Covid, perché la variante Delta sta rendendo impossibile raggiungere l’immunità di gregge

(Cristina Marrone – corriere.it) – Il concetto di immunità di gregge si basa sul fatto che la grande maggioranza di una popolazione che ottiene l’immunità – attraverso la vaccinazione o una precedente infezione – fornisce, a sua volta, una protezione indiretta da una malattia infettiva per i non vaccinati. In questo modo la catena di trasmissione si interrompe. L’immunità di gregge è raggiungibile solo con alti tassi di vaccinazione che dipendono a loro volta dal potere di trasmissione di un virus.

Perché le percentuali di copertura vaccinale per il Covid sono variate al rialzo nel corso dei mesi?
A inizio pandemia gli epidemiologi avevano ipotizzato una copertura del 66% della popolazione per liberarsi dalla minaccia del virus e tornare alla normalità. Con la variante Alfa, più contagiosa, la soglia è arrivata all’80%. Con la Delta, che ha una carica virale molto elevata, si stima che una persona possa contagiarne in media 7 (rispetto a 2,5 del ceppo originale). Di conseguenza per spegnere l’andamento epidemico si dovrebbe arrivare a immunizzare quasi il 90% della popolazione (e in certi ambienti al chiuso e poco areati non basterebbe). Ma ciò è impossibile perché a una certa quota di persone che, per vari motivi non si vaccineranno, (all’incirca il 20%) si devono aggiungere gli under 12, popolazione non ancora vaccinabile. L’obiettivo non è realisticamente ottenibile.

Quali altre variabili entrano in gioco sul fallimento dell’obiettivo?
È noto che i vaccini non proteggono al 100% per questo infezioni tra i vaccinati saranno sempre possibili. L’emergere della variante Delta ha però ulteriormente sparigliato le carte in tavola. I vaccini, pur mantenendo un’elevata protezione contro la malattia grave da Covid e la morte, si stanno dimostrando meno efficaci nel prevenire l’infezione da Sars-CoV-2, in particolare con il ceppo Delta, quindi anche chi è vaccinato, seppur in misura minore, può contrarre il virus. Il bollettino dell’Istituto Superiore di Sanità diffuso venerdì parla di una protezione dell’82% dalle infezioni sintomatiche con i vaccini in uso in Italia (e sono esclusi tutti gli asintomatici che non vengono testati) Inoltre anche i vaccinati che si infettano, seppur più raramente, possono diffondere il virus colpendo più facilmente la popolazione fragile che risponde poco e male al vaccino (immunodepressi, anziani fragili), oltre che i non vaccinati, che spesso non sono egualmente distribuiti nella popolazione generale, ma si concentrano in alcuni Paesi o comunità dove il virus ha «libera circolazione» . Infine c’è ancora incertezza sulla durata dell’immunità, che potrebbe calare con il passare dei mesi, oltre al fatto che la distribuzione del vaccino anti Covid è ancora poco equa: alcune zone del mondo non hanno ancora visto un vaccino e in un mondo globalizzato l’immunità di massa deve coinvolgere, appunto, tutto il mondo. Con tutte queste variabili il virus non smetterà di circolare e l’immunità di gregge resterà un miraggio.

Perché si dice che il coronavirus non è come il morbillo?
Sir Andrew Pollard, uno degli scienziati che ha partecipato agli studi sul vaccino di AstraZenenca ha dichiarato nei giorni scorsi che l’immunità di gregge non potrà mai essere raggiunta nonostante l’elevato tasso di vaccinazione perché il coronavirus non è come il morbillo. L’esperto ha precisato che «se il 95% della popolazione è stato vaccinato contro il morbillo il virus non potrà trasmettersi alla popolazione». Si tratta dell’ «immunità statica»: la protezione si mantiene per la vita e in questo modo la circolazione del virus viene bloccata. Ma la variante Delta può infettare ancora le persone che sono state vaccinate, creando una situazione di «immunità non duratura», «e non abbiamo nulla che possa fermare completamente la trasmissione» dice Pollard.

Il Covid non potrà essere quindi debellato?
Sembra improbabile. Finora solo una malattia, – il vaiolo – è stata ufficialmente debellata con casi ridotti a zero mantenuti a lungo termine senza continue contromisure. Ciò è stato possibile grazie a un buon vaccino e al fatto che gli esseri umani sono gli unici mammiferi naturalmente suscettibili all’infezione con il virus del vaiolo . Al contrario, molte specie sono sensibili alla Sars-CoV-2, inclusi pipistrelli , visoni, gatti e gorilla.

Perché è comunque importante mantenere alto il livello di vaccinazioni? Più alto è il numero di vaccinati meno circola il virus. In assenza di immunità di gregge, il virus continuerà a trovare coloro che non hanno protezione. Ciò significa che le persone che non vengono vaccinate – o non possono perché il loro sistema immunitario è compromesso o sono troppo giovani – rimarranno vulnerabili. Chi invece è stato vaccinato o è guarito da Covid-19 manterrà un certo grado di immunità. Anche se queste persone verranno ancora infettate il loro sistema immunitario sarà in grado di mantenere sotto controllo l’infezione e, nella maggior parte dei casi, i sintomi saranno lievi o assenti (i vaccini proteggono comunque dalla malattia grave e dalla morte). Anche se non si arriverà all’immunità di gregge si raggiungerà una ridotta, ma efficace immunità di massa, sufficiente a farci riprendere una vita normale, riuscendo così a controllare se non totalmente le infezioni, almeno le malattie gravi (anche grazie a nuove terapie).

Il virus diventerà endemico?
Il 90% degli scienziati se lo aspetta secondo un sondaggio condotto dalla rivista Nature. I virus endemici come ad esempio l’influenza circolano continuamente in comunità, spesso causando picchi periodici quando ci sono condizioni che ne favoriscono la trasmissione. Quando il coronavirus diventerà endemico, come lo sono i suoi quattro cugini che causano il raffreddore, sarà anche meno problematico, non tanto perché il virus è cambiato, ma perché non è più nuovo e le persone non saranno immunologicamente vulnerabili. Alcuni scienziati hanno previsto che, una volta raggiunta la fase endemica, l’esposizione primaria al virus si verificherà durante l’infanzia, quando l’infezione causa principalmente malattie lievi o asintomatiche. A quel punto il Covid, forse , potrà essere considerato molto simile al comune raffreddore. Quanto ci vorrà? Non meno di due-tre anni.

Ha collaborato Fabrizio Pregliasco, virologo, direttore generale dell’Istituto Galeazzi di Milano

14 replies

  1. Col vaccino il Delta circola tranquillamente, possono girarla come vogliono, l’unica differenza, pare, è che se sei vaccinato la sintomatologia si mantiene leggera ma anche questo dipende, dal momento che tra i malati e i decessi ci sono anche vaccinati

    "Mi piace"

    • eh!?
      ma che vuol dire “il Delta circola tranquillamente”?
      ho già qui spiegato che i vaccini non possono, per loro natura, bloccare i contagi, sono i giornalisti che ora iniziano a capirlo.
      ma pure prima del Delta, la differenza è che il Delta contagia di più ed ha soppiantato le altre mutazioni.

      bastava vedere il metodo con cui lavorano (i vaccini) per capire che la cosa è praticamente impossibile
      dato che agiscono ex post, a contagio avvenuto, e non lavorano direttamente sul virus ma sul bloccarne il meccanismo
      che utilizza per penetrare nel sistema cellulare, ovvero attivando in modo più corretto il sistema immunitario
      (in pratica evitando s’attivino le tempeste di citochine che portavano ai decessi non riuscendo ad essere controllate
      per via farmacologica) quindi tra ingresso del virus ed attivazione del sistema immunitario che porta, dopo un poco di tempo,
      alla soppressione del virus (se non entra, non ha modo di alimentarsi e riprodursi ed attaccare gli organi) passa del tempo
      in questa finestra temporale nulla riduce la possibilità di contagiare terzi, o al momento non ce n’è evidenza
      che possa accadere.

      il resto della frase, da “l’unica differenza…” è un delirio di logica e non provo neppure a comprendere
      cosa avrebbe voluto scrivere.

      ps
      se qualcuno è più del mestiere abbia comprensione se trova qualche strafalcione, non ho fatto le scuole alte
      ma, visto quello che dicono quelli che le hanno fatte, posso essere perdonato, spero.

      ps2
      nessuno, o almeno pochi al momento l’hanno fatto, parla dell’effetto “long covid” (mi spiace per l’anglofonia)
      che colpirebbe chi è stato malato e non solo gli ospedalizzati.
      parrebbe che sia una cosa reale, non hanno ancora compreso se sono effetti reversibili o se, in alcuni casi,
      possano diventare permanenti, ed anche complicato quantificare la natura del danno dato che
      avrebbero dovuto avere la situazione del prima da confrontare.
      al momento possono solo vedere che i sintomi sono un abbassamento della media delle capacità cognitive
      rispetto ad un campione di riferimento similare (stesso livello di reddito, istruzione, età, ecc) usato nei test.

      "Mi piace"

      • Rileggiti e capirai cos’è un delirio, scritto male e incomprensibile. Se non hai fatto le scuole, come dici, non attaccare polemiche, impara a relazionarti, soprattutto sugli spazi senza moderazione che richiedono maggiore responsabilità ed educazione. Comunque…il coronavirus non è come il morbillo, significa che nonostante il vaccino, circola lo stesso.

        Piace a 1 persona

      • Marco Boh, sempre peggio eh… sarà che hai alzato il gomito per Ferragosto?

        ‘parrebbe che esiste’. Cioé migliaia di persone che hanno preso il COVID hanno sintomi sul tipo che non sentono più gli odori e tu te ne esci con ‘parrebbe che esiste’.

        L’unica spiegazione e giustificazione che hai è che pure te hai il long COVID, sennò non si spiegano queste supercazzole.

        "Mi piace"

  2. Covid, perché la variante Delta sta rendendo impossibile raggiungere l’immunità di gregge?Forse perché la variante non esiste?

    "Mi piace"

  3. Vaccini, Iss: “Per chi ha ricevuto due dosi il rischio di morire per Covid è più basso del 97% rispetto ai non immunizzati”I figli di troia insistono…Passata la paura di questi cosa bisogna fare?

    "Mi piace"

  4. Insomma, quest’articolo, a ben leggere, ci dice che il virus ha messo la freccia, ci ha sorpassato nell’evoluzione e ci ha mandato uno #ciaone

    Se la Delta è così contagiosa possiamo solo invocare clemenza, ammesso che un virus sappia cosa sia.

    I vaccini hanno fallito, hanno detto che fermavano la malattia, che ci proteggevano da eventi avversi gravi e così via, e sta andando tutto a putta… come si vede anche in UK, USA, Israele e Islanda (piccolissima e isolata da tutti).

    E ancora non si è detto degli effetti avversi gravi dei vaccini, quelli sì capaci di colpire duro anche i gggiovani.

    "Mi piace"

    • 155.000 casi e 750 morti ieri negli USA.

      Non so di che follia tu stia parlando. Magari del non avere chiesto i danni ai cinesi per la loro produzione made in China?

      "Mi piace"

  5. Dopo che ci hanno rotto i cabbasisi per mesi e mesi improvvisamente scoprono l’ acqua calda. Ma ci sono ancora da comprare e vendere (tra l’ altro con l’ aumento) un gran numero di vaccini dell’ “Alleato” (solo quelli, ovvio…) e gli “imprenditori ” ( molti nella farmaceutica e con interessi ovunque ) devono risparmiare sui presidi, quindi obbligo green pass anche in mensa ( per intanto lì, poi anche per andare al gabinetto ed infine per respirare “liberamente”. Solo in Italia possono…).
    Ma non si era detto ieri che i sindacati avevano raggiunto un accordo contrario? Landini, dove sei? Solo in TV a fingere di sbraitare?

    "Mi piace"

  6. “L’immunità di gregge è raggiungibile solo con alti tassi di vaccinazione che dipendono a loro volta dal potere di trasmissione di un virus.”

    questa l’hai letta su topolino

    "Mi piace"