Faccia a faccia Grillo-Conte: entro fine mese il nuovo M5S

(di Giacomo Salvini – Il Fatto Quotidiano) – Non avevano mai parlato così a lungo da soli, faccia a faccia. D’altronde la sfida, ovvero la rifondazione del Movimento 5 Stelle, lo richiedeva. E così ieri pomeriggio Beppe Grillo e Giuseppe Conte si sono incontrati e hanno avuto un lungo colloquio nella villa sul mare del fondatore a Marina di Bibbona (Livorno), dove nel settembre 2019 lo stato maggiore del M5S decise di far nascere il governo giallorosa. La riunione a villa Corallina con i big per affidare a Conte la leadership si sarebbe dovuta tenere lo scorso fine settimana, ma una fuga di notizie aveva fatto infuriare il Garante, che aveva spostato l’incontro all’Hotel Forum di Roma. Ma Grillo voleva un faccia a faccia per studiare insieme all’ex premier le prossime mosse e ieri l’ha invitato a pranzo nella sua casa nel Livornese, lontano da telecamere e occhi indiscreti (ma non da un nostro lettore, che ci ha inviato una foto dal cellulare). Dopo pranzo, Grillo e Conte si sono seduti sulla spiaggia adiacente la villa e hanno parlato di tutto per tre ore: di come rifondare il Movimento, del nuovo simbolo che conterrà il nome dell’ex premier e la data-traguardo del 2050, del rapporto con Davide Casaleggio e la piattaforma Rousseau, della linea politica del futuro M5S, dei primi passi del governo Draghi. Su quest’ultimo tema, chi nelle ultime ora ha parlato con Conte l’ha trovato critico sulla decisione di arruolare consulenti esterni (e privati) a partire da McKinsey per lavorare sul Recovery Plan, mentre il suo governo aveva consultato solo tecnici delle partecipate di Stato (come Cdp e Invitalia).Al centro del colloquio non poteva mancare la spinosa questione del rapporto tra il M5S e Davide Casaleggio, patron della piattaforma Rousseau, che potrebbe finire a colpi di carte bollate dopo la richiesta di 450 mila euro di arretrati ai parlamentari. Non solo: questa settimana Casaleggio presenterà il suo manifesto che sarebbe l’addio definitivo al M5S. Grillo, anche per motivi affettivi, sta provando a mediare fra Casaleggio e i parlamentari che vorrebbero troncare ogni rapporto con lui. Ma non è facile sia perché la piattaforma Rousseau è un elemento essenziale, anche da statuto, per le votazioni degli iscritti sia perché la rottura di molti big del Movimento con Casaleggio è ormai consumata.

Eppure regolare i rapporti tra il M5S e Rousseau sarà fondamentale perché, una volta che tutto sarà più chiaro, Conte potrà presentare il suo piano per rifondare il Movimento 5Stelle. Negli ultimi giorni, chiuso in casa a Roma, Conte si è studiato gli statuti dei principali partiti europei – apprezzando in particolare quello dei Verdi tedeschi, ma anche quello della Spd che coinvolge nelle decisioni gli iscritti via posta, come il M5S online – per raccoglierne il meglio nelle regole che dovranno tenere insieme i principi della democrazia diretta, una solida organizzazione e un’ampia apertura alla società civile.

Poi, entro la fine del mese, Conte presenterà il suo piano per rifondare il M5S che si baserà su alcuni punti cardine: l’ambientalismo e la transizione ecologica, la legalità e le politiche sociali. Su questi temi – ripete – il nuovo M5S dovrà diventare una casa “accogliente ma intransigente” sui valori fondativi. Una volta presentato il piano, se sarà accettato Conte ha già annunciato una serie di incontri in giro per l’Italia per presentare il nuovo Movimento. Emergenza Covid permettendo.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

40 replies

  1. “Dopo pranzo, Grillo e Conte si sono seduti sulla spiaggia adiacente la villa e hanno parlato di tutto per tre ore…”… di fronte al TRAMONTO…

    “– Cosa prende?
    – Un tramonto per due, vista mare.
    (CannovaV, Twitter)”

    “Vieni con me?
    Andiamo a dondolarci tra un “ti amo” e un tramonto fino a perdere tutti i nostri punti di vista? (Fabrizio Caramagna)”.

    …’Azz…

    "Mi piace"

    • …”Ci potremmo sedere qui, sul bordo di questo tramonto. Accarezzare l’idea e poi lasciarla andare. E ridere di quanto siamo stati stupidi.
      (AlbertHofman72, Twitter)”…

      …”Ci potremmo attardare a guardare il tramonto. Incamminarci verso ovest, raccontandoci che non arriverà mai la notte.
      (AlbertHofman72, Twitter)”…

      …”Sei bellissima mentre guardi il tramonto e ti fai scivolare le paure addosso.
      (Fabrizio Caramagna)”…

      …”Tutti meritiamo un tramonto, una birra ghiacciata e tante risate.
      (Lucyfero75, Twitter)”…

      …”Poi arriva il tramonto e ti senti spesso solo. Perché la sera cerchi sempre quello che ti manca.
      (CannovaV, Twitter)”…

      …”Potremmo fermarci qui, ad aspettare il tramonto da questa terrazza. La brezza leggera. I pensieri che si intrecciano tra le dita e i tuoi capelli mossi. Il collo scoperto e io che sorrido
      (Fabrizio Caramagna)”…

      …”Facemmo l’amore finché il pomeriggio divenne crepuscolo e il crepuscolo divenne notte fonda.
      (Leonard Michaels)”…

      …”Al crepuscolo tutto scompare e rimane solo chi deve.
      (origamibile, Twitter)”…

      …”Ogni tanto offritelo un tramonto… nessuno vi dirà mai di no.
      (Fabio Mingozzi)”.

      "Mi piace"

  2. L’importante è che nel nuovo partito un principio fondamentale sia che chi commette reati,di corruzione appropriazione indebita ecc.ecc. mentre ricopre cariche pubbliche ,veda a scacchi dalla cella tramonti ma anche albe numerose senza mai nessuno sconto di quadra a scacchi

    "Mi piace"

    • “L’importante è che nel nuovo partito…”… AHAHAH… Già passata l’incazzatura perfetta? Siiii RICOMINCIAAAAA: HO-NE-STA’! HO-NE-STA’! HO-NE-STA’! HO-NE-STA’!

      "Mi piace"

  3. Principi irrinunciabili, come :mai con Berlusconi,mai con i banchieri,superamento dei partiti e del concetto destra-sinistra,massimo due mandati etc…etc.Per quanto tempo durerà la nuova linea ?Ah,dimenticavo…O conte o (morte)al voto.

    "Mi piace"

  4. vabbè comunque articolo che non aggiunge nulla, grillo e conte che perlano dei 5 stelle vedi che notiziona.
    Ogni tanto il Fatto cede al languore dell’effimero,rappresentato in questo caso da una foto voyeuristica

    "Mi piace"

      • E per questo serve sapere che grillo è conte si vedono al mare?
        Si parli di contenuti, quando ci saranno, invece delle cozze gratinate che a conte piacciono senza limone o delle infradito di grillo.
        E poi suggerirei di calmarsi con gli entusiasmi, non che mi interessi personalmente, lo dico per i miei amici che mi parlavano di ” proposta politica potenzialmente più innovativa del secolo per il Paese” già quando facevano i comizi a San Giovanni laterano rubando scientificamente gli argomenti della sinistra proiettando video di Vittorio Arrigoni e Peppino impastato. Ah ma loro avevano la democrazia diretta cliccando sul sito il deputato che credeva nelle sirene.
        Sono provocatorio? Può darsi, ma noi comunisti abbiamo imparato l umiltà, dalle parti di Rousseau mi sa che questo algoritmo non è stato impostato.

        "Mi piace"

      • Sono calmissimo, infatti ho scritto “potenzialmente”. Se tu o i tuoi amici (ed eventuali felidi sghignazzanti) volete sostenere che quello che è successo dal 2009 ad oggi non lo è stato, non avete che da favorire un esempio qualsiasi di cosa riteniate sia stato più innovativo di quanto fatto da Grillo partendo da zero (per i più dotati possibilmente facendo anche mente locale su quella che è stata la Storia Patria recente: non mi pare che, prima, venissimo dal governo Giolitti-duodecis).

        Il fatto che lui e Conte abbiano deciso di incontrarsi a quattr’occhi è significativo, comunque la si veda. Io dico che qualcosa di grosso bolle in pentola, e che se nascesse una forza politica che abbia, ad esempio, la transizione green tra i suoi obiettivi principali, questo da solo basterebbe per giustificare la definizione, soprattutto considerato il livello cretacico del resto dell’arco costituzionale, e vale tanto per questo quanto per altri temi che nei prossimi decenni diverranno sempre più cruciali (il mondo sta cambiando e anche piuttosto velocemente, i vecchi modelli come quello capitalista non vanno più bene e per questo stanno entrando in crisi, se non saranno in grado di reinventarsi bisognerà proporne di nuovi).
        E’ da quando cercò di candidarsi alle primarie del Pd che Grillo si è reso, de facto, latore degli interessi di una fetta consistente della popolazione che, da molto tempo, non era più rappresentata da nessuno in Parlamento; a mio avviso, anche adesso sta facendo la stessa identica cosa, solo che (forse) ha finalmente capito che non è più un gioco e (spero), forte dell’esperienza accumulata, sta cercando di non ripetere soprattutto quella che è stata la madre di tutti gli errori, ovvero la non-selezione della classe dirigente (affidata sostanzialmente al caso, ma ugualmente innovativa a suo modo: in luogo dei sempiterni yesmen che, per decenni, hanno costituito ed ancora oggi rappresentano l’ossatura di ogni altra forza politica che abbia mai goduto di numeri significativi in Parlamento, questo “metodo” ha prodotto un po’ di tutto: dagli scarti meno impresentabili del complottismo più becero, ad autentici giganti, e purtroppo a tutto quello che c’è in mezzo).

        Magari, se facessimo tutti lo sforzo di diventare cittadini consapevoli invece che rimanere tifosi coi paraocchi, finalmente potremmo crescere sia come popolo che come democrazia: non è mai troppo tardi per farlo, dato che è vero che ogni popolo ha il governo che si merita, e che noi non stiamo facendo nulla per meritarci niente di meglio (a parte lamentarci sempre).
        Dato che, come me, sembri essere più incline confronto che alla polemica, soprassiedo sul “comunista”. Azzardo che, probabilmente, nemmeno Berlinguer lo fu mai veramente (non dimentichiamoci che godeva del supporto della Grande Madre Russia, da dietro le quinte) e mi permetto di farti notare che, di solito, quelli che si definiscono così in realtà sono socialisti nell’animo, solo che il ricordo di quanto vissuto sotto il garofano gli ha fatto rimuovere questo termine, un tempo nobile.
        Cordialmente.

        Piace a 1 persona

      • mi tocca ribadire che manca il concetto di umiltà , che tu sia calmo buon per te e non ho ne interesse ne la presunzione di saperlo.
        comunista è una parola di cui non ho vergogna , dato che le piazze che il 5 stelle ha deciso di rapinare con scelta scientifica le ho calcate prima dei loro tifosi.
        Si, tifosi sono quelli eradicati da cultura politica storica , sordi all ascolto perchè convinti profeticamente di un modernismo in chiave profetica e per nulla induttivo . Quelli che ogni idea “profetica” si infrange nel suo fallimento (governeremo da soli solo quando avremo il 51% ,si , se non fosse che i “comunisti ” vi sarebbero serviti durante la crisi).
        Ringraziate l uccisione del partito comunista ,ribadisco comunista , da parte di una classe dirigente che ha scelto la via liberista e ringraziate 25 anni di berlusconi zoccole e mafia per avere raccolto quel facile consenso rapinando alla sinistra ,guarda caso ,gli unici veri valori che vi hanno portati avanti : inclusione sociale , ridistribuzione ,ambiente e stato sociale.
        Piuttosto che le vostre profezie da Nostradamus auguratevi che Conte vi rivolti come un calzino e faccia carne di porco di quelle ridicole regolette con cui profetizzavate infantilmente la democrazia diretta,lasciando i valori di cui sopra che non sono profeticamente vostri ma della sinistra storica, si ,la sinistra, l unica alleata che vi è rimasta se non l avete capito . La sinistra ,quella che la base del PD chiede a gran voce , la sinistra ,quella a cui Conte stesso fa riferimento parlando apertamente di anti capitalismo al festival nazionale dell economia civile .
        Il vostro genio profetico vi ha portato oggi al 14% ,la Meloni lo raggiunge con due rutti , e vi tocca sperare che Conte si ben oltre la degna persona che ha dimostrato di essere , bensì un genio che riesca a resuscitarvi . Buona fortuna , io ,nonostante questa vostra tracotanza post ideologica d’accatto , ve lo auguro davvero . Lo stato sociale prima di ogni cosa per noi comunisti , si,noi comunisti ( ma che ne sai di chi sono , dandomi del socialista . vabbè ,per citare Schindler’s list , “io ti perdono”)

        Piace a 2 people

  5. Adailton caro, ti prego, stai sbagliando indirizzo.
    Ti ho visto trattare con leggerezza ed ironia i peggiori pozzi d’ignoranza e di arroganza e ora sono stupefatta da questa tua reazione, proprio verso Jonny.
    Perdonatemi entrambi se mi ficco in mezzo all’intenso ed interessantissimo dialogo, ma non posso sentire OPPORSI due concezioni che credo così complementari, se non sovrapponibili… è come vedere due amici che litigano su qualcosa su cui sai che hanno la stessa idea, solo per stupidi equivoci.
    E io, purtroppo, non riesco a non intervenire, per via del mio carattere arietino da “cavaliere senza macchia e senza paura”(ironia, per chi non capisse)
    Jonny Dio è uno dei pochi, rari 5s di questo blog a non essere tifoso, ad aver sempre ammesso le idee di sinistra del M5S.
    Se ti ha parlato di socialismo è, conoscendolo, perché voleva distinguere NON le tue idee, ma quelle del comunismo italiano dal comunismo propriamente detto, quello sovietico.
    È stato il tema che ha portato alle varie correnti nella famosa “conferenza” di Livorno del 1920 (o 21?)che vide la nascita del PCI.
    Lui non parla di partito, ma di SOSTANZA delle idee, credo.
    D’altronde, a livello europeo, non facciamo parte del gruppo socialista? E anche Bersani, il più comunista di tutti, non parla di socialismo liberale? Non perdete, nell’uso del termine, sputtanato dal craxismo, la vostra sostanziale concordanza di ideali.
    È vero che molti 5s sono nati dal Vaffa e lì sono rimasti, con arroganza e zero senso della realtà, attaccati a regole stupide e penalizzanti, ma sono quelli che ancora proclamano il “né di dx né di sx”, essendo di dx senza capirlo, e non distinguendo i concetti dalle sigle.
    Jonny non è sicuramente tra loro, fidati.
    L’umiltà la può insegnare.
    E leggervi è una delizia, se superate il muro inesistente che vi si è frapposto, specie in tempi così bui, fatti di troll del nulla.
    Se poi mi sono sbagliata, chiedo umilmente scusa, spero che apprezzerete almeno l’intenzione.

    Piace a 1 persona

    • Anail sei davvero di una sensibilità incredibile , sarebbe cinico non accogliere il tuo invito.
      E’ nato tutto da un mio intervento sprezzante non già verso l operazione Conte- 5 stelle quando sulla necessità da parte del Fatto di appendere ad una foto rubata da un avventore un articolo fatto di retroscena che , a mio avviso , non aggiungeva nulla ad una discussione sul futuro dei protagonisti che deve ancora palesarsi nei dettagli .
      Diciamo che la natura del mio intervento era proprio di poca importanza e non aveva nessuno spunto sull aspetto politico per cui mi ha davvero stupito l’intervento di Jonny Dio ( che ,concordo con te , è utente apprezzabilissimo ) dai toni vagamente canzonatori.
      Ho molte critiche nei confronti di tutta la genesi del 5 stelle e questo è evidente , ma sono le critiche di un amico ( ho davvero tanti amici carissimi che sono attivisti ) che desidera ,su tutto , che ci sia una società migliore . Se questa deve passare attraverso Peppe Grillo , Di Battista o Ciampolillo a me non importa nulla , purchè i contenuti di giustizia sociale siano portati avanti e non portati al massacro di nuovo .
      Sulle tue discettazioni sulla sinistra non posso che condividere tutto , in precedenti miei interventi ho anche parlato di esperienze socialiste meritorie in giro per il mondo ,non è parola che rigetto , chiaro se poi mi si da del craxiano…capirai….
      Ad ogni modo io tendo la mano anche a chi è distantissimo da me figuriamoci se non lo faccio ad uno come Jonny Dio.
      Perchè per citare Clint Eastwood ,: “io dormirò sereno perchè il mio peggior nemico veglia su di me”

      Piace a 2 people

      • Effettivamente, anch’io trovo piuttosto retroscenista l’articolo, sulla falsariga di quelli di Tommaso Labate.
        Da una foto, neanche fornita da un loro reporter, è stata dedotta con estrema precisione tutta una serie di interazioni e persino i singoli argomenti di conversazione..poco credibile, in effetti, se non il fatto che sono argomenti prevedibili. Ma allora li si dà per probabili, non per certi.
        Sì, evidentemente, invece, Jonny si è riferito al nocciolo della questione, interpretando il tuo intervento come negativo o sminuente verso l’evento, o meglio verso l’intera operazione, che invece credo tu appoggi (più quella che lo veda federatore del polo, se non ho capito male, rispetto a quella come riformatore del M5S, ma le 2 cose spero che non si escludano).
        Non vi conoscete ancora, avete tanti argomenti su cui interloquire. Non vi mancano né la dialettica, né la signorilità e l’intelligenza per farlo in modo proficuo per tutto il blog.
        Sarebbe un toccasana per tutti noi affrontare delle belle discussioni con spirito sereno e civile, come qualche tempo fa.
        Sono in pole position per assistere e partecipare😄
        Ps Vedi che anch’io sto caldeggiando, in piccolo, un’azione riformatrice… del blog😆🤣👋🏻😘

        Piace a 1 persona

      • Hai centrato in toto il punto.
        La mia stima per Conte credo sia palese ,sul suo ruolo non ho idee chiare, se capo politico dei 5 stelle o del polo. Come dici tu le cose potranno coincidere,a me piacerebbe che ci fosse una rifondazione dei 5 stelle in una direzione piu partigiana politicamente parlando .
        Ma cosa piacerebbe a me è un discorso ozioso.
        Jonny Dio mi ha accostato in maniera troppo leggera a concetti come il craxismo o il tifo preconcetto e per uno come me che si sforza di non litigare , ammorbidire e mediare suonano come provocatorie e non le lascio passare in cavalleria .
        A maggior ragione se ,anche quando sono critico, sto in realtà remando dalla loro parte. Sono certo che questo potrà capirlo conoscendoci.

        P.s. io ti voto come riformatrice

        Piace a 2 people

      • Adailton, ovviamente non intendevo darti del craxiano (ci mancherebbe, e poi, sulla base di che?): sul punto ha totalmente ragione la sempre più apprezzata Anail, il mio voleva essere semplicemente un riferimento all’idea di comunismo portata avanti in Italia (l’abolizione della proprietà privata, tanto per dirne una, da noi nessuno ha mai osato nemmeno proporla, neppure ai tempi in cui per un’idea si andava spesso alle mani e qualcuno arrivava addirittura a sparare), comunque mi scuso se il tono poteva essere frainteso ed accetto il perdono (anche se la citazione, idealmente, sarebbe da situarsi proprio agli antipodi dell’umiltà, visto che quando Schindler ne parla a Goeth è proprio per esplicitare potere assoluto degli imperatori, ma ora non ti rioffendere, che tanto il concetto l’ho afferrato ugualmente).

        Tengo a precisare che non sono “grillino”, come non appartengo a nessun altro, mi ritengo una mente libera quindi dal mio punto di vista non ha senso abbracciare in toto una causa piuttosto che un’altra: io sono mio e basta, non ho sposato nessuno e sono perfettamente in grado di giudicare caso per con chi eventualmente schierarmi, senza che questo comporti automaticamente il dover essere d’accordo su tutta la linea con le parti di volta in volta coinvolte, sarebbe una sorta di delega del pensiero critico, una semplificazione della quale personalmente non sento il bisogno (senza per questo voler denigrare chi lo fa).
        Al momento, ritengo l’esperienza portata avanti da Grillo un punto di rottura col vecchio modo di fare ed intendere la politica che va vissuto per quello che è: una boccata d’aria fresca in una stanza, quella del potere, chiusa da decenni, ma che, contrariamente alle illusioni di molti, necessita di ben altro che aprire un po’ la finestra per tornare a brillare; se poi si vuole togliere la muffa, ci vuole molto di più.
        Ritengo anche che ci vorrà del tempo per valutare la portata di questa esperienza, a mio avviso fondamentale come tappa di crescita democratica, sebbene di per sè poco rilevante ai fini del risultato (nonostante le tante cose apprezzabili prodotte, al netto di qualche errore inevitabile, e anche dei molti evitabili), che è infine giunta al bivio tra continuare ad esistere ma rinnovandosi dalle fondamenta, e facendo quello step di crescita ormai non più rimandabile, oppure terminare: in entrambi i casi, ne sarà valsa la pena, se non altro per aver dimostrato che un cambiamento è ancora possibile, anche se dovessero essere altri in seguito a farsene carico. Ci sono idee che sopravvivono a chi le ha create.
        Prima di questa esperienza, io stesso ritenevo di fatto impraticabile una qualunque via democratica al cambiamento (che al tempo ritenevo realizzabile solo attraverso la lotta armata, e ancora non ho abbandonato del tutto l’idea, avevo anche un abbozzo di ideologia, ma sto divagando). Per rimanere alla storia recente: alzi la mano chi, nel 2009, non avrebbe irriso come favola della buonanotte la vicenda di un ex steward del San Paolo che arriva a far distribuire 18 miliardi di euro (in tre anni) di soldi pubblici, direttamente nelle tasche di gente che ha bisogno e soprattutto scavalcando le solite, sporche mani interessate che, da tempo immemore in questi rari casi, o si trattengono la percentuale o vogliono sempre qualcosa in cambio. E senza arricchirsi nel farlo. Robin Hood gli fa una pippa.

        Adesso staremo a vedere con molta attenzione cosa scaturirà dallo strano incontro, potrebbe trattarsi di un goffo tentativo di riscaldare la minestra come della nascita di una vera forza rinnovatrice, possibilmente un po’ meno scappata di casa e un po’ più credibile di quella dalle cui ceneri intende rinascere, il cui potenziale impatto sulla vita pubblica dipenderà anche dalla sorte che toccherà ai miseri resti della fu sinistra italiana, da decenni amica, poi ostaggio ed infine schiava di confindustria (e interessi connessi), comunque il fatto che uno non certo di primo pelo come Zingaretti abbia deciso di lasciare e soprattutto le motivazioni addotte non lasciano certo presagire nulla di buono, al momento la cosa più tristemente probabile è una forma di renzismo di ritorno (o una delle sue varianti saudite), ma qua spero davvero di sbagliarmi.

        Grazie a tutti per la chiacchierata, mi spiace di non essere molto assiduo, ultimamente, ma ho optato per un periodo di salutare decompressione. Un saluto anche ad altri che avessero la ventura di leggere queste righe; secondo la teoria di Anail il micio non se le perde di certo, ma ora che l’ho detto potrebbe comunque fingere di non averlo fatto, quindi adesso possiamo dirne male quanto vogliamo (si fa per scherzare, eh).

        Piace a 1 persona

      • Jonny dio non mi rioffendo perché non mi sono mai offeso. Erano solo precisazioni, vabbè la citazione prendiamola solo alla lettera, contestuale l hai spiegata benissimo tu.
        Detto ciò grazie per la risposta e l educazione e mi scuso io se ho frainteso il tono, l ho letto come supponente (e dobbiamo combattere la supponenza perche è una delle cose che uccide le idee giuste) ma sicuramente non sei questo tipo di persona. Ci si becca in giro

        Piace a 2 people

  6. Citare sempre e ognidove Ciampolillo reo solo di aver votato con ritardo, altrimenti manco sapevano chi fosse,
    e diventato bandiera propagandistica contro il governo Conte è veramente offensivo per chi lo appoggiava.

    ” Se questa deve passare attraverso Peppe Grillo o Di Battista” forse si, ma non si pùò tirare in balla sempre sto citrullo di Ciampolillo
    Poi se guardiamo i sondaggi fino a una settimana fa da 14% M5S reali, ieri sono passati a 17% sorpassando la Meloni e
    il PD. A dispetto dei detrattori di Grillo e Conte ,qualcosa si muove come scritto da Jonny, bisogna prenderne atto.
    Io una ventina di giorni fa scrissi che nonostante l’apparenza i problemi più grossi li avrebbe avuto il PD, e i fatti lo dimostrano.
    Se non esce presto un Conte da quelle parti ,chi e di sinistra e meglio che si preoccupi per quello , non per Grillo e Conte.
    Sentire proposte per nuovo segretario nomi come Pinotti, Finocchiaro, Franceschini, Seracchini ,Bonnacini è un titolo
    “E la guerra continua”

    "Mi piace"

    • Tracia hai frainteso secondo me .
      Ho citato ciampolillo non in tono denigrativo per i 5 stelle(peraltro non ne fa piu parte ) ma per sottintendere che non importa chi manda avanti idee di giustizia,fosse pure il gabibbo.
      Sto solo dicendo che il 5 stelle(sempre se si chiamerà cosi) ha bisogno di Conte che non viene dai meet up e della sua visione che , a mio modesto avviso , è molto politica.
      L idea del 5 stelle post ideologica , immersa nella democrazia diretta con il culto del web e riluttante verso la commistione con altre culture politiche rischia di non avere futuro.
      Se Conte entra e fa il “liberale moderato” come detto improvvidamente da Di Maio quel presunto 17% diventa 4% . Naturalmente Conte è troppo intelligente per farlo , e ,come pochi se ne sono accorti , il suo apporto sarà molto piu ideologico di quelli che molti pensano.
      C’è una massa di astenuti e delusi del PD che aspetta Conte non certo come semplice capo dei 5 stelle ,ma come qualcosa di molto diverso e che superi ed anche di molto alcuni totem dei 5 stelle

      "Mi piace"

      • ah,dimenticavo.
        chi è di sinistra si interessa dei 5 stelle perchè sono l unico movimento che porta avanti certi temi a noi cari,la nostra critica è costruttiva ed ha lo scopo di suggerire di esfoliare quello che rischia di ammazzarvi .
        per quanto riguarda noi , siamo gia belli che morti da tempo immemore e lo sappiamo benissimo e non abbiamo altro da fare che osservarvi

        Piace a 2 people