“Caro D’Alema, qual è il suo valore?”

(Mario Giordano – La Verità) – Caro D’Alema, lei sostiene che quel mezzo milione di euro, che secondo i compagni socialisti europei si sarebbe intascato indebitamente, sono in realtà un giusto compenso per l’attività svolta. Ha aggiunto anche che, a suo dire, sarebbe stato pagato «meno del suo valore».

Ed è per questo che le scrivo. Volevo per l’appunto chiederle: mi scusi, ma qual è il suo valore? Non starò qui a sindacare sulla imbarazzante vicenda su cui si è già scritto di tutto, non starò a insistere sull’inspiegabile dettaglio del contratto segreto, e non mi dilungo nemmeno sul triste caviale del tramonto che lei sta percorrendo, tra i ventilatori fuori norma della Silk Road Global, e le mascherine farlocche dei suoi amici Domenico Arcuri e Vittorio Farina.

Triste epilogo, per altro, di una vita politica tutta costellata di casi Telecom, Banca 121, Unipol, Bingo, Monte Paschi e altro malbusiness, come le ha ricordato l’ottimo Mattia Feltri sulla Stampa. Io vado oltre e le chiedo: ammesso che lei sia stato davvero pagato per il suo valore, quale diavolo è questo valore?Lei ha ricevuto 10.000 euro al mese dal 2013 al 2017 dalla Feps, la rete della fondazioni dei socialisti europei, in cambio dell’attività intellettuale svolta.

I una intervista a Repubblica ha dichiarato che ci sarebbe stata una società privata inglese disposta a pagarla quattro volte tanto (quindi 40.000 euro al mese) per il medesimo lavoro. E che lei ora ha chiesto a una società (che però rimane segreta) di valutare l’esatto valore delle sue prestazioni. Naturalmente non mi permetto di mettere in dubbio nulla di tutto ciò. Anzi, sono felice per lei perché non è da tutti farsi offrire 40.000 euro al mese in cambio di qualche idea.

L’unica cosa che non riesco a capire, glielo dico con tutta sincerità, è di che diavolo di idea si tratti.  Scusi se mi permetto, sa. Ma dopo la sua infanzia dalla parte sbagliata della storia, prima nei pionieri del Pci (ai tempi in cui l’Urss aveva sempre ragione) e la sua adolescenza nella Fgci (senza dimenticare un passaggio movimentista con le molotov), è finalmente arrivato alla politica dei grandi distinguendosi soltanto per interminabili guerre nel partito con il suo alter ego Walter Veltroni e per un’esperienza di governo a dir poco fallimentare.

Che cosa si ricorda di lei primo comunista italiano al potere? Il bombardamento in Kosovo? Palazzo Chigi come merchant bank? I lothar Velardi e Rondolino che l’accompagnavano come mastini? Dalla Bicamerale (fallimento istituzionale) ad Articolo Uno (fallimento scissionista) la sua vita è un coacervo di flop che nemmeno la sua sovrabbondante boria riesce a coprire.

E perciò mi resta questa curiosità: ma perché diavolo qualcuno dovrebbe pagare 40.000 euro per avere i suoi consigli? Non sarà che vogliono sapere quello che lei pensa per fare esattamente l’opposto? Se riuscisse a farmelo sapere, gliene sarei grato. Nel caso guarderei con ancora più ammirazione la sinistra che lei rappresenta, una sinistra insuperabile nel difendere i valori. Quelli del conto in banca, s’ intende.

26 replies

  1. Vabbe’, lo skipper non ne azzecca una manco per sbaglio, e fin qui ci siamo.

    Ma la domanda che sorge spontanea, per associazione di idee, diciamo, e’ la seguente: ma perche’ mai qualcuno dovrebbe pagare qualsivoglia cifra per i pregevoli articoli di Giordano Mario, nonche’ per le sue pregevoli conduzioni televisive con vocina chioccia e annessa strage di vocali e consonanti?

    Perche’?

    Qual e’ il valore di un leccaculo? Ai posteri l’ardua sentenza.

    Piace a 3 people

    • Non esiste un valore del leccaculo, ma del culo che viene leccato: probabilmente quello che ti induce a parlare così è l’invidia di non averne trovato uno che valga la pena di darci ‘na passata di lingua.

      O se l’hai trovato, ti sei drammaticamente sbagliato sul suo valore.

      "Mi piace"

      • Però c’è un valore intrinseco anche del leccaculo in quanto tale. Tutto ha un valore, dai, anche i leccaculi, Vogliamo dire che l’equazione del leccaculo, tipo quello in questione, è data dalla moltiplicazione per infinito della merda che iecca? Ora dato un valore di meno infinito alla merda leccata, chiunque sia il proprietario della medesima, il risultato è semplice: meno infinito moltiplicato infinito dà infinito negativo. Onde, il valore del leccaculo è meno infinito infinito. Quanto di più negativo, infinito, possibile..😂😂

        "Mi piace"

      • ah! l’esperienza…
        questa si che deve venir pagata

        lei è un pozzo di conoscenza pratica, chissà quanti ne ha dovuti lappare
        per poi dispensare consigli illuminanti in merito

        complimenti per l’abnegazione

        "Mi piace"

      • La NINFOMANE e Marco_Bonobo, i cavalieri senza macchia e senza peccato! AHAHAH… Sancho, sella i ronzini! AHAHAH… Poracci…

        "Mi piace"

    • Veramente di domande simili ai tempi d’oggi ne vengono in mente tante…Ad esempio come mai i principi dell’Arabia Saudita pagano cifre assurde per le conferenze del BOMBArolo?-
      E come mai la nostra TV di stato paga cifre assurde ai vari vespa, fazio, etc….che dirigono programmi mediocri e si autogiudicano conduttori di valore solo perchè tutto il resto dei programmi è semplicemente spazzatura?
      Tu oggi ti chiedi quale è il valore del leccaculo?
      Anche i leccaculi hanno il loro valore intrinseco perchè questa scienza non ammette tentennamenti, è più potente del giuramento fatto alla Nazione (che per altro viene rispettato solo in parte e da pochi).
      Il leccaculismo si articola su vari piani e necessita di una dote fin dalla giovane età.
      Chi fra di noi non ha avuto un compagno di scuola leccaulo di un professore? E’ necessaria una propedeutica, cominciando a tradire i propri compagni,ad essere servile con chi è in quel momento detentore del potere, far finta di non capire quando vieni scoperto, poi quando sei all’università, se sei femmina sai già come funziona, gli uomini tutti sono schiavi del sesso….Se sei maschio, vai a proporti come zerbino, e poi su su cominci la tua carriera di sgomitamenti, tradimenti, ipocrisia servilismo, di cazzi tuoi, ma una cosa non finirà mai al leccaculo la saliva, perchè lui vale!

      "Mi piace"

    • Ma pensa, un’altra cornucopia neuronale che parla di infinito negativo (quindi implicante anche uno POSITIVO; ricorda tanto la teoria dei “due infiniti” di Pascal: concepire che di una cosa senza limiti, cioè IN-FINITA, ne possano esistere due versioni che si limiterebbero a vicenda, resta un vero e proprio insondabile mistero massonico!) e che commenta a salto della quaglia: che meraviglia questo blog!

      "Mi piace"

      • Pascal diceva: colui il quale dotato di un solo neurone incontra colui il quale ne conta anche solo uno in più è destinato a perire miseramente in una tenzone dialettica, al pari di colui il quale confonde l’ironia con concetti matematici che non sa nemmeno maneggiare. Quest’ultimo è anche un imbecille..
        Prosit😂😂😂

        "Mi piace"

      • D’altronde, i cogli0ni bisogna pur metterli a loro posto:

        “La fin troppo celebre concezione dei ‘due indiniti’ di Pascal è metafisicamente assurda, e non è, ancora una volta, che il risultato di una confusione tra infinito e indefinito, assumendo quest’ultimo nei due sensi opposti delle grandezze crescenti e decrescenti”

        Da: “I princìpi del calcolo infinitesimale” di R. Guénon, Adelphi Edizioni, con Postfazione del Prof. Paolo Zellini, Professore di analisi numerica presso l’Università di Roma Tor Vergata.

        "Mi piace"

      • …Se poi uno non c’arriva a capire che si può usare un concetto matematico (perfettamente MANEGGIATO) per fare del sarcasmo e contrastare chi crede di fare dell’ironia con concetti matematici che non sa nemmeno maneggiare. Quest’ultimo è anche un IDI0TA.!

        "Mi piace"

  2. MIMIMO D ALEMA… ma ci rendiamo conto?

    il piu grande TRADITORE della sinistra italiana dopo il doppiamente Emerito.

    Andate a vedere come se ne esce con le fondazioni nelle inchieste di Report. Un essere spregevole al 100%, l unica cosa che gli riconosco e di andare a visitare Beirut nel 2006 dopo i bombardamenti dei criminali sionisti, un atto di coraggio che Gigino non farebbe mai.

    "Mi piace"

  3. Allora il Gatto Quotidiano deve fare chiarezza: in quale universo vuole vivere, quello dell materia dove le parole leccano i culi o quello dell’antimateria dove i culi leccano le parole?

    E poi, tutta ‘sta vetustaggine… E’ dai tempi di Dirac che il giochino di Pascal non serve che a vecchi marpioni consumati dalla satiriasi dell’elitismo.

    "Mi piace"

  4. D’Alema… Uomo del secolo scorso folgorato MOLTO più di Matteo Renzi sulla via di Tony Blair, diventato però odiatore seriale del rignanese proprio per il suo blairismo. Misteri (neanche tanto) della fede. Indimenticabile l’onestà intellettuale con cui ha contrastato il referendum 2016 e il brindisi finale dopo l’epica vittoria. Lui che aveva guidato una Bicamerale (fallita) nientepopodimeno che con Silvio Berlusconi. Indifendibile, per questo e mille altri motivi.
    Ma davanti a Mario Giordano anche uno come D’Alema vince per distacco, in simpatia e autorevolezza.

    "Mi piace"

  5. Non c’è da stupirsi che ci sia qualcuno che paga certe cifre a D’Alema per le sue “riflessioni”, così come le pagano a Renzi o le hanno pagate a Tremonti ecc… Più che riflessioni sono consulenze, per interposta persona, che consenteno di perpretare la scambio di notizie a vantaggio di chi ha interessi nel nostro paese.

    "Mi piace"