L’Italia si riarma e parte il primo contingente della missione in Bulgaria

(veritaeaffari.it) – Con la partenza della Bandiera di guerra del 82mo reggimento fanteria “Torino”, gli uomini e le donne dell’Esercito italiano assumono la guida del “Battle Group” impiegato nella “enhanced Vigilance Activity – eVA” in Bulgaria, in linea con le decisioni del Patto atlantico. Lo riferisce una nota dello Stato maggiore dell’Esercito. Sale quindi a quasi 3.500 militari in 14 Paesi l’impegno dell’Esercito oltre i confini nazionali in missioni a egida Onu, Nato, Ue o attraverso accordi bilaterali, unitamente ai 9.000 militari in prontezza operativa per le esigenze nazionali e internazionali.

Come raccontato nei giorni scorsi, nonostante le Camere siano sciolte, il presidente del Consiglio Mario Draghi, insieme al ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, hanno firmato recentemente un decreto per avviare o completare programmi di armamento. La spesa è di 7 miliardi e 328 milioni di euro. L’Italia avrà così più navi da guerra, più elicotteri, più carri armati, più droni offensivi e più sistemi balistici di intercettazione di missili altrui. 

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

30 replies

    • Macché idioti Ale questi sono “battle group”
      e ” enchance vigilance activity” !!!
      Vuoi mettere …. they speak English-language
      Mica possono essere idiots
      😂
      Noi siamo quel 90% di stupidi che con le tasse.paghiamo chi li manda

      Piace a 1 persona

  1. Contingenti Italiani sono presenti e si esercitano un po’ dovunque, sotto gli ordini NATO.
    Il sito ” Analisi Difesa” è molto esaustivo e puntuale riguardo questo.
    Occorrerebbe consultarlo ogni tanto.

    "Mi piace"

  2. 7.328 milioni di euro per nuove armi.
    Quante famiglie si possono tirare fuori dalla povertà con questo ennesimo sfregio alla intelligenza umana?

    Piace a 5 people

  3. Ci manca solo che si spacci per ordinaria amministrazione, la Nato è comandata dagli Usa che sembrano mandare segnali precisi sulle loro intenzioni, oltre l’ ucraina, il Kosovo, e Taiwan; c’è un chiaro riarmo con un incremento di investimenti e di operazioni, tra l’altro gli invii in ucraina continuano e sono già predisposti fino a fine anno, mi risulta che il Movimento abbia dato il suo avallo. Però mi ricordo che per due legislatura il Movimento prendeva i voti predicando dai palchi contro gli F35 , vabbè tanto x dire, abbiamo già chiarito che erano altri tempi. Ora è tempo di riarmo

    Piace a 1 persona

  4. Io spero tanto che i nostri generaloni facciano la versione moderna dell’ARMIR.

    Così abbiamo la possibilità di toglierci 100.000 parassiti in un colpo solo.

    "Mi piace"

  5. Non vedo la ragione dei commenti di @seve e @sparviero nei miei confronti.
    Il nostro esercito è impegnato su molti fronti, questa è la realtà e non ci si può fare nulla, meno che mai serve imprecare.
    Non è meglio essere informati piuttosto che non saperne alcunché?
    Non è che se non le sappiamo le brutte cose spariscono, anzi…
    Se qualcuno ha una buona e concreta idea per fare cessare tutto ciò la tiri fuori: purtroppo è ordinaria amministrazione. Anche dire di votare Tizio, Caio o Sempronio non servirebbe a niente: dagli impegni internazionali ( NATO e ONU) non si puo uscire.
    Meglio restare informati piuttosto che dare la stura ad una rabbia da tastiera ogni tanto.

    "Mi piace"

    • Cominciare smettere di prendere ordini dai padroni USA, per esempio, visto che pretendono che noi ci sacrifichiamo per gli altri.

      Con i russi, poi, giova ricordare che è già successo con:

      -campagna di Russia napoleonica, 1812
      -guerra di Crimea, 1854
      -II guerra mondiale, 1941

      Tutte guerre finite male per l’Occidente, tra l’altro.

      Continuiamo con le ‘esercitazioni’? Prendano l’elmetto i politici e i generali e vadano al fronte in 1a linea, visto che questa non è un’esercitazione ma una guerra non dichairata ufficialmente, sennò non avremmo le nostre artiglierie che sparano sui civili del Donbass.

      "Mi piace"

    • Insomma, becchi e bastonati,
      Solo dei servi sciocchi della gleba, e il bello lecchiamo anche la mano del padrone,
      itaGGliani, non ci smentiamo mai,

      "Mi piace"

    • Le guerre sono sempre state così: i “lider” le dichiarano ed il popolo, obtorto collo, le combatte e le subisce. Omero docet.
      Una delle ragioni per le quali si proclama sempre il bisogno di “giovani”. E’ sempre stato così, chi ha una concreta idea diversa – fattibile – si faccia avanti.
      I soliti leoni da tasriera non servono ad alcunchè: l’ unica cosa che si può fare è essere in qualche modo informati. Almeno mazziati ma non del tutto cornuti. Si vedrà su quanti scenari siamo impegnati, con quanti uomini, quali rmamenti… Contractors esclusi, ovviamente.

      "Mi piace"

    • Questo articolo fa tornare alla mente una canzone inquietante del 1970 di Dalida: “Nel 2023” (se qualcuno è capace di postarla…)
      Ps
      Ai i più giovani faccio sapere che questo brano era la versione italica di un successo d’oltreatlantico che si intitolava “In the year 2525”
      L’anno è stato cambiato per una questione di metrica.
      Ma quello di Dalida rappresenta bene questi tempi bui dove nessuno parla di Pace ma di armi, armi, armi.

      "Mi piace"

  6. Tranqui Gatto
    Mica voglio nascondermi. Semplicemente dopo quella “riforma” tecnica di Infosannio non sono più riuscito a scriverci ed ora che dopo tanto tribolare ci sono riuscito mi hanno pure cambiato il nickname…

    "Mi piace"

    • Grazie Tracia,
      Ho seguito volentieri te, Anail, Paolapci, Pirgo, Alessandra, Paolo tra quelli con cui mi trovo molto in sintonia.
      Col buon Gatto, SF, Elena c’è sempre quella storia dei vaccini su cui non sto sintonizzato e mi spiace siano elemento di divisione a sinistra del pd…

      Piace a 1 persona

      • “Col buon Gatto, SF, Elena c’è sempre quella storia dei vaccini…”: cosucce da niente… So’ ragazzi…

        "Mi piace"