Sondaggi, la sfida dei piccoli: Verdi-Si 3,6, ItalExit 2,8. Molto male Di Maio

La soglia di sbarramento per entrare in Parlamento è fissata al 3%. Ma per i partiti in coalizione serve comunque l’1% altrimenti i voti non vengono conteggiati

(affaritaliani.it) – Mancano solo due settimane alle elezioni politiche, fissate per il prossimo 25 settembre. La campagna elettorale per i vari partiti è in pieno svolgimento e se per i grandi partiti la sfida è sulla conquista della maggioranza in coalizione per poter governare il Paese, tra i piccoli schieramenti è in palio l’entrata o meno nel prossimo Parlamento. La soglia di sbarramento infatti è fissata al 3% per gli schieramenti che non sono inseriti all’interno di una coalizione, mentre per chi fa parte di un gruppo di partiti bisognerà comunque raggiungere l’1% per non vedere dispersi e non conteggiati i propri voti. Chi rischia in questo senso – si legge sul Messaggero attraverso l’ultimo sondaggio di YouTrend – è Impegno Civico di Luigi Di Maio e Tabacci. Il partito, inserito nella coalizione di centrosinistra, infatti, è dato all’1,1% e rischia quindi di scendere sotto la soglia minima per ritenere il voto valido ai fini del conteggio.

Ora – prosegue il Messaggero – resta un ultimo rush al riparo dai riflettori dei sondaggi, su cui per legge dovrà calare il sipario a partire da domani. Nel frattempo, la rincorsa continua. Non solo fra gli sfidanti in testa. A fondo classifica si scalda la sfida tra chi spera di agguantare quel 3% che, così dice il Rosatellum, permette alle liste di eleggere parlamentari. La sorpresa, qui, si chiama Italexit: il partito anti-establishment di Gianluigi Paragone aleggia intorno al 2,8%, dice Youtrend. Un altro colpo di scena che potrebbe riservare il foto-finish. Sopra la soglia minima c’è Europa verde-Sinistra italiana, il partito di Fratoianni e Bonelli è indicato al 3,6%. Sotto lo sbarramento, invece, ci sono +Europa (1,9%), Noi Moderati (1,7%) e Unione Popolare (1,2%).

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

6 replies

  1. Chi ha concepito il Rosatellum non solo andrebbe escluso dalla possibilità di candidarsi ma dovrebbe anche essere sottoposto a qualche forma di punizione fisica

    Piace a 1 persona

  2. i verdi e Fratoianni al 3.6 % per me è una bufala,per me andranno sotto il 3%,Paragone potrebbe prendere il 5-6 %,Di Maio sotto l’1

    "Mi piace"

  3. Bonelli e Fratoianni li vedi solo in periodo pre-elettorale. Dopo si inabissano nell’oblio delle loro profonde elucubrazioni e nessuno li sente o li vede più. Cosa hanno fatto, cosa hanno proposto, chi li ricorda questi due se non i loro parenti più stretti? Prima di votarli, una domanda me la farei.

    "Mi piace"

  4. Luigi Dimaio scoprirà presto che la democrazia è bella, ma lo è molto di più quando si riesce ad essere eletti a furor di popolo.
    E disperatamente cercherà di liberarsi del tormento che lo affliggerà per tutta la vita: quanto è grande la cazzata che ho fatto?

    Piace a 2 people

  5. Il luigino è un opportunista.
    Ha puntato tutto sul bankiere vigliacco e, adesso che ( disastri alla mano) il suo idolo sta collezionando figure da cioccolataio sempre piu meschine una via l’altra è semplicemente spacciato.
    Se fossi in lui lascerei la politica , considererei seriamente l’ipotesi di una plastica facciale e cambierei nome all’anagrafe.

    "Mi piace"