I furbastri delle “missioni”: tanti assenteisti e impuniti

IN PARLAMENTO. UN ELETTO SU DIECI HA PARTECIPATO A MENO DEL 50% DELLE SEDUTE, MA È IMPOSSIBILE STABILIRE LA DECURTAZIONE DELLO STIPENDIO

(di Giacomo Salvini – Il Fatto Quotidiano) – Assenteisti cronici, spesso pagati come stakanovisti. Dopo il Sì al referendum che porterà al taglio di un terzo dei parlamentari, i dati aggiornati sulle presenze in Parlamento della legislatura in corso fotografano l’altissimo tasso di assenteismo di Camera e Senato dal marzo 2018 a oggi: al 22 settembre scorso, secondo i dati di Openpolis, 105 deputati e 27 senatori sono stati assenti o in “missione” in oltre il 50% delle sedute. Più di un parlamentare ogni dieci. Questi numeri si basano sugli allegati di seduta pubblicati da entrambe le Camere ed è il tasso più alto di assenteismo degli ultimi 15 anni, se escludiamo la legislatura passata che, nello stesso periodo di tempo, ne aveva avuti poco di più, quasi ogni due parlamentari su dieci.

Scendendo più nel dettaglio delle caselle di chi marca regolarmente visita nelle due Camere, 67 deputati e 13 senatori hanno partecipato solo tra il 30 e il 50% di sedute, mentre 32 parlamentari sono assenteisti cronici risultando presenti tra il 10 e il 30%. Ventuno (16 deputati e 5 senatori) invece sul proprio scranno di Camera e Senato non ci si sono (quasi) mai seduti: sono stati presenti in meno del 10% delle sedute. Ma ad aumentare la sfiducia nei confronti dei parlamentari italiani – la larghissima vittoria del Sì al referendum (70-30%) ne è una dimostrazione – non c’è solo la piaga dell’assenteismo: tra le due Camere nessuno sa, effettivamente, quanto sia l’indennità precisa dei singoli deputati e senatori e a quanto ammonti la parte dello stipendio mensile decurtata per gli assenteisti, come avviene in qualsiasi pubblica amministrazione. Secondo i bilanci di Camera e Senato, le indennità di deputati e senatori ammontano a 224 milioni di euro, frutto della somma di diverse voci: l’indennità stessa, l’indennità di funzione, la diaria per l’alloggio a Roma, i rimborsi per l’attività politica sul territorio, i trasporti e le comunicazione. Ma queste variano da parlamentare a parlamentare e nessuno sa quanto valgano per ogni singolo eletto. E soprattutto se i due uffici di presidenza penalizzino chi non lavora. Per il regolamento della Camera, la diaria di ogni deputato (pari a 3.500 euro) può essere decurtata di 206 euro per ogni giorno di assenza fino a 500 per le assenze nelle commissioni e nelle giunte competenti. Una misura analoga riguarda anche i regolamenti di Palazzo Madama.Ma la questione è che nessuno sa se queste “punizioni” nei confronti degli assenteisti siano effettivamente applicate: quanto viene trattenuto dello stipendio di Michela Vittoria Brambilla (99% di assenze) o di Antonio Angelucci (94%)? Nessuno lo sa.In primo luogo perché molti parlamentari continuano ad abusare delle “missioni”: teoricamente sono assenze giustificate per motivi legati al proprio compito istituzionale, ma in realtà nessuno controlla se sia effettivamente così. La lista di chi è in missione è pubblica per ogni seduta, ma non vengono indicati il motivo e la durata, quindi nessuno effettua un reale potere di controllo.

Poi, secondo i regolamenti, è considerato presente il parlamentare che partecipa almeno al 30% delle votazioni nell’arco di una giornata. In questo modo è praticamente impossibile scovare furbastri e assenteisti.

3 replies

  1. Impossibile scovare furbastri e assenteisti perché, nel corso dei decenni, i Parlamentari della Repubblica
    hanno raggiunto “l’immunità di gregge”… immunità da sanzioni e decurtazioni, volutamente aleatorie.
    Chi ha pensato, scritto e approvato i regolamenti parlamentari?
    Naturalmente chi quei regolamenti è tenuto a rispettare.
    Non sorprende quindi che alla pignola e puntuale applicazione di indennità, benefit, rimborsi e prebende di ogni
    tipo faccia da contraltare un certo lassismo per quanto riguarda la parte sanzionatoria dei regolamenti.
    Cambierà qualcosa dopo l’esito del referendum e la dichiarata volontà dei 5S (il PD? Non pervenuto!) di
    metter mano a quei regolamenti nel senso fortemente sperato e voluto dai cittadini che hanno votato SI?
    Viste le premesse è lecito dubitarne, anche se spero che il mio pessimismo venga smentito dai fatti.

    Piace a 2 people

  2. E poi c’è chi critica l’anti politica. Come si può aver fiducia in rappresentanti che in teoria lavorano per il bene del paese ed in realtà si fanno i fatti loro, strapagati e quando ci sono arrivanoil martedì ed il giovedì sono già in fuga col loro bravo trolley verso casina bella , a riposarsi dopo il duro lavoro magari di schiacciare un bottone secondo gli ordini del partito?

    Piace a 3 people

  3. Delle persone onorevoli non si comporterebbero così.

    Sono sicuro che il M5S farà di tutto per eliminare la possibilità di questi comportamenti illegali (criminali?), non fosse altro che per il fatto che loro non possono tenerli, perchè si sono dati un loro regolamento che non li consente.
    Questi non sono giochini, sono truffe.

    Sono altrettanto sicuro che la casta unita si opporrà a regolamentare più trasparentemente le attività dei singoli, con la scusa della privacy, della democrazia in pericolo, dell’onorabilità dei parlamentari … poi seguiranno vari intellettuali a sostegno delle ragioni della casta, saviano in testa, giusto per il gusto di mettere i bastoni fra le ruote di qualsiasi iniziativa grillina, dimostrando ancora una volta la nobiltà dei loro intenti, e il loro prezioso apporto alla tenuta della democrazia.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.