Fino al 30 aprile niente zona gialla

(Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini – corriere.it) – Dopo Pasqua e Pasquetta in zona rossa, torna il sistema dei colori in base ai dati sulla diffusione del virus. La zona gialla è esclusa a priori fino al 30 aprile (a meno di deroghe in corsa), mentre i colori in vigore da martedì sono stati stabiliti dal monitoraggio di venerdì scorso.

Le regioni in zona rossa e in zona arancione, da martedì

Sono in fascia rossa Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana e Valle d’Aosta. Sono in zona arancione Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Sardegna, Trentino-Alto Adige, Umbria e Veneto. In arancione si può uscire liberamente rimanendo però all’interno del proprio Comune di residenza e riaprono negozi, parrucchieri, centri estetici. Bar e ristoranti rimangono chiusi.

I viaggi e la quarantena per chi rientra dall’estero

Fino al 6 aprile chi torna da un Paese dell’Ue deve rimanere in quarantena per cinque giorni e può uscire soltanto dopo un tampone negativo. Da mercoledì 7 sarà sufficiente il tampone negativo e non si dovrà rimanere in quarantena. Fino al 30 aprile chi torna da un Paese fuori dall’Unione europea, dall’Austria e dal Regno Unito deve rimanere in quarantena per 14 giorni e può uscire soltanto dopo un tampone negativo.

Mercoledì si torna a scuola

Mercoledì tornano in presenza anche in zona rossa gli alunni «delle scuole dell’infanzia, primarie e del primo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado».?Nelle zone rosse gli alunni di seconda e terza media e delle superiori seguono le lezioni con didattica a distanza.?Nelle zone arancioni gli alunni di seconda e terza media seguono le lezioni in presenza. Per gli alunni delle superiori deve essere «garantita l’attività didattica in presenza ad almeno il 50 per cento, e fino a un massimo del 75 per cento».

Vaccino obbligatorio per medici e infermieri

Dal 6 aprile scatta l’obbligo vaccinale per medici, infermieri, farmacisti e tutti gli operatori che svolgono mansioni a contatto con il pubblico.

I concorsi

Dal 6 aprile riprendono i concorsi della pubblica amministrazione con modalità che rispettino il divieto di assembramento.

7 replies

    • Eh no caro Benatto, è solo secondo quei fan acefali del sovranismo poltronaro quali Libero e Pappagone (e non secondo l’ Istat) che 400 – 500 morti al giorno a causa di un virus trasmissibile da uomo a uomo non sono motivo valido per chiusure e distanziamento sociale.

      Piace a 1 persona

  1. Nella sinistra Spagna, hanno appena messo obbligatorie le mascherine anche per fare il bagno in mare! Delirio!
    Qui, invece il video di un poliziotto che schiaccia a terra un ragazzino col ginocchio, solo perchè non aveva la mascherina (sempre nella sinistrissima Spagna): (https://twitter.com/IzqMirandesa/status/1303453613155594241)
    Segnalo anche la rivoltante proposta di quel soviet di Rossi, che già settimane orsono aveva proposto di far finire la zona rossa il 25 aprile, indipendentemente dai contagi. Questo perchè loro, i sinistri, non sono affatto quelli che ideologizzano tutto! no no, per nulla!
    Chi se ne frega se la gente fallisce, chi se ne frega se i ragazzi tentano il suicidio, chi se ne frega se aumentano i poveri e di depressi… l’importante è imporre il sinistro pensiero e qualunque occasione è buona. Il Covid poi, sembra fatto su misura per queste luride bisce affamate di repressione totalitaria. Fanno più schifo di una merda di cane!

    Invece la Florida si è appena espressa per la NON OBBLIGATORITA’ VACCINALE e l’inaccettabilità del passaporto vaccinale.
    Dove non c’è sinistra c’è futuro e libertà!

    "Mi piace"

    • E chi se ne frega se la gente muore (oltre 100 mila solo in Italia), l’importante è blaterare di regime ed andare dietro a gente che confonde il concetto di libertà col fare quel ca**o che gli pare

      "Mi piace"

  2. La cosa inquietante è che c’è gente che considera giusto e normale questo. Un passo per volta e finiremo come in Corea del Nord.

    "Mi piace"

    • No anzi facciamo un bel decreto per assembramenti abbracci e baci appassionati tra sconosciuti obbligatori per legge.

      "Mi piace"