Emanuele Filiberto scende in campo “per il futuro dell’Italia”, l’annuncio del Principe: “Suonerò la sveglia al Paese”

(ilfattoquotidiano.it) – Prima lo spot per una serie televisiva in cui annunciava il ritorno della monarchia (per finta) e poi ora l’annuncio della discesa in campo “per il futuro dell’Italia” con un nuovo progetto politico, questa volta assolutamente vero. “La fase di confinamento, assieme al drammatico momento in cui sta vivendo il Paese, mi ha dato una spinta in più per lanciare il progetto dove voglio mettere insieme persone di altissimo livello che l’Italia ha per tracciare un percorso utile al mio Paese”. Emanuele Filiberto spiega così in un’intervista a Il Tempo il suo progetto “Più Italia” che lancerà il prossimo 11 giugno e che coinvolge anche la figlia Vittoria e il nipote dell’ex presidente francese François Mitterrand, Frédéric Mitterrand, già ministro francese della Cultura.

“L’Italia del Made in Italy è sinonimo di talento e di velocità, quella dell’amministrazione pubblica è una tartaruga che se ne infischia dell’attesa sofferente dei nostri cittadini. Quella del tempo è la dimensione decisiva: per uscire dalla crisi per battere la concorrenza internazionale – dice l’erede di Casa Savoia -. ‘Futuro’ è diventata una parola sconosciuta all’orizzonte dei partiti. Mentre è la più importante risorsa che l’azione politica deve mettere a disposizione dei cittadini”.PUBBLICITÀ

“Oggi come oggi non sto pensando alla politica -puntualizza il principe Emanuele Filiberto- sto pensando a un progetto che ovviamente sottoporrò alla politica la quale deciderà cosa fare. Di certo, io farò di tutto affinché questo progetto si realizzi per il bene del mio Paese. In questi tempi molto difficili serve unità nazionale. Tutti, in sostanza, dobbiamo fare qualcosa per il nostro Paese. Questa è la mia politica, non quella partitica. Quest’ultima lasciamola fare a chi fa slogan e selfie – prosegue -. È indispensabile pensare al futuro e quindi avere una visione del Paese a lungo termine. Non pensare all’Italia di oggi che è quella che è. Ed è proprio quello che manca alla politica, la visione a lungo termine con progetti che diano speranza ai cittadini e soprattutto ai giovani”, aggiunge Emanuele Filiberto.

“Qui e ora” è il motto della sua “Più Italia”, che “intende suonare la sveglia ad un Paese ingarbugliato dalla troppa burocrazia“. Il primo appuntamento è con un webinar in programma 18 di giovedì 11 giugno. Il tema: l’economia. Con il coordinamento di Giuliano Noci (prorettore del Politecnico di Milano) ne parlano: Ennio Doris – Presidente Banca Mediolanum, Frederic Mitterand – già Ministro della Cultura di Francia, Carlotta Pignatti Costamagna – Presidente Pellan italia, Mauro Porcini – Ced Pepsi Co. David Quammen – Filosofo e Scrittore Daniele Rossi – Consigliere Delegato Confagricoltura per la Ricerca & Innovazione, Giordano Riello – Presidente NPlus Italia. Fabrizio Sammarco – Ceo ItaliaCamp.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

20 replies

  1. Grazie. Ritengo che il solo pensiero sia più che sufficiente. Non deve assolutamente addossarsi ulteriori pesi,preoccupazioni. Potrebbe farle male.
    Continui pure la sua solita nobile esistenza ,noi vedremo di cavarcela .
    Senza i Savoia ci è andata molto meglio che con qualcuno di loro al vertice e allora perché interrompere questo ciclo virtuoso?

    "Mi piace"

  2. Tante cose colpiscono, dai capitani coraggiosi, al nome del movimento, ma più di tutto il solco della tradizione che non delude e che arriva alla sincera Giorgia, investita di regale amiraIone come il suo omonimo investì il forse sincerissimo Benito.

    "Mi piace"

  3. Il principino decaduto non era in California a vendere pasta on the road?
    Quindi ora forse da disoccupato cerca uno scranno, confidando della stoltezza di qualche mio connazionale per il voto. Conoscendo i miei concittadini penso che il principino abbia delle buone chance.

    "Mi piace"

  4. ” mettere insieme persone di altissimo livello”
    ” più Italia ”
    Un selfie dai.
    Eddaiii.
    Di qua.
    ..mettiti così.
    ..aspè.
    ( da quando si è sparsa la voce che deve arrivà un sacco de grana i ciechi ce vedono i muti parlano )

    "Mi piace"

  5. Vabbè fare le gare tra cialtroni! Ma prendere sto mortaccione,mi sembra al di là di ogni possibile realtà! Poi ci sarà magari pure qualche gruppetto di monarcici nostalgici. ( ma dovrebbero essere gia morti tutti) magari aspettano ancora le brioches!!

    Piace a 1 persona

    • Nessuna nazione europea ha avuto la sventura di avere una Casa Reale di tale infimo livello morale e intellettuale come Casa Savoia.
      A leggere le storie dei Savoia che si sono succeduti, a partire da Carlo Alberto fino al Vittorio Emanuele IV° assassino, se ne salva forse
      uno solo: Umberto ii°… ma forse perché, fortunatamente, non l’abbiamo visto all’opera.
      Questo Filiberto ha già avuto modo negli anni passati di deliziarci con la sua “insostenibile leggerezza dell’essere” e non ha bisogno
      di insistere perché gli si indirizzi, a lui e ai suoi burattinai, un sonoro pernacchio.

      "Mi piace"

  6. Giustamente il problema dell’Italia è la troppa burocrazia, non è la corruzione dilagante, non è l’evasione fiscale a 12 cifre, non è la criminalità organizzata, non è lo smantellamento dello stato sociale in nome di privatizzazioni che arrichiscono gente senza meriti e svuotano i servizi ai contribuenti … no, è la burocrazia. Elimina un po’ di burocrazia e come per incanto il Paese si trasformerà in un paradismo per ciascun italiano, dal primo all’ultimo italiano!

    "Mi piace"

  7. ricapitolando: l’ultima volta il principino era in California a vendere piatti di pasta on the road su un Truck, ha la residenza a Montecarlo, ha partecipato a vari trasmissioni televisive, si è già candidato a varie elezioni insieme ad altri candidati discussi e pregiudicati ottenendo rispettivamente nel 2008 0.4% 2009 22.000 preferenze.
    Nel 2007 fa causa allo Stato Italiano per il risarcimento dei danni morali in seguito all’esilio per 260 milioni di euro. Ora ci riprova con la politica, ma se ha bisogno di soldi, poichè tutte le sue attività si sono rivelate poco redditizie per non dire fallimentari, perchè non chiede il reddito di cittadinanza?

    Piace a 1 persona

  8. “La grande fuga /Pescara/Ortona/Brindisi. 9 settembre 1943.” 600 mila “internati”
    Non ti scordar di loro.

    "Mi piace"