Fortorina, Pd: “C’è commissariamento per completamento”

IMPEGNO MANTENUTO.

Come anticipato lo scorso 09 gennaio con nota del Resp. Ambiente del PD, Giuseppe Ruggiero,
il Governo ha proceduto al Commissariamento dell’ultimo lotto della Fortorina, ai sensi
dell’art. 4 comma 1 del D.L. 32 del 18 aprile 2019 (Convertito con Legge n. 55 del 14 giugno
2019), in quanto «infrastruttura prioritaria» insieme ad altre 14 opere stradali.
È il provvedimento decisivo per l’ultimazione dell’arteria, promossa e condotta a
finanziamento dall’On. Umberto del Basso De Caro, nella qualità di sottosegretario alle
infrastrutture, con delega al CIPE, sino a giugno 2018. Oggi dallo stesso costantemente
monitorata come capogruppo del Partito Democratico in commissione trasporti.
La procedura di commissariamento è identica a quella attuata per il lotto già in esecuzione, da
70,6 milioni di euro, riguardante la realizzazione della variante alla strada statale 212
(Attraversamento dell’abitato del comune di San Marco dei Cavoti), contenuto nel decreto
Sblocca Italia del Novembre 2014.
L’opera proseguirà con la realizzazione di un’importante galleria, lunga diversi km, che
sbucherà oltre la montagna, Casone Cocca, in località San Giovanni a Mazzocca, nel territorio
di Foiano di Valfortore.
La sola galleria ha un costo stimato di 50 mln di euro, appositamente allocati nell’Addendum
CIPE del 28 febbraio 2018. Presente quale competente Delegato, per conto dell’allora Ministro
Del Rio, Umberto Del Basso De Caro.
L’ultimo tratto stradale, sino a San Bartolomeo in Galdo (Setteluci), ha invece un’ulteriore
dotazione finanziaria di 175 mln di euro che, prevista dallo Sblocca Italia, è ascritta
all’aggiornamento del Contratto di Programma MIT-ANAS, agenda 2021.
L’istituto commissariale, affidato al dott. Nicola Montesano, garantisce tempi e procedure
certe per la progettazione esecutiva, l’appalto e per la realizzazione dei lavori.
Un grazie al Governo e al Presidente Conte per quanto posto in essere, punto di approdo e
compimento del grande lavoro prodotto in questi anni. Si tratta di un caso, purtroppo non
frequente, in cui la Politica ha lavorato intensamente, con competenza e cocciuta costanza, sul
medio-lungo periodo, programmando e realizzando l’apertura di un territorio senza lasciarsi
travolgere dalla sterile dittatura del presente e dai proclami del «qui ed ora».

Segreteria PD Sannita