Massimo Fini: “Censuriamo i dati del terrore”

(Massimo Fini – massimofini.it) – Siamo in guerra, si dice, contro il Covid19. E’ proprio questo “stato di guerra” che ha reso possibile al Governo, peraltro condizionato fortemente nelle sue scelte non solo nel campo medico ma anche, indirettamente, economico, quindi in un area molto vasta,  da un gruppo di tecnici (Ma non si era sempre detto che un governo di tecnici o informato dai tecnici era il contrario della Democrazia? Mah) di calpestare una serie di diritti costituzionalmente garantiti a cominciare da quello della libera circolazione dei cittadini inserito nel titolo I, Rapporti civili (art. 16 Cost.). Uno scempio che dovrebbe far ululare o per lo meno guaire gli idolatri della Costituzione. Ma siamo in guerra, è vero, e quindi sono legittime misure emergenziali e anticostituzionali. Del resto anche nel Diritto romano, il padre di tutti i Diritti, era lecito sospendere le abituali garanzie repubblicane affidando tutto il potere a un Dictator, quale fu per esempio Quinto Fabio Massimo Cunctator che costrinse Annibale a una guerra, o per meglio dire a una non guerra, di logoramento. Ma il Dictator durava in carica un anno, qui invece non si sa bene quando finirà la dittatura politico-scientifica. Gli idolatri della Costituzione non si sono accorti peraltro che la Costituzione così come fu concepita e dettata dai nostri Padri fondatori non esiste più da tempo, sostituita da una “costituzione materiale” che si viene via via elaborando basandosi sui fatti nel loro incessante cambiare, fottendosene dei principi, così come scrive Giovanni Sartori sulla cui democraticità non è ammissibile avere dubbi (Democrazia e definizioni). Anche Norberto Bobbio che ha dedicato tutta la sua lunga vita allo studio della Democrazia, essendone un fervente partigiano, ammette che la Democrazia non è una democrazia, ma una poliarchia, cioè l’organizzazione di gruppi di potere di vario genere sui quali l’influenza dei cittadini è minima se non nulla. Un esempio di questa trasformazione della Costituzione propriamente detta in “costituzione materiale” e della Democrazia in poliarchia è dato dal potere assunto nel tempo dai partiti. Dei partiti si occupa un solo articolo della Costituzione, il 49, che così recita: ”Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”. E’ esperienza di tutti noi che i partiti partendo da questo unico articolo hanno debordato in quasi tutti gli altri 139, assumendo poteri fuorvianti in tutto il settore pubblico, ma anche in parte di quello privato. Senza l’appoggio di un partito, quale che sia, non si vive in Italia. Quello che era un diritto è diventato un obbligo. Non si tratta naturalmente di prendere una tessera, questo lo fanno solo gli sprovveduti, ma di dichiarare la propria fedeltà a un capo partito o a un sottocapo, così come in altri ambiti di quel potere “poliarchico” di cui parla Bobbio, a clan diversi, a lobby, a mafie di ogni genere, allo stesso modo in cui in epoca medievale il valvassore dichiarava la propria fedeltà al feudatario e costui al Re.

Siamo in guerra dunque. Ma allora dovrebbero valere anche le leggi di guerra e i diritti di guerra. Uno dei più importanti è il diritto alla censura. Per la verità il primo ad autocensurarsi dovrebbe essere proprio il governo politico-tecnico. Non si capisce che senso abbia dare ogni giorno l’elenco dei morti per Covid se non quello di terrorizzare una popolazione già terrorizzata. Lo stesso accadrebbe se si desse ogni giorno la lista dei morti per tumore che attualmente, in Italia, sono circa 180mila l’anno, cioè molti di più dei morti per Covid, anche se per completare questa macabra conta bisognerà aspettare Febbraio quando, almeno ufficialmente, iniziò la pandemia.

La censura dovrebbe colpire epidemiologi, infettivologi, virologi e altri specialisti, chiamiamoli così, che sostengono una linea diversa da quella del Governo o la mettono in dubbio, mandando così in ulteriore confusione i cittadini. In tempo di guerra questo si chiama “disfattismo” e i disfattisti finiscono dritto e di filato in gattabuia.

Finita che sarà la pandemia bisognerà poi mettere in conto i “danni collaterali” provocati non dal Covid ma dai vari lockdown che oltretutto basculando “stop and go” sono particolarmente stressanti per tutti, sia dal punto della tenuta nervosa delle persone che economico. Molte persone sono cadute in uno stato di depressione che, com’è noto, abbassa le difese immunitarie e apre la strada non solo al Covid ma ad altre malattie ben più pericolose. C’è poi un’indagine dell’Iss, Istituto superiore della sanità, che ha rilevato l’aumento di un terzo nell’uso di psicofarmaci, di alcolismo, di droghe leggere e pesanti. E se per questo uso, o abuso, di stimolanti qualcuno ci lascerà la pelle, anche questi morti andranno messi in conto ai lockdown. Agli anziani è stato in pratica interdetto l’avvicinamento di qualsiasi persona, è stata cioè loro imposta una particolare solitudine sociale e la solitudine, anche questo è noto, uccide più del fumo, inoltre essendo stata proibita a questi soggetti ogni attività motoria che non sia un angoscioso giro del palazzo, poiché il moto è decisivo per la salute degli anziani, anche le morti di costoro dovranno essere messe in conto ai lockdown. Ci sono infine persone che soffrono di patologie ben più gravi del Covid19 che in questo periodo e nei mesi a venire non sono e non potranno essere curate adeguatamente. E anche questi morti dovranno essere messi in conto ai lockdown.

I morti per Covid in Italia sono, per ora, 45mila, cioè lo 0,075% della popolazione italiana. Stroncare le strutture nervose, sociali ed economiche di un Paese per una percentuale di morti quasi irrilevante a me sembra irrazionale. Ma naturalmente anche questa è un’opinione che potrebbe cadere sotto la mannaia della censura.

Massimo Fini

Il Fatto Quotidiano, 18 novembre 2020

16 replies

  1. L’indagine sull’ aumento del consumo di droghe l’hanno condotta presso i trafficanti? Hanno chiesto quante pasticche di estasy essi NON hanno venduto presso le discoteche chiuse? Quanti quintali di polverina bianca hanno nei depositi clandestini che, a causa delle chiusure, dei coprifuoco notturni, dei maggiori controlli non hanno potuto spacciare? Hanno fatto un’inchiesta sui “finanzieri organizzati” che gestiscono i capitali provenienti della malavita e che sono senza lavoro? Nel 2018 (dati Istat) sono decedute 636.000 persone. A questa media di AGGIUNGONO i 45.000 di Covid. Se per i 3.719 morti in incidenti sulle strade (dati Istat 2019) si fanno campagne di educazione stradale, non mi sembra strano che per 12 volte di più di decessi ci sia tanto allarme.
    Infine, il sig. Fini è libero di “schiattare” come preferisce ( di fumo, di alcool, di covid ) ma non venga a seccare con la sua voglia di pseudo libertà ( in realtà l’arbitrio di chi vuole farsi i cxxi propri alla faccia di tutto e tutti) chi vuole sopravvivergli, non foss’altro che un giorno.

    Piace a 3 people

  2. fare percentuali tra famiglie non coerenti è sbagliato.
    tanto valeva rapportare in numero dei morti italiani e della popolazione mondiale.
    la percentuale risultante era ancora più piccola, per la soddisfazione
    degli ignoranti in merito.
    scriva di donne, le riesce sicuramente meglio.
    e poi è un bel distratto, non s’è accorto che quello che succede qui,
    succede in ogni tipo di regime?
    quindi o è un provocatore per click -o stipendio, non fa differenza-
    (mi mancava questo tipo di personaggio)
    o è, ad essere magnanimo, un bislacco.
    oltre 700 al giorno, per due giorni di fila, per uno con l’età di Fini (entrambi i Fini, direi),
    e, a vederlo nelle foto, con il suo stato di salute -penalizzante ai fini del decorso medico-,
    è un totale da tenere ben a mente quando si scrivono corbellerie.
    a meno che lui non si senta di far parte degli eletti -per fama- che, grazie
    ad entrature negli ambienti che contano, ha diritto a sfangarla con poco.

    Piace a 2 people

  3. Invito tutti alla lettura di questa estrapolazione di agghiacciante articolo.

    «La voce correva da mesi nell’ambiente medico francese… un sanitario dice: “Hanno osato chiederci di fare la puntura ai nostri pazienti per farli partire più presto”. E’ avvenuto nelle case di riposo per non autosufficienti (… da noi RSA). E lo conferma sul canale France 3 la trasmissione del 18 novembre alle 21:05 l’indagine “Covid-19: cosa sta realmente succedendo nelle case di cura?” … il cui argomento … risulta essere il famigerato “Decreto Rivotril”.

    Il Rivotril in forma iniettabile è letale per i pazienti in insufficienza respiratoria. Il governo ha autorizzato l’uso del RIvotril, … con la motivazione che mancava lo Hypnovel, che era necessario per le cure palliative di fine vita…

    “Quando abbiamo ricevuto queste direttive, siamo rimasti sbigottiti, dice Sandra Rotureau, dirigente sanitaria…“ ci viene chiesto di eseguire l’eutanasia passiva con i nostri residenti “. […]Si noti il fraseggio. “Eutanasia” è quando il paziente chiese di essere aiutato a morire, in modo attivo. “̲E̲u̲t̲a̲n̲a̲s̲i̲a̲ ̲p̲a̲s̲s̲i̲v̲a̲”̲ ̲n̲o̲n̲ ̲e̲s̲i̲s̲t̲e̲.̲ ̲S̲i̲ ̲c̲h̲i̲a̲m̲a̲ ̲o̲m̲i̲c̲i̲d̲i̲o̲.

    .. un’altra … dottoressa … col volto coperto, confessa “una sensazione di orrore”. “Non mi è permesso di prescrivere qualcosa che curerebbe le persone [a̲l̲l̲u̲d̲e̲ ̲a̲l̲l̲a̲ ̲i̲d̲r̲o̲s̲s̲i̲c̲l̲o̲r̲o̲c̲h̲i̲n̲a̲] … ma mi è consentito “di farle andare via … in dolcezza”.

    … hanno fatto in modo che fossero le infermiere iniettare la micidiale siringa, caricandole così di un senso di colpa che non avrebbe dovuto pesare su loro. Risulta da un’udienza della commissione d’inchiesta dell’Assemblea Nazionale .

    Bassezza e viltà. … omertà dei media mentre i numeri dei decessi nelle case di riposo assistite aumentavano … ma tacciono che sul certificato di morte hanno potuto scrivere “causa del decesso: Covid” senza alcuna prova o test”, mandando anche gli eutanasizzati passivi a rimpolpare il numero dei morti per Covid {vi ricordate la lettura del “protocollo Covid salme? Ecco, quello}.

    Gérard Maudrux, chirurgo urologo, a raccconta … come terapia unica consigliata dalle autorità: “Paracetamolo. L’uso di antibiotici espressamente sconsigliato {avete presente le linee guida appena inviate ai medici di base? Ecco, quelle}… Poi … il dottore scopre su un journal australiano gli effetti dell’Ivermectina (u̲n̲ ̲a̲n̲t̲i̲-̲e̲l̲m̲i̲n̲t̲i̲c̲o̲!̲) … i risultati a 48 ore sono sbalorditivi , la scomparsa dei segni clinici per tutti. Troppo felice di condividere questi risultati credo di star facendo un favore, ne parlo, il che mi è valso severe critiche da parte dei colleghi e di un farmacista. E l’avvertimento dell’Ordine”…

    E cita “i colleghi di StopCovid19, che hanno raccolto più di 700 casi trattati [con clorochina e antibiotico] e c̲h̲e̲ ̲n̲o̲n̲ ̲p̲u̲b̲b̲l̲i̲c̲a̲n̲o̲ ̲a̲ ̲c̲a̲u̲s̲a̲ ̲d̲e̲l̲l̲e̲ ̲m̲i̲n̲a̲c̲c̲e̲ ̲r̲i̲c̲e̲v̲u̲t̲e̲ {e poi vi fanno credere che sia tutto per la vostra salute!}.

    Un altro medico parla di M̲o̲r̲t̲e̲ ̲s̲u̲ ̲P̲r̲e̲s̲c̲r̲i̲z̲i̲o̲n̲e̲ … “Oggi, il virus ha le spalle larghe per addossargli atti ingiustificabili e … per instaurare una dittatura che i nostri plutocrati invocano da anni”; e esibisce il numero di fiale di Rivotril (“rimborsato dal servizio sanitario”, precisa) enormemente aumentato durante la “pandemia”, e in relazione diretta con la super-mortalità nelle case di riposo in quelle settimane” {ci sarebbe da indagare… se avessimo una Magistratura anzichè una Palamara).

    … paracetamolo come unica terapia “consigliata” dai comitati tecnico-scientifici, minacce a medici che scoprono i rimedi efficaci, divieto dell’idrossiclorochina {….mmmh…🤔 }. E invece Rivotril in fiale per l’iniezione letale. E’ impressionante scoprire che le direttive sono identiche in Italia come in Francia {… ecco cos’era!}.

    … ci è stato insegnato da 50 anni a considerare come il male assoluto: l’attitudine genocida del Nazismo, l’eutanasia delle bocche inutili … l’iniezione letale per decreto… Decenni di lezioni scolastiche mopralistiche, documentari sulla Shoah, giornate della memoria ossessivamente ripetute, visite delle scolaresche ad Auschwitz, inviti alla vigilanza: attenti che non torni il Nazismo! Vegliate! Eccolo qua, e i telegiornali chiamano “negazionisti” le folle che in tutta Eruopa si ribellano alla schiavitù e a questa indivcibile barbarie, manifestando e scontrandosi con la loro polizia.
    Hitler sembra un piccolo impresario, al confronto»
    (Sito Maurizio Blondet)

    Piace a 1 persona

    • Bella fonte… Maurizio Blondet. Meno credibile dei fratelli Grimm quando scrivevano favole.
      Ecco cosa dice Wikipedia di lui:

      Autore e conferenziere di ispirazione cattolica tradizionalista, è stato inviato speciale per Oggi, il Giornale, Avvenire, e ha scritto successivamente anche su La Padania. Ha diretto, insieme a Siro Mazza, la rivista trimestrale di studi cattolici Certamen. Fino a giugno 2015 è stato anche direttore della testata giornalistica online Effedieffe.com, edita da Effedieffe Edizioni e fondata da Fabio De Fina, dove ha pubblicato diversi articoli contro i “giudeo-sionisti”, che accusa di omicidio rituale, traffico di organi, complotti giudaico massonici e pedofilia. Nei suoi libri e articoli Blondet insiste sul coinvolgimento occulto di lobby militari-industriali, petrolifere, politiche e ebraiche nell’organizzazione di cospirazioni e attentati, come quello dell’11 settembre, a cui ha dedicato diversi libri.

      La maggior parte dei suoi scritti tratta diffusamente di presunti poteri occulti e oligarchici.

      Inqualificabile

      Piace a 1 persona

  4. 7 morti ogni 10000 abitanti per covid sono il risultato di tutte quelle misure ristrettive prese dal governo e che Fini critica. Senza quelle misure sarebbero stati molti molti di più. Avremmo assistito a scene raccapriccianti con gli ospedali abbandonati dai pochi medici e infermieri rimasti in vita, i morti per strada o nelle abitazioni e nessuno disposto a inumarli per paura d’infettarsi ecc…Cose già successe nei secoli passati, altro che terrore dei dati giornalieri forniti in tv.

    Piace a 2 people

    • A Cesare :finalmente un commento che mette in luce dove il ragionamento di Fini barcolla e si sfascia. D’evidente che se i morti sono stati “solo” 45.000 si deve alle misure precauzionali adottate e in buona parte rispettate dagli Italiani. SEnza quelle misure e quell’atteggiamento responsabile, quanti morti dovremmo contare, 100.000? 200.000? 500.000? Dove sta la soglia accettabile per Massimo Fini per continuare come se niente fosse? Anche se sostengo che la popolazione mondiale dovrebbe ridursi alla metà ( e accetterei di entrare nella tombola ) trovo inammissibile che per evitare lo stress e i problemi, per quanto gravi, dell’economia pubblica e privata si finga di ignorare (o non ci ha pensato) che sarebbe stata una decimazione

      Piace a 2 people

  5. Dice “una popolazione già terrorizzata”. Di che paese parla? Non mi sembrano terrorizzate quelle persone che trovano ogni scusa per uscire, quelle che fanno feste di nascosto, quelle che hanno bisogno di leggi e multe per evitare assembramenti e incontri non strettamente necessari.
    Una persona terrorizzata se ne sta a casa senza bisogno che glielo impongano.
    Ancora una volta Massimo Fini ha pisciato fuori dal vasino, ma a lui piace mostrarsi cinico e controcorrente. Sembra uno di quelli adolescenti che per sentirsi importante deve essere “contro a prescindere”.

    Piace a 2 people

    • «…Ma forse ce lo può spiegare ampiamente un articolo del settembre scorso scritto da Mike Yeadon , ex Vicepresidente e Chief Science Officer di Pfizer, e da altri noti scienziati:“ Stiamo basando la politica di limitazione dei diritti fondamentali, presumibilmente su dati e ipotesi completamente sbagliati sul coronavirus. Se non fosse per i risultati dei test che vengono costantemente riportati dai media, la pandemia sarebbe finita perché non è successo davvero nulla. Certo, ci sono alcuni gravi casi individuali di malattia, ma ce ne sono anche in ogni epidemia di influenza. Ci sono almeno quattro coronavirus che sono endemici e causano alcuni dei comuni raffreddori che sperimentiamo, specialmente in inverno. Hanno tutti una sorprendente somiglianza di sequenza con il Sars cov 2 e, poiché il sistema immunitario umano riconosce la somiglianza con il virus scoperto di recente, un’immunità dei linfociti T esiste da tempo a questo riguardo.”.»

      Piace a 1 persona

  6. É meglio che Fini prima di scrivere articoli di estrema assurdità passi dalle terapie intensive o chieda lumi al suo collega Massimo Giannini. Forse capirà anche se ne dubito.

    Piace a 3 people

  7. Dopo aver letto questo lungo sproloquio, spero dovuto ai fumi dell’alcol, mi sento di augurare caldamente a questo elemento e ad altri LIMITROFI di ammalarsi quanto prima in modo MOLTO SINNTOMATICO, tanto è una sciocchezza che fa un numero irrisorio di morti.
    Auspico inoltre che, dopo aver rifiutato COERENTEMENTE le cure, si ritrovino a dover scongiurare con gli occhi di essere accompagnati alla morte mentre soffocano, ma di trovare uno come loro, privo del minimo senso di pietà.

    Detto da una persona (piuttosto bruja, quindi occhio) che si autoquarantena, senza essere neanche terrorizzata e che non approva affatto l’eutanasia, ma molto il senso di umanità.

    "Mi piace"

    • L’alto senso di umanità abbinato alla microcefalia, produce quanto sopra si può leggere: un po’ di fastidio a pensare che soldi miei vadano in un fondo perduto per curare questa ‘elementa’ e ad altri LIMITROFI, lo si prova inequivocabilmente…

      "Mi piace"

  8. È costume dei veri microcefali usare termini medici per insultare le persone, da veri razzisti inconsapevoli, quindi senza remora alcuna. Non sanno che la “lunga mano di Dio” (cit. Peanuts) rimanda indietro la malvagità, anche per mano di bruje che sanno concentrare il principio di attrazione. Quello che dici avrai, quello a cui non credi, crederai. (cit. mia)

    "Mi piace"

  9. OooohHHhhhh🧙🦇🦇🦇🦉🦉🦉🦉
    Che cosa gli vuoi fare, a certi elementi poco muniti, poverini. Alla fine la butti in ridere, vista la pochezza, accompagnata dalla convinzione, che li contraddistingue.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.