Basta regali, condoni e l’inutile Tav

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Chi sperava in una raffica di condoni con la scusa dell’economia in stallo per il Covid deve rassegnarsi ad attendere un altro Governo in chissà quale altra legislatura. A chiarirlo è stato ieri lo stesso premier Giuseppe Conte, ammettendo che non c’è riforma più urgente del semplificare la nostra burocrazia, ma questo non significa fare regali ai furbi. Via libera dunque a procedure più veloci per le opere pubbliche senza sacrificare però i presìdi di legalità e le norme antimafia.

Vedremo se basterà per aprire i cantieri e quali, sapendo che in passato abbiamo fatto una collezione di scelte scellerate come il treno merci ad alta velocità tra Torino e Lione, di cui il nuovo sindaco della città francese ha appena riconosciuto l’assoluta inutilità. Più che realizzare in fretta le opere pubbliche che ci servono ed impedire alla criminalità di prosperarci sopra, oggi la priorità sta dunque nel non buttar via i soldi in infrastrutture e scelte superate e prive di vantaggi economici, oltre che ambientali. È il caso della trattativa col colosso franco-indiano Arcelor Mittal per tenere in piedi l’ex Ilva.

La vecchia industria dell’acciaio sovvenzionata in eterno dallo Stato è davvero l’unica strada per uno sviluppo concreto e sostenibile? Su questa e altre domande Conte ha coinvolto i leader dell’opposizione invitandoli formalmente, come chiedevano, in un secondo tempo degli Stati generali dell’economia dove invece non si erano presentati. Se andranno in uno spirito realmente costruttivo lo vedremo a partire da precisi segnali, come la rinuncia a un feticcio ideologico come il Tav piemontese.

2 replies

  1. Ma che dici, Gaetano?
    “Se andranno (l’opposizione, ndr) con spirito costruttivo…” Ma di che parli?
    Del contributo che potrebbero dare quelli della Triade?
    L’unico contributo che sono interessati a dare è fornire corda e sapone a Conte e a tutti i suoi perché ci si impicchino.
    Qualcuno pensa che veramente quegli sfasciacarrozze siano minimamente interessati ad avanzare proposte per uscire
    dal pantano in cui siamo immersi a causa del Covid, ma anche e soprattutto per la gestione scellerata della Res Publica attuati dai loro governi in combutta e in concorrenza con quelli, altrettanto tragici, dei “tecnici” alla Monti e dei servi del Capitale (PD)?
    Più quegli avvoltoi gireranno lontani dai luoghi dove si prendono le decisioni, maggiore sarà la probabilità che tali decisioni
    non siano prese sempre e solo nell’interesse dei “soliti noti”.
    In altre parole: che si fottano!

    Piace a 1 persona

  2. Concordo: Gaetano…aspetta e spera!

    Tuttavia Conte fa bene ad invitarli, io li inviterei sempre, in qualunque occasione, presente e futura, tanto non ci si perde neanche un

    minuto con questa gente.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.