Massimo Cacciari: “Bisogna insorgere contro questa deprimente narrazione…”

(Massimo Cacciari – La Stampa) – Auguri per il 2021 – che possa distruggere l’orribile 2020, non solo debellando il virus, grazie a scienziati, medici e infermieri, ma cancellando anche le forme in cui la politica, gran parte dei media, buona parte della residua intellighenzia occidentale l’ha affrontato e commentato.

Temo che le conseguenze culturali e psicologiche della bio-thanato politica che stiamo vivendo saranno ancora più dure da vincere delle ingiustizie che questa crisi va moltiplicando, non solo sul piano della distribuzione della ricchezza e del reddito tra settori economici e ceti sociali, non soltanto, e ci torneremo, nel rapporto tra le generazioni, ma addirittura per quanto riguarda la nostra condizione di fronte alla morte: dati forniti da organismi internazionali come il Fondo monetario ci dicono che negli Usa le famiglie povere hanno subito quattro volte più perdite di quelle ricche.

Sarebbe interessante disporre anche di tali dati, e non solo di quelli ammassati quotidianamente nei bollettini riguardanti contagiati e defunti. Non si discute che un governo abbia il dovere di usare ogni mezzo per impedire o frenare il contagio. Sono banalità che si ripetono alla nausea soltanto quando si vuol coprire l’impotenza a svolgere bene proprio tale dovere.

Ciò che varrebbe la pena discutere è come si interpreta e si comunica il proprio impegno, quale valore gli si conferisce, in quale prospettiva lo si colloca. A partire dallo sciagurato slogan del “distanziamento sociale”, invece che di “distanza di sicurezza” o formule analoghe, è purtroppo del tutto evidente il punto di vista culturale con cui il “messaggio” è stato concepito.

Quello slogan poteva venire in mente soltanto a chi ritenga un pericolo la prossimità, un’assemblea o una manifestazione un irragionevole “assembramento”, il “lieto romore” che fanno i fanciulli gridando “su la piazzuola in frottae qua e là saltando” un intollerabile baccano. Del pericolo “la gioventù del loco” si può avvisare in due opposte maniere: la prima, decadente, decrepita, che più o meno esplicitamente esalta le virtù dello stare seduti e sedati, la seconda, opposta, che suscita la nostalgia per ritornare al più presto a lasciare le case e per le vie spandersi, per ammirare e farsi ammirare. Ah Leopardi nostro! Quanto continui a essere straniero in patria!

Ogni energia è spesa a convincerci che è in fondo più comodo lavorare di fronte a un pc che convivere e cooperare “in presenza” con colleghi, amici e magari anche nemici, che quella bella, leopardiana “movida” può essere sostituita con qualche chat, che la pizza è altrettanto buona seduti sul divano di fronte a mamma tv che con gli amici in pizzeria. Invece di suscitare l’ardente desiderio di fare tutto il necessario per uscire al più presto dalla miseria dell’attuale situazione, la propaganda “in rete” ci vuole convincere che la vita del pensionato è ottima e forse, anzi, ideale.

Esageriamo? Si vedano, per credere, gli spot del governo tedesco dove dei ragazzi passano il tempo tra letto e divano mangiando patatine e bevendo coca cola naturalmente recapitate da solerti imitatori di Amazon & Co.(che nella crisi vedono moltiplicare fatturati e profitti). Bisogna, credo, insorgere contro questa deprimente narrazione, sintomo di una generale senescenza delle nostre società.

Quei pensionati che per primi lottano contro il “pensionamento” e fanno volontariato e si impegnano in tutti i modi perché il loro cervello non vada “a riposo”, dovrebbero essere i primi a esigere che la crisi sia affrontata dal punto di vista e nell’interesse di figli e nipoti.

Sotto l’aspetto sociale e economico, anzitutto. Abbiamo infelicitato i giovani (efficace neologismo inventato da un mio caro amico ottuagenario, appartenente a quel 95% di chi non ce la fa contro il Covid) per lo stato di scuola e università, per la disoccupazione e sotto-occupazione, per dover dipendere dalla famiglia fino ai 40 anni e passa – diciamo finalmente di voler uscire dalla pandemia a nome loro, per loro.

Diciamo che faremo tutto perché possano giocarsi la loro vita, affrontarne i rischi bene armati, liberandoli dai pesi, non solo finanziari, che abbiamo irresponsabilmente cumulato sulle loro spalle. La vita non è sopravvivere, non è durare. Si parla di eroismo per l’azione di molti in questa tragedia. E allora, se non vogliamo trombettare retorica, si sappia che l’eroe è proprio colui per il quale la vita in sé non ha alcun valore, ma lo guadagna soltanto in funzione dei fini che persegue, di ciò che intende operare, della testimonianza o del servizio che con essa sa rendere.

9 replies

  1. Sempre in prima fila, il nostro “politico della domenica”. Grazie alla sua magnificenza, abbiamo scoperto che in America , se non hai il portafoglio gonfio di carte di credito, sei libero di cschiattare . Tutto l’articolo intriso di “verità” che solo grazie alla sua intelligenza noi overacci prendiamo coscienza . Non so se essere più disgustato da tale supponenza, o farmi una sonora risata

    Piace a 1 persona

    • Si, oggi ha scritto parecchie verità già note a tutti. Di solito fa penare i lettori lasciandoli sospesi e non rivelando le sue grandi verità, ricette, lui dice sempre il problema non è questo, il problema non è quello e non dice mai il problema, tipo “to be continued”.
      Quella poi del popolo che stanno convincendo che stare a casa è bello, che lavorare da casa è bello, che fare la mamma è superbello e bla bla bla è copiata pari pari dalla mitica Anna Lombroso.
      Ma Anna se lo mangia a colazione, a sinistra ovviamente!

      Piace a 1 persona

      • Paolapci @ 18:36
        Un’idea semplice:
        se stai a casa in certi giorni, se non fai assembramenti, se indossi la mascherina, se ti lavi le mani, MUOIONO meno persone e la pandemia si attenua.
        Se ti VACCINI finisce.
        Tutto il resto, comprese le alte opinioni di M.C. è futile.
        Saluti

        "Mi piace"

  2. Caro Pengue un grazie di quore per la pubblicazione di questo articolo
    e quello che lo precede,
    perché, per incanto, nel leggerli, sono stato pervaso da forte emozione per un mio vecchio ricordo che ho smarrito e non più ritrovato,
    una vecchia doppietta con i tappi di sughero!

    Piace a 1 persona

    • @unoerre
      Se non interpreto male ciò che hai scritto, la faccia e le parole del Sommo Filosofo
      della Politica ti hanno fatto scattare l’impulso ad impugnare una doppietta.
      Ma perché i tappi di sughero?
      Non sarebbero meglio dei bei pallettoni?😇

      "Mi piace"

  3. CONTRO L’INUTILE PESSIMISMO!- Viviana Vivarelli.

    Sono sempre stata una insegnante e in un certo senso lo sono ancora. Una insegnante ha davanti a sé un gruppo di allievi e vi assicuro che a volte alcuni di loro sono messi così male che si può cadere nella disperazione e pensare di non poterli aiutare. Ma una insegnante non si dispera mai. Sa che con la pazienza e con il tempo anche i casi più difficili possono migliorare. Io vedo attorno a me molto disinteresse politico, specie nelle donne, molta ignoranza, molta ingenuità, molta manipolazione di gente inconscia. Sento ripetere tanti luoghi comuni di tipo negativo e vedo che tanti in molti casi hanno smesso di sperare e non sanno più pensare bene. Ma nulla è impossibile. E lo abbiamo visto in alcuni Paesi africani che erano più indietro di noi e che sono stati risollevati da capi politici intelligenti e fiduciosi. Bisogna aver fede nel progresso, nel futuro, e anche in coloro che oggi si fanno ipnotizzare da falsi profeti o che sanno troppo poco per poter decidere bene.
    Un insegnante crede nell’opera pedagogica e ci mette tutto se stesso. Il resto verrà con l’aiuto della Provvidenza.
    Il nostro Paese ha passato periodi peggiori, si pensi solo al fascismo, e ne è venuto fuori. Verremo fuori anche noi dallo stato di inconsapevolezza e di ignoranza attuale! Io lo credo!
    Intanto cominciamo a cancellare dalla nostra mente tutti i pensieri negativi di sfiducia, di depressione, di impossibilità. Il primo passo sarà fatto e aiuteremo anche gli altri a riprendere la speranza. Un popolo che spera nel meglio lo realizzerà.
    I media intorno a noi ci bombardano di messaggi negativi per farci diventare deboli perché un popolo che si dà per sconfitto è più facile da governare. Ma tutti i grandi della storia hanno portato messaggi positivi e hanno vinto. Cominciamo da noi e proponiamoci da ora in avanti di aver fede e di illuminare la nostra mente e la nostra vita di idee nuove e di energie nuove.
    Abbandoniamo i luoghi comuni triti e ritriti, le frasi fatte, le negatività. E il più sarà fatto anche per tutto il nostro caro Paese!

    Nella vita si può avere speranza o disperazione. La speranza aiuta. La disperazione porta alla sconfitta prim’ancora di combattere.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...