Alle urne Guelfi e Ghibellini

(Pietrangelo Buttafuoco) – Si aspetta il risultato delle regionali in Toscana per capire quanto ne resterà del Governo Conte e dell’ammucchio Pd-M5S. Inutile darla per vinta (o per persa, secondo i punti di vista). Il risultato, in Toscana, è storicamente scontato. Ci sono le logge massoniche – che votano per lo status quo – e ci sono le Misericordie. Che faranno lo stesso. Ma soprattutto ci sono le banche. Tutte schierate per il di cui sopra. È una bolla mediatica a far credere alla sconfitta del potentato di centrosinistra. Servirà a raccontare la vittoria dei guelfi contro i ghibellini come il giudizio di Dio. La famosa astuzia dell’egemonia culturale.

7 replies

  1. Buttafuoco ha ragione. La vittoria della sinistra in Toscana è scontata, come lo era in Emilia Romagna, e non certo per l’aiuto di quegli scappati di casa delle Sardine, ma grazie ai potentati che non tollererebbero di perdere quel sistema di interessi che si sono costruiti in cinquant’anni di (mal)governo.
    Però i giornaloni presentano come “contendibile” la Toscana, così il giorno dopo il PD potrà gridare vittoria e dire che ha fermato i barbari. Ma è tutta una cazzata: i barbari non hanno alcuna chance, a prescindere.

    "Mi piace"

  2. Buttafuoco ricorda quei tifosi che alla vigilia di partite molto sentite dicono “perdiamo sicuro l’arbitro è schierato con gli altri” così se perdono; l’avevano detto! e se vincono; godono il doppio.

    Piace a 1 persona

  3. Lo facevo più inteligentee e obiettivo il Buttafuoco. Come può pretendere di farci credere che questo governo godi dell’appoggio dei poteri forti quando lo sanno anhe i sassi quando questi stanno lottado strenuamente usando tutti i mezzi per farlo cadere?

    "Mi piace"

    • Il governo gode dell’appoggio di altri poteri, ancora più forti di quelli tradizionali: quelli europei. Finché può contare su quelli (che lo vedono come l’ultimo baluardo che previene l’arrivo dei sovranisti) resterà in piedi.
      Ma Buttafuoco non sta parlando del governo, parla dei poteri forti che reggono il governo locale della Toscana. E quelli ci sono eccome, esattamente come in Emilia, dove la sconfitta del Bonac avrebbe mandato all’aria un sistema consolidatissimo.

      "Mi piace"

  4. PierludovigoScaramantico, nel tua minestra riscaldata hai tralasciato l’elemento primario
    della disputa, Susanna Ceccardi.
    Tra Salvini Borgonzoni e Ceccardi,
    nun accocchi’n na`mezzacap

    "Mi piace"

  5. Ma d’altra parte, ogni popolo ha i governi che si merita.
    Ergo, se i Toscani vogliono che governi il PD, problemi loro.
    Tanto non cambierebbe niente lo stesso.
    Dice bene chi dice che i giochi sono fatti in altra sede, ancora qualcuno si illude che l’Italia sia un paese sovrano.
    Oltre a perdere la sovranità monetaria abbiamo perso tutto il resto, purtroppo.
    I fatti sono fatti! Oggi se non fosse stato per le distanze da mantenere, Matterella avrebbe fatto lingua in bocca con l’omologo crucco.
    Ma di che parliamo?!

    "Mi piace"

  6. E non c’entra la levatura del candidato, non la spunterebbe nemmeno Pico della Mirandola.
    Non è neanche un problema ideologico, eccetto un manipolo di duri e puri e i militanti dell’anpi.
    Lo zoccolo duro sono le cooperative e quel sistema d’interessi che vuole che si mantenga lo statu quo.
    Non tralascerei l’influenza del MPS, tutti sanno che coacervo di intrighi e manipolazioni tiene in piedi questo baraccone!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.