Centinaia di persone in fila per un pasto a Milano: le drammatiche immagini dei nuovi poveri del Covid

Crisi Covid, la coda in strada a Milano per un pacco di cibo

(Clarissa Valia – tpi.it) – Una coda lunghissima che si snoda per decine di metri costeggiando l’università Bocconi per arrivare in viale Toscana davanti alla sede di “Pane quotidiano”, l’organizzazione che a Milano distribuisce aiuti alimentari alle persone in difficoltà.

È una fila fatta di uomini, donne, anziani, famiglie con bambini, ma anche giovani. Italiani e stranieri. Persone che con dignità aspettano il proprio turno per ricevere un pasto caldo, vestiti, la spesa.

Crisi covid pane quotidiano poveri
Credits: Ansa

Sono immagini che arrivano dritte al cuore. Foto che sbattono in faccia a tutti noi la drammatica crisi legata al Covid che ha colpito il nostro Paese, riducendo sul lastrico milioni di famiglie italiane. Negli ultimi mesi il fenomeno ha avuto un incremento, che ha reso sempre più utili le iniziative delle associazioni di volontariato come quella di “Pane Quotidiano” a Milano.

Crisi covid pane quotidiano poveri
Credits: Ansa

In Italia per la crisi Covid ci sono 5 milioni e mezzo di nuovi poveri

Si tratta di 1,9 milioni di famiglie italiane che secondo l’Istat quest’anno non riusciranno a soddisfare i bisogni primari, come due pasti caldi al giorno. Questi quasi due milioni vanno a sommarsi ai 3 milioni e mezzo di nuclei già presenti alla fine del 2019. Un dato impressionante: 5 milioni e mezzo di poveri in Italia. 

Crisi covid pane quotidiano poveri
Credits: Ansa

Se aggiungiamo i poveri “relativi”, chi in una coppia non può permettere spese per mille euro o poco più al mese, l’eredità per il 2021 è un totale di oltre 14 milioni di poveri.

Un milione e 137 mila persone sono sotto i 18 anni. Save the Children parla di fame vera, assenza di cure sanitarie e di un’istruzione a intermittenza. E la didattica a distanza ha peggiorato le cose: senza le mense scolastiche e l’istruzione garantita una fascia di popolazione giovane è davvero in pericolo.

Crisi covid pane quotidiano poveri
Credits: Ansa

Un punto rilevante è che chi si è rivolto ad associazioni e centri di aiuto durante la pandemia non lo aveva mai fatto prima. Tra aprile e maggio la rete Caritas ha registrato 446 mila richieste di aiuto per altrettante famiglie in crisi, scese poi in estate a 176 mila.

“Quasi i due terzi dei beneficiari sono italiani, un dato capovolto rispetto all’ordinario”, spiega De Capite, autrice del rapporto Caritas. Chi sono? Persone che hanno perso il lavoro, a cui non arriva la cassa integrazione, che non posso permettersi tutti i figli sempre a casa.

Crisi covid pane quotidiano poveri
Credits: Ansa

2 replies

  1. E in un’Italia con una crisi simile dovevamo pure appoggiare il banchiere dei banchieri? Il più liberista dei liberisti? Uno che per tutta la vita non ha fatto altro che arricchire i più ricchi impoverendo i più poveri? Ma come è potuta accadere una aberrazione simile? E chi si è opposto a questo macello si è pure sentito insultare come perverso e iniquo? Ma cosa è successo alla testa degli Italiani perché scambiassero la morchia per oro e sostenessero i peggiori dei peggiori? “Quos vult Iupiter perdere dementat prius”. Il dio acceca quelli che vuole distruggere.

    Piace a 1 persona