La nonna nello spazio

(di  Massimo Gramellini – corriere.it) – Oggi, a bordo del razzo privato in viaggio di piacere verso le stelle, ci sarà anche una donna di 82 anni. Dimentichiamo per un attimo che il proprietario del razzo è Jeff Bezos, il signor Amazon, il massimo del genio ma non proprio della simpatia, considerando che in Europa paga meno tasse di un fruttivendolo. E ammettiamo che l’idea di imbarcare l’arzilla signora sia un’astuta mossa di marketing. Resta una bella storia che parla alla fantasia di ciascuno di noi. Da bambina Wally Funk giocava con gli aeroplanini, da adolescente era capace di costruirli, da ragazza prese il brevetto di pilota e a ventidue anni partecipò al programma della Nasa per portare in orbita la prima donna astronauta, ma l’atmosfera terrestre era ancora solcata da troppi pregiudizi e il programma svanì dopo che Wally aveva già superato le selezioni. Non per questo perse il celebre sorriso: si limitò ad abbassare leggermente la cilindrata dei suoi sogni, occupandosi di voli civili. Ma i desideri, cantava Battiato, non invecchiano quasi mai con l’età. E dieci anni fa, quando aveva già passato i settanta, l’aviatrice Wally comprò un biglietto per un volo suborbitale della Virgin che non decollò mai.

Oggi è il suo momento, finalmente. Sarà seduta accanto a un diciottenne e la suggestione epica avanza inesorabile: il passato e il futuro che scappano insieme da un mondo in fiamme ricordano Anchise e Ascanio in fuga da Troia. Chissà come si sentirà Jeff Bezos nei panni di Enea.

Categorie:Cronaca, Editoriali, Interno

Tagged as: , ,

8 replies

  1. E una DONNA di questo calibro me la riduci ad “arzilla signora”?
    Tutta la sua persona, il suo valore circoscritti alla sua età anagrafica?
    Gramellini, sei più vecchio tu.

    "Mi piace"

  2. comunque, meriti della signora a parte e che, per inciso, le hanno reso assai se può permettersi quello sfizio,
    dire che viaggiano verso le stelle è un come se dicessi che viaggio verso le Mauritius
    andando appena oltre il “mio” condominio e tornassi subito indietro.
    semanticamente corretto, come lo è di fare un salto a piedi uniti verso l’alto, suggestivo, ma fuorviante.

    quello che fanno è un volo “suborbitale” che per convenzione è ogni volo in cui non si supera la quota di 100 km
    ovvero un nulla su scala “delle stelle”, anche rimanendo nel nostro sistema solare (l’unica stella a tiro)
    questo per dire quanto siamo lontani dai villaggi (non viaggi, villaggi) su Marte.

    "Mi piace"

  3. Gramellini ha calcolato l’impatto ambientale “inquinamento” di questi stupidi , costosi giochini. Non mi dica che di tutto cio’ si avvalera’ la Scienza perche’ anche il “buon senso” a un limite. Saluti

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...