C’è vita dopo Putin?

(Articolo di “The Economist” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”) – “Cosa succederà dopo? C’è vita dopo Putin? Come se ne va e chi lo sostituisce?”. Sono queste le domande che pesano in questi giorni sulla mente dell’élite russa, dei suoi burocrati e uomini d’affari, mentre osservano l’esercito ucraino avanzare, la gente di talento che fugge dalla Russia e l’Occidente che si rifiuta di indietreggiare di fronte al ricatto energetico e nucleare di Vladimir Putin.

“Nei ristoranti e nelle cucine di Mosca si dicono molte parolacce e ci si arrabbia”, dice un membro dell’élite. “Tutti si sono resi conto che Putin ha fatto un errore e sta perdendo”. Questo non significa che Putin stia per ritirarsi, essere rovesciato o sparare un’arma nucleare. Significa però che coloro che gestiscono il Paese e ne possiedono i beni stanno perdendo fiducia nel loro Presidente.

Il sistema politico russo sembra entrare nel periodo più turbolento della sua storia post-sovietica. Anche i governi occidentali iniziano a temere che la Russia possa diventare ingovernabile – scrive The Economist.

“Mai prima d’ora Vladimir Putin si è trovato in una situazione del genere nei 23 anni del suo governo”, afferma Kirill Rogov, analista politico russo. In passato, quando si è trovato di fronte a situazioni difficili come la perdita del sottomarino Kursk e dei suoi 118 membri dell’equipaggio nel 2000, o un terribile assedio scolastico nel 2004 che si è concluso con la morte di 333 persone, è riuscito a sviare le responsabilità e a mantenere la sua immagine di leader forte. “Ora sta pianificando ed eseguendo operazioni che stanno visibilmente fallendo”.

L’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio è stata uno shock per l’establishment russo, che si era convinto che Putin non avrebbe rischiato una guerra su larga scala. Ma la miscela dei suoi primi, seppur limitati, progressi militari, l’assenza di un collasso economico in Russia e i primi tentativi di negoziati di pace hanno calmato i nervi. (Anche il consumo massiccio di alcol può aver contribuito; la situazione è diventata così acuta che Putin ha iniziato a lamentarsi in pubblico dell’alcolismo). Alcuni membri dell’élite si sono persino convinti, per un certo periodo, che Putin non potesse perdere.

Questa convinzione è stata infranta dalla mobilitazione “parziale” di Putin. Ha dimostrato che la sua “operazione militare speciale” stava vacillando e, arruolando più truppe, si è visto che stava trascinando il Paese ancora più a fondo nel conflitto. E come hanno dimostrato l’esodo di massa e l’ampio ritiro delle truppe, il suo tentativo di trasformare l’impresa in una nuova “Grande Guerra Patriottica” è finora fallito.

La mobilitazione ha infranto la premessa fondamentale dell’acquiescenza del pubblico alla guerra: che non avrebbe richiesto la sua partecipazione attiva. A Mosca, la città più ricca della Russia, dove gli uomini venivano arruolati nelle strade, il sindaco, Sergei Sobyanin, si è sentito costretto il 17 ottobre ad annunciare che la coscrizione era finita. Altre regioni, con un minor potere di lobbying, dovranno colmare il deficit.

Putin non può vincere la sua guerra, perché fin dall’inizio non aveva obiettivi chiari; e, avendo perso così tanto, non può finirla senza essere profondamente umiliato. Anche se i combattimenti in Ucraina dovessero cessare, un ritorno alla vita pacifica di prima della guerra è praticamente impossibile sotto la sua bellicosa presidenza. Nel frattempo, l’economia comincia a mostrare gli effetti delle sanzioni e dell’esodo dei lavoratori più qualificati e istruiti; la fiducia dei consumatori è in calo.

La cerimonia del 30 settembre, in cui Putin, dopo un discorso farneticante contro l’Occidente, ha annesso quattro province ucraine che in realtà non controlla, è stata così assurda che probabilmente ha minato la sua aura di forza anche all’interno della Russia. Come dice Tatyana Stanovaya, consulente politica: “Fino a settembre, le élite russe avevano fatto la scelta pragmatica di sostenere Putin… ma la situazione è progredita a tal punto che ora potrebbero dover scegliere tra vari scenari perdenti”.

Una sconfitta militare potrebbe portare al crollo del regime, con tutti i rischi connessi per coloro che lo hanno sostenuto. La bellicosità di Putin, nel frattempo, “solleva la questione se le élite russe siano disposte a rimanere con Putin fino alla fine, in particolare tra le crescenti minacce di usare le armi nucleari”, osserva Stanovaya. Putin è passato dall’essere una fonte percepita di stabilità a una fonte di instabilità e di pericolo. Questa settimana Ksenia Sobchak, ritenuta la figlioccia di Putin, è fuggita prima di essere arrestata, segno che l’élite sta divorando i propri membri.

Abbas Galyamov, un analista politico che ha trascorso del tempo al Cremlino, sostiene che nelle prossime settimane e mesi l’élite, i cui membri hanno sempre confidato nella capacità di Putin di preservare il suo regime (e loro), si renderà conto che spetta a loro salvare il regime e persino le proprie vite. Questo, secondo lui, intensificherà la ricerca di un possibile successore all’interno del sistema.

L’elenco dei potenziali candidati di Galyamov comprende Dmitry Patrushev, figlio di Nikolai Patrushev, capo del Consiglio di Sicurezza e uno dei principali ideologi del regime. Patrushev junior è un ex ministro. Pur facendo parte della famiglia, potrebbe essere visto come un volto nuovo per la sua giovane età. Tra le possibilità più note ci sono Sergei Kiriyenko, il vice capo di gabinetto del Cremlino; Sobyanin, il sindaco di Mosca; e Mikhail Mishustin, il primo ministro, che potrebbe allearsi con alcuni uomini della sicurezza e svolgere il ruolo di negoziatore moderato con l’Occidente.

Tuttavia, come ha sostenuto di recente Alexei Navalny, leader dell’opposizione russa incarcerato, sul Washington Post, la speranza che “la sostituzione di Putin con un altro membro della sua élite cambi radicalmente questa visione della guerra, e in particolare della guerra per l'”eredità dell’URSS”, è quantomeno ingenua”. L’unico modo per fermare il ciclo infinito del nazionalismo imperiale, ha sostenuto Navalny, è che la Russia decentralizzi il potere e si trasformi in una repubblica parlamentare.

In quello che sembra un appello all’élite russa, Navalny ha sostenuto che la democrazia parlamentare è anche una scelta razionale e auspicabile per molte delle fazioni politiche che circondano Putin. “Offre loro l’opportunità di mantenere l’influenza e di lottare per il potere, garantendo al contempo di non essere distrutti da un gruppo più aggressivo”.

Questo “gruppo più aggressivo” ha già iniziato a emergere. Ne fanno parte Yevgeny Prigozhin, un ex criminale noto come “il cuoco di Putin”, che gestisce un gruppo di mercenari chiamato gruppo Wagner, e Ramzan Kadyrov, l’uomo forte della Cecenia, che ha un suo esercito privato. Entrambi sono considerati personalmente fedeli a Putin. Ekaterina Schulmann, politologa, ha paragonato gli uomini di Prigozhin agli oprichniki – un corpo di guardie del corpo istituito da Ivan il Terribile – che hanno gettato il Paese nel caos. Il dittatore russo vuole trasformare l’Ucraina in uno Stato fallito. Invece, sta rapidamente trasformando la Russia in uno Stato fallito.

Categorie:Cronaca, Mondo, Politica

Tagged as: , ,

12 replies

  1. Sicuramente affidabili sulla situazione del “nemico” (e le virgolette sono di troppo).
    Adesso facciamo fare le recensioni di un ristorante ai concorrenti?
    Ma andate a ca*are…

    Piace a 1 persona

    • Secondo Sergio Romano ( lo ripete da tempi non sospetti), tenere unito un territorio immenso, con tante diverse etnie, religioni, spinte autonomiste continuamente foraggiate e incoraggiate dall’ estero è estremamente difficile. La sostituzione di un uomo “forte” come è Putin con un fantoccio simil Eltsin ( o Zelensky) teleguidato dall’ estero porterebbe inevitabilmente ad una pericolosa incognita. Una balcanizzazione della Russia sarebbe devastante per la Russia ( guerre civili a noi finire) , per noi Europei , per non parlare della reazione cinese.

      Occorrerebbe pensarci un po’ meglio…

      In quanto a “stati falliti”, andando avanti di questo passo… temo che la Russia non sarebbe l’ unico: ci stiamo arrivando prima noi… Se la Germania dovesse continuare a subire il depotenziamento ( eufemismo) da parte degli US e mancandoci obtorto collo sempre più mercati in cui esportare il tanto celebrato Made in China (pardon, in Italy dice la targhetta…) ci troveremo presto in braghe di tela più di quanto lo siamo già.

      "Mi piace"

  2. Paolabl
    Se lo scrive e lo afferma the Economist allora dev’essere vero x forza
    Nell’agosto 2015 la holding finanziaria italiana Exor ha acquisito il controllo dell’«Economist Group».
    Vedi di farti aumentare la dose di oppiacei,

    Piace a 1 persona