Papeete voodoo

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Noi, per carità, non crediamo a certe cose. Infatti nel 2013 ci facemmo una grassa risata quando Calderoli, noto per essersi sposato con rito celtico davanti al druido, sostenne che il padre della Kyenge gli aveva fatto la macumba nel suo villaggio in Congo perché lui aveva simpaticamente paragonato la figlia ministra a un orango. La scena, mutatis mutandis viridibus, s’è ripetuta il mese scorso, quando Salvini di passaggio a Pontassieve è stato aggredito da una tizia di origini africane che gli ha strappato la camicia e il crocifisso urlandogli “Io ti maledico!” e l’autorevole il Giornale ha scritto che non era il gesto di una fuori di testa, ma un “rito voodoo di magia nera”. E noi di nuovo giù a ridere, anche perché la collezione di rosari sbaciucchiati e il filo diretto con la Madonna di Medjugorje ci parevano sufficienti a immunizzare il Cazzaro da simili diavolerie. Ora però stiamo riconsiderando la nostra posizione alla luce degli ultimi eventi.

È vero che da quell’8 agosto 2019 al Papeete non ne ha più azzeccata una. Voleva i pieni poteri e ha perso pure i semipieni. Voleva le elezioni subito e, se gli va bene, si vota nel 2023. Voleva l’arresto di Conte per i più fantasmagorici reati perché osa batterlo nei sondaggi e ora lo battono pure Zaia e Meloni. Voleva l’Emilia-Romagna per dare la spallata al governo e s’è lussato la spalla. Puntava tutto su Fontana, orgoglio e vanto del modello Lombardia, e sappiamo com’è finita. Seminava terrore sui migranti ed è arrivato il Covid che ne fa molto di più. E lui, a furia di chiudete tutto-aprite tutto, metto la mascherina-levo la mascherina, s’è un po’ sputtanato, anche perchè ogni suo comizio è un cluster. La grande occasione di riscatto erano le Regionali, quelle del “vinco 7 a zero e do la spallata a Conte”, con l’aggiunta del martirio al processo Gregoretti. Ma, nel rush finale, ha incontrato la strega di Pontassieve: sconfitta 3 a 4 e altra spalla lussata. Tant’è che, avendone solo due, per i ballottaggi comunali se n’è fatta prestare una da Siri: botte da orbi dal Sud a Lecco, Corsico, Legnano e Saronno. E al processo niente martirio: i pm han chiesto l’archiviazione, il gup sentirà come testimoni Conte, Di Maio, Toninelli e Trenta. Lui ha esultato come se fossero imputati. La Bongiorno voleva spiegargli la differenza, ma era sotto una lastra di marmo lì attaccata da 90 anni e venuta giù appena visto Salvini. Geniale anche lo slogan sulle t-shirt per i fan che dovevano accorrere a Catania in sua difesa, ma non sono venuti: “Processate anche noi”, subito adottato dai pm che gli stanno arrestando mezza Lega. Noi, per carità, non crediamo a certe cose. Ma delle tre l’una: o il voodoo esiste, o la Madonna di Medjogorje non esiste, o è incazzata nera.

16 replies

  1. Va bene che a volte noi Italiani ci facciamo incantare dai pifferai (e ne paghiamo seriamente le conseguenze), ma M T dovrebbe spiegarci perché dopo un anno di pesci in faccia (e 15 anni e più di fancazzismo) questo personaggio tra comico e sinistro prenderebbe ancor ora il voto di un italiano su quattro. Io ne sono terroríficamente ipnotizzato, come quando fissi un crotalo negli occhi

    Piace a 2 people

    • Perché?
      Se permetti provo a dirtelo io.
      Perché c’è molta gente di destra che non potrà mai votare a sinistra.
      E purtroppo la destra è rappresentata dal trio Salvini, Berlusconi, Meloni.
      La destra in Italia è criminogena ma lo è, seppur in misura minore, anche lo schieramento avverso.
      Essere di destra è legittimo almeno quanto lo è essere di sinistra.
      Eticamente parlando non si può nemmeno dire che le politiche di destra siano discutibili, mentre quelle di sinistra no.

      E’ per questo che non capisco chi ambisce a migliorare il proprio partito o movimento prescindendo dall’intero sistema. Un cittadino con senso civico dovrebbe auspicare che anche il movimento avverso migliori, se crede nella democrazia e nell’alternanza.

      E’ per questo che a me interessa più il “come” che il “cosa”. Perché definire bene la modalità di selezione della classe dirigente e delle idee da portare avanti (leggi un bel vaffanculo a Casaleggio Jr e al suo sistema verticistico e poco trasparente) determina la qualità delle cose che poi si faranno.

      La sinistra distrugge ad esempio gli artigiani? Vogliamo discutere del perché?
      La cosa curiosa è che neanche la DESTRA per loro (come per le piccole imprese) ha mai fatto nulla se non allentare le maglie dei controlli per consentire una maggiore evasione.

      Ma tasse e contributi sono assurdamente alti, perché non ridurli?
      Perché non aumentare il cuneo fiscale?

      Non sarà che tutti questi soldi servono per tenere in piedi non SERVIZI ma un sistema CLIENTELARE schifoso utile ai politici per comprare (coi soldi nostri) consenso?

      La mobilità sociale come vuole realizzarla la sinistra?
      Creando baracconi statali in cui infilarci i suoi raccomandati, quelli di pregio in posizioni apicali?
      Questo non è tutelare i più deboli, è tutelare i figli di puttana che non necessariamente coincidono coi primi.

      Non esiste nessuno che in Italia abbia realmente abbassato tasse e contributi.
      Una politica di sinistra dovrebbe essere proprio quella di agevolare le piccole imprese.

      Ce ne sarebbero di cose da dire, la discussione purtroppo a me sembra che prescinda sempre dai problemi concreti, la maggior parte di coloro che sembrano interessarsi di politica vive di slogan preconfezionati e segue il dibattito politico in base alle dichiarazioni giornaliere di questo o quel politico.
      Un chiacchiericcio inconcludente.

      Piace a 1 persona

    • Quindici anni? Fai pure ventisette (la prima volta fu eletto con Formentini). La spiegazione è semplice, vorrebbero essere come lui, però calma con i numeri. Un italiano su quattro fanno quindici milioni, mentre il Cazzaro Maximo, al suo picco, ha avuto all’attivo poco meno di sei milioni di voti, e la vedo dura che possa ritoccare il suo record personale.

      "Mi piace"

      • @Jonny Dio

        Conosco persone di destra che votano a destra turandosi entrambe le narici col Super Attak.
        Il problema è che molti votano destra nella speranza, purtroppo vana, che aumenti l’efficienza della PA, si riduca la spesa pubblica (in gran parte fatta di sprechi e non servizi) e finalmente si abbassi il carico delle trattenute che non sono solo le tasse.

        Votano a destra con lo stesso spirito con cui molti hanno votato 5S per il reddito di cittadinanza (sti cazzi di tutto il resto che neanche conoscono).

        Non saprei dire se è meglio un piccolo imprenditore che vota per poter lavorare o una persona che vota per poter vivere pur senza lavorare.

        Non sono contrario al RdC, almeno non in linea di principio.

        "Mi piace"

  2. MT lascia stare i Santi, stregoni, fattucchiere e sciamani che fanno aprte del trascendentale, qui abbiamo a che fare con l’insipienza di certe pratiche politiche e propagandistiche farlocche,
    in ultima analisi quando ci si crede invincibili comincia la caduta.
    Un osservatorio privilieggiato è il Quotidiano Unico, è da un pà di tempo che l’hanno mollato, ora piano piano con circospezione si stanno dirigendo verso la Fascio-Coatta (molto più pericolosa) e timidamente stanno provando a solleticare Zaia.
    Concentra le tue energie sulla Fascio-Coatta e lascia stare i consigli (non voluti) ai 5S.
    Buon lavoro

    "Mi piace"

  3. Però ha ragione, è da quando si è contagiato Briatore che si sente un’aria diversa. Giornaloni e politicanti di professione stanno prendendo di quelle mazzate che meritavano da tempo (aspettiamo qualche altro giorno, non è detto che Donaldo ce l’abbia già fatta col cocktail).
    Per scaramanzia non si dovrebbe dire, ma quella parola che inizia con la k sta dando soddisfazioni.

    "Mi piace"

  4. Prendi un sempliciotto, un facilone, che proprio in quanto inconsapevole dei propri limiti si presenta al prossimo come un genio, e proponilo continuamente in tv: questo basterà a insinuare nelle menti altrettanto deboli (e nella sua) che sia una persona importante e abbia qualcosa di sensato da dire. Il successo poi lo rinforzerà nella sua autoesaltazione.

    Non è difficile, funziona praticamente sempre.
    Il marketing è una scienza.
    Basta che ogni cazzata che dice passi in secondo piano, e ogni banalità venga osannata come se fosse una verità rivelata.

    Lo hanno fatto con un sacco di gente nel mondo dello spettacolo tv (conduttori, presentatori, attori, animatori di trasmissioni …) e nel mondo dello spettacolo politico (berlusconi l’esempio più eclatante, salvini l’ultimo, renzi il penultimo …).

    Ma non durano. Se non c’è sostanza la bolla mediatica presto si sgonfia, la moda passa, e resta solo un palloncino vuoto a terra, cui non resta che essere calpestato.

    Piace a 2 people

  5. MT è maestro indiscusso di Sarcasmo.
    Questa commistione tra voodoo, macumbe, rosari e madonne di Medjugorje si presta ottimamente
    a mettere l’accento sulla pochezza culturale di quell’ambiente, purtroppo assai diffuso, in cui il
    discrimine tra realtà e fantasia o non esiste del tutto o viene ignorato per convenienza.
    Brandire crocifissi, mezzelune, aquile imperiali, rosari o altri simboli identitari è, da sempre, il mezzo
    più efficace per chiamare a raccolta le menti deboli e poterle usare a proprio vantaggio per la
    conquista o il matenimento del potere.

    Piace a 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.