Rimpasto uguale disastro

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Ci vuole la verifica! Certo che ha ragione il capogruppo del Pd in Senato, Andrea Marcucci, intendendo però che va verificato cosa ci fa nei dem quello che piuttosto sembra un infiltrato di Renzi. Dopo aver fatto carriera parlamentare come fedelissimo dell’ex premier di Rignano, Marcucci a sorpresa aveva rinunciato ad unirsi alla sparuta pattuglia di Italia Viva, ottenendo in cambio da Zingaretti di restare nell’attuale ruolo strategico a Palazzo Madama.

Posizione mantenuta coerentemente col segretario del partito fino a ieri, quando intervenendo come capogruppo ha deciso di fare di testa sua, aprendo quasi una crisi di governo. Il senatore del secondo partito più rilevante della maggioranza – che quando c’è da dividere poltrone eccome se fa sentire il suo peso – ha messo in dubbio la capacità del Governo stesso e di alcuni dei suoi ministri in particolare, senza tirare fuori dal mazzo quelli propri, e così spianando la strada quanto meno a una giostra di poltrone.

Ora non siamo verginelle e in politica non c’è da scandalizzarsi per chi insegue sempre più potere, ma parlare di rimpasto nel mezzo di una pandemia assomiglia a voler fare un party mentre la casa brucia. Un segnale orribile e assurdo, di cui nessuno sente il bisogno, tranne i diretti beneficiari – o aspiranti tali – che si agitano nelle fila renziane, spesso in combutta con le opposizioni, dove non pare vero di mettere ancora più in difficoltà Conte. E pazienza se in piena emergenza a pagare il prezzo di un’eventuale crisi sarebbero i cittadini. Chi pensa prima di tutto alle poltrone non può pensare anche a loro.

13 replies

  1. Per cinque minuti di notorietà certi elementi farebbero di tutto, fatto sta che oggi se ne parlerà molto di questo parlamentare.. che impuniti certi personaggi!! Gliene frega molto di fomentare ulteriormente questa situazione così delicata e complicata.. a loro basta aprire bocca e far uscire le loro idee malsane, chissenefrega di complicare quello che è già complicato come non mai!! E noi li paghiamo questi esseri vuoti nell’anima ed egoisti all’ennesima potenza!!!

    Piace a 3 people

    • Marcucci è uno dei pupazzi lasciati da Renzi come spie e cani da riporto… e ad intorbidire le acque.
      È un’infezione cronica per cui non si trova la cura.
      Per il vaccino dobbiamo aspettare il 2023…

      Ps. Secondo me Renzi vorrebbe a tutti i costi piazzare la Boschi. Se è al posto di una 5s, meglio, ma anche ad approfittare dei mal di pancia sulla De Micheli, non credo che avrebbe remore.
      Solo io lo vedo continuamente intento a coltivare questa, neanche tanto segreta, brama (oltre alle ben note altre… È uno che brama tanto.)?
      Mi chiedo: che cosa le deve e perché?

      Piace a 1 persona

  2. Non da ora il frottolo cerca di terremotare il governo. Lui ambisce a riempire quel vuoto che lascerà il papi. Quando da sindaco di Firenze andò ad Arcore a fargli la proposta, aveva già in mente un piano al quale non ha mai rinunciato, assetato di soldi, ambizione e potere. Nel PD sanno bene chi è marcuccino:Un lupo di quelli sempre con il pelo ritto, messo a guardia per riferire al suo padrone…Il PD deve disfarsi di quei parlamentari ambigui e masso-mafiosi che ha lasciato si infiltrassero anche a livello locale nel partito. Il boccone al quale ambiscono quelli è troppo goloso. Conte si è speso nelle trattative con la UE ed ha portato a casa tanta buona roba che ora Alì Babà e i 50(si fa per dire)ladroni vorrebbero spartirsi compreso il Mes, tanto paga pantalone come sempre. I media danno una buona mano a tutti i livelli, compresi alcuni giornalisti in RAI, vergognosi leccaculi.
    Purtroppo molti cittadini non hanno cultura politica e si fanno influenzare da chi grida più forte, Questo dopo tanti anni, si è dimostrato il governo che più ha pensato a loro, ma molti non riescono ad accorgersene anche perchè non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere.

    Piace a 6 people

  3. Squallido personaggio di cui ne faremmo volentieri a meno. Classico garfagnino scaltro e astuto specializzato nel fommentare dissapori a proprio vantaggio. Rinomato “ciocco” di stipa per alimentare il fuoco dell’opportunismo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.