L’anti-Casellati: il presidente austriaco viaggia sui treni di linea

(di Tommaso Rodano – Il Fatto Quotidiano) – Diciamolo sottovoce, non vorremmo disturbare Maria Elisabetta Alberti Casellati, nostra elegantissima presidente del Senato che tra poco prenderà l’aereo di Stato anche per andare a fare la spesa. Non bisogna per forza comportarsi così: rappresentare le istituzioni non implica necessariamente sfruttare qualsiasi privilegio possibile, a prescindere dal costo, dal decoro e dall’opportunità. Si possono fare scelte diverse e ci sono persino esempi che lo dimostrano. Anche piuttosto recenti.

Quando il presidente austriaco Alexander van der Bellen nel novembre 2019 è venuto in Italia, a Merano, per celebrare il centesimo anniversario della firma del trattato di Saint Germain e il cinquantesimo della firma del trattato per il Sud Tirolo-Alto Adige, la sua visita istituzionale è stata scandita da un’immagine. Il presidente alla stazione centrale di Vienna con il trolley, come un cittadino comune, in attesa del treno che l’avrebbe portato in Alto Adige, biglietto pagato verosimilmente di tasca sua e senza tanti clamori mediatici. Van der Bellen doveva incontrare il Presidente della Repubblica, era una visita ufficiale e non un viaggio di piacere. Casellati, seconda carica dello Stato italiano, nell’ultimo anno ha viaggiato a bordo del “volo blu” Falcon 900 dell’Aeronautica a disposizione del presidente del Senato ben 128 volte. Novantasette di questi spostamenti erano sulla rotta Roma-Venezia, andata e ritorno: Casellati ha usato un aereo pubblico per andare e tornare da casa, visto che la famiglia risiede a Padova. Magari non è nemmeno uno scandalo: è solo un’ennesima, plastica dimostrazione di un diffuso distacco dalla realtà, da parte di chi, per mestiere, dovrebbe conoscerla meglio di tutti gli altri. Dopo che è uscita questa notizia, come ha reagito Casellati? Ha preso il “volo blu” anche lo scorso fine settimana, ancora una volta per tornare a Padova. Eppure l’Austria sarebbe tanto vicina.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

8 replies

  1. sempre a fare paragoni impossibili
    con l’Austria poi
    manco è nella Nato parlano non male di Putin e forse useranno lo Sputnik V
    (e quindi quelli così vaccinati non potranno circolare in EU)

    paragone irricevibile, meglio la dilapidatrice di fondi statali come quella nobildonna
    sodale di un pregiudicato e convinta sostenitrice che la recuperata dalla Minetti fosse
    parente del Mubarak (forse perché avevano la stessa carnagione).

    "Mi piace"

    • No, perché sono entrambe due zoccole, una in esercizio, l’altra pensionata dal pregiudicato a carico degli sfortunati contribuenti italiani

      "Mi piace"

  2. I paragoni sono sempre odiosi:
    cominciamo a dire che la Nostra è più giovane – 75 contro 77 anni -( dunque, chiaramente, si stanca di più), che una viene da un partito fondato da un pregiudicato e l’altro dai Verdi ( quindi costui ha respirato aria migliore di quella che respira un avvocato nelle aule di tribunale), che uno deve vedersela con un primo ministro di destra, l’altra con B. e le sue raffinatissime barzellette che poi le vengono rinfacciate da Travaglio. È chiaro, poareta, che si affatica di più.

    Piace a 1 persona

  3. con piazze vuote, questi faranno quello vogliono. Se mantenerli vi fa male la schiena, metteteci l’ olio di colza.

    "Mi piace"

  4. Faccio un breva elenco delgli argomenti di cui ossessivamente si parla:

    1) Ciro Grillo
    2) Fedez
    3) Crisi del M5s
    4) Vere o presunte malattie, disgrazie, lutti, stupri, molestie, … delle veline, dei politici, del vippume di turno (chi è che non ha da esibire almeno un piccolo tumore, la mamma morta o un figlio disabile? Tutto fa “cuore”!)
    5) Ogni respiro di Salvini
    6) Zan
    7) Voli Casellati
    8) Zaki
    9) Ultimo libro di chiunque
    10) Il numero delle vaccinazioni di Figliuolo, che vanno fatte negli hub per mostrare il “miracolo”: praticamente nessun vaccino viene dato ai medici di famiglia che lo verrebbero somministrare.

    …ognuno continui a piacere…

    Ciò di cui non si parla:

    1) Morti covid
    2) Geopolitica
    3) Immigrazione
    4) Ubicazione e compiti dei nostri contingenti militari
    4) Debito pubblico (immenso)
    5) Coloro che al Governo si occupano di economia
    6) MES (sparito)
    7) Come, concretamente si spenderanno i soldi del Recovery
    8) Come vengono organizzati i controlli, soprattutto quelli estivi (per ora invisibili)
    9) Come si riorganizzerà la Sanità pubblica (o piuttosto non “come” ma “se”), la Giustizia, la Scuola, ecc…
    10) Spread

    ….idem…

    Come si vede ci intrattengono con altro.

    "Mi piace"

    • … tra le cose di cui non si parla hai dimenticato:
      Tutta la famiglia Renzi (padre, madre e sorella) è indagata per reati di natura fiscale.
      Buon sangue non mente!

      "Mi piace"