Crisanti: “Mie parole sul vaccino di buon senso, su di me scatenato inferno mediatico”

Negli ultimi giorni hanno fatto molto discutere alcune dichiarazioni del professor Andrea Crisanti sul vaccino anti-Covid in arrivo. E oggi lo stesso Crisanti, professore Ordinario di Microbiologia e Direttore del Dipartimento di Medicina molecolare a Padova, ha voluto rispondere tramite una lettera al Corriere della Sera. “In una recente intervista a Focus life in risposta alla domanda se mi sarei vaccinato a gennaio ho affermato che non lo avrei fatto fino a che i dati di efficacia e sicurezza non fossero stati messi a disposizione sia della comunità scientifica sia delle autorità che ne regolano la distribuzione”, scrive Crisanti, parlando di un “concetto di buon senso” che non esprimeva alcun giudizio negativo sulla bontà del vaccino né metteva in discussione la validità della vaccinazione come il mezzo più efficace per prevenire la diffusione delle malattie trasmissibili. “La mia storia personale e scientifica ne è la testimonianza”, scrive Crisanti spiegando che le sue parole sono state ispirate dalla modalità con cui le aziende produttrici hanno comunicato i risultati raggiunti. “Noi tutti riponiamo in questi vaccini delle grandi aspettative; se le aziende in questione sono in possesso di informazioni che giustificano annunci che possono apparire rivolti in particolare ai mercati finanziari, devono essere rese pubbliche anche in considerazione del fatto che la ricerca è stata largamente finanziata con quattrini dei contribuenti”, continua. Quindi lo sfogo del professore: “A poche ore dalla mia intervista si è scatenato un inferno mediatico senza precedenti, illustri colleghi in coro hanno fatto a gara per censurare le mie parole definite irresponsabili. Secondo alcuni avrei addirittura messo in pericolo la sicurezza nazionale!”. “Tra gli indignati – scrive ancora Crisanti – si annoverano alcuni che durante l’estate ci hanno raccontato che le evidenze cliniche portavano a pensare che la crisi sanitaria fosse superata e che il virus fosse meno contagioso, e purtroppo possono avere inconsapevolmente incoraggiato comportamenti che hanno dato un contributo importante alla trasmissione del virus in quei mesi. Altri sono autorevoli membri del comitato tecnico scientifico a cui l’Italia si è affidata fiduciosa per prevenire una possibile seconda ondata, tutelare le attività commerciali, favorire la ripresa produttiva e garantire le attività didattiche. Lascio agli italiani e agli storici il giudizio sul loro operato”. Quindi Crisanti conclude: “Le speranze sono riposte nel vaccino come la pioggia per un popolo assetato nel deserto. Questo non giustifica la demonizzazione di chi possa avere dubbi, di chi chiede spiegazioni e di chi chiede trasparenza. Continuare su questa strada è il modo migliore per alimentari sospetti e fornire argomenti a chi si oppone all’uso dei vaccini”.

16 replies

  1. Gent.mo professore,
    sono perfettamente d’accordo con le sue parole sul vaccino : basta leggerle per quelle che sono , senza pregiudizi. Inoltre sono d’accordissimo sull’utilità del tracciamento, procedura che non si è mai nemmeno tentata ( a mio avviso ai vertici non sapevano da dove cominciare ed inoltre quasi tutti hanno un timore religioso nell’affrontare la supposta privacy : mio figlio che vive a Pechino mi dice che là è tutto tranquillo e nessuno ha paranoie di privacy). COMPLIMENTI. (E l’autotampone potrebbe servire , ma in un popolo di persone sincere ed oneste, oppure con ulteriori passaggi che garantiscano ufficialmente lo stato d salute della persona).
    Siamo arrivati a tal punto di barbarie ignorante che forse è meglio non rilasciare interviste ai mass media e invece scrivere solo sulle riviste scientifiche per addetti ai lavori .CORDIALMENTE
    arch. GIUSEPPE DEL ZOTTO . Udine

    "Mi piace"

    • Il tracciamento sarebbe servito assolutamente, ma all’inizio.
      Ora secondo me è letteralmente impossibile, vista la diffusione massiva su tutto il territorio.

      "Mi piace"

      • SUL TRACCIAMENTO . D’accordo che bisognava farlo subito dall’inizio, Però , sia pure con risultati parziali , si potrebbe fare , volendo , anche adesso, tenuto conto che la copertura diffusa del vaccino non sarà possibile prima della fine 2021 o del 2022. Dalle mie parti si dice “Alc al è alc e nuje al è nuje” Cioè sempre meglio qualcosa (che potrebbero essere alcune vite umane) , che niente. Io credo invece che da parte dei governanti ci si un timore religioso ad affrontare la questione dell’obbligatorietà e della prvacy, ormai tabu’ della nostra società iperindividualista, sospettosa rispetto all’altro, gelosissima di diritti che non ha conquistato, anarchica, ecc.. MI PIACEREBBE SAPERE CHE NE PENSA

        Piace a 1 persona

    • “Siamo arrivati a tal punto di barbarie ignorante che forse è meglio non rilasciare interviste ai mass media e invece scrivere solo sulle riviste scientifiche per addetti ai lavori…”: certo, eccome no! Così le porcate le vengono a sapere solo i soliti due, tre “raffinati”!

      "Mi piace"

    • Addenda. E da chi avrebbe ricevuto, inoltre, il Crisanti, le critiche più “autorevoli”, epperò invereconde: dalla barbarie ignorante, facilmente smentibile, o dagli ‘addetti ai lavori’ che in questa occasione (e in tutte quelle che gli si sono favorevolmente presentate), non hanno tentennato a servirsi di riviste un po’ meno scientifiche e un po’ meno specializzate, come lei consiglia di fare?

      "Mi piace"

  2. Io non ho ancora avuto il vaccino anti influenzale, che arriverà a giorni.
    Siamo a Dicembre.
    Invece si parla di inoculare su larga parte della popolazione un vaccino in fase sperimentale (sull’uomo solo da Agosto!) e che ha già dato moltissimi casi di eventi avversi moto gravi, bellamente messi sotto al tappeto.
    Questi vaccini, che hanno effetto sul sistema immunitario, possono averne anche di drammatici.
    Purtroppo, come dico sempre, finchè la ricerca medica (soprattutto dei vaccini!) è delegata ai privati e lo è anche l’accertamento delle criticità, non si può stare tranquilli. Tanto più se queste ditte ottengono l’esenzione da effetti dannosi.
    Ci vogliono anni e anni, per sviluppare un vaccino, quindi non si può obbligare la gente a partecipare, di fatto, alla sperimentazione.
    Invece, ho letto che il vecchio vaccino anti tubercolosi, sembrerebbe abbastanza efficace anche sul Covid e qualcuno attribuisce a questo il motivo per cui in alcuni Paesi africani la gente si ammala pochissimo di Covid. L’articolo è qui:
    https://www.jci.org/articles/view/145157

    Quindi, visto che un “vaccino” efficace (anche se non del tutto) c’è, quantomeno a ridurre gli effetti del Covid, perchè non prendersi il tempo necessario per analizzare bene gli effetti di quello sperimentale?
    Secondo voi, che il vaccino anti TBC sia efficace molto o poco, cosa verrà fuori dalla sperimentazione pagata dalle Big Pharma? Come mai viene sempre da pensare male? Forse perchè i soldi sono lo sterco del diavolo?

    "Mi piace"

  3. ” “A poche ore dalla mia intervista si è scatenato un inferno mediatico senza precedenti, illustri colleghi in coro hanno fatto a gara per censurare le mie parole definite irresponsabili. Secondo alcuni avrei addirittura messo in pericolo la sicurezza nazionale!” (cit.)”, per la serie: questa è la (vostra) Scienza, bellezza!

    ” “…Questo non giustifica LA DEMONIZZAZIONE DI CHI POSSA AVERE DUBBI, di chi chiede spiegazioni e di chi chiede trasparenza. Continuare su questa strada è il modo migliore per alimentari sospetti e FORNIRE ARGOMENTI A CHI SI OPPONE ALL’USO DEI VACCINI” (cit.)”: benvenuto nel club! A quanto pare, però, il Crisanti , nonostante quello che gli (o “li”?) sta accadendo, si ostina a non capire quali siano i reali ARGOMENTI di cui si avvalgono quelli che si oppongono all’uso dei vaccini: continuare su questa strada è il modo migliore non per alimentari sospetti, ma per confermare che i “negazionisti” brutti, sporchi e cattivi hanno ragione da vendere, caro Professore!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...