I penta-tafazzi

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Giuro che mi sto leggendo, per dovere professionale, tutte le cronache, le interviste, i retroscena, i sussurri e le grida che precedono i fatidici stati generali 5Stelle (e me la pagheranno). Ma confesso di continuare a non capire perché mai dovrebbero scindersi. Nella gara a chi spara l’immagine più autoflagellatoria – siamo come l’Udc; anzi, come l’Udeur; mannò, come la Costa Concordia; altro che scatoletta, noi siamo il tonno – manca qualcuno che trovi quello giusto: una via di mezzo tra Fantozzi e Tafazzi. Mi spiego: i 5Stelle, stando alle cronache, erano morti ancor prima di nascere. Eppure, dopo 11 anni, sono ancora lì. Le elezioni regionali, a causa delle liste civetta e del maggioritario secco, le perdevano anche quando vincevano le Politiche. Le Comunali le han vinte nelle città distrutte da destra&sinistra (Parma, Livorno, Roma, Torino). Le Politiche, grazie al proporzionale, le han vinte due volte su due: nel 2013 e nel ’18. La prima volta tutti gli altri si sono coalizzati contro di loro. La seconda l’ammucchiata non aveva i numeri e ha dovuto fare i conti con loro. Con la Lega è andata com’è andata. Col centrosinistra, fra alti e bassi, sta funzionando. In due anni e mezzo, i 5Stelle hanno sperimentato cosa vuol dire governare con Salvini (che li ha traditi ogni giorno per 14 mesi e poi una volta per tutte l’8 agosto 2019); e cosa vuol dire governare col Pd (che li rispetta e sta ai patti). Intanto, dall’una e dall’altra alleanza, han portato a casa un bel pezzo del loro programma: molto più di quanto abbiano ottenuto Lega e Pd. Eppure han perso consensi: ma sono più importanti la Spazzacorrotti, la Bloccaprescrizione, le manette agli evasori, il reddito di cittadinanza, il dl Dignità, il blocco delle trivelle, il taglio dei parlamentari e dei vitalizi, o qualche punto percentuale? Non era Grillo a dire che, esaurito il programma, il M5S si sarebbe estinto? Il programma è tutt’altro che esaurito: tutta la parte green, che 11 anni fa pareva la solita chimera del comico-utopista, irrisa e osteggiata da destra e sinistra, avrà dal Recovery Fund le risorse per diventare realtà.

Di questo dovrebbero parlare in vista del congresso, anziché guardarsi l’ombelico, spararsi sui piedi e ammorbarci con chissenefrega come Rousseau, i rapporti con Casaleggio, i 2 o 3 mandati. Di Battista dice che se passa l’alleanza organica col Pd, lui prende e se ne va (dove?). Ma il Pd non è più quello che prendeva ordini da Re Giorgio o dal Giglio Magico, governava con Monti, B., Alfano e Verdini, copiava le ricette di Confindustria e delle banche d’affari, tentava di scassare un terzo della Costituzione e affogava negli scandali.

Ha accettato Conte premier, votato il taglio dei parlamentari, ingoiato la bloccaprescrizione e il Rdc. È cambiato, anche grazie all’alleanza con i 5Stelle. Ed è naturale che siano cambiati anche loro. È vero, l’estate scorsa il Pd a trazione renziana pose il veto su Dibba ministro: ma lui aveva appena chiesto di “riaprire il tavolo con la Lega senza Salvini” (pura utopia: la Lega è Salvini) e si era reso inaffidabile. Peccato, perché al governo avrebbe conosciuto meglio gli ex nemici e fatto l’esperienza che ha condotto i suoi (ex?) amici Di Maio, Patuanelli, Bonafede&C. ad auspicare una prospettiva organica con questo centrosinistra: a Roma e – dove possibile – sui territori. Auspicio condiviso dagli iscritti, che hanno approvato la possibilità (non l’obbligo) di alleanze regionali e comunali. E dalla maggioranza degli elettori che, quando c’è una minaccia, come Borgonzoni in Emilia-Romagna, Fitto in Puglia e Ceccardi in Toscana, votano disgiuntamente o direttamente Pd turandosi il naso.

L’altra sera, in un bel duello con Scanzi e Sommi ad Accordi & Disaccordi, Di Battista dipingeva ancora il Pd come quello di Napolitano e dell’Innominabile. Ma poi ricordava che, potendo, sarebbe entrato nel governo col Pd e auspicava che il Conte-2 arrivi a fine legislatura. Precisava che i 5Stelle devono restare terza forza equidistante da destra e sinistra, ma poi ammetteva che con Salvini il discorso è chiuso. Perciò, come gli ho detto in pubblico e in privato, la minaccia di andarsene in caso di alleanza organica col Pd non ha senso. Perché quell’alleanza organica non è all’ordine del giorno: il Conte-2 è nato sul comune impegno per una legge elettorale proporzionale. E in quel sistema nessuno è obbligato a sposare nessuno: ciascuno esalta la propria identità per avere più voti e poi, in Parlamento, costruisce le alleanze. Se a capo del Pd tornasse un similrenzi, il M5S dovrebbe starne alla larga. Ma se rimane Zingaretti e quello della destra rimane Salvini, con chi deve allearsi il M5S lo dice lo stesso Di Battista, quando elogia il governo Conte e chiude le porte al Cazzaro. Il quale, se andasse al governo, cancellerebbe tutte le conquista targate 5Stelle sulla Giustizia e il Welfare. Senza dimenticare che, al governo con Salvini, i 5Stelle si sono dimezzati, mentre col centrosinistra l’emorragia s’è fermata e la nuova leadership potrebbe innescare una risalita. Che vuol fare Di Battista: continuare a fare il Tafazzi, segnalando giustamente gli errori ma tacendo i successi del M5S e contribuendo alla narrazione autoflagellatoria che piace tanto ai giornaloni per non contaminare le sue idee? O vuole riprendersi il posto che gli compete nel nuovo vertice collegiale per far contare le sue idee?

81 replies

  1. Dove Travaglio veda questo”rispetto “ del Pd verso i 5 stelle io non lo so, o che non sia più renziano atteso che i parlamentari li ha tutti scelti Renzi, uno per uno.Provocano ogni santo giorno , con questi accidenti di Mes ben sapendo come la pensano gli alleati, e solo perché vogliono arraffare (anche)quei soldi in quanto sono gli unici gestibili dalle regioni , in quanto la sanità è materia regionale .Zingaretti che dice che la Raggi è stata una catastrofe.Certo, una catastrofe per mafia capitale e per gli amici che vogliono affidamenti diretti senza gare di appalto .Questo vuole il Pd:incarichi agli amici e soldi .Del paese o di ciò che fa star meglio i cittadini non gliene frega nulla .
    Travaglio ha accuratamente omesso tutto ciò .
    A questo punto non so che pensare di lui.

    Piace a 4 people

    • Garibaldi e molti ” mazziniani” finirono per ritrovarsi sotto le bandiere ” moderate” di Cavour e del Regno di Sardegna pur di ottenere l’Italia Unita. Mazzini non ” mollò” mai il suo sogno di una repubblica nata dalla rivoluzione e dalla coscienza popolare. Chi aveva ragione: l’idealista che non si piegò a compromessi o il militare che riuscì a conseguire, in qualche modo, addirittura rinunciando alla sua città natale – Nizza – il suo ideale? La Storia ha oramai definito l’uno e l’altro, ma il problema oggi è lo stesso.

      Piace a 3 people

      • Garibaldi poteva anche farsi gli affaracci suoi !
        Non c’era un “ideale” in lui: si vendette alla massoneria e alla peggiore feccia inglese per saccheggiare il sud perché serviva mettere in comune la “cassa “ ,in quanto il Piemonte aveva debiti verso L Inghilterra, Mentre il regno delle due Sicilie aveva molto, molto molto di più in cassa, compreso L oro di Napoli . Altro che Italia unita!! Fu fatta per incendiare, stuprare, ammazzare torturare chi si opponesse a questo disegno scellerato .Il resto d Europa
        rimase senza fiato per la crudeltà e il MODO in cui fu conseguita questa presunta unità .Da qui il disprezzo che ci trasciniamo ancora oggi .
        Ma per favore!!!Non apriamo questo capitolo .

        Piace a 1 persona

      • La storia la scrivono i vincitori non i vinti.
        Capisco che convenga a molti liquidare come “neoborbonico” qualunque altra angolazione diversa da quella inculcata dai tempi dell asilo .
        Auguri anche a lei , soprattutto di leggere libri e opere di professori universitari, giornalisti e storici come Gianfranco Viesti , Marco Esposito, Lorenzo del Boca ( piemontese ma intellettualmente onesto ).
        Le si aprirà un mondo.

        "Mi piace"

      • I Borbone in confronto ai Savoia erano degli illuminati.Le ricordo solamente un dato nel momento dell’unità “d’Italia”il regno “SULLA SARDEGNA” aveva in Sardegna il 95%di analfabeti in Sardegna.Infattii piemontesi appena arraffato il sud chiusero le scuole per 10 anni.si informi.

        "Mi piace"

      • @paolodiamante Roma
        Non per intromettermi in una querelle tra te e Maristella, ma se si studiasse la Storia non sui libri di scuola, in cui
        diventa materia da plasmare a piacere come la plastilina, ma sui documenti e sugli studi seri, la narrazione del
        Risorgimento quale realizzazione del sogno di libertà e unità di un intero popolo mostrerebbe tutta la sua falsità.

        Il Regno di Sardegna (usato con cinismo dalla Francia in funzione antiasburgica) non solo aveva svuotato le sue
        casse per i costi abnormi delle campagne militari, ma aveva contratto ingentissimi debiti con la City londinese, in
        particolare con la Banca Rothschild.
        Non avendo la possibilità di ripagare nemmeno gli interessi sul debito, Cavour (Re Vittorio s’intendeva solo di caccia
        a lepri, fagiani e prosperose pulzelle) aderì al suggerimento della finanza massonica, che già allora governava l’Europa,
        di andarsi a prendere i quattrini là dove si trovavano: nella casse del Regno Borbonico.
        Ci avrebbero pensato loro a “convincere” il Gen. Landi e gli alti gradi della Marina borbonica a non mettersi in mezzo,
        non solo con generose “mazzette”, ma magari inviando anche qualche nave della flotta inglese a presidiare i porti
        di Napoli, Marsala e Palermo per evitare ripensamenti dell’ultimo minuto.
        Fu così che mille eroici patrioti, senza preparazione militare, senza cavalleria, senza artiglieria, con poche ed
        antiquate armi, partirono per compiere quella “mission impossible” che fu l’Impresa dei Mille.
        Magari proprio l’effettiva impossibilità di quell’impresa avrebbe dovuto indurre i destinatari della narrazione di quella
        epopea a domandarsi come era stato possibile che un avventuriero (guarda caso Maestro massone) alla guida di
        un così improbabile e scalcinato drappello di uomini fosse riuscito ad abbattere un Regno sconfiggendo il suo
        agguerrito ed addestrato esercito (non parliamo poi della Marina che non salpò mai dai porti).
        A quelle domande non risponde certo la storiografia ufficiale, ma ci sono disponibili un’infinità di studi che possono
        chiarire quale veramente fu il percorso storico del Risorgimento.

        Per cominciare, ammesso che tu ne abbia il tempo e la voglia, potresti cercare in rete nel sito scenarieconomici.it
        l’articolo dal titolo che è tutto un programma: “La City di Londra e l’Unità d’Italia: la Terra dei Rothschild.”
        Quello sarebbe solo un piccolo antipasto e ti sarebbe difficile accusare l’autore di essere “neoborbonico”.
        Tra le altre cose, andando a ficcare il naso nei fatti di casa nostra, ti può capitare, come è capitato a me, di imbatterti
        in un “filo rosso” che sembra cucire insieme i principali eventi politici e quelli economici e sociali avvenuti nel
        mondo occidentale negli ultimi due secoli e mezzo.
        Ti capiterà di apprendere con stupore che massoni di altissimo grado erano sia Benjamin Franklin che George Washington,
        Thomas Jefferson e John Adams, per citare solo i più noti e che il Marchese de La Fayette era il loro tramite con
        la massoneria francese che, in quegli stessi anni, stava impulsando la Rivoluzione in Francia.

        Ma non voglio guastarti il piacere della scoperta.
        La Storia, quella vera, non quel cumulo di fandonie che ci propinano per fotterci il cervello, è il vaccino più efficace
        contro la mistificazione della realtà.
        Per questo chi comanda, chiunque esso sia, si preoccupa di tenercela sempre accuratamente celata.

        Piace a 4 people

      • @pieroiula
        Egregio Piero, dedico sempre grande attenzione alle idee delle persone che ho imparato a stimare. Ho letto l’articolo di scenari economici.
        Poiché non desidero e non debbo cercare di convincere nessuno,mi limito a osservare che parto abitualmente, nelle mie riflessioni, dalla scienza ( storica, economica o nelle diverse materie tecniche). Essa, seguendo il metodo di Galileo, oppure i documenti e gli archivi ci offre una certa visione della realtà. Il compendio di queste conoscenze sono le Università e le varie Enciclopedie ( tipo Treccani) scritte da ricercatori / professori che rispettano il metodo descritto.
        Non è il caso qui di imbarcarsi in diatribe su cose di 160 anni fa: diciamo che mi limito a ritenere quanto più simile al vero ciò che affermano autori come I. Montanelli, Storia d’Italia, Rosario Romeo sulla biografia di Cavour, la Treccani.
        Per quanto riguarda i neoborbonici ti allego un link del professore di storia A. Barbero

        Sperando che tu la prenda per quel che è (una battuta di spirito) vorrei precisare che non è che ogni volta che si parla del Milione ( storia del viaggio in Oriente di Marco Polo) si debba specificare che è cosa diversa dal milione famoso del sig. Bonaventura!
        Un cordiale saluto

        "Mi piace"

      • Le consiglio di vedere/rivedere il bel film “Noi credevamo” sulla gloriosa unificazione che fu solo depredazione coloniale, non c’è bisogno di essere neoborbonici

        "Mi piace"

    • “Il PD vuole arraffare i soldi del mes inquanto sono gli unici gestibili dalle regioni” afferma Maristella.
      Visto che ormai di regioni ne amministra pochine,ne deduco che la sig.a, pensa che il PD sia un partito arraffone per conto terzi che per conto delle destre, un partito Tafazzi (esattamente come Diba) e la cosa non mi convince.
      Sig.a, un minimo di logica una teoria deve pur averla, altrimenti non la si può definire tale non le pare?

      "Mi piace"

    • Il Pd per molti aspetti è ancora il Pd di Renzi (perché i renziani sono sovra-rappresentati nel partito). Però il Pd ha accettato la riduzione del numero dei parlamentari che ha permesso di vincere in modo clamoroso il referendum e di far sì che una delle battaglie di bandiera dei 5 Stelle diventasse battaglia di tutto il paese contro la casta. E’ troppo, è poco? non lo so…però è un fatto importante! Pensate soltanto ai danni che hanno fatto le “sardine” col loro schierarsi col No e coi Benetton che stavano per trascinare non solo il Pd ma tutta la sinistra nella sconfitta! Forse non va bene chiamarla Alleanza organica; ma di sicuro questa “coalizione più o meno temporanea” o “più o meno duratura” tra Pd e M5S sta portando bene sia al Pd che ai 5 Stelle.

      Piace a 1 persona

    • Premesso che la dirigenza del pd (escluso Orlando) dovrebbe essere mandata nei reparti geriatrici a svuotare le “padelle” non è chiaro secondo quale principio il pd avrebbe dovuto dare la fiducia a Conte e ai 5 s stendendo il tappeto rosso, facendo suonare la fanfara e non avendo mai voce in capitolo, perché se no manca di rispetto ai 5s.
      Mi piacerebbe sapere di un solo atto del governo giallorosso che ha fatto dei 5s delle vittime sacrificali sull’altare degli arraffoni del pd.

      Piace a 1 persona

      • La composizione del governo! Col inistro più importante, quello dell’Economia Gualtieri ed il suo vice ministro entrambi PD. Il commissario che gestisce tutti gli appalti della sanità e della scuola, Arcuri. Il Ministro della salute Speranza di un ministero sottratto al medico Giulia Grillo, peraltro tutti dalemiani e queso è già un ORRORE solo a leggere un certo libro che vede D’Alema ed i dalemiani in tutti gli affari sporchi della sinistra (chiamiamola cosi’ volendo ridere). Poi la pretesa assurda che i 5 stelle non dovessero aver vocee nelle nomine come ADD di ENEL ed ENI due colossi dai bilanci di stati, i cui vertici sono rimasti al plurindagato renziano Descalzi e a Francesco Starace quello che alla Luiss dihiarò ch per indurre dipendenti a più miti consigli bisogna farli soffrire pubblicamente e reiteratamente-. Ai 5 stelle e al FATTO sono stati riservati i posti di Presidenti che notoriamente non contano nulla! E tutto ciò con un Movimento con il 322% di rappresentanza parlamentare ed un PD al 18%!!!

        Piace a 3 people

      • @paolapci
        Francamente non capisco il tuo atteggiamento ondivago nei confronti del PD.
        Senti ancora il Richiamo della Foresta?
        Guarda che è proprio il PD l’assassino del PCI… o non l’avevi ancora capito?
        Scrivi peste e corna del PD, com’è giusto che sia, e poi sembri risentirti se
        qualcuno li chiama col loro nome: arraffoni senza vergogna né pudore. Ciao!

        "Mi piace"

      • Pieroiula,
        scrivo peste e corna, perché non mi basta che uno sia iscritto al pd per difenderlo, atteggiamento che sembrano sposare molti grillini, non dico tu ma in genere (tipo, il medico Giulia Grillo, e quindi?). Poi io non mi risento affatto se uno critica un fatto, anzi. Qui però si dice che sono arraffoni perché sono del pd, che è leggermente populista, ma proprio un attimo.
        Se vogliamo parlare dell’incompetenza e della mancanza di spina dorsale, che ne so? Della De Micheli? Sono a disposizione. Se poi un grillino non è disposto a fare altrettanto e deve difendere a spada tratta il suo ministro va bene, ma che per farlo debba accendere il solito fiammifero per riscaldarsi, perché gli altri sono brutti e cattivi, lo trovo inutilmente autoassolutorio, a chi giova?

        Grazie per l’informazione sul PCI, ora si che mi hai chiarito le cose!

        "Mi piace"

  2. Egregio Direttore,
    Adoro il suo modo di scrivere, la sua ironia, la sua intelligenza. Ma:
    continua a vedere con gli occhiali “rosa” il PD e MAZinga > meno male che lo ha scritto tra parentesi che il PD li rispetta e sta ai patti…..
    A me non pare proprio sia così, il PD, innanzitutto, non ha rispetto per niente e nessuno che non siano gli interessi propri e di amici potenti e già danarosi, basti ricordare ciò che hanno fatto sinora nei confronti dei lavoratori e degli ultimi in generale. Pentimento e costrizione, questi sconosciuti.
    Io, mi dispiace, ma gli occhialini rosa non li ho.
    Per il resto, sono abbastanza d’accordo.
    Un saluto.

    Piace a 5 people

      • Anail,
        il sole può bruciare, mi proteggo.
        Al chiuso, non serve… per quanto che…
        Ho dato l’impressione di non voler vedere qualcosa che vedete tu ed altri?
        Spero che sia più grande la forza del MoVimento nell’educazione del PD. Ma…

        "Mi piace"

      • No, Antonia, non era inteso in quel senso.. Intendevo nel senso di ottimismo/pessimismo. Mi sembra che tu e molti altri qui, pur subendo il m5s continui attacchi a causa dei pregiudizi, non riusciate però a sganciarvi dai vostri.
        Io sono di sinistra. Il pd è stata un’operazione fatta a tavolino, che lasciava perplessi. Non perdono al m5s di aver rifiutato l’accordo con Bersani, che fin da allora vi aveva ben valutato, Un treno perso, non solo per noi e voi, ma per l’Italia, perché ha portato all’apparizione di Renzi e, poi, di Salvini.
        Ora il m5s si ritrova al governo con un PD ancora invaso, malato. Si può crescere insieme, guarire. Nessuno ha chiesto a nessuno di unirsi in matrimonio. Per carità.
        Proprio per la negativa esperienza del Pd, credo che a nessuno venga in mente di immaginarlo.
        E nessuno l’ha fatto.
        Di Battista è arrivato lancia in resta a sventolarvi davanti il vessillo del nemico… e tutti lì a testa bassa come tori davanti alla muleta. È una vecchia tattica, fantastica per esaltare gli animi… ma è molto pericoloso CREARE un problema per incitare alla lotta. Tutte energie dirottate da argomenti ben più seri, sprecate in inutili diatribe.
        Guardate le destre: sono come i ladroni di Pisa. Litigano tutto il giorno, ma la notte vanno a rubare insieme!
        Noi invece, idioti, magari ci accordiamo di giorno, poi ci dividiamo la notte delle elezioni! E anche al nostro interno…

        "Mi piace"

      • Liana, al governo con Bersani il 33% il 4 marzo ce lo scordavamo proprio, Renzi e compagnia cantante sono i vostri bubboni, ve li siete coltivati amorevolmente in casa,
        Ora , che al solo nominarli vi schifate, non è colpa dei 5 stelle.
        Quando Renzi prese il 40 e passa alle europee tu dov’eri?
        In piazza a festeggiare immagino, tu e quelli che gli occhiali non li mettono, per forza avete le fette di salame, gli occhiali che servono…
        Con una disinvoltura disarmante siete passati dalla Правда al New York Times, raccapricciante.

        "Mi piace"

  3. Il Pd non ha voluto un contratto chiaro di governo che significava: siamo diversi e vogliamo continuare a essere tali , pertanto ci impegniamo a conseguire una parte del rispettivo programma , e dopo la fine della legislatura ognuno per la sua strada.Anche perché avevano straperso le elezioni , e ducevamo baciare la terra per essere stati miracolati a tornare al governo senza merito.
    Invece no,il pd non ha MAI rispettato programmi , a partire da quello dell Ulivo di 280 pagine .Carta straccia , aria fritta; per cui anche nel 2019 non voleva impegni precisi : solo chiacchiere e fuffa per prender in giro la gente.
    Salvo poi -da ingordi-pretendere la metà dei ministri alla pari con i 5 stelle che avevano il doppio dei seggi .E vogliono anche togliere il posto alla Azzolina , è dall inizio che ci provano , perché la scuola è cosa loro !
    Trattano i grillini come i fratellini minori , perché nella loro capoccia i voti 5 stelle sono “loro”.Altro che rispetto .Travaglio ha toppato.

    Piace a 6 people

  4. Bellissimo articolo di cose che sapevamo già.
    Quello che non sappiamo è: alla fine della legislatura se ne vanno o trovano il modo di farci ingoiare anche l’abolizione del secondo mandato?
    Perché, da quello che non sta accadendo questo deduco.
    Già da ora ci dovrebbe essere un trambusto per i nuovi candidati che non vedo.
    A Di Battista tutto si può imputare, tranne di essere attaccato alla cadrega.

    Piace a 1 persona

    • Untu, io ero DA UN’ALTRA PARTE, quando Renzi ha vinto le Europee.
      Ci tengo a dire che lo ero già da tempo, proprio perché alla prima apparizione del bomba, lo ricordo come se fosse ora, lo catalogai come un “pacco”, con le testuali parole “profetiche”: “Questo che cosa c’entra con la sinistra? È il figlio segreto di Berlusconi! ”
      Non era ancora neanche sindaco di Firenze.
      (Ho un istinto infallibile per le menzogne, o anche solo per le forzature, colgo i secondi fini, perché mi viene naturale interpretare le espressioni facciali e la loro congruenza con quelle verbali. E questo istinto mi guida, ora anche mentre osservo Di Battista, che mio malgrado, per questo, e non solo, mi ha deluso.)
      Votai Bersani alle primarie e Civati, sempre CONTRO di lui.
      Dopodiché fuggii da un partito in cui mi trattenne, per pochi anni e turandomi il naso, solo la presenza di Bersani. Perché comunque, quando parlo di sinistra, non parlavo e non parlo di PD.

      Per quanto riguarda il vostro bellissimo 33% del 4marzo, che ho accolto con gioia (e questo la dice lunga su quanto vi ho sempre – già prima del famoso streaming– visto di sinistra), mi stupisce accorgermi che è QUELLO che ti preme e non i provvedimenti che avremmo potuto realizzare, insieme, fin dal 2013, contando fin da allora e arginando la crescita di quei BUBBONI, come li definisci tu, che purtroppo hanno infestato il paese!
      Capisco che tu possa essere fiero di aver realizzato tanti punti del programma, NONOSTANTE, non grazie al contratto con la lega.
      Ne sei così felice? Mi sembri nostalgico dell’abbraccio mortale che ha rischiato di cannibalizzarvi.. . e grazie a Dio Salvini si è suicidato al papeete, perché io vi vedevo andargli sempre più dietro, ovviamente costretti, da quel contratto, ad appoggiare anche i suoi provvedimenti per me fascisti.
      Vi ha denigrato e calpestato ogni giorno e non ve ne siete neanche accorti, forse perché lo faceva tramite tutti i media in cui, anche grazie a voi, è riuscito a mettere le zampe, oltre a quelli già di proprietà dei compari (quelli veri).
      E ora vi disperate per l’alleanza col PD? Mah.
      Appare Di Battista a fare solo casino, a dare il nome di “accordo strutturale” (oddio!!!), che chissà che cosa vi ha fatto credere, al semplice posizionamento sul polo progressista! Un problema che esiste solo per chi invece vorrebbe posizionarsi a destra e oltre..o dove, al centro con Renzi e Calenda?
      Come mai QUESTO STESSO problema Dibba non se l’è messo quando stavate con SALVINI? Si sente più affine ad un elemento con cui, tanto eravate distanti, avete dovuto fare un CONTRATTO? O forse era in altre faccende affacendato?Io correrei a leggere ciò che ha pubblicato Viviana, che certo non si può accusare di non essere una pura 5*!
      Lo è eccome, ma ha conservato la lucidità, la coerenza e RAGIONA!

      "Mi piace"

      • P. S.
        Mi riferisco agli ultimi 3 commenti di Viviana all’articolo di Roberta Labonia “Alessandro, buona la seconda”. (riporta anche commenti di altri, probabilmente tratti dal blog delle stelle)
        Li condivido in toto. 👍

        "Mi piace"

      • Di Battista non vuole far cadere il governo Conte e non vuole la scissione del M5S, vuole solo che sia chiara la differenza tra PD e Movimento. Non mi sembra questo gran traditore e non capisco il motivo per cui anche Viviana gli vada contro.

        "Mi piace"

  5. Travaglio hai toppato.Forse vuoi acquisire gli ex lettori dell’unità? Forse ti fanno gola visto che non hanno più manco Repubblica??Travaglio deve analizzare che i soldi del mes servono per i papponi che hanno devastato la sanità .Per la prima volta c’è la possibilità che dei soldi vengano usati per risanare il sud,strade ferrovie ospedali insomma non tutto per il nord.Mi dice Travaglio chi ha del sud il pd che vuole il bene della propria terra????Il pd è la legge piemontese che quando dopo l’unità d’Italia ad una donna violentata da un garibaldino piemontese,al quale per difendersi graffio’ il viso le furono le furono amputate le mani.(non al bersagliere ma alla donna)

    "Mi piace"

    • @Terribile
      Che poi qualcuno deve spiegare perché i soldi “ italiani” vanno tutti e solo al nord , mentre per avere qualcosina il sud deve aspettare i soldi europei .
      Sento Emiliano, Provenzano, Boccia, lo stesso Conte che con i soldi europei finalmente di faranno i LEP ! Ma…non devono farsi ripartendo con maggiore giustizia quelli italiani?
      O non c’è proprio speranza di una qualche equità per il sud??
      Al nord terzi quarti valichi , opere utili solo per le mazzette , e al sud nemmeno treni decenti!

      Piace a 1 persona

      • Abbiamo capito finalmente perché tutti sono contro 5 stelle???Conte pugliese,Di Maio campano vi è il rischio che qualcosa arrivi al sud e questo è lesa maestà del nord.Tutte le storie sono nascoste da questa verità che nessuno ha il coraggio di dire

        Piace a 1 persona

    • “Mi dice Travaglio chi ha del sud il pd che vuole il bene della propria terra?”
      Complimenti, siamo ancora a questi concezioni.

      E comunque, ti dice niente il nome di Giuseppe Provenzano, PD, MINISTRO PER IL SUD, nato a San Cataldo, provincia di Caltanissetta?
      Criticatissimo proprio per la sua misura speciale per il taglio del costo del lavoro al sud.

      Ti ricordo anche Boccia e Amendola.

      "Mi piace"

      • Sono tutti al servizio del nord altrimenti non li avrebbero fatti diventare ministri.Garantito al limone.È dimostrato quelli del sud che fanno carriera sono al servizio dei potentati dei partiti che sono tutti del nord e devono fare tutto ciò che deci dono quelli del nord pena la decadenza dimostrami il contrario se ne sei capace.Fammi un esempio di un politico del sud di qualsiasi partito che non abbia appoggiato leggi che favoriscono il nord.

        "Mi piace"

  6. Io continuo a non capire perché si dà tanta importanza a Di Battista. Ma chi è?
    Se non fosse per Il Fatto che gli ha pagato due lunghissime vacanze in cambio degli esilaranti “reportage” (in Iran fa caldo,e in Sudamerica la gente sorride sempre) probabilmente sarebbe ad ingrossare le fila dei percettori del rdc.
    Minaccia di uscire dal movimento? Sticazzi.
    Dopo un giorno nessuno se ne ricorderebbe più,se non per le sue ( vogliamo scommettere?) ospitate al veleno su rete4.
    Pensiamo a cose più serie,tipo governare un paese in condizioni idrogeologiche disperate,con una pandemia che si riaffaccia violentemente e una economia boccheggiante.
    Tutte cose sulle quali Di Battista temo non possa offrire alcun contributo sensato.

    Piace a 1 persona

  7. Ricordatevi, che la POLITICA necessita’ di due imprescindibili qualita’:le IDEE e il PRAGMATISMO, (cosa e come).Di alleanze,compromessi,chiamateli come volete, ci sara’ sempre piu’ BISOGNO. Il CMBIAMENTO CLIMATICO,con effetti visibili anche in questi tristi giorni,l’IMPORRANNO.La politica dovra’, come minimo avere una valenza CONTINENTALE Indicate VOi, per piacere ,la strada, il metodo per attuare una POLITICA EFFICACE. Rileggetevi piu’ attentamente l’articolo di M.Travaglio.Vedrete che sul tavolo qualcosa e’RIMASTO.L’alternativa e’ l’opposizione, scelta anch’essa legittima.

    "Mi piace"

    • D’accordo su tutto.
      Aggiungo che sì l’opposizione è una scelta legittima, ma ormai non puoi tornare all’opposizione con la stessa forza di prima, ormai non sei più totalmente duro e puro: quando il pd tornò all’opposizione e si lamentava del conflitto di interessi di B gli elettori si imbufalivano a ragione, perché non ci avete pensato quando governavate? Quante volte si sentiranno dire la stessa cosa? Poi se Dibba fonda un suo partito la storia è diversa, ma di nuovo, per fare cosa?

      Piace a 1 persona

  8. (che li rispetta e sta ai patti)?????AAAAAARRRRGGGGGGGGGGHHHH!!!!!!!!!!!!!!
    MA QUANDO MAI!!!!!!! con questa genete bisogna avere le mitande d’acciaio!!!!

    MT Ok quasi tutto vero, ma non chiamarla ALLEANZA ma ACCORDO, sono due cose assai diverse. Possibile che per alcuni siano sinonomi e non due parole con diverso significato e diverse conseguenze?
    cmq dopo averlo bastonato ammette che Di Battista è indispensabile e bacchetta le fazioni, MT è sulla via del rinsavimento.

    Piace a 1 persona

    • Ma MT davvero pensa che Di Battista si metta a fare una campagna per il m5s e spendersi per una non alleanza se non ci fosse una seria ipotesi di alleanza strutturale? Pensa pure che Di Battista non sa cosa accade nel m5s perche non più parlamentare?
      Poi aggiungo, se fosse vero come dice Travaglio che se nel pd e nel m5s si parli solo un’alleanza di governo e poi ognuno avanti con la sua identità, allora sta dicendo la stessa cosa di Di Battista….. ma a quel punto la domanda è: “perchè dovrebbe MT preoccuparsi se ADB pungola il m5s a mantenere e rinsaldare la sua identità?”

      Piace a 2 people

    • @anail per me parlare e contrastare fortemente “un alleanza organica e strutturale” del m5s con il pd non è propriamente parlare come del sesso degli angeli.
      Invece parlare di “accordi tra il pd e il m5s di programma di governo” non solo è cosa trita e ritrita m.anche accettata, su cui l’attuale “sistema” elettorale si basa e il m5s ha, turandosi il naso, ben attuato (giudicando dai risultati ottenuti sin qui, con la lega prima e con il pd poi).

      "Mi piace"

      • Ma se non fate che fare i distinguo tra alleanza, alleanza strutturale, accordo, contratto…. Non è una disquisizione sul sesso degli angeli? MIIIIIIIIIÌH che paaaalle.
        Tra l’altro questa cosiddetta “alleanza strutturale” che Dibba ha tirato fuori, pensata SOLO DA LUI (che non si capiva che cos’era, forse se l’è sognata la notte prima), altro non era-a suo dire-che il “far parte dello stesso polo progressista”. 😳
        No, ma qualcuno di voi mi può dire, per favore, dove avrebbe intenzione di posizionarsi il M5S?
        Anche in Europa, dico.
        Vuole stare coi sovranisti? Coi conservatori?
        Boh. Più progressista del M5S non so immaginare niente…(casomai sono gli altri a doversi chiedere se lo sono)
        Altrimenti sto sbagliando tutto, arrivederci e grazie!

        "Mi piace"

      • Anail mi stai simpatica 🙂
        …ma davvero pensi che Di Battista si metta a fare una campagna per il m5s e spendersi per una non-alleanza se non ci fosse una seria ipotesi di alleanza strutturale?
        Pensi pure te che Di Battista non sa cosa accade nel m5s perche non più parlamentare?
        Poi aggiungo, se fosse vero come dici te che nel pd e nel m5s si parli solo di un’alleanza di governo e poi ognuno avanti con la sua identità, allora è la stessa cosa che dice Di Battista….. ma a quel punto la domanda è: “perchè dovrebbe MT preoccuparsi se ADB pungola il m5s a mantenere e rinsaldare la sua identità ? Dov’è il problema?
        Come ho scritto prima per me il m5s deve posizionarsi sui suoi temi (che molti sono progressisti come dici) e portarli avanti anche tramite accordi politici con chiunque è disposto, sempre.

        Piace a 1 persona

  9. Marco Travaglio dice molte cose sensate. È sempre interessante leggerlo. Ma anch’io percepisco una miopia nel momento in cui parla di PD e Lega. Certo, il PD di adesso, sta “rivedendo” il suo approccio con gli alleati 5stelle, d’altronde lavorandoci insieme da un anno molte incomprensioni, spesso pregiudiziali, si sono attenuate. Però che il mondo PD ( ed alludo in particolare a quello intellettuale/giornalistico) guardi ai 5stelle con rispetto è una forzatura. Anzi da quelle parti, escludendo alcuni esponenti politici più propensi da sempre al confronto, vedi Franceschini, Emiliano, Boccia, c’è sempre stata ostilità e ditino alzato verso qualunque progetto od interprete 5stelle. Non è neanche vero ( e fa male Travaglio a farsi condizionare dall’avversione verso Salvini e la Lega) che Salvini non li ha mai rispettati e traditi ogni giorno. Anzi, per un lungo periodo, non solo votando il meglio dei programmi 5stelle ( tutto o quasi di quello fatto a marchio 5stelle è stato fatto con la Lega) ma con un clima da “amici 5stelle” Salvini sembrava avviato a staccarsi per sempre dal vecchio centrodestra e poter immaginare in un sistema proporzionale opzioni di accordo anche con loro. Certamente e furbamente in una posizione di maggiore forza, dato i sondaggi. I fatti hanno dimostrato che l’opportunismo è ancora il primo requisito della Lega. Ma lo è di tutti i Partiti, PD compreso. Che a differenza della Lega non ha altro campo di alleanze da stringere per vincere. Quindi che il PD rispetti i 5stelle è una supposizione, speranza di Travaglio, che non ha ancora alcun elemento, ripeto se non quello dell’opportunità occasionale, riscontri. Il PD smonterebbe, senza i 5stelle, quasi tutte le cose approvate da loro ( quando stavano con la Lega), come la Lega senza di loro farebbe altrettanto anche rimangiandosi ciò che hanno votato con loro. Ecco perché la terzieta’ deve rimanere un caposaldo. Ecco perché serve Di Battista che è quello che la garantirebbe di più.

    Piace a 3 people

    • Mi è piaciuto il ditino alzato ( e il labbro leggermente sdegnoso). Comunque, tornando seri, è vero che alcune delle conquiste civili più importanti il Movimento le ha ottenute con la Lega, che, come giustamente osservato, se tornasse al governo si affretterebbe ad annacquare. Quindi, bene con il Partito Disonesti, ma con ben fisso lo sguardo sugli obiettivi per cui hanno avuto il 33% dei voti, e mutande d’acciaio inox. Sempre

      Piace a 1 persona

    • Piaccia o no ma quello della formazione del Governo con la Lega, fu un periodo”epico” che non si ripeterà più purtroppo. Sia perché la Lega di Salvini era quella di uno che non lo si vedeva impastoiato nelle pratiche di potere non essendo mai stato al governo e avendo portato un partito che i papponi leghisti compresi i figli di Bossi avevano portato alla rovina e che lui aveva portato a percentuali impensabili. Quindi in qualche modo lo si accomunava ad un Movimento che col potere aveva avuto poco o nulla a che fare. Si basava quell’accordo su un accordo limpido sui programmi ciascuno per la sua parte e non a caso con loro i 5 stelle sono riusciti ad ottenere quei 4prvvedimenti identitari che semmai il PD mira a demolire ed è sommamente mistificatorio che Travaglio non riconosca a Salvini quetop successo ma riconosca a Zingaretti di non aver abolito quei provvedimenti! Il massimo della falsificazione insomma! Semmai l’errore fu di aver assegnato a Slvini il ministero dell’Interno che si è rivelato una piattaforma di lancio indiscutibile ed avergli lascito troppo spazio dalta la rappresentanza parlamentare come del resto sta facendo oggi col PD! Ed è comunque vero che dopo il tracollo delle europee il Movimento ne usci’ frastornato perché si attendeva un rtorno elettorale soprattutto dopo il reddito di cittadinanza e che allora come oggi tutto risultava bloccato come dice Salvini che peraltro si è rivelato un frescono fidandosi dellaa ssicurazioni d Zingaretti (un vecchio marpione PCI che viene dalla scuola delle Frattocchie del PCI educato alla logica amorale della doppia verità e doppia morale) che mai si sarebbe alleato coi 5 stelle e che si sarebbe andati alle elezioni…Credo ancora se nje penta di essersi fidato di un simile arnese!

      Piace a 4 people

  10. Va bene pubblicizzare l’alleanza, di cui non sono totalmente contro, ma perché insistere nel dire che il pd è cambiato?
    Il pd ha cambiato capi ma non ha cambiato né lo spirito, né gli obbiettivi.
    E l’idea di di Battista che Zingaretti voglia l’alleanza per indebolirli è la stessa della mia.
    Che Zingaretti sia un renziano che non risponde a renzi è palese

    Piace a 3 people

  11. “PD (che li rispetta e sta ai patti)” …

    Il film che si è fatto Travaglio sul pd non lo capisco. Ogni tanto si innamora di sepolcri imbiancati e una volta partito non torna mai più indietro (così come una volta che prende all’ingiù qualcuno, e ora tocca a Di Battista).
    Seguo il Fatto fin dall’inizio e mi ricordo quando gli piaceva fabiogranata o la puppato, personaggi squallidi che a lui sembravano puliti perchè per non so quale motivo restava alla superficie. Forse resta ipnotizzato da quelli che hanno una facciata di grande rigore morale e autorevolezza, e non va a vedere, come invece fa di solito, dietro la maschera … non so, e nemmeno è importante.

    Per me pd e lega sono due facce della stessa padella (medaglia è troppo).
    Con loro riesci a fare qualcosa loro malgrado, ma non molto. E’ come timonare una nave in tempesta con uno che intanto ti morde il polpaccio.
    Legarsi a loro significa affondare la nave.

    Il movimento si potrebbe scindere?
    Non la vivo come una tragedia.
    Credo che ora abbia due anime, quella che vorrebbe mantenere l’ago della bussola sui propri ideali, senza deroghe, e quella disposta a modificare la rotta per avvicinarcisi almeno un po’, e credo siano utili entrambe, che si compensino.
    Se non riusciranno a stare più insieme si divideranno, e una prenderà i voti dei rivoluzionari e l’altra quella dei riformisti.

    E poi magari si divideranno ancora, e ancora, finchè in parlamento non rimarranno che costole del M5S, e la casta (obsoleta) sarà sparita.
    Avremo allora un movimento con tendenze più a destra, uno centrista, uno più a sinistra … e ognuno voterà quello che gli piace di più, ma saranno tutti movimenti orientati a fare il bene della cittadinanza, e che non si vendono al potere, che basano la loro forza sulla libera informazione e non sulle manipolazioni dei media, che non hanno bisogno di grandi finanziamenti per fare politica, appoggiandosi alla rete che cercano il consenso sulla base dei programmi e non delle bugie.
    Stiamo andando verso la democrazia, il processo è già iniziato da una ventina d’anni.

    Io immagino questo.

    Piace a 1 persona

    • A Fabrizio. Bella utopia, voglia il cielo che tu abbia ragione. Sono d’accordo che , anche se avvenisse una scissione, non sarebbe una tragedia. Nei movimenti ivoluzionari è sempre accaduto , rivoluzione francese traGiacobini, Montagnardi, Girondini, rivoluzione russa tra LeninIsti e Trozkisti .. ma i personaggi attuali sono di ben altra levatura

      Piace a 1 persona

    • Peggio! Zingaretti è uno della vecchia guardia un burocrate da scuola delle Frattocchie del vechio PCI che da Togliatti predicava l’alleanza coi cattoli (che col compèrmesso storico e ela condivisione del potere conla DC è stato il vero cancro di questo paese, fenomenounicoal mondo in pesi dove esistono siteemi bipolari che si alternano alla gestione del paese. La gestione cinquantennale del ptere ha dato la convinzione vera di poter godere di assoluta impunità/immunità da parte di una mgistratura da sempreconnivente) e la doppia morle e la ddoppia verità. Il consigliori di Zingaretti è quel Bettini che ha espresso giudizi inaccettabili sulla Raggi e che s’è invetato le sindacature Rutelli e Veltroni i massimi responsabili del debito monstre di Roma ome cetificò il TG di Mentana! Altro che rispetto per i 5 stelle ma presa per i fondelli all’ennesima potenza per devitalizzrli pro domo loro!

      Piace a 3 people

  12. Ma MT davvero pensa che Di Battista si metta a fare una campagna per il m5s e spendersi per una non alleanza se non ci fosse una seria ipotesi di alleanza strutturale? Pensa pure che Di Battista non sa cosa accade nel m5s perche non più parlamentare?
    Poi aggiungo, se fosse vero come dice Travaglio che se nel pd e nel m5s si parli solo di un’alleanza di governo e poi ognuno avanti con la sua identità, allora sta dicendo la stessa cosa di Di Battista….. ma a quel punto la domanda è: “perchè dovrebbe MT preoccuparsi se ADB pungola il m5s a mantenere e rinsaldare la sua identità?”

    "Mi piace"

    • Ma di quale campagna PER il m5s stai parlando, Rob Erto? Forse volevi dire CONTRO.
      Ha fatto “campagna” (1 giorno?)per la Laricchia, punto, altra velleitaria come lui che sparava di avere, ad un sondaggio segreto, i numeri di Emiliano.
      Mi dispiace che siate in così tanti a credere CIECAMENTE in Di Battista, al punto da non valutare lui per quello che fa, ma le sue azioni valide in quanto PROVENIENTI da lui, oserei dire, SUA EMANAZIONE. E non c’è niente che vi smuova, come i fans!!
      Dici che Dibba pungola il m5s a fare quello che secondo noi già fa.
      Appunto. È una tecnica per far percepire un problema che NON SI PORREBBE se non lo si alimentasse.
      È come infilarsi tra due dialoganti e cominciare a dire a uno dei due: “Lui vorrebbe fregarti, MI RACCOMANDO, non farti fregare”
      Il secondo interviene a negare, il primo ribadisce che lui è attento e non è un idiota che aspettava i suoi consigli e così via… Creato un problema dal nulla.
      Lo SCOPO?
      ESSERE AL CENTRO DELL’ATTENZIONE, RECUPERARE UN RUOLO. INTORBIDIRE LE ACQUE e dare l’impressione di essere arrivato a risolvere i problemi!
      Una specie di sindrome di Munchausen per procura.
      Fai ammalare la vittima per poi correre a fingere di SALVARLA.
      ARRIVA L’EROE!!! EVVIVA L’EROE!!!!!

      "Mi piace"

  13. “… ha INGOIATO il bloccaprescrizione e il RdC…(cit.)” Forse non se n’è nemmeno reso conto, il buon Travaglio,
    ma in questa frase “dal sen fuggita” sta la zoppìa del suo argomentare.
    Se il PD ha dovuto INGOIARE due sacrosanti provvedimenti che, da soli, basterebbero a qualificare un’azione
    politica indicando qual’è la sua direzione di marcia, vuol dire che sia sulla Giustizia che sulle Politiche Sociali il PD
    non ha affatto mutato opinione e obbiettivi dopo l’infausta stagione renziana.
    “li rispetta e sta ai patti…(cit.)” Ohibò! Io francamente tutto questo rispetto e tutto questo stare ai patti mica l’ho visto.
    E’ inutile che Marco continui a sfrangerci i cabbasisi con i suoi ormai stucchevoli peana alla Santa Alleanza: siamo
    consapevoli, ancorché penta-tafazzi come ci definisce, che quella attuale è una convivenza dettata dalla reciproca
    convenienza e che mai si trasformerà in un matrimonio d’amore.
    Ma non s’è ancora stufato Travaglio di fare il paraninfo?
    Noi sì!

    "Mi piace"

    • pieroiula
      su una cosa, delle tante che ha detto Travaglio, i 5S dovrebbero riflettere, imparare dai VERDI tedeschi.
      Sono moderni, istruiti, inseriti nella società, internazionali ed europeisti convinti, hanno una visione di società inclusiva simile ai 5S e lavorano sul territorio nei comuni, nei laender e a livello nazionale e dopo un lungo periodo di crisi di identità, sono in piena ascesa.

      Piace a 1 persona

      • Magari Adriano, sarei il primo ultrafelice del sodalizio tra m5s e verdi.
        Ma realisticamente lo sapevi che sono proprio i Verdi europei che non vogliono il movimento 5 stelle?
        Uno si chiederebbe “e perché mai?!”.
        La risposta è perché in Italia non esiste (o quasi) il “Partito dei Verdi” in quanto il m5s ha catalizzato le tematiche “ambientaliste” e quindi il “voto verde” verso se stesso; tanto che in europa i Verdi Europei non hanno voluto i 14 europarlamentari del m5s nel loro gruppo, mi sembra di ricordare con la “motivazione” di Casaleggio e Rousseau…..

        "Mi piace"

      • Rob Erto
        lo so, è il “pregiudizio” iniziale poichè il MOV era MOOLTO critico con l’Unione Europea, per di più erano nello stesso gruppo di Farage, per non parlare del governo con la LEGA.
        Per di più che in Italia c’è un partito “ininfluente” chiamato Federazione dei Verdi erede del primo Lista Verde affigliato l’associazione verde internazionale Global Greens.
        A questo servono anche i delegati in Europa, riuscire a dialogare con gli altri gruppi, capirebbero che hanno molto in comune.

        In ogni caso facevo riferimento all’esperienza dei VERDI tedeschi dopo Joschka Fischer, erano scesi molto nelle preferenze, ma hanno saputo riprendersi e non hanno fatto ALLEANZE ma ACCORDI nei comuni o Laender. Si sono fusi con il parito fratello della ex Germania Est, ma non hanno mai fatto alleanze elettorali con l’SPD.
        Lasciamo stare “il partito dei verdi italiano” molti ci hanno creduto, hanno fatto una serie di alleanze e sono stati guidati da alcuni opportunisti voltagabbana e si vede dove sono adesso.
        Temo che sia la china che sta prendendo il MOV5S, sono gli stessi che spingono per una ALLEANZA col PD, avere la poltroncina e diventare ininfluenti.

        "Mi piace"

      • Perfetto, la penso allo stesso modo che il m5s dovrebbe fare accordi politici e non allearsi con nessuno, anche nei territori non solo a livello nazionale

        "Mi piace"

    • Ma infatti, e MT ha pure detto che avrebbe accettato Conte premier e votato il taglio dei parlamentari. Certo, ma come? Su ricatto di Di Maio di tornare al voto, e sappiamo tutti come sarebbe finita. Possibile che Travaglio su queste cose faccia il finto tonto?

      "Mi piace"

  14. Travaglio ha ragione, purtroppo. Il Movimento ha fatto negli ultimi due anni un bagno di realismo ed ha capito che o governi da Altro che discuteresolo col 51% dei voti (ma adesso non è aria…) oppure ti allei con quelle forze politiche che più sono affini al tuo pensiero ed ai tuoi progetti. E oggi, ammettiamolo: il Pd non è più quello di Renzi e Napolitano. E visto come è andata a finire l’esperienza con la Lega, fatevi due conti… (la battuta finale non era cercata!). E poi c’è poco da fare: l’IDENTITA’ dei 5 Stelle è nel loro programma enormemente innovativo ancora da realizzare almeno nelle parti più “rivoluzionarie” come la green economy e la digitalizzazione. Ce n’è da fare ragazzi! Anche per Dibba che dovrebbe pensare alle cose da fare ed a come difendere i risultati ottenuti, non ad attaccare i suoi amici.

    Piace a 1 persona

    • Sarebbe giustissimo se parlasse di fare accordi sui programmi (che il m5s sta già facendo molto bene, prima con la lega e poi con il pd) invece che “spingere” il m5s di fare un alleanza strutturale con il pd.
      Sono due cose completamente diverse!!!

      "Mi piace"

      • Ma ve la state sognando anche voi, non solo Dibba, questa benedetta alleanza strutturale.

        E baaastaaa.
        Ché tra l’altro non giurerei che abbiate visto la sua intervista e quindi CAPITO che cosa intende dire LUI con questa espressione. Ma che cosa vi state IMMAGINANDO? Un’unione per sempre?
        Ma chi ve l’ha mai chiesta?
        Dibba ha detto che con ciò intende L’APPARTENENZA ALLO STESSO POLO PROGRESSISTA.
        Ve lo sto chiedendo da ieri: DOVE MAI SI DOVREBBE POSIZIONARE IL M5S?
        A Destra? (qualcunA vorrebbe, vedo…)
        AL CENTRO con Renzi e Calenda?
        Mamma mia…

        E comunque chiederò a Travaglio i DIRITTI D’AUTORE 😏 perché di tafazzismo vi ho tacciato in 2 post, nei giorni scorsi.
        E, credetemi, questo è un inconfondibile sintomo di SINISTRITE ACUTA. La destra non rischia di avere questa sindrome.
        E siete così tanto più tafazziani del Pd, che, tanto siete di sinistra, fra un po’ fate il giro! 🥴

        "Mi piace"

    • Il “bagno di realismo “ non c’entra. la necessità di allearsi fu dovuta al fatto che tutti i partiti , compreso il Pd e la Lega, vararono il Rosatellum bis col dichiarato intento di non far vincere da solo il M5S.

      Piace a 3 people

  15. @paolo diamante Roma
    Alessandro Barbero si porta con tutto e viene tirato fuori
    Per negare credibilità alla Vera storia del sud .
    Mi risulta che Barbero non abbia voluto /saputo/potuto rispondere alle osservazioni mossegli al riguardo delle sue illuminatissime teorie .Al riguardo dei” 150 anni”, non è che i fatti siano successi 150 anni fa ( in realtà 160): e’ che succedono DA 160 anni!
    https://www.inuovivespri.it/2019/07/25/fenestrelle-perche-ancora-oggi-si-nasconde-un-genocidio-operato-da-casa-savoia-ai-danni-dei-meridionali/amp/

    "Mi piace"

    • Hai visto il video postato da Paolo diamante? È eterno, ma molto interessante.
      Io sono sarda e figurati se posso mai amare i Savoia😡, che ci hanno voluto solo per potersi fregiare del titolo di Re.
      Noi che avevamo forse la seconda costituzione al mondo, dopo la Charta Magna, già ai tempi della giudicessa Eleonora d’Arborea e nei secoli siamo stati divisi, sfruttati e trattati peggio delle bestie, ricacciati nella miseria, che all’epoca era sconosciuta.
      Ma la storia di Fenestrelle, così come la si sta ponendo, mi sembra davvero priva di basi storiche.
      A me Barbero sembra una persona seria e competente, non mi sembra proprio di parte.
      Poi vedi tu, fatti un’idea… 👋

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.