Massimo Cacciari: “I dati del coronavirus diffusi in modo che la gente non capisca”

Massimo Cacciari come un fiume in piena. A Un Giorno da Pecora l’ex sindaco ha colpito duro contro il governo: “La seconda ondata era prevista, bisognava essere preparati: si è fatto un terzo di quello che si era promesso, i numeri sono quelli. Dal governo bisogna esigere un’indicazione precisa sul Dopoguerra”. Nel mirino del filosofo quello che è a tutti gli effetti un lockdown: “A Milano è tutto chiuso, è una tristezza infinita. Tutti intristiti, metà disperati – ammette ai microfoni del programma di Rai Radio 1 condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro -. La situazione si fa davvero tragica, soprattutto nella prospettiva di non poter riaprire nulla nemmeno a Natale. Può darsi che il governo pensi di salvaguardare il Natale, ma dipenderà dall’andamento dei contagi e dall’insufficienza delle terapie intensive e dal numero di medici”.

E proprio su questi Cacciari nutre qualche dubbio: “I dati vengono diffusi in modo che la gente non capisca. I contagiati aumentano perché si fanno molti più tamponi di prima, la contagiosità del virus è molto alta. Sembrerebbe che la morbosità sia inferiore e meno grave, così come la mortalità”. In sostanza Cacciari rivendica la necessità di affrontare la situazione in maniera meno drammatica.

12 replies

  1. In sostanza Cacciari ha perso un’altra ottima occasione per stare zitto.
    Se poi parla di “gente che non capisce”, parli per sé stesso: se siamo nella merda non è
    colpa né del governo né dell’opposizione né dei dati che lui non capisce: è colpa di un
    piccolo virus che sta mandando rapidamente a puttane un mondo che già ci era avviato
    per conto suo.

    Piace a 2 people

  2. Spero che chi non ha capito i numeri non legga quest’articolo, perché capirebbe ancora meno.
    E lui dovrebbe tacere perché non c’è la minima logica in quello che dice, quindi in quello che pensa.
    Brutta cosa proiettare le proprie carenze sugli altri.

    "Mi piace"

  3. Perché non si trasferisce a Londra? Oppure a Parigi o perché no a Madrid no no forse e meglio Vienna.oppure meglio di tutte se ne va afarr in culo

    "Mi piace"

    • Avendo avuto modo di scambiare qualche parola con Cacciari, confermo che sia insopportabile. E mi fermo qua, per non scendere al suo livello.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.