Giuseppe Conte: “Sfida complessa ma rifonderemo il M5s. Non sarà un’operazione di marketing”

M5s, ad assemblea congiunta con Conte anche Grillo

(Clarissa Valia – tpi.it) – È il giorno del ritorno dell’ex premier Giuseppe Conte sulla scena politica. Durante l’assemblea M5s, trasmessa in diretta streaming su Facebook e alla quale partecipa anche Beppe Grillo, il leader in pectore spiega ai parlamentari pentastellati come intende ricostruire il Movimento.

Il reggente Vito Crimi apre l’assemblea e lascia la parola all’ex premier. “Il Movimento ha scritto pagine importanti della più recente storia politica italiana. Potete essere orgogliosi, mantenere lo sguardo fiero di chi ha mantenuto le aspettative suscitate”, dice Giuseppe Conte all’inizio del suo intervento all’assemblea congiunta M5s. Fra i meriti più grandi “quello di aver richiamato l’attenzione sull’etica pubblica“, ha detto il leader in pectore del Movimento.

Sono qui con voi perché ho accettato” dietro molte sollecitazioni “di cimentarmi in questa sfida“, “molto complessa ma affascinanterifondare il Movimento 5 stelle“, continua l’ex premier Conte.

“Io vedo un Movimento chiamato ad indicare una rotta” con cui le altre forze “dovranno misurarsi”, un Movimento chiamato “ad esprimere una forza irradiante” non solo sul piano italiano ma “europeo e internazionale”, dice l’ex premier all’assemblea M5s.

Rifondare il Movimento 5 stelle non è “un restylingnon è puntare a un marketing politico“, è avere l’obiettivo di una concreta opera di rigenerazione” senza rinnegare il passato, dice il nuovo leader.

“Troveremo il modo per favorire forum permanenti, piazze delle idee“, spiega Giuseppe Conte alla congiunta M5s. “Non chiederemo tessere, potranno partecipare anche singoli”.

“Parteciperemo con convinzione al percorso comune europeo” e mostreremo “la piena consapevolezza di chi paese fondatore ha le carte in regola” anche per indicare le manchevolezze della casa comune. Vogliamo essere protagonisti della scrittura di una nuova agenda europea“, dice Conte.

Conte ha svelato il suo piano di rilancio: si tratta però di un’agenda prevalentemente politica. Quella della transizione ecologica, con l’intento di trasformare il Movimento in una forza politica molto concentrata sull’ambientalismo. Quella dell’impegno sul territorio, del collegamento con la base, e quella del presidio, con il Pd, di un’area progressista e riformista, nettamente alternativa al centrodestra.

Con tutte le subordinate che questa scelta di campo comporta: dalle alleanze per le amministrative, il terreno su cui misurare la collaborazione con il partito democratico anche in vista delle politiche, alla collocazione marcatamente europeista e il possibile trasferimento nella casa dell’Alleanza dei socialisti e democratici europei.

Una scelta di collocamento ormai data per acquisita e che, nella sostanza, ha già determinato la fuoriuscita di quegli eletti che su questa discriminante hanno fatto altre valutazioni. Ma è nell’organizzazione del Movimento che l’arrivo di Conte lascia intatti i dubbi della truppa degli eletti, e in particolare dei parlamentari, ancora spiazzati dalla riconferma di Grillo del vincolo dei due mandati.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

48 replies

  1. Rispetto x l’avvocato ma la sua concupiscenza con la melma pdiota e il suo morboso attacamento all’europa della von der leyen e alla legarde non meritano la perdita di tempo che richiede recarsi presso un seggio elettorale.

    "Mi piace"

    • Bella parola concupiscenza.
      Mo’ vatti a leggere il significato, studiati cosa regge (‘con’ è da matita blu) ed esecitati un altro po’!

      Piace a 1 persona

      • Paolapci
        Capisco che essere un erede del fu p(orci) c(ani) i(nfami) non permette di far lavorare le poche meningi disponibili.
        Concupiscenza; La concupiscenza è un termine che possiede diverse sfumature a seconda degli ambiti in cui viene utilizzato. Un primo significato è quello che indica l’atteggiamento di persone adulte di brama, desiderio, rivolto in particolare ai piaceri sessuali e fisici, e cosa ci puo essere se non ciò nel volerso unire alla melm?

        "Mi piace"

      • Ah e quindi Conte avrebbe brame sessuali CON il pd?
        Senti un pi’ ma non parlavi 4 lingue più due così così? Ecco usa le altre che l’italiano non è per te.

        Piace a 1 persona

      • E cos’è se non concupiscenza volersi unire, accoppiare, fondersi con dei mettinculo infami traditori corrotti come quelli del pd_leu?

        "Mi piace"

      • Ma ripijate che stai combinato proprio male. Fai lo stesso commento sotto 10 articoli 7giorni su 7. Ma un pensiero di senso compiuto senza gigino bibitaro e melma pd ce l’hai?

        Piace a 1 persona

      • Paola, fosse il solo…
        Ormai il blog è pieno così di ossessivo compulsivi. Non c’è neanche bisogno di leggerli… qualsiasi sia l’argomento, il loro pensiero converge sulla loro fissazione.
        Non si rendono neanche conto che, quand’anche, in certi contesti, potessero avere ragione, infilare sempre lo stesso concetto ovunque lo fa diventare una noiosa, irritante tiritera agli occhi di chi legge.

        Piace a 1 persona

  2. ALCUNI PUNTI DELLA DIRETTA STREAMING DI Giuseppe Conte
    ➡️ Identità politica
    rivisitazione delle 5 Stelle, la costellazione si deve allargare.
    ➡️ Rispetto della persona, nessuna politica è al di sopra della persona.
    ➡️ Ecologia integrale
    nuovo paradigma culturale
    ➡️ Giustizia sociale
    La politica non può guardare altrove, non devono esserci disuguaglianze
    ➡️ Principio Democratico
    migliorare la qualità con la partecipazione degli iscritti
    ➡️ Rispetto della legalità
    difendere i diritti di tutti
    ➡️ Etica pubblica
    disciplina e onore il proprio lavoro
    Senso di responsabilità
    ➡️ Importanza della cittadinanza attiva
    Sì creeranno le piazze delle idee esercitare i propri diritti
    attivismo civico favorendo inclusione sociale di tutti
    • Diritti dei Lavoratori nuovo statuto
    • Carta degli Imprenditori diritti degli Imprenditori
    • Carta delle persone della disabilità
    diritti digitali
    • Catalogo dei diritti dei consumatori a consumi-autori
    • Concorso Comune europeo
    piena consapevolezza, agenda europe, modello Eco sociale di mercato
    • Nuovo modo di fare politica, il linguaggio è importante
    LA POLITICA È PROFONDITÀ DI PENSIERO
    Non dobbiamo mai sottovalutate l’importanza delle parole
    Una struttura organizzativa
    Basta con le correnti interne, di influenze e potere
    Il nuovo movimento deve essere accogliente ma intransigente
    Persone oneste, competenti e capaci
    La democrazia diretta va promossa
    Andare avanti con onestà e coraggio.

    Piace a 3 people

  3. Ricominceranno tutti i media a sputtanare colpi di pochette e di “ciuffo”, a meno che il M5s non si normalizzi e diventi costola del PD globalista ( con tutto quello che ne consegue, PdR compreso). E’ del tutto evidente la “cura” che stanno facendo anche alla Lega salviniana.
    Deve sopravvivere solo il patto del Nazareno: Berlusconi è improvvisamente diventato uno statista, Renzi ha finito il suo lavoro da “mercenario” e sarà presto sostituito da qualcun altro perchè la “sinistra ha sempre bisogno di illudersi con facce “nuoive” (leggi usato sicuro, tanto la memoria è quella di una ameba e la guida intellettuale è Fabio Fazio).
    Ma gli interessi sono sempre i medesimi: non si scappa. Quindi la vedo dura per Conte.

    "Mi piace"

    • Per sapere come stanno realmente le cose, a proposito di eventuali “normalizzazioni”, basta aspettare di vedere come la maggioranza dell’informazione mainstream si rapporterà al nuovo soggetto politico che sta nascendo dalle ceneri del M5S: se lo tratteranno fin da subito come hanno sempre fatto, ovvero come un nemico, sarà senza dubbio un buon segno.

      Piace a 1 persona

      • Jonny Dio,
        Questo è solo l’inizio

        L’aria che tira, Maria Teresa Meli e la profezia su Giuseppe Conte leader M5s: “Come perde metà dei voti”, fine incresciosa
        Attacca ancora la giornalista del Corriere della Sera: “La rifondazione di cui ha parlato Conte non si è capita. Conte non ha detto grandi cose, ha parlato di competenti e fa un po’ sorridere. Tutto è stato il governo Conte 2 tranne che un governo di competenti”, prosegue durissima la Meli.

        D’altro canto “è chiaro che Letta ha solo questa opzione. Il Partito democratico può solo cercare di ‘civilizzare’ il Movimento 5 Stelle e fare un’alleanza di centrosinistra, questa volta da una posizione di forza perché dai sondaggi ha più voti dei 5 stelle, non c’è più quella discrepanza che c’era per la prima alleanza”, sottolinea la giornalista.

        "Mi piace"

      • @ Tracia

        Se il buon giorno si vede dal mattino, questi primi segnali indicano che ne vedremo delle belle. Ogni giudizio è ancora prematuro, è questo che la Meli finge di non aver capito (e intanto, per non sbagliare, inizia a mettere le mani avanti).

        "Mi piace"

  4. Per chi conosce il m5s dalla prima ora sa benissimo che questi STANNO BLUFFANDO con le parole. E stanno provando a usare Conte, per tentare arrampicamenti improbabili sugli specchi. Mi spiace fortemente che Conte si presti a questo FARSESCO teatrino di marionette paracule.

    Il m5s nasce su 6, 7 punti: trasparenza, onestà, rispetto delle regole, mandato a termine per dare la possibilità ANCHE ad altri di partecipare alla cosa pubblica (si chiamerebbe democrazia), stipendio rapportato con quello della media nazionale, abolizione di tutti i privilegi ingiustificati, voto online (democrazia diretta) per stabilire la linea politica.

    Ora mi dovreste dire che CAZZO ci sarebbe da cambiare o aggiungere alla vecchia impostazione dello statuto che è oggi ancora più attuale e valido.

    Stanno bluffando.

    "Mi piace"

    • “Che CAZZO ci sarebbe da cambiare”? Lo vuoi proprio sapere? Il mandato a termine e il voto online. E ci sarebbe molto pure da aggiungere, ma andiamo con ordine.

      Prima che ti parta l’embolo, come succede a molti sedicenti sostenitori pentastellati della prima ora, lascia che provi a spiegarti un paio di cose.

      Cominciamo colimite di due mandati: era una proposta nobile, volta a rispondere ad una esigenza precisa, ovvero quella di eliminare i professionisti della politica in modo, per così dire, da indurli meno in tentazione e da sfavorire così la creazione dei tanti piccoli sottoimperi personali che tanto negativamente influiscono sull’andamento del Paese, si può dire da sempre.
      Nelle intenzioni, niente da dire: una bellissima proposta. Ora, siccome tra il dire e il fare c’è sempre di mezzo il mare, ma stavolta, per nostra fortuna, siamo in una di quelle rare situazioni in cui il mare ce lo hanno già tolto di mezzo (visto che questa proposta è stata votata, è passata e fin qui è stata anche realizzata), abbiamo la fortuna di poter fare un’analisi che non si basa solo su di una previsione, per cui proviamo a fare un bilancio di questa scelta, cercando di mantenere quell’onestà intellettuale per cui un’idea, per buona che possa essere, lo è solo fino al momento in cui non se ne trova una migliore.

      La prima cosa che mi viene in mente è che, ai fini della risoluzione del problema, questa misura è sostanzialmente inutile; sarebbe utilissima se fosse adottata anche da altre forze politiche, non dico tutte ma almeno una buona parte; magari, ai tempi in cui è stata introdotta, c’era anche la speranza che, dando l’esempio (come avvenuto anche per la restituzione di parte dello stipendio da parlamentare, a puro titolo di esempio), successivamente anche altri si sarebbero mossi nella stessa direzione, se non per mano diretta dell’elettorato (impossibile, ogni altro partito mediamente se ne strafrega dei propri elettori), almeno “spintaneamente” sulla base dei sondaggi. Sappiamo come è finita: queste misure, lungi dall’essere almeno parzialmente imitate e apprezzate dal corpo elettorale, sono viveversa state perlopiù spernacchiate, oltre ad aver fornito gratis ai nemici del Movimento la corda per impiccarli alle loro stesse idee (mentre chi li accusa di incoerenza ride due volte, perchè tanto loro, la coerenza, non sanno neanche dove sta di casa e cambiano idea fino a tre volte al dì).

      La seconda, ma non per importanza, è che questo metodo si sta rivelando sostanzialmente d’ostacolo in quella che è la madre di tutti i problemi, non solo dei pentastellati, ma dell’Italia intera: la selezione della classe dirigente. Qua, a mio modesto avviso, si è guardato al dito, che è il professionismo della politica, quando la luna è a che tipo di gente vengono affidate decisioni che riguardano la vita di tutti, ed è questo in ultima analisi ad incidere, non se siano professionisti o no.
      Provo a spiegarmi meglio: il limite dei due mandati appariva sacrosanto quando si dava per scontato che l’intera la classe dirigente fosse composta sostanzialmente da un’indistinguibile accozzaglia di farabutti con una corte di leccapiedi; ora, però, è successo un fatto inedito, qualcosa che si riteneva non fosse più possibile in Italia: si è dimostrato, a suon fatti e con tanto di espulsioni (per carità, qua mi riferisco solo a quelle verso chi è stato sorpreso ad essere anche solo in odore di malaffare) che fare politica onestamente è ancora possibile (che è praticamente il tratto distintivo più rivoluzionario alla base dell’esperienza grillina, quello gli permette di non guardare in faccia nessuno, ed è anche il pricipale motivo per cui i suddetti sono, fin dalla nascita, invisi a tutti i poteri forti: perchè non li possono ricattare, come invece hanno sempre fatto con tutti).
      Alla luce dei fatti, il limite dei due mandati preclude la possibilità di avvalersi più a lungo dei servizi di chi, invece, dovesse mostrarsi capace e perfino meritevole dell’onore che il servire il proprio Paese nell’interesse di tutta la collettività dovrebbe sempre comportare.
      In quale squadra, quando capita uno bravo, lo mandano via? Già trovare persone perbene è cosa rara, se poi quando lo trovi gli metti pure la data di scadenza, l’impresa diventa impossibile.

      La mia conclusione è la seguente: il limite dei due mandati non ha più senso, se non quello di voler mantenere a tutti i costi una coerenza che però è diventata fine a sè stessa, per cui è molto meglio concentrarsi su quali debbano essere i criteri di selezione, sapendo che, qualunque essi siano e nonostante le migliori intenzioni, qualcuno che dovrà farsi carico di esserne il garante ci dovrà sempre essere. In pratica, toccherà fare sostanzialmente come fanno tutti gli altri, solo avendo l’accortezza di sostituire la ricerca dei più collusi con quella dei più capaci, praticando una vera meritocrazia, ma il succo è quello di stabilire cosa si intenda per “capaci”, partendo dal fatto che la sola fedina penale pulita, come abbiamo visto, da sola non è sufficiente.

      Non mi dilungherò altrettanto sull’altra cosa da cambiare, ovvero il voto online (nè su quelle da aggiungere, che richiederebbero la riscrittura dello Statuto, cosa su cui gente di cui ho immensa stima sta lavorando: vediamo cosa ne uscirà, prima di giudicare), mi limito ad osservare che, in quel caso, il mare è ancora tutto da varcare, come dimostrato dalle esperienze, tutte più o meno fallimentari, di chi ha già tentato questa via. Mancano le condizioni di garanzia, trasparenza e sicurezza (il che non vuol dire che non sarà mai possibile e che l’idea vada abbandonata, ma c’è molto da migliorare e anche qualche paletto da piantare).

      "Mi piace"

      • tu ti fai le strisce bianche…

        già il m5s nel giro di meno 3 anni è quasi uguale al piddi. Se togli il limite temporale, tempo altri due anni e diventerà come il pd meno elle. Lo vedrai banchettare a cena con brunetta e la gelmini.

        NON vedere le cose ovvie come questa è da FOLLI, oppure da incoscienti in preda agli stupefacenti.

        Puoi fare una transizione, cioè evitare di interrompere il secondo mandato in modo brusco/brutale “accompagnando” un ricambio nel corso del terzo, ma non c’è alternativa a limite di mandato.

        HANNO FATTO DI TUTTO per far fuori la base, nell’interesso SOLO LORO, di avere la scusa per starsene a roma a SBAFO fino alla morte. Questa cosa è inaccettabile.

        Movimento 5 poltrone sofà.

        "Mi piace"

      • Guarda, con me il bianco proprio non si intona, quando si tratta di droghe preferisco di gran lunga il verde.
        Tu dici che in tre anni di governo sono diventati simili al Pd, io ti dico che, sebbene per certi aspetti tu non abbia torto, si tratta perlopiù di cose marginali o funzionali, ma esistono ancora tante differenze, e sono sostanziali. Quando e se mai li vedrò a cena con Brunetta e Gelmini ne riparleremo, ma finora mi risulta che a braccetto coi grandi gruppi di potere ancora non ci siano andati, come dimostrato e certificato dall’ostracismo mediatico a cui continuano ad essere sottoposti. Sarò più propenso a darti ragione il giorno che entreranno anche loro a far parte del genere letterario cui appartengono certe interviste a tutta pagina sul Corriere, modello scendiletto fantozziano.

        Tre anni (più altri cinque vissuti come primo partito italiano) ti sembrano pochi, in un ambiente ricco di tentazioni e nel quale, fino a prima della loro apparizione, si teorizzava la collusione come qualcosa di ineluttabile? La Lega del primo Bossi ci mise molto meno a vendersi, Pd Fi Iv FdI erano già venduti prima ancora di venire alla luce. Fino a quando non verrà dimostrato (bastano i comportamenti, non serve aspettare le sentenze) che si sono venduti anche loro, il beneficio del dubbio resta doveroso concederglielo (cosa che, personalmente, ho concesso a suo tempo anche ad ogni altra formazione, prima di essere inesorabilmente smentito).

        Inotre trovo ridicola l’accusa di “poltronari” rivolta agli ultimi (tra quelli ad aver mai goduto di numeri significativi) ad essersi affacciati sulla scena politica. I veri poltronari si vedono nel corso dei decenni, ed ammesso (ma non concesso) che lo siano, lo sarebbero comunque in misura infinitamente minore rispetto alle alternative, incistate nei gangli del potere e (ancor più importante) già dimostratesi colluse, da tempo ormai immemore.
        Ti ripeto che il ricambio a prescindere ha senso in determinate condizioni, ma può rivelarsi anche un’arma a doppio taglio. Fintantochè i partiti hanno realmente portato avanti (almeno in parte) le istanze dei loro elettorati di riferimento, nessuno ha mai sentito questo tipo di esigenza. Io non dico che vada eliminato, dico che è stupido non provare nemmeno a migliorare quelle che erano belle teorie ma di cui la realtà ha reso evidenti le criticità. Scegli pure la formula che preferisci, ma il succo è che non puoi privarti di elementi che si sono dimostrati validi per uno sciocco puntiglio, e su questo dovrebbe essere incentrato il dibattito, due mandati uguale fico e tutto il resto uguale tradimento non è solo miope, ma inutilmente autolesionista in considerazione del fatto che si tratta di una regola interna dei soli 5stelle, come se gli altri non avessero già abbastanza vantaggi. Un’iniziativa del genere avrebbe molto più senso se portata avanti come proposta di legge, in modo che se mai dovesse passare riguarderebbe tutti, lottare con una mano legata dietro la schiena perchè tanto noi siamo i migliori fa molto eroe da film, ma difficilmente può portare a qualcosa di buono nella realtà.

        Tra l’altro, se ci fai caso, ogni proposta, idea o innovazione è stata sempre regolarmente e sonoramente spernacchiata dall’informazione mainstream, ma quella dei due mandati no, quella gli va benissimo, anzi, non vedono l’ora di vederli che si tagliano i coglioni da soli. Viceversa, vedrai il can can che solleveranno quando si tratterà di prendere atto dell’assurdità di una tale norma, anzi, lo stiamo già vedendo, e la cosa più disarmante è che ad attaccarli sono proprio coloro che dovrebbero difenderli, la famosa base.

        "Mi piace"

  5. DOPO IL DISCORSO CON CUI CONTE PRESENTA IL SUO NUOVO PARTITO CHE SOSTITUIRA’ IL M5S- Viviana Vivarelli.

    Al momento non è chiaro quale piattaforma digitale per la democrazia diretta sostituirà Rousseau (e per ora Grillo non ne ha trovata un’altra per cui anche la nomina a capo politico di Conte non si basa su nessun voto popolare ma solo sulla sua nomina), né chi la pagherà, visto che Conte non ha parlato delle donazioni che gli eletti dovevano fare di parte del loro stipendio né dei finanziamenti pubblici.
    Sappiamo che Grillo ha riconfermato due mandati e non più di due, ma Conte non ne ha fatto cenno per cui non ha detto se lui personalmente accetterà di farsi da parte dopo due legislature.
    Non si sa nemmeno chi e come darà a Davide Casaleggio i 450.000 euro che gli deve.
    Né è dato di sapere che fine farà quel governo collegiale che è nell’anima di una vera democrazia diretta e che è stata l’ultima cosa votata dagli elettori, secondo la democrazia diretta.
    Non sappiamo come si posizionerà il nuovo partito nei confronti degli altri due nati or ora: ‘ControVento’ di Davide Casaleggio e ‘Alternativa c’è’ dei 50 espulsi confluiti nell’Italia dei Valori di Di Pietro.
    Dunque abbiamo un nuovo partito che sostituirà il M5S e di cui non conosciamo ancora né il nome né il simbolo.
    Non sappiamo nemmeno quali saranno in esso le nuove funzioni e i nuovi poteri di Grillo.
    Non è stata fatta parola delle alleanze a livello locale che Conte sta già trattando col Pd.
    Ma le due cose più gravi di cui Conte non ha parlato sono:
    – come si posizionerà il partito di Conte nei confronti di Draghi, che è il massimo rappresentante di quel potere finanziario del Grande Capitalismo che dovremmo contrastare e contro cui siamo nati,
    – e che cosa si intende fare per il problema gravissimo dell’informazione, pubblicazione e diffusione del pensiero del nuovo partito, visto che non ha un canale Rai, né uno spazio televisivo proprio né un giornale cartaceo né un giornale on line e che dunque è sottratto alla propaganda e informazione utilizzate a man bassa dagli altri partiti, quasi tutti uniti in massa contro ogni forma di democrazia diretta e di pensiero opposto al grande Capitale.

    "Mi piace"

  6. Paloapci
    Lo so che toccarti i delinguenti mafiosi stragisti assassini
    corrotti traditori mazzettari mettinculo eredi del fu pci servo e agente corrotto del ex uruss ti disturba, perche la verita disturba sempre,
    Ps io scrivo come cazzo mi pare e non devo rendere conto ad una mediocre persona che ritiene di dover sindacare i commenti altrui,
    Potrei apostrofarti come meriti ma mi astengo per rispetto ad altri blogger
    By by

    "Mi piace"

    • Tu scrivi COME CAZZO TI PARE e io rispondo come pare a me. Anche se non è che il tuo bla bla bla necessiti contro argomentazioni, è sufficiente rispondere copiando i tuoi strafalcioni da leghista medio: infatti hai di nuovo postato lo stesso commento tirando fuori un altro tuo cavallo di battaglia “I DELINGUENTI”. Ah ah ah. Aripijate!

      P.s. Sono curiosa di sapere come vorresti apostrofarmi. Conoscendo il tuo livello basico avrà a che fare col mestiere più antico del mondo.

      "Mi piace"

      • Sai quante zoccole racchie che ho incontrato? E tutte convinte di essere inteligenti, non immagini quante, soprattutto negli ex paesi governati dai tuoi idoli comunisti, racchie e non che si prostituivano x un paio di collant,
        Fai solo pena, neppure in tre vite potresti accumulare esperienze e colture che ho accumulato,
        Sei solo una poveretta racchia e frustrata ( x tua stessa ammissione) senz’arte ne parte,
        E visto che io, diversamente da te, non passo il mio utile tempo a voler apparire, scrivo che le merde pidiote sono solo merde, visto che tali sono,
        E si, oltre l’italiano, francese spagnolo, inglese, serbo croato, russo, e qualche parola di tedesco e portoghese, mentre tu, racchia frustrata cosa hai fatto nella tua inutile vita oltre che vivere di denaro altrui.

        "Mi piace"

      • Sul fatto che hai conosciuto tante zoccole non ho dubbi: in che altro modo avresti potuto avvicinarti ad una donna?

        Ah ah ah
        Vecchio concupiscente!

        Piace a 1 persona

    • Eccolo!
      Sentivo la mancanza del tuo insulto sessista. Ah ah ah!
      E poi la melma sarebbe il pd?
      La feccia sei tu troglodita leghista.

      P.s. Tu sai le lingue come io so di astrofisica.
      P.p.s. Ah quindi hai capito che ho ammesso di essere racchia??? Ah ah ah, ma manco le basi capisci! E poi vorrebbe usare concupiscenza! Che mentecatto!
      Aripijate!

      "Mi piace"

    • Delinguenti melma pd, feccia, giggino bibitaro. Che nutrito vocabolario! Adesso però è il caso di dire che ha tirato fuori un nuovo argomento: Grillo agisce per salvare il figlio. Quello che è giusto è giusto.
      Ah ah ah.
      Però si trattiene dall’apostrofarmi come merito. Hai qualche idea??

      "Mi piace"

      • Strano, forse lo farà tra qualche giorno, come ha fatto con me, quando sull’articolo non verrà più nessuno e potrà agire indisturbato. Non so se ricordi QUANTO si era “contenuto” in quell’occasione…
        Ora io mi chiedo: può una persona con una capacità di apprendimento così limitata occuparsi dell’intelligenza altrui, come ha fatto con te e con Jerome (non è quello del QI 90? Che per lui, diciamolo, potrebbe essere un ambito traguardo)
        Con me è stato più classico: l’ha buttata sull’insulto sessuale, lì il vocabolario finalmente lo assiste, in fondo sono pochi concetti, fantasia zero.

        "Mi piace"

    • Purtroppo è colpa mia. Dopo che cominciò a disprezzare l’intelligenza altrui non resistetti al paradosso che un ignorante caprone del genere giudicasse gli altri, quindi lo interrogai sul suo di QI sotto la media. Da allora lo usa contro Jerome (no vabbè, lui che parla del qi di Jerome, lui che mette la virgola a fine periodo: ah ah ah) ed è pure comprensibile essendo lui uomo non è che può dargli della troia, della vecchia o della grigia, che sono notoriamente colpe femminili.

      "Mi piace"

      • Cara racchia inacidita frustrata, il mio QI supera costantemente 128
        Solo i comunisti di merda si permettono di giudicare chi non è un comunista di merda,
        Feccia umana

        "Mi piace"

      • Ah ah ah! 128 e poi non sa leggere il vocabolario: sì sì ci credono tutti.
        Vecchio ignorante e leghista!

        "Mi piace"

  7. Paolapci
    Il tuo appartenere alla schiera dei pidioti, oltre mille inquisiti, la dice lunga sul personaggio e ti qualifica x cio che sei.
    Il bello è che ti ritieni una letterata, mentre non sei che una poveretta, sicuramente fallita che passa il suo inutile tempo a scrivere stronzate che solo la bruna gazzelloni e pochi altri apprezzano,
    Mi fai pena, vecchia grigia racchia e disprezzata, una nullita che trova sollievo nel correggere la grammatica altrui, come se cio ti elevasse.

    "Mi piace"

    • Trovo godimento nel correggere la grammatica di quello che si è presentato nel blog dando agli altri degli ignoranti perché lui parlava 4 lingue più due così così e che aveva viaggiato per tutto il mondo dagli Urali a non so dove!
      Aripijate!

      Vecchia? Te piacerebbe! Racchia? Po’ esse! Ma sempre mejo de quella pora crista che s’accolla un burino come te. E l’ignoranza è il minore dei tuoi mali! È l’arroganza che ti frega!

      P.s. Mi scuso con chi dovesse mai leggere questo confronto in cui il massimo che il caglione riesce a fare è darmi della vecchia e brutta. Grassa no???

      "Mi piace"

      • Ecco brava, trova godimento nel correggere la grammatica altrui,
        Visto che di godimento non ne trovi in altro modo, certamente dev’esser tristre non riuscire ad averne una briciola neppure in cambio di un collant,

        "Mi piace"

  8. Paola, mi sa che ti toccherà ammettere che, almeno un pochino, senti la mancanza di Gatto, perchè vedo comunque che, da fantastica romana rugantina quale sembri, sotto sotto ti piace quando ti stuzzicano, e non dire di no.

    Siccome avete stuzzicato anche me, quasi quasi mi intrometto.
    Riavvolgiamo un attimo il nastro. Prima che il discorso si avvitasse sulla concupiscenza, per finire degenerando dove a tutti piace grufolare ogni tanto (chi più, chi meno: è questo a fare la differenza), si era partiti da questo commento di Alessandro Cagliostro:

    “Rispetto x l’avvocato ma la sua concupiscenza con la melma pdiota e il suo morboso attacamento all’europa della von der leyen e alla legarde non meritano la perdita di tempo che richiede recarsi presso un seggio elettorale”.

    A lui rispondo con una domanda: siccome una persona di cui, per tua stessa ammissione, hai rispetto, non merita la perdita di tempo che richiede recarsi ai seggi, quali sono (se ce ne sono), tra le altre forze politiche esistenti nel Paese, quelle che, a tuo giudizio, meritano cotanto sforzo da parte tua?

    P.S: Sappia il Cagliostro che al mondo non esistono racchie (la bellezza fisica è un fatto puramente soggettivo), ma esistono tanti uomini che non sono in grado di apprezzare fino in fondo la bellezza femminile (mentre questo è un dato oggettivo).

    Piace a 2 people

    • “Sappia il Cagliostro che al mondo non esistono racchie (la bellezza fisica è un fatto puramente soggettivo), ma esistono tanti uomini che non sono in grado di apprezzare fino in fondo la bellezza femminile (mentre questo è un dato oggettivo).”.

      🤮🤮🤮🤮… Che cosa non farebbe un uomo per una scopata (anche “onlain”)!

      «La galanteria è la forma più a buon mercato per conferire un valore alla donna e, anche se essa poco costa all’uomo, per la donna ha gran peso; la donna non dimenticherebbe MAI un omaggio e fin alla più tarda età rievocherà le più banali adulazioni che le sono state fatte. Ci si ricorda solo di ciò a cui si attribuisce un valore; e se questo è vero si pensi che cosa significhi il fatto che le DONNE POSSEGGONO LA MIGLIORE MEMORIA PROPRIO PER IL COMPLIMENTI: questi possono conferire un valore alle donne solo perché esse ignorano una propria misura per il valore, perché non sentono in sé un valore assoluto, tale da far tenere loro in non conto tutto ciò che è esteriore. E così lo stesso fenomeno della cortesia, della “cavalleria”, ci fornisce la prova che le donne non hanno un’anima, ed anzi che l’uomo attribuisce loro meno che mai un’anima e un valore a sé proprio quando si mostra galante con loro (Anche Kant parla dell’“offesa che si reca alle donne con l’abitudine di adularle”). EGLI LE DISPREZZA E LE DEGRADA AL MASSIMO PROPRIO NEL PUNTO IN CUI LA DONNA SI SENTE INVECE INNALZATA. (Otto Weininger “Sesso e carattere”)».

      E anche questo è un altro dato oggettivo, con buona pace tua e di tutto il cosmo di cicisbei a libro paga…

      "Mi piace"

      • Ciao Gatto, a me l’onere e l’onore di averti stanato, sebbene senza vibrisse avevo avvertito la tua presenza.
        La cultura è figlia del suo tempo e Kant è un figlio del Settecento, per cui qualche boiata può averla detta anche lui, vista con gli occhi di oggi. In ogni caso, il mio era un discorso generale diretto a Cagliostro, che non implica per forza l’essere riferito o meno ai presenti, e io ribadisco il concetto che la bellezza sta negli occhi di chi guarda.
        Cordialmente, as usual.

        "Mi piace"

      • La cultura è figlia del suo tempo (a leggerti, come darti torto?), ma la verità è figlia dell’eterno non del Settecento! Kant è un cicinìn più complesso di un semplice bibitaro, per permettersi il lusso di accusarlo di sparar boiate, soprattutto quando tali diventano per quelli che ne fanno le spese: non svegliar il GATT che dorme…

        Ricambio le cordialità.

        "Mi piace"

      • …Dimenticavo: lo spezzone non è di Kant, ma di Weninger, nato due secoli dopo. Come vedi, nel divenire, certe verità non fanno che peggiorare, ed è certo che se le hanno scritte è perché sapevano che le cose non sarebbero certo migliorate, pur non sopettando minimamente che avrebbero raggiunto tali proporzioni caricaturali: l’uomo (e pure la donna) all’epoca aveva ancora una certa qual grandezza e tenuta che quello di oggi manco sa che esistono.

        "Mi piace"

      • Mi fai i trabocchetti? In ogni caso, il mio era un discorso che ha poco a che fare con la galanteria, e molto con l’educazione.

        "Mi piace"

  9. Caro Jonny,
    Na marea de litigi: mettici i fasci, i leghisti, i renziani non ne parliamo, e poi tutti gli scemi. Na faticaccia! Calcola che il 90% delle volte mi sottraggo. Però non litigo mai con le persone intelligenti e/o perbene, e tu sei tra quelle!
    Ma veniamo a noi!
    Il COGLiostro caglIONE il cui pensiero politico si articola tra giggino bibitaro, feccia pd e Grillo tenuto per le palle (per via dei guai del figlio) ha dichiarato di aver votato lega (quella vera, quella del senatur) e poi 5 stelle. Ora capisci bene che l’operazione di Peppino di sganciarsi da questi analfabeti (non solo funzionali) non sia vista di buon occhio dal troglodita di cui sopra.

    Indi per cui tornerà alla base.

    "Mi piace"

    • Carissima, c’è del vero in quanto dici. Su Cagliostro sospendo il giudizio, perchè preferirei saperlo da lui, ma è innegabile che una parte del clamoroso successo elettorale dei pentastellati nel 2018 sia ascrivibile anche a gente che, per così dire, è da sempre abituata a votare di pancia; sono quelli che credono che, per cambiare le cose, basti lagnarsi (in effetti funziona, è solo che così cambiano solo in peggio; per cambiarle in meglio bisogna rimboccarsi le maniche e sporcarsi le mani); siccome la realtà è un po’ diversa, sono destinati a rimanere sempre delusi, degli eterni infelici. Se è vero che hanno mai votato 5stelle, lo hanno fatto senza aver capito in cosa consiste la differenza, quali siano i tranelli e le insidie del governare, dimostrando così di non essere in grado di andare oltre lo slogan, e adesso reagiscono prendendosela tristemente con il M5S, che finisce spesso accusato di chissà quali tradimenti e nefandezze (come se le alternative non fossero tutte peggiori da quasi ogni punto di vista), ma farebbero molto meglio a prendersela con sè stessi per la loro ingenuità, e soprattutto a reagire non inveendo, ma utilizzando l’energia derivata dalla rabbia (che può anche essere giusta, a volte perfino sacrosanta) per sforzarsi di diventare più consapevoli ed informati, in modo da non farsi più infinocchiare da chicchessia, in futuro. Del resto, se ci arrivassero, se fossero in grado di un tale sforzo (anche la semplice onestà intellettuale richiede fatica non indifferente) non sarebbero ciò che sono, per cui temo che stiamo parlando del nulla.

      L’altra faccia della medaglia è che, se davvero si vuole praticare una sorta di selezione dell’elettorato (e qua sono curioso di sapere come), la base è inevitabilmente destinata a restringersi, numericamente parlando.

      "Mi piace"

  10. Jonny d
    Un commento inteligente merita una risposta.
    Io sono un expat dal 81 e ho visto tante di quelle cose che non basta il tempo che mi resta x raccontarle tutte, ho visto un italia che ha conosciuto un livello economico e culturale incredibile, con la caduta del muro è caduta anche la spinta propulsiva, sono finiti i finanziamenti dello zio sam x contrastare i compagni finanziati dal cremlino che ha portato alla scomparsa della dc e larga parte della classe politica, dalle macerie della dc e del pci sono nati nuovi soggetti politici che hanno avuto il pregio di farci rimpiangere il passato,
    Ad occidente neocon e kazariani ad est macerie lasciate dal comunismo, macerie che neppure il diluvio universale avrebbe potuto causare,
    Lega, alleanza nazionale, fi, da ochetto a renzi, una girandola di corruzione, tradimenti, malaffare mafie mazzette e fancazzismo mentre l’italia diventa sempre piu povera e terra di conquista,
    Da tutto questo marciume nasce il mv5 * che raccoglie molta parte del malcontento popolare, mv5 * che cerca il riscatto, che cerca giustizia sociale, che si propone di ristabilire una credibilità nel parlamento e nelle istituzioni, di liberare l’italia dalla sudditanza di Bruxelles, raccogliendo il 33% dei votanti, ma dopo pochi mesi dal risultato elettorale il capo politico si fa fagocitare dal cazzaro verde perdendo oltre la meta dei suoi elettori, passato con il pd ha continuato nella sua opera di distruzione, fino alla farsa del governo draghi e la fusione con un pd, di cui tutti conosciamo il marcio che raporesenta, stessa cosa direi se al posto della sx ci fosse la dx,
    l’italia se non si ripulisce della mafia politica che il mv5 * aveva giurato di combattere ma finendo x divenire parte stessa del problema, con un gigino bibitaro preoccupato come un gasparri qualsiasi alla sua poltrona, bè allora buona Grecia a tutti,
    E le stelle stanno a guardare. A Joseph Cronin
    O se preferite: Il castello del cappellaio.

    "Mi piace"

    • Appurato che qua siamo tutti uomini di mondo, ti ringrazio per la risposta, o meglio, ti ringrazierei se tu mi avessi risposto. La questione è sempre quella: le alternative quali sono? Parlo di alternative reali, il cui simbolo compaia sulla scheda elettorale del 2023. Preciso che il lasciar fare le stesse cose a gente che, in più, è collusa col malaffare non è un’alternativa accettabile (almeno per me), e il voltarsi dall’altra parte (leggi: astensione) è esattamente la stessa cosa.
      Anche se sei un italiano all’estero hai diritto di voto, per cui, mi scuso se, rileggendola, magari prima l’ho posta in maniera un po’ strafottente, ma la mia domanda non era affatto retorica: tu, per chi faresti lo sforzo di andare a votare?

      Degli umori degli elettori (estremamente virtuali, finchè si tratta di sondaggi in periodi lontani dalla campagna elettorale), molti dei quali delusi perchè caratterialmente portati ad esserlo sempre e comunque, a me non può fregar di meno, chi voleva la luna è meglio che incominci a capire come funziona il mondo, io guardo alle cose realizzate, che nel Conte-1 non sono state poche, rispetto ai punti del programma, tra cui alcune anche estremamente qualificanti (con i governi dei precedenti trent’anni, la media di cose realizzare era pari allo zero virgola, a cominciare dal milione di posti di lavoro mai visti per arrivare fino praticamente all’altroieri, coll’ex partito del popolo che rinnega i diritti dei lavoratori, ricordiamoci sempre di tenere bene a mente da dove arriviamo).

      La fusione col Pd, ad oggi, l’hai vista solo tu, ed è anche solo una tua opinione il fatto che ormai siano diventati parte del problema (quando vedrò Corriere, Stampubblica e tutta la compagnia cantante incominciare a lisciargli il pelo, hai la mia parola che cambierò idea su questo punto, ma fino a quel momento, perdonami, ma non posso proprio essere d’accordo).

      Ah, il Bibitaro, en passant, sebbene al netto di qualche cazzata (dovute al mix di inesperienza e perlomeno dubbie capacità), sarebbe pure l’autore di quello che si può tranquillamente definire come il più grande esproprio proletario a favore del ceto basso mai perpetrato dal dopoguerra (18 miliardi di euro in tre anni, elargiti direttamente nelle mani di gente che ha bisogno, mica le rare elemosine degli ultimi decenni, peraltro sempre destinate a chi già ne aveva e spesso tramite modalità degne del famigerato schema piramidale del marketing, quando non dichiaratamente clientelari). Il Kebabbaro, per dirne una, è di vedute vagamente dissimili, in tema di utilizzo del denaro pubblico, specie da quando sulla ruota di Milano gli è uscito il 49.

      E la Grecia non nominarla neanche per scherzo, sarai pure un expat ma alla fine siamo tutti italiani, augurare una delle peggiori disgrazie alla tua Patria, comunque tu la veda, è davvero di cattivo gusto, anche se ritengo che non fosse quella la tua intenzione.

      "Mi piace"

      • Grecia, se non sbaglio gli autori del disastro Grecia son tutti li, la lagarde, draghi, Bruxelles con tutti i suoi apparati piu forti che mai,
        Appurato ciò, troviamo il mv5 * guidato da grillo e da gigino ben ancorato alla combriccola, è stato riesumato letta, agente al soldo della francia come il mite gentiloni premiati x i loro servigi con l’ambitissima légion d’honneur e sicuramente con piu di 5000€, abbiamo il ministro che non conta nulla patuanelli che plaude alla collocazione di conte nel centrosinistra, metamorfosi completata, e non si puo nascondere che il centrosinistra sia storicamente il nemico dell’italia e degli italiani, le prove a carico sono tantissime e inconfutabili, gia il rdc che ritengo un fatto di civilta e giustizia sociale viene contestato proprio da quella sinistra che conte ama, ama a tal punto di volersi federare con essa,
        Pertanto preferisco essere considerato fascista che non comunista, almeno il fascismo italiano, con tutti i suoi errori con tutti i suoi limiti e le sue brutalita non è arrivato a trucidare decine di milioni dei suoi cittadini come invece ha fatto il comunismo, 50 milioni di morti in cina, oltre 20 milioni in russia, senza contare khmer rossi ed altri “progressisti”
        Pertanto, vista la curva, intrapresa dai nuovi poltronari preferisco star seduto sulla riva del fiume e aspettar di veder passare i cadaveri, e se necessario, per anticipare i tempi perche non favorire quella parte che puo anticipare l’ondata?
        I pompieri, x anticipare il crollo di un palazzo pericolante minano le sue fontamenta x farlo implodere, troppo pericoloso lasciarlo esistere.

        "Mi piace"

      • Spero che il beneficio del dubbio dopo la distinzione tra “fascismo italiano” e “comunismo russo” sia morto e sepolto.

        "Mi piace"

      • @ Alessandro Cagliostro

        L’unica cosa chiara è il tuo pregiudizio verso Conte e i 5stelle (nonostante sul Rdc la pensiamo allo stesso modo), per il resto hai fatto un gran minestrone di tutto, ma ancora non mi hai risposto, pertanto ti ringrazio per la chiacchierata e ti saluto.

        "Mi piace"

  11. Nssun dubbio, mai con la merda, melma, peste nera, corrotti, nemici del popolo italiano e venduti a interessi stranieri quali sono gli eredi del fu pci

    "Mi piace"