Sim Sala Bim

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Se rinasco, voglio essere Beppe Sala. Conoscete un ragazzo più fortunato di lui? Io no. Fa il “city manager” a Milano nella giunta di destra della Moratti (dicesi Moratti) e tutti lo scambiano per un compagno e lo eleggono sindaco col centrosinistra, in cui decide chi entra e chi no, distribuendo gli appositi pass. Rilascia dozzine di interviste sul futuro del Pd, a cui però si scorda di iscriversi. Un mese fa, incassato il via libera del Pd alla ricandidatura a sindaco senza passare per le primarie, aderisce ai Verdi Europei (quelli italiani potrebbero riconoscerlo). E si traveste da Greta Thunberg che, se lo conoscesse, lo picchierebbe per le cementificazioni prima, durante e dopo l’Expo. Lui del resto, per farsela amica, l’ha paragonata ad Anna Frank, confondendo lo smog delle città con i lager della Shoah. Campione di legalità, all’Expo si scordò di quella polverosa pratica chiamata “bando di gara” e assegnò tutti gli appalti brevi manu. Uno lo truccò pure, retrodatando le carte, e fu condannato in primo grado a 6 mesi per falso in atto pubblico. Però, beninteso, “voglio l’assoluzione, non la prescrizione”: infatti in appello intascò la prescrizione e portò a casa. Ma nessuno se ne accorse: i giornali erano troppo occupati a lapidare Virginia Raggi, anch’essa imputata per falso, ma purtroppo assolta in primo e secondo grado. Peggio per lei. Fra l’altro lei, a inizio pandemia, si guardò bene dall’organizzare spritz corretti Covid e lanciare hashtag “Roma riparte” o “Roma città riaperta”, diversamente da lui a Milano: infatti, diversamente da lui, è una pessima sindaca. Né le venne in mente di dire “basta smart working, torniamo al lavoro”, come se gli smartworker poltrissero: roba che al confronto Carlo Bonomi è un illuminato imprenditore olivettiano. Fortuna che quell’ideona venne in mente a Beppe: Virginia l’avrebbero impiccata a Spelacchio.

Ad agosto Sala incontrò l’altro Beppe, Grillo, ma i giornaloni si dimenticarono di domandargli cosa ci fosse andato a fare. Lo scoprì Barbacetto: voleva la benedizione per fare il capo di Tim2 per la rete unica e mollare finalmente Milano, che non l’ha capito. Grillo rispose che non dipendeva da lui, infatti non se ne fece nulla. Sala riscoprì un’improvvisa passione per Milano. E si ricandidò a sindaco col Pd senza chiedere niente al Pd (tanto non è iscritto) né tantomeno al M5S (“meglio correre separati”). Proprio come la Raggi, che però almeno al M5S lo disse. Infatti a lei rompono le palle perché non ha il permesso del Pd ed è un “ostacolo”, un “inciampo”, una “minaccia” per l’alleanza giallorosa. Invece a lui nessuno dice niente. Ieri ha annunciato un’imminente “Lista Volt”, ma pare che non sia l’abbreviazione di Voltagabbana.

47 replies

  1. La sindaca Raggi non si tocca!! L’abisso delle differenze è immenso se non infinito!! Vorrei sapere come certe persone riescono ad arrivare a livelli simili di privilegio, essendo degli emeriti inetti!! Mah non lo capirò mai!! Virginia Raggi tutta la vita!! Purtroppo non si può c’è il vincolo dei due mandati!! Ma forse è meglio così!! soprattutto per lei!!

    Piace a 1 persona

  2. Poiché di Sala non me ne frega niente: tipico ircocervo piddino di questi decenni, meglio non dimenticare i delinquenti tanto amati da travaglio Fido di questi anni…30 MAR 2021 18:29
    LA GUARDIA DI FINANZA OGGI HA PERQUISITO GLI UFFICI DI INVITALIA! LE FIAMME GIALLE OGGI HANNO SEQUESTRATO 60 MILIONI DI MASCHERINE PERICOLOSE CON UNA CAPACITÀ FILTRANTE DI 10 VOLTE INFERIORE A QUANTO DICHIARATO. SONO IL RESIDUO DI UNA FORNITURA DA 250 MILIONI EREDITATA DALLA GESTIONE COMMISSARIALE DI ARCURI – E LE ALTRE DOVE SONO FINITE? SONO STATE CONSEGNATE PER CASO A MEDICI E INFERMIERI DI ASL E OSPEDALI?

    https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/guardia-finanza-oggi-ha-perquisito-uffici-invitalia-fiamme-265474.htm

    "Mi piace"

      • @Jerome B.
        Lei è un enigma, ma forse neanche tanto. I suoi compari che la precedono, insieme a tanti altri, sono chiaramente fascisti dentro, e lo mostrano bellamente alla luce del sole. Il suo fascismo invece è mascherato, tenuto nascosto in qualche angolino della sua psiche. Ci mostra con orgoglio le prime pagine del FQ come fossero le tavole della legge, dice a volte delle cose sensate, meno conformiste di tante altre, e poi, all’improvviso, ecco che la sua anima nera viene fuori. Il tono si fa marziale, il linguaggio scade a un tale livello di misoginia e beceraggine che al suo confronto la Meloni è la nuova Santa Teresa d’Avila.

        "Mi piace"

      • “Lei è un enigma, ma forse neanche tanto”

        Ma lei e un genio ! Usato la macchina Enigma completa di istruzioni per decrittaggio ?
        Prova anche con Renzi Enigma – mi piacerebbe vedere decrittata l’anima del codesto briccone .

        "Mi piace"

      • Cosa c’entra l’amore, lo stesso piano? Lei ha parlato della ossessione che ho per Renzi , e io ho risposto che anche a Lei non manca (l’ossessione )per MT/JEROME.

        "Mi piace"

      • Beh caro,
        Solo i primi 7/8 commenti hanno a che fare con l’articolo, poi per gli altri 30 la gazza va a sentimento (ieri 50 perché c’era l’articolo serale di Travaglio).

        Piace a 1 persona

    • brunoooooo er Brasileiro mi ha detto che tu la mascherina la indossi solo per il davanti …. Quelle per i bambini …brunoooo. dietro vai sempre scoperto bruno!!! 💯💯😂💯💯💯😂🤣😂

      "Mi piace"

  3. In Italia siamo fatti così, vanno avanti sempre i migliori. Purché abbiano buoni amici (meglio se incappucciati o con la lupara sotto la giacca), buona stampa (gli abbai dei cani da riporto sono sempre per gli avversari), buona magistratura (le leggi per gli altri si applicano, per gli amici si interpretano) buoni poteri marci finanziatori (un appalto o un grande evento da spolpare, se non una grande concessione statale non si nega mai ai soliti noti rapaci). E della gente chi se ne frega, tanto siamo il paese di pulcinella, senza memoria dentro le cabine elettorali.

    "Mi piace"

      • Gentile Danilo, concordo con lei. Ma non mi nomini Topo Gigio, altrimenti (visto i pupazzi in carne ed ossa che ci sono in giro) a qualcuno viene pure l’idea di candidarlo alle prossime elezioni. Cordialità.

        Piace a 2 people

    • ma signora contessa Gazzelloni Mazzanti Vien dal Mare che ch’azzecca direbbe Di Pietro con articolo? ma vai a saperlo…

      "Mi piace"

  4. Quella contro Virginia Raggi è stata una campagna stampa vile, una forma ignorante di bullismo giornalistico senza precedenti, una vergogna dell’informazione.

    Il tempo è stato galantuomo e lei si è rivelata una donna forte, coraggiosa e capace. Vedremo se i cittadini di Roma sapranno premiare di nuovo chi ha dedicato tutta la sua passione politica per migliorare la città o se sceglieranno di lasciarla a in mano ai soliti incapaci di sempre.

    Virginia for ever.

    Piace a 3 people

  5. Le donne come Virginia dovrebbero avere ben altra considerazione dalla stampa e non perché rappresentano le quote rosa. che io trovo persino offensivo, ma perché ci mettono la faccia, il coraggio, e la loro onestà, parola caduta in disuso, purtroppo.
    Virginia ha il dovere di continuare a governare Roma, per finire il lavoro cominciato e poi di indicare il suo successore.
    Calenda se ne faccia una ragione.
    Sgarbi che ha dichiarato di andare a cagare 7 o 8 volte al giorno, sembra proprio per questo, in altre cose affaccendato.

    Piace a 3 people

  6. Sempre grande e divertentissimo Travaglio, memoria storica per i tanti Italiani smemorati travolti magari da vari e gravi problemi, e spina nel fianco per tutti quei disonesti , incapaci e inutili personaggi che sperano proprio nella memoria corta di quei tanti smemorati per continuare a vivere allegramente e grassamente .Auguro a Virginia Raggi, donna onesta e coraggiosa, di poter continuare l’ immane lavoro che ha finora svolto fra tante difficoltà e indegni attacchi di perduta gente (cit. DANTE ).

    Piace a 2 people

  7. “Voglio l’assoluzione non la prescrizione” anche il Barbiere di Gallipoli, pronunciò la stessa frase, poi prese e intascò la prescrizione e tanti saluti.
    – il Bel Paese-

    "Mi piace"

  8. Chi candida m5s a Milano ? Sarà usato Rousseau o altro ? Ci sarà la consultazione degli iscritti ?Queste domande sarebbero state insensate fino a un paio di mesi fa,oggi non siamo più sicuri di nulla visti i cambiamenti che ci sono stati.Magari qualche movimentista 5stelle lombardo interessato ci sta confabulando con Sala di nascosto.Anche M.T.ultimamente non è più tanto incazzato con m5s.

    "Mi piace"

  9. Ma come fa Travaglio a farci arrabbiare e divertirci insieme? ( e a darci la soddisfazione di fustigare certi elementi)

    Ennesima standing ovation! 👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻
    Marco, sei mitico! 👑

    Piace a 1 persona

  10. A Milano conosciamo bene il cementificatore Sala. Però è un cementificatore verde, vuoi mettere?

    "Mi piace"

  11. La “qualità” dell’avversario?Perdere tempo a “controllare” (un indecifrabile) amò di stasi..che è totalmente Ininfluente nello svolgimento della fiction.Gli basta buttare un amo su qualche sito “pruriginoso” e il coglione viene fuori nella sua “grandezza”.Abboccando come il più stupido dei “tonni”.Cosa dire?…Beati gli “ultimi”, sarà loro il regno dei cieli.

    "Mi piace"

  12. Roma, una donna per sfidare la Raggi: nel Pd spunta l’ipotesi Madia
    Insomma, anche per Roma capitale si starebbe studiando una candidatura al femminile che potrebbe dare del filo da torcere a Virginia Raggi. E cioè Marianna Madia,

    Un ottimo curriculum, insomma, che potrebbe portarla ad essere la prossima candidata Pd “in quota rosa” per il Campidoglio.

    “potrebbe dare del filo da torcere a Virginia Raggi”. La Madia? Non bastano i disastri fatti da ministra?

    Ottima notizia per la Raggi.
    Letta risolve l’inciampo con Madia

    https://www.tpi.it/politica/pd-candidato-sindaco-roma-spunta-ipotesi-madia-20210331765650/

    "Mi piace"

  13. Della serie di chi se la canta e se la sona…Cosi’ fa Padellaro ex Direttore dell’Unitò, fondatore del FATTO e grande detentore delle azioni dello stessogiornale per cui i suoi interessi non sono solo giornalistici scrivendo certe cose ma molto molto concreti…Chi dice che le colpe attribuite a Conte vista la presunta continuità con Draghisarebbero meno gravi? A me sembra l’esatto contrario” Pare che grazie ai cambiamenti di Draghi ed il mancato timore reverenziale di chi stava al potere semmai oggi si comincia a parlar chiaro sulle sue colpe! Sento Cartabellotta, Ricolfi, il noto psicologi, vari virologi che sono semmai avvelenati contro Conte per tutte le cose non fatte, le decisioni non assunte in tempi utili, tanto che ricordando lo scempio della riforma dell’art. 5° della Costituzione che ha regionalizzato la sanità dovuta al governo di quel D’Alema ali cui portaborse Conte ha regatato il governo, si ricordava quell’articolo costituzionale che attribuisce allo stato centrale tutte le decisioni relative ad una pandemia ricordando che la decisione di ridistribuire le responsabilità alle regioni è stato solo un comodo e vile espediente per scaricare responsabilità attribuendo tutte le colpe alle regioni! indecifrabili, le balle! ma Padellaro data l’aria perennemente assente – mi sembra quel personaggio di Verdoni che guardava sempre in aria smarrito e pensoso per cercare di capire cosa gli accade intorno . …Perchè il mondo attuale va in tutt’altra direzione di quella che sognerebbe lui non disinteressatamente…31 MAR 2021 19:32
    I TORMENTI DI CONTE – MENTRE GRILLO SI SPENDE AL TELEFONO PER QUIETARE I BIG DELLA NOMENKLATURA, DOMANI L’EX PREMIER FARÀ DUE PRECISAZIONI SUL DOPPIO MANDATO DURANTE LA VIDEOCONFERENZA CON GLI ELETTI 5STELLE. PRIMO: ESISTONO DELLE REGOLE E VANNO RISPETTATE. SECONDO: NON ESSERE ELETTI IN PARLAMENTO NON SIGNIFICA SMETTERE DI FARE POLITICA – MA NELLA TESTA CATRAMATA, L’EX PREMIER FRULLA BEN ALTRO: AGLI AMICI HA DETTO DI PERCEPIRE “TRAME OSCURE” CONTRO DI LUI. A COSA SI RIFERIVA?

    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/tormenti-conte-ndash-mentre-grillo-si-spende-telefono-quietare-265582.htm

    "Mi piace"

  14. Quando la finiremo di creare pretestuose “corsie preferenziali” per donne, gay, neri, bianchi, rossi, gialli, disabili, ecc… ecc… al solo fine di piazzare persone ideologicamente e politicamente utili, e cominceremo a non interessarci del sesso, dei gusti sessuali, delle vere e o presunte disgrazie e dell’ aspetto fisico, sarà finalmente un grande giorno di “parità”. Purtroppo sono gli stessi “candidati” che pobblicizzano ovunque tali presunte “diversità” per il posticino al sole anzichè rivendicare la privacy della “normalità” e mostrarsi solo per le loro qualità intellettuali e pratiche. Le uniche che dovrebbero interessare all’ elettorato.
    E’ lo stesso modus operandi di chi impazza sui social anche con posizioni strumentalmente provocatorie per poi incassare i commenti degli haters che, ampiamente pubblicizzati sui media, provocano le previste levate di scudi e il gossipparo effetto “Signora mia”, tanto sfruttato dai media compiacenti: proprio quello che si sta cercando. Se si patiscono gli haters c’è un metodo infallibile: cancellarsi dai social. Ma ormai si sa che la maggior parte dei “personaggi” di qualsivoglia tipo, dalla politica alla pornografia, esiste solo grazie alla pubblicità che gli regalano gli “haters”, veri o strumentalmente creati alla bisogna.

    "Mi piace"