Ecco come si è espresso un senatore della Repubblica in Aula ieri

(Stefano Rossi) – Ed è uno dei più esperti conoscitori dei Regolamenti Parlamentari e redattore della legge elettorale in vigore. “ Qualcuno dice  che questo è fatto per favorire la parità di accesso. Ve lo dice un umile e modesto conoscitore della materia elettorale: chi la conosce sa che in collegi che hanno a disposizione un numero di candidature che va da due a sette, quindi piuttosto piccolo, la doppia preferenza di genere danneggia il sesso femminile, perché normalmente il maschio è maggiormente infedele della femmina. Il maschio solitamente si accoppia con quattro o cinque rappresentanti del gentil sesso, cosa che la donna solitamente non fa. Il risultato è che il maschio si porta i voti di quattro o cinque signore e le signore non vengono elette. Se si aumenta la platea dell’elettorato passivo, frammentando l’espressione delle preferenze, si riduce la possibilità che la donna venga eletta. Le donne si mettano in lista, come abbiamo fatto noi in Umbria eleggendo una donna, così come abbiamo eletto un presidente della Camera e un presidente del Senato donna e in Toscana candidiamo  una donna”.

Salvini gli era seduto accanto che applaudiva. Durante lo sproloquio folle, il presidente del Senato di turno, Ignazio La Russa, aveva tentato di interromperlo così: “ Concluda senatore… perché vedo che si avventurava…”. Ma il Calderoli oramai ingranata la quinta ha continuato il suo alienante discorso.

Non è più tempo di gridare alla pazzia o alla corbelleria. Ci vorrebbe una denunzia e querela alla Procura della Repubblica e poi attendere la richiesta di autorizzazione a procedere. Per esempio per violazione dell’art. 604, bis, c.p. nella parte in cui è scritto: “… propaganda idee fondate sulla superiorità … etnico…” là dove, superiorità di etnia intesa come superiorità dell’uomo sulla donna su basi del tutto infondate, sessiste, violente e oscene.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

5 replies

  1. Mi ricorda la leggenda del raffinato bibliofilo (Dell’Utri). Ora si assiste al formarsi di altra leggenda, Calderoli esperto di regolamenti parlamentari da quando ha fatto fare la conta a porte chiuse il mese scorso. Semmai è la Mazzanti vien dal mare che non conosce il meccanismo, o ha dimenticato le basi di diritto costituzionale. Poi se il confronto è sempre e solo col Kapitano è esperto pure il primo che passa.

    Piace a 1 persona

  2. Puro e semplice delirio etilico.
    E’ già parecchio tempo che il senatore (aaargh!) Calderoli vede ragni e scarafaggi che scalano le pareti dell’aula
    del Senato.
    Ha bisogno di aiuto.
    Ma forse hanno più bisogno di aiuto quelli che votano per lui.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.