Berlusconi si converte al voto: Salvini gli dà 40 seggi

(di Gianluca Roselli – Il Fatto Quotidiano) – Finora, in questa pazza crisi di governo, il voto anticipato è stato utilizzato più come spauracchio che altro. Un modo per terrorizzare le truppe, mettere pressione e tentare di riannodare i fili di una maggioranza che non c’è più. Del resto la forza politica che ha meno interesse ad andare alle urne è proprio quella che ha provocato la crisi, Italia Viva, che verrebbe spazzata via. Ora, però, che la crisi si è attorcigliata sempre più, con il governo ancora lontano da numeri certi in Senato, ecco che le urne tornano a fare capolino come una reale possibilità. Ieri l’hanno ribadito sia Silvio Berlusconi, spegnendo definitivamente le sirene di una maggioranza “Ursula” che arrivano da Palazzo Chigi, sia Goffredo Bettini. “Le elezioni possono essere considerate una sciagura, ma non un colpo di Stato”, ha sottolineato quest’ultimo, ovvero colui che si sta dando più da fare per evitarle. Musica per le orecchie di Nicola Zingaretti, che da settimane ai suoi confida di non essere disposto “ad arrampicarsi sugli specchi”.

Il Pd, sul tema, è diviso, con il segretario e l’area “partitica” più pronti all’ipotesi voto, mentre l’area parlamentare, a cominciare dai capigruppo Graziano Delrio e Andrea Marcucci, disposta a tentare il tutto per tutto per scongiurarlo. Un po’ la stessa linea dei 5 Stelle. “Dobbiamo fare di tutto per aiutare Conte ad andare avanti. Altrimenti c’è il voto”, ha ribadito ancora Luigi Di Maio. In maggioranza poi c’è Leu: erano i più contrari al voto, ma ora non lo escludono. “Per noi le urne sono una sciagura perché rischiamo di consegnare il Paese alle destre, ma non si può ingoiare tutto e fare pastrocchi. Quando le crisi si avvitano, si sta su un piano inclinato e alle urne ci si arriva per inerzia”, osserva Loredana De Petris.

Poi c’è il centrodestra. Che questa settimana è salito al Quirinale per chiedere le elezioni al presidente Mattarella. Del resto, se si andasse al voto, lo si farebbe con l’attuale legge elettorale, il Rosatellum, con cui, secondo le proiezioni basate sui sondaggi, la coalizione avrebbe una solida maggioranza nei due rami del Parlamento. Tra i tre, Giorgia Meloni è sempre stata la più ferma sulle elezioni, con Lega e Forza Italia assai ambigue e frastagliate (Giorgetti e Carfagna in primis). Ieri però è tornato a parlarne Silvio Berlusconi. “Avevamo proposto un governo di unità nazionale, idea esclusa da Pd e M5S. È chiaro che questo rifiuto avvicina il ricorso alle elezioni”, ha detto l’ex Cav. Aggiungendo che “una paralisi di due mesi farebbe meno danni di una paralisi di due anni di non governo”. Qualcuno spiega la svolta pro urne dell’anziano leader con l’accordo che sarebbe stato raggiunto con Salvini per 30 collegi blindati alla Camera e 10 al Senato per FI. Poco rispetto ai 145 attuali, ma “accettabili” nel nuovo Parlamento decurtato. “Governo con dentro tutti o voto”, dice quindi Berlusconi. Per lui quasi una soluzione win-win.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

6 replies

  1. Quindi 40 posti al nonno mafioso, diciamo 200 ai suoi li vorrà dare? E tutti quelli che ha imbarcato? E tutti quelli che non sono suoi fedelissimi?
    Quelli dovrebbero adesso presentarsi in ginocchio a palazzo Chigi.

    "Mi piace"

  2. Bella notizia ! Se vera più della metà dei suoi parlamentari perderebbe la poltrona (quella di cui parlano in continuazione Salvini e Meloni).Bene per loro che non sono affatto legati ad essa se no ne vedremmo delle belle ! Quindi : al voto,al voto,al voto subito !

    "Mi piace"

  3. Sinceramente da quando seguo le perfomance del Pinocchio di Rignano, ho dentro di me pensato che si deve andare al voto elettorale, così una volta per tutte vediamo se gli ITALIANI avranno capito o meno chi premiare e chi condannare. Secondo il mio pensiero in tal maniera verrà fuori anche che il PD sta facendo il doppio gioco con il Premier. Zingaretti come il principe di Salina, nel Gattopardo “se vogliamo che tutto resti com’è, tutto deve cambiare”.

    "Mi piace"

  4. Non mi fido MAI della parola del piduista.
    Sono curioso di vedere la reazione dei mercati se la ledde di riforma Bonafede non passasse.
    Merda set è sotto attacco da parte di Vivendi, anche in Spagna, dove si è rafforzata nel gruppo editoriale Prisa, primo per seguito nel mondo ispanico, che controlla El Pais e le radio Cadena Ser, il quotidiano sportivo As e tanto altro.
    Se crollasse la borsa potrebbe fagocitare in un solo boccone il gruppo editoriale brianzolo.
    E scommetto che il pregiudicato puttaniere non avrebbe remore a creare un casus belli con i sovranari per proteggere la sua roba.
    Poi aggiungo che il capitone è un clown alquanto stupido e incapace di intendere e volere.
    L’unica parte che sa recitare è quella del clown frontman di un mondo reazionario, ripetendo a pappagallo lo spartito che quotidianamente gli impone Morisi.
    Manco se ne accorgerebbe del pacco regalo.

    "Mi piace"