Esiste ancora il diritto di sbagliare?

(Michele Serra – la Repubblica) – La cerimonia d’apertura dei Giochi di Tokyo mi è sembrata bellissima.

Sobria e sorprendente. L’opposto della pacchianeria fracassona che spesso anima questo genere di adunate in Mondovisione.

Qualcosa di riflessivo, di intenso, di gentile la animava, a conferma che i giapponesi sono il popolo più elegante del pianeta, nonché il più educato.

Ora, però, abbiamo un problema. Il primo artefice di questo spettacolo ammirevole, il direttore artistico Kentaro Kobayashi, è stato licenziato con disdoro, a poche ore dall’inizio della “sua” cerimonia, per avere pronunciato, ventitré anni fa, quando era un giovane cabarettista, una infelice frase sull’Olocausto che i suoi stessi accusatori inquadrano nel genere “barzellette antisemite”.

La domanda, inevitabile, è: possibile che l’autore di uno spettacolo così umano, così partecipe dei dolori e delle speranze del mondo, debba essere scomunicato per una “barzelletta antisemita” uscitagli di bocca quasi un quarto di secolo fa mentre cercava, maldestramente, di fare lo spiritoso?

Visto che si parla tanto di prescrizione, davvero può esistere prescrizione per corrotti e mafiosi, e non per un artista che vede distrutto il suo eccellente lavoro di oggi a causa di una scemenza giovanile vomitata dagli archivi?

Esiste ancora il diritto di sbagliare? Esiste ancora il diritto di maturare, di cambiare, oppure ognuno di noi è inchiodato per l’eternità alle proprie tracce?

Non avete anche voi l’impressione che l’ossessione della purezza (puritanesimo, appunto) stia facendo uscire di senno il mondo? Che fine ha fatto il “chi è senza peccato scagli la prima pietra”, in questo evo di lapidazioni, pentimenti, autodafé, che puzza lontano un miglio di Inquisizione, e di rogo?

9 replies

  1. Io lo approverei, un decreto legge che fissa una data dopo la quale la *singola* cacata cade in prescrizione (mancando un pregresso rammarico).

    Venti anni mi sembrano una giusta misura,

    "Mi piace"

  2. Ma dove la vede questa ossessione per la purezza questo Serra che come tanti è nato incendiario e vuole morire pompiere per difendere probabilmente lo status di élite e classe dirigente che ha ottenuto e che evidentemente teme un giorno possa essere messa in discussione, magari dalle caxzate che diceva anche lui in gioventù? In un mondo in cui i corrotti non si contano, in cui le guerre false e tragicamente inutili sono decine e decine (sempre ispirate dal baluardo della democrazia e del politically correct caro anche al suddetto Serra e cioè gli Stati Uniti), in cui l’ambiente è devastato e vituperato, in cui 10 persone al mondo hanno un patrimonio pari a metà del mondo, in cui i paesi ricchi sfruttano quelli poveri ai non vogliono dare i vaccini a poco perché questo mette in pericolo i profitti di Big Pharma (e quelli dei politici che se ne fanno lobbyzzare), un mondo in cui per tutte queste cose, e altro, nessuno paga e nessuno viene messo sotto accusa con nome e cognome, questo arrivista si preoccupa perché a qualche artista, anche valido per carità, viene tolto un incarico?!? Non l’hanno mica arrestato o deportato! Si è dimesso semplicemente da un incarico, riconoscendo un errore grave, ma non è che è andato in esilio o ha visto prosciugato il suo conto corrente! Questi scribacchini e pennivendoli alla stregua di Serra ormai hanno un solo ed evidente scopo: prendere per il sedere chi li legge, a tutto proprio vantaggio.

    Piace a 1 persona

    • Delusione immensa Michele Serra.
      Da anni caga sul Michele Serra che fu.
      La persona piu’ ingrata con Michele Serra e’… Michele Serra.
      Da anni anziche’ affrontare i temi caldi svicola parlando delle scomparsa delle farfalle, della vera pizza italiana,degli incendi in Australia, dell’apertura delle Olimpiadi…
      Francamente provo compassione per lui.
      La scelta di rimanere nell’attuale Repubblica di Molinari facendo fare la figura del leone a Gad Lerner (ed e’ tutto detto!) non e’ commenatbile…
      Probabilmente il Serra che fu dedicherebbe a lui e a tanti suoi compagni di merende una storica copertina di Cuore:

      "Mi piace"

  3. Che poi ai giapponesi sai che gli frega dell’Olocausto.

    Caso mai dovrebbero rispondere dei crimini contro i cinesi.

    Ma veramente, 23 anni fa c’era chi svendeva autostrade ai Benetton e adesso è capo del governo. Dragula poteva fare anche sacrifici umani e li ha fatti con il Morandi, ma lo hanno eletto lo stesso.

    "Mi piace"

  4. “Visto che si parla tanto di prescrizione…”
    perché?
    la Cartabia mette mano pure alla legislazione penale anche in Giappone?

    "Mi piace"

    • Infatti. Questi (i Serra et simila) sono ossessionati dalla necessità di spostare i ragionamenti forti dalle cose che contano veramente (e che potrebbero ribaltare una situazione che ora li vede privilegiati) alle cose che distraggono e che non sono di vera sostanza. La verità è forse che hanno preso un bello spavento quando il M5s ha vinto le elezioni e sembrava davvero capace di rompere tutte le rendite di posizione dei ceti dominanti. Poi però i 5s hanno perso il biglietto vincente della lotteria e sono rientrati nei ranghi. Si sono fatti “fottere”. Peccato..

      Piace a 1 persona

  5. Classico post comunista pentito capace solo di parlare del nulla con la presunzione di chi crede di essere al di sopra.Di tutti meno che dei padroni del suo.giornale

    "Mi piace"

  6. È diventato un ottimo motivo – noi boccaloni ormai abbiamo il cervello all’ammasso- per sostituire posizioni ambite con personaggi”propri”. Solo chi interessa, però: i trascorsi attivamente fascisti di altri ( praticamente tutti i “sinistra”del dopoguerra, da Scalfari in su) vengono condonati-
    Attenzione ai disegnini che avete fatto all’asilo… Non sia mai che abbiate rappresentato il papà più alto della mamma… Misogini!

    Piace a 1 persona