quelli che possono) se ne stiano in spiaggia di questi giorni, o nella villa in montagna in piscina (che differenza fa?) Draghi compreso.
    Il fatto è che alcuni ce li mostrano per dileggiarli, altri no.
    Tutto qui. Ogni pretesto è buono e noi abbocchiamo.

    Comunque se fossi un politico, di questi tempi, me ne andrei dai preti di Camaldoli o similia e mi farei fotografare lì, magari in preghiera. Successo assicurato. per tutti. Chi oserebbe criticare?
    Di Maio è giovane, dovrebbe imparare dai DC che ancora circolano. Se poi si “avvicinasse” a CL sarebbe il prossimo premier. Tanto, ormai, al M5stelle manca solo questo.

    "Mi piace"